Home page Planetmountain.com
La copertina di Guerra Fredda sull'Everest di Woodrow Sayre, Monterosa Edizioni
Fotografia di Monterosa Edizioni

Guerra fredda sull'Everest: un ottomila fuori dagli schemi

di

Guerra Fredda sull’Everest di Woodrow Sayre (Monterosa Edizioni) la storia di un’impresa troppo grande per essere capita nel tempo in cui venne realizzata. La recensione di Simonetta Radice.

Accade, a volte, che alcune innovazioni arrivino troppo presto perché possano ricevere l’accoglienza che meritano o che, più semplicemente, siano riconosciute come tali. Accade anche nell’alpinismo, soprattutto quando i loro padri sono persone al di fuori dell' "establishment" di turno e poco inclini a inchinarsi a regole e convenzioni.

"Guerra Fredda sull’Everest", di Woodrow Sayre (Monterosa Edizioni), racconta esattamente questo: un’impresa troppo grande per essere capita nel tempo in cui venne realizzata. Immaginate quindi di essere nel 1962, immaginate quattro giovani alpinisti (Norman Hansen, Roger Hart and Hans-Peter Duttle erano i compagni di Sayre) con un sogno: la parete Nord dell’Everest. Senza permesso (impossibile ottenerlo dai cinesi), senza ossigeno (troppo costoso, troppo pesante e anti estetico) e senza portatori dal campo base in poi. Senza allenamento? Non proprio: Sayre decide di raggiungere a piedi l’Everest da Kathmandu: quasi 300 chilometri a piedi fino al Campo base e poi oltre 40 in linea d’aria dal ghiacciaio Ngo Jumbo alla parete della montagna, per il passo Nup La.

L’impresa era considerata impossibile dagli alpinisti dell’epoca ma, come sappiamo, l’alpinismo esiste proprio per spostare la barriera dell’impossibile e i quattro diedero senza dubbio il loro contributo alla causa. Senza ricavarne grande gloria, però: al ritorno in patria, infatti, dove com’è noto nessuno è profeta, dovettero fare i conti con l’ostruzionismo di Norman Dyhrenfurth – capo della prima spedizione americana che raggiunse l’Everest nel 1963 – il quale fece ogni cosa in suo potere per limitare al massimo la visibilità dell’impresa di Sayre. Dyhrenfurth temeva infatti che il "capriccio" di Sayre - sconfinare in Tibet senza permesso - avrebbe potuto mettere a rischio la sua spedizione, preparata con grande dispiego di mezzi e di uomini. Il resto dell’establishment dell’American Alpine Club non fu certo più tenero con i quattro outsider: le accuse a cui furono sottoposti spaziavano infatti dall’aver messo a rischio il futuro di tutte spedizioni Himalayane d’America all’aver compromesso la pace nel mondo.

Ma se il viaggio di Sayre e compagni non fu accolto con gli onori che pure avrebbe meritato, il suo libro ("Four against Everest" era il titolo originale) divenne presto una sorta di manifesto dell’avventura e dell’anti autoritarismo, molto popolare tra le frange di giovani che davano segni di insofferenza e ribellioni nei confronti dell’autorità costituita. E in effetti il libro ha molti pregi: Sayre non cede un millimetro alla retorica, regalandoci finalmente un récit fresco, a tratti genuinamente sorprendente e non privo di ironia: "Se i comunisti cinesi mi avessero preso," dice a un certo punto Sayre "avrei detto di essere il nipote di Khrushchev" (e anche qui, ci ricorda qualcosa decisamente ante litteram!).

Di quello straordinario team, oggi solo Hans-Peter Duttle è ancora in vita e, intervistato recentemente da "Alpinist" descrive così quel sogno che ebbe la fortuna di vivere… quando l’Everest era l’Everest: "Nel 1962 volevamo semplicemente andare per la nostra strada, senza chiedere il permesso a nessuno e senza far male a nessuno." Sembra niente, invece è libertà.

recensione di Simonetta Radice

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
L'attraversamento invernale delle Alpi di Alberto Paleari
05.12.2017
L'attraversamento invernale delle Alpi di Alberto Paleari
Un grande viaggio e un’avventura quasi d’altri tempi: L'attraversamento invernale delle Alpi. Dal lago Maggiore al lago dei Quattro Cantoni, l’ultimo libro dello scrittore, guida alpina e alpinista Alberto Paleari per Edizioni Monterosa, ci porta nella dimensione senza fine e senza confini della scoperta che esplora il mondo che c’è attorno e dentro di noi. La recensione di Simonetta Radice.
Alex Honnold, l'arrampicata e la migliore versione di sé stessi
17.10.2017
Alex Honnold, l'arrampicata e la migliore versione di sé stessi
Incontro con il 32enne climber statunitense Alex Honnold a Barzanò (Lecco) per la serata di DF Sport Specialist. Di Simonetta Radice
Tra angeli e demoni: Bernard Amy e La Scala di Giacobbe
29.06.2017
Tra angeli e demoni: Bernard Amy e La Scala di Giacobbe
Una breve chiacchierata con l'alpinista e scrittore francese Bernard Amy sul suo ultimo libro La Scala di Giacobbe. Di Simonetta Radice.
Il mio Everest di T. Howard Somervel
06.08.2016
Il mio Everest di T. Howard Somervel
Il mio Everest di T. Howard Somervell, l'autobiografia e il racconto delle prime epiche spedizioni sulla montagna più alta da parte di uno dei pionieri dell'alpinismo himalayano. Erano gli anni venti dello scorso secolo e T. Howard Somervell, alpinista, chirurgo, pittore e missionario, ci racconta e descrive un mondo che non c'è più. Tradotto per la prima volta in italiano da Monterosa edizioni. La recensione di Simonetta Radice

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni