Home page Planetmountain.com
La notte fra i due inverni, il romanzo scritto da Alberto Sciamplicotti edito da Alpine Studio
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti
Alberto Sciamplicotti con il suo romanzo La notte fra i due inverni
Fotografia di archivio Alberto Sciamplicotti

La notte fra i due inverni. Di Alberto Sciamplicotti

di

Pensieri e riflessioni di Fabio Palma su La notte fra i due inverni, il nuovo romanzo scritto da Alberto Sciamplicotti edito da Alpine Studio, ambientato fra le montagne del Centro Italia come il Gran Sasso, Velino, Maiella e il Monte Bianco.

Da molti anni non leggo più libri di montagna perché la maggior parte di essi, lo dico senza polemica, sono davvero illeggibili. Alcuni in particolari, mainstream e scritti da alpinisti famosi, sono tutto ciò che la letteratura non dovrebbe essere: autoreferenziali, scritti male, celebrativi, permalosi e ammiccanti all'egocentrismo più sfrenato. Curiosamente, più gli alpinisti sono ingiustamente famosi, più si ritrovano queste negatività. Per esempio, il libro di Tommy Caldwell è un gran libro, ma lui appunto è giustamente famoso, così come Eravamo Immortali, quello di Manolo. Altre cose che mi sono arrivate, e che hanno anche venduto parecchio, non avrebbero passato un esame di maturità, non dico classica...

Ho letto questo libro perché, invece, Alberto scrive bene e non ha bisogno di ghostwriters e non ha un contratto che lo obbliga a pubblicare per forza. Non gliene frega nulla di accumulare denaro e lo ha scritto perché sentiva di avere qualcosa da dire.

La letteratura di montagna non ha mai avuto un Conrad e anche i famosi libri di montagna degli anni 30, 40, 50 e 60 sono intrisi di retorica e sono oggettivamente rovinosi dal punto di vista letterario. Questo è un ottimo libro con storie scritte bene e che si leggono volentieri, ne aspetti la fine e i dialoghi non sono strappalacrime o strappa applausi. Se ne assapora la fatica, di quello che è stato e che cosa ha significato scriverlo. In qualche modo apre gli occhi a chi l'Inverno, i bivacchi, la fatica di salire non l'ha mai veramente provata. Non c'entra nulla con Confessioni di un Serial Climber di Mark Twight, e neppure con la biografia di Andre Agassi; è un libro pacato, però non noioso e che intriga.

Inoltre, fa geograficamente scoprire i luoghi più remoti e isolati d'Italia, assolutamente scomparsi nelle Alpi, dove veramente a perdita d'occhio non vedi traccia umana per km. Forse resteranno per sempre così, non hanno peculiarità mainstream, e lo si evince da come scalano e dove dormono i protagonisti di Alberto. Non sono posti da prima pagina se non paesaggisticamente; sono anche duri e se vogliamo ostili, con una bellezza mozzafiato che sa di Mongolia, di Altopiani con Montagne rozze, di rifugio alpino che non c'è. Dico la verità, non sembra non solo a 100km in linea d'aria da Roma, ma neppure a 5000.

E poi ci sono i viaggi, scassati a "mordere la vita", con biondine pseudofighe, canne, amici in ritardo, pareti mai viste che incutono timore, la sensazione non recondita di essere inadeguato non solo alle difficoltà ma anche allo stile di vita. Chamonix è vera montagna? Caspita, è la culla dell'alpinismo, no? Però per strade e negozi sembra di essere in centro Roma, così che poi quando ti metti a scalare sei paradossalmente ancora più inadeguato.

E poi ci sono i momenti adolescenziali, che sono anche troppi, non nel libro, in generale per chi scala. Chi scala in un certo modo non matura mai, e io mi sono sempre difeso con una frase che conia anni fa, chi matura troppo tende a marcire. E nelle storie di Alberto i momenti di immaturità sono decine, centinaia. Mi ci sono ritrovato, anche perché ogni tanto mi lascio ancora andare ad essere un fesso, uno guardato torvo dal mainstream perché vestito male, scioccarello, etc etc. Credo che l'arrampicatore medio sia agli antipodi del golfista, per dire. E non ce l'ho con il golf, che è molto più tecnico e difficile dell'arrampicata: è un dato di fatto. In mezzo ci sono tutti gli altri sport, e forse più in là dell'arrampicata c'è il surf, per dire. Credo di essermi spiegato, o no? L'arrampicatore-alpinista è un "cattivo ragazzo" (Bad boys running wild, cit. Scorpions) mai troppo a suo agio con le convenzioni, e l'avvicinamento alla via parte da quando esce di casa e fa inevitabilmente rumore.

Ovviamente quelli degli anni '80 dicono che quei tempi erano migliori di adesso, e quelli degli anni '60 dicono lo stesso di quelli degli anni '80. La propria epoca fra i 18 e i 30 viene sempre considerata unica e inimitabile, e il dopo molto più convenzionale. E' così da un 2000 anni e l'arrampicatore è purtroppo spesso vittima di questa smania di essere vecchio dentro a tutti i costi recitando la parte del saggio che rimpiange i tempi andati.

Non è vero un cazzo, se mi posso permettere. Ogni tempo ha le sue unicità e da questo libro si vede e si sente che siamo sempre uguali, un pelo disadattati, molto immaturi, molto curiosi, molto riflessivi, casinari e trasandati. Quindi, non mainstream, a meno che non ti chiami Alain Robert e decidi di scalare cose mainstream, che per esempio sono anche gli 8000.

Ho girovagato un po' tra tante considerazioni per dirvi che è un buon libro diverso da quelli mainstream e che racconta di noi. Potevo cavarmela così, ma sono stato prolisso.

di Fabio Palma

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Eravamo immortali: vita, arrampicata, sogni del giovane Manolo
21.04.2018
Eravamo immortali: vita, arrampicata, sogni del giovane Manolo
Eravamo immortali (Fabbri editore) il libro appena uscito in cui Manolo alias Maurizio Zanolla si racconta. Recensione di Vinicio Stefanello
Come ombre sulla vetta: 100 anni della via Chiaraviglio-Berthelet al Corno Piccolo al Gran Sasso
19.09.2018
Come ombre sulla vetta: 100 anni della via Chiaraviglio-Berthelet al Corno Piccolo al Gran Sasso
A 100 anni dalla prima salita, Alberto Sciamplicotti ripercorre la storia e la via Chiaraviglio-Berthelet, aperta il 9 settembre 1918 negli ultimi giorni della prima guerra mondiale da Curio Chiaraviglio e Ettore Berthelet sul Corno Piccolo del Gran Sasso d'Italia.
I Fantasmi del Denali: Simon McCartney e i Giorni del Passato
03.08.2018
I Fantasmi del Denali: Simon McCartney e i Giorni del Passato
Simon McCartney: intervista di Alberto Sciamplicotti all'alpinista britannico autore del pluipremiato libro 'Il Legame. La vita al limite dell'esistenza', che parla della sue storiche salite del Mount Huntington nel 1978 e del Denali nel 1980 effettuate insieme a Jack Roberts e come queste hanno cambiato per sempre il corso della sua vita.
Velino: una traversata con gli sci nel Giardino Barocco degli Appennini
20.03.2018
Velino: una traversata con gli sci nel Giardino Barocco degli Appennini
Una traversata in sci dei monti del gruppo del Velino, un’esplorazione che regala silenzio e panorami unici di montagne ancora selvagge nell’Appennino Centrale. Di Alberto Sciamplicotti.
L'incanto dei passi: con Alberto Sciamplicotti alla scoperta dell'Appennino più selvaggio
29.11.2017
L'incanto dei passi: con Alberto Sciamplicotti alla scoperta dell'Appennino più selvaggio
L'incanto dei passi. Le terre selvagge degli Appennini. Alberto Sciamplicotti nel suo ultimo libro, edito da Alpine Studio, vaga tra le pieghe del Gran Sasso, della Laga, dei Sibillini, dei Monti Sabini per scoprire, e anche ritrovare, ciò che ci siamo dimenticati di essere e quella bellezza che da sempre ci sta attorno. La recensione di Simonetta Radice.
Sulle montagne della Grecia alla ricerca degli antichi Dei
13.04.2017
Sulle montagne della Grecia alla ricerca degli antichi Dei
Scialpinismo e telemark in Grecia: alla ricerca degli antichi Dei sulle montagne innevate dell'Epiro ed i massicci dell'Olimpo, Timfi, Smolikas e Lakmos. Di Alberto Sciamplicotti
Claude Barbier, l'arrampicata, le Dolomiti e quelli del Pordoi
03.06.2016
Claude Barbier, l'arrampicata, le Dolomiti e quelli del Pordoi
Quel Drago che vive sulle montagne. Ivo Ferrari e Alberto Sciamplicotti ricordano Claude Barbier, grande alpinista solitario belga, che tra gli anni '60 e '70, insieme a tutti Quelli del Pordoi, rivoluzionò e cambiò per sempre l'arrampicata nelle Dolomiti.
Un giorno lungo 50 Anni: Alberto Sciamplicotti tra film, alpinismo e... la seduzione dell'avventura
03.07.2014
Un giorno lungo 50 Anni: Alberto Sciamplicotti tra film, alpinismo e... la seduzione dell'avventura
Alberto Sciamplicotti, la sua avventura, i suoi racconti e il suo nuovo film "Un giorno lungo 50 Anni" dedicato a due grandi alpinisti, Gigi Mario e Fernando di Filippo, e all'apertura di due vie nello stesso giorno sul Gran Sasso d'Italia. Di Simonetta Radice.
Con Una Montagna Come Casa di Alberto Sciamplicotti
23.06.2009
Con Una Montagna Come Casa di Alberto Sciamplicotti
Il cortometraggio di Alberto Sciamplicotti “Con Una Montagna Come Casa” che racconta la storia di Pasquale Iannetti, Guida Alpina che ha scelto l'Appennino e le pareti del Gran Sasso come la sua terra.
10.11.2000
'Rotti e stracciati. Aria di Roma sulle cime', nuovo libro di Alberto Sciamplicotti
A "Montagne in città", la presentazione del nuovo libro di Alberto Sciamplicotti edito dal CDA di Torino, è stata l'occasione per ricodare l'alpinismo romano degli anni '70.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni