Home page Planetmountain.com
Barbara Zangerl sul tiro Great Roof di The Nose, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Barbara Zangerl / Jacopo Larcher
Jacopo Larcher su The Nose, El Capitan, Yosemite nel 2018
Fotografia di Barbara Zangerl / Jacopo Larcher
Barbara Zangerl su The Nose, El Capitan, Yosemite, durante la salita in libera insieme a Jacopo Larcher
Fotografia di Barbara Zangerl / Jacopo Larcher
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl in cima a The Nose, El Capitan, Yosemite, salita in libera in 6 giorni nell'autunno 2019
Fotografia di Barbara Zangerl
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:
    THE NOSE - Le salite in libera
    Anche se The Nose è la via più gettonata di El Capitan, paradossalmente le sue salite in libera sono molto rare. Dopo la storica prima libera effettuata in quattro giorni nel settembre del 1993 da Lynn Hill, nel settembre del 1994 sempre la Hill, assicurata questa volta da Steve Sutton, ha effettuato l'epocale salita in libera in meno di 24 ore. Alternandosi da capocordata, nel 2005 Tommy Caldwell e Beth Rodden hanno salito tutti i tiri in libera, mentre due settimane più tardi Tommy Caldwell ha salito tutto da capocordata in sole 11 ore, per poi completare The Nose + Freerider in meno di 24 ore. Nel novembre 2014, in tre giorni, l’olandese Jorg Verhoeven ha salito l’intera parete in libera, mentre per la sua salita in solitaria ed autoassicurato Keita Kurakami ha impiegato 5 giorni nell’autunno del 2018. Nel novembre dello stesso anno il 15enne Connor Herson è entrato in questa ristretta cerchia di climbers, poi Sébastien Berthe nell'autunno 2019, seguito da Barbara Zangerl e Jacopo Larcher. Per la cronaca, nel 1998 lo statunitense Scott Burke ha salito in libera tutta la via, ma il tiro chiave The Great Roof è stato salito con la corda dall'alto perché bagnato. È interessante notare che fino ad adesso, nessuno ha salito The Nose in libera dal basso single push, ovvero tutto in libera dal basso in un tentativo unico, senza lavorare i tiri prima. Sarà la nuova frontiera.

The Nose su El Capitan in Yosemite secondo Barbara Zangerl e Jacopo Larcher

di

Intervista a Barbara Zangerl e Jacopo Larcher dopo la loro salita in libera di The Nose su El Capitan a Yosemite.

Come riportato pochi giorni fa, l’austriaca Barbara Zangerl e il sudtirolese Jacopo Larcher hanno ripetuto in libera ed in sei giorni di scalata The Nose su El Capitan nello Yosemite, USA. Dopo un tentativo nel 2018, entrambi sono riusciti a salire da capocordata tutti i tiri più difficili, seguendo quindi nelle orme di Lynn Hill che per prima, nel 1993, aveva liberato quella che probabilmente è la via d’arrampicata più famosa al mondo. Dopo El Niño nel 2015, Zodiac nel 2016, Magic Mushroom e Pre-Muir nel 2018, ecco come è andata.

Congratulazioni! Sappiamo che può sembrare una domanda sciocca ma: coma mai questa via?
Barbara:
Semplicemente perché The Nose è una via così storica. Ricordo bene quando ho letto l'autobiografia di Lynn Hill Climbing Free. Questa linea magica nella sezione centrale di El Capitan mi aveva così ispirata. È un via che ho sempre voluto provare, almeno una volta nella vita!
Jacopo: "It goes, boys!" Ve lo ricordate? Devo aggiungere altro? E come ha detto Babsi, The Nose è una via assolutamente storica, una vera pietra miliare dell’arrampicata moderna.

Quindi come mai l’avete provata soltanto adesso, dopo aver salito El Niño, Zodiac, Magic Mushroom e Pre-Muir, tutte big wall durissime su El Capitan?
Barbara:
In realtà volevamo provarla già anni fa, ma è abbastanza complicata da salire in libera. È probabilmente la più famosa via d’arrampicata al mondo, e di conseguenza ci sono sempre molte altre cordate in parete. Penso che circa 600 persone la salgono, a tratti in artificiale, ogni anno. Negli anni scorsi quando guardavamo la parete, abbiamo sempre cambiato i nostri piani ed abbiamo optato per vie diverse e meno gettonate.
Jacopo: Sì, abbiamo sempre voluto salirla, ma siamo sempre stati scoraggiati dal gran numero di persone che la stavano ripetendo. Ricordo che un giorno abbiamo osservato la linea dal prato sottostante e abbiamo contato 16 cordate in parete. Pazzesco! Per me uno degli aspetti più belli di salire una big wall su El Cap è proprio essere lassù da solo, con Babsi, vivendo appieno semplicemente il momento e l'arrampicata su quella straordinaria distesa di roccia; non volevo fare la coda oppure avere a che fare con un sovraffollamento pazzesco. Ero preoccupato che questo avrebbe potuto rovinare l’intera esperienza. Questo è probabilmente il motivo per cui abbiamo continuato a rimandare.

Quindi siete arrivati molto tardi nella stagione.
Barbara:
appunto, per evitare code in parete. L'unica cosa è che verso metà novembre devi essere abbastanza fortunato con il tempo. L'anno scorso non siamo stati così fortunati e dopo la prima settimana è arrivata la prima grande tempesta con molta neve; la stagione autunnale su El Cap era già finita prima ancora che fossimo riusciti a provare la via. Siamo tornati questa primavera ma il tiro del Great Roof è sempre rimasto bagnato. Quindi siamo tornati per un altro tentativo questo autunno.
Jacopo: Certamente non eravamo soli sulla via, ma devo dire che è stata un'esperienza molto positiva; ovviamente a volte abbiamo dovuto fare la coda, come tutti d’altronde, ma è stato anche molto bello conoscere altre persone in parete, climber che altrimenti non avremmo incontrato. Quando condividi una sosta insieme inizi a parlare di diversi aspetti della vita. Diciamo che è stata un'esperienza più "social" rispetto alle altre nostre big wall :-)

Ci parli dello stile di salita?
Barbara:
Come ho accennato, abbiamo iniziato a provare The Nose nell'autunno 2018. Prima abbiamo provato a salirla dal basso, ma già sul secondo tiro siamo stati costretti ad aspettare 4 ore. Non il migliore degli inizi! Siamo arrivati alle cengia Sickle Ledge e abbiamo dovuto bivaccare lì, il che è incredibile... fino a questo punto hai fatto soltanto alcuni tiri, niente di più! Quindi eravamo già in ritardo di un giorno. Abbiamo provato per un po’ il tiro del Great Roof, poi siamo sbucati in cima il giorno successivo. La settimana su eccessiva siamo tornati per provare il tiro dei Changing Corners, ma sembrava così difficile. Abbiamo fatto tutto in Dülfer.
Jacopo: Ho sempre sognato di provare la via dal basso in single push, senza mai tornare a terra, ma appena abbiamo iniziato ci siamo resi conto che sarebbe stato troppo audace. La finestra di bel tempo era troppo corta, solo quattro giorni, e la via era semplicemente troppo difficile per noi. Così abbiamo deciso di salirla tutta in 3 giorni, a tratti in artificiale, dando un'occhiata ai tiri più difficili per avere un'idea delle sezioni più difficili. Come ha detto Babsi, a causa delle altre cordate abbiamo impiegato un'intera giornata per salire i primi 5 tiri fino al Sickle Ledge e, devo ammettere, la mia prima impressione della via non è stata una delle migliori. Fortunatamente tutte le persone in parete erano super e, anche se abbiamo impiegato un giorno in più del previsto, ci siamo trovati benissimo sulla via. Abbiamo provato brevemente il Great Roof ma siccome non abbiamo avuto sufficientemente tempo a disposizione per dare un'occhiata al Changing Corners, una settimana più tardi, non appena era passata la tempesta, abbiamo deciso di salire a piedi fino alla cima e calarci dall’alto. All'inizio il tiro sembrava super difficile, persino impossibile direi. Dato che la fessurina era bagnata, abbiamo iniziato a giocare e a provare salire l'intero tiro in Dülfer… e alla fine è così che l’abbiamo risolto ;-) Durante il nostro secondo giorno di tentativi siamo riusciti a salire tutto il tiro in toprope, ma i movimenti ci sembravano comunque super aleatorie e difficili! Era evidente che saremmo dovuti tornare la stagione successiva e riprovare.

Quest'autunno, tu, Barbara, sei arrivata prima di Jacopo, sei andata da sola a piedi fino in cima a El Cap per provare la via dall’alto... Com’è stata questa esperienza?
Barbara:
Sì, ero da sola quando sono salita in cima a El Cap qualche settimana fa, ho pensato di calarmi dall’alto, lavorare il tiro del Changing Corners, poi risalire. Ero un po’ preoccupata, non volevo usare delle corde statiche perché non ero sicura di quanta gente ci fosse già su quel tiro. Era la mattina presto quando ero pronta per iniziare, poi ho notato che c'erano già due statiche che andavano giù fino al Changing Corners. Mi sono chiesta di chi fossero, poi ho incontrato Alex Eggermont, un fotografo e climber belga che mi ha detto che Sébastien Berthe e Loic Debry erano laggiù, che stavano effettuando il loro tentativo di salire in libera e dal basso The Nose. Ho quindi deciso di aspettare in cima, non volevo essere di troppo. Ero ancora piena di jet lag e mi sono sdraiata al sole per quasi tutto il giorno, poi all'improvviso ho ricevuto un messaggio in cui mi invitavano ad aggregarmi. Mi sono calata e sono stata in parete con loro per due giorni...

Durante i quali hai potuto provare la via
Barbara:
Sì, ho fatto qualche piccolo progresso sul Changing Corners, all'inizio mi è sembrato di non aver mai provato il tiro in vita mia. Loic e Seb hanno trascorso un giorno in più in parete e lentamente stavano finendo il loro cibo. Ad ogni tentativo Seb era sempre più vicino a chiudere il tiro, e ha deciso di rimanere in parete un altro giorno. Io avevo del cibo avanzato: una porzione di Drymeal e 4 barette, quindi sono tornata in cima per prendere altri viveri. In cima ho incontrato per caso Hazel Findlay e ho chiacchierato con lei - era lassù a scattare foto di Dan McManus e Angus Kille che avevano appena salito El Corazon - ma mentre stavo parlando un uccello ha aperto il mio haulbag e ha rubato la mia borsa del cibo con il mio ultimo drymeal. Ho iniziato a urlare e correre dietro all'uccello e già immaginavo il mio ultimo pasto volare via. Nessuno mi avrebbe mai creduto! Anche Hazel ha iniziato a correre e all’improvviso l'uccello ha lasciato cadere la borsa. Avevo il cibo! Poi Dan e Angus mi hanno offerto un po’ dei loro viveri che avevano avanzato, quindi avevamo un sacco di scorte per un giorno in più in parete! Loic ha salito le corde fisse mentre io sono scesa per fare sicura a Seb. Devo dire che sono stata contenta di aver assicurato Seb durante il suo ultimo giorno in parete, quando ha salito in libera i Changing Corners. Poi siamo saliti insieme in cima. Alex era ovunque per catturare l’azione con la sua macchina fotografica. Verso le 13:00 abbiamo raggiunto la cima e Seb ha completato la sua salita di The Nose dopo 8 giorni. Molto ispirante! Quello stesso giorno, però, ho dovuto andare a prendere Jacopo all'aeroporto! Ero di fretta... Ho lasciato tutto in vetta e sono corsa giù il più veloce che potevo! Per fortuna ci sono arrivata appena in tempo!

Come è andata allora la vostra salita in libera?
Jacopo:
Avevamo in programma di raggiungere il Great Roof durante il nostro secondo giorno. Non volevamo stancarci troppo nella prima parte e sapevamo che saremmo stati lenti a causa dei pesanti haulbag, inoltre volevamo salire entrambi da primi i tiri più difficili. Detto questo, il primo giorno è stato più stancante di quanto ci aspettassimo! Faceva molto caldo ed era difficile tirare su tutto quel materiale. Si è trasformata in una giornata lunga e alla fine eravamo già molto stanchi. Il nostro secondo giorno eravamo più rilassati, ma è stato stancante comunque perché abbiamo dovuto aspettare al sole mentre alcune cordate salivano sopra di noi. Entrambi non ci sentivamo molto freschi quando siamo arrivati alla base del Great Roof. Babsi era troppo eccitata per riposare e ha provato il tiro presto la mattina seguente; anche se diceva di essere stanca, dopo soltanto un paio di tentativi l’ha chiuso in maniera davvero impressionante! Io invece ho deciso di riposare fino a sera e mi sono sorpreso chiudendolo durante il mio tentativo di "riscaldamento". Non so ancora come sia successo! Sicuramente non me l'aspettavo!
Barbara: Tutti parlano soltanto di due tiri difficili di The Nose. Ma anche la prima parte della via non è affatto facile, ci sono alcuni traversi piuttosto impegnativi. E ovviamente ci sono gli haulbag da tirare su! Mi sentivo davvero stanca ma allo stesso tempo ero così eccitata che non riuscivo a riposare. Quindi al terzo giorno mi sono riscaldata intorno alle 4 del mattino. L'inizio non era promettente. Le mie gambe tremavano ancora per tutto il lavoro fatto il giorno precedente trasportando il materiale, e continuavo a chiedermi se quello che stavo facendo avesse un senso. Al mio primo tentativo sono scivolata sul primo passo chiave, proprio all'inizio del tetto. Avevo finito le mie energie. Ero sicura che mi sarebbe rimasto soltanto un tentativo prima che il sole raggiungesse la parete. Poi l'ho provato ancora una volta, è stata una vera battaglia, non sono nemmeno riuscita a moschettonare il nut incastrato sul tetto e quindi ho cercato di andare avanti, facendo un runout. Sono quasi caduta ad ogni singolo movimento ma in qualche modo sono riuscita ad andare avanti e raggiungere la sosta indenne. Per me è stato un momento epico; Jacopo invece si era riposato durante il giorno e nel tardo pomeriggio l’ha provato anche lui. Anzi, l'ha chiuso subito, è stato incredibile da vedere!

Quindi siete saliti al Camp 6, sotto il Changing Corners
Barbara:
Durante il 4° giorno siamo saliti al Camp 6, sì. Ci sono sicuramente alcuni tiri impegnativi per arrivarci, ed entrambi volevamo salire da capocordata tutti i tiri più difficili di 5.12.
Jacopo: Quando abbiamo raggiunto la cengia abbiamo deciso di riposarci. Le condizioni erano molto buone e non è stato facile stare seduti nel portaledge tutto il giorno, ma i nostri corpi ne avevano bisogno ed avevamo scorte per altri 3, 4 giorni. Day 6 è stato il grande giorno; ci siamo svegliati presto ed abbiamo riprovato i movimenti. Non avevo delle belle sensazioni, il che non era eccezionale per la mia motivazione. Babsi ha iniziato senza aspettative ed è caduta praticamente dall’ultimo movimento durante il giro di riscaldamento, è stato super stimolante , nonché promettente, vederla in azione… almeno per lei! Ho iniziato il mio secondo giro senza aspettative e all'improvviso mi sentivo molto meglio di prima. In qualche modo sono riuscito a continuare e sono arrivato alla parte, quella più facile, senza cadere. Ero super felice!
Barbara: Volevamo salire il tiro direttamente dalla sosta del Camp 6 e non dalla sosta a metà utilizzata per il materiale perché ci sembrava più logico fare così, anche se questo ha sicuramente aggiunto qualcosa alle incertezze. Dopo una facile ma lunga "Dülferata" per moschettonare due spit bisogna scendere ed entrare nel diedro chiave. Ho dato tutto quello che avevo al primo tentativo e sono caduta proprio all'ultimo movimento difficile. Ero andata così vicino alla libera, ma non ero sicura di riuscire ad arrivare di nuovo così in alto. Aveva fatto molto freddo durante la notte, le temperature erano scese di forse 15 gradi, e dopo che Jacopo ha liberato il tiro, le dita dei miei piedi si erano completamente congelate. Durante il mio secondo tentativo ho persino provato a togliermi le scarpe al riposo senza mani, il che è stato piuttosto complicato, ma comunque questo non mi ha aiutato affatto ... Sono scivolata subito dopo essere entrata nel diedro. Mi sono fatta calare in sosta a Camp 6 e dopo un breve riposo sono ripartita. E questa volta ho avuto più fortuna e ho superato la sezione chiave. C’era un altro movimento in alto per raggiungere l’ultima fessura, temevo di cadere lì, invece no. Eravamo entrambi così felici, avevamo appena salito in libera tutti i tiri più difficili di The Nose!

Più tardi quel giorno siete sbucati in cima
Barbara:
giusto quando stava diventando freddo, era in arrivo una tempesta. Eravamo così felici di aver salito in libera una via così incredibile.
Jacopo: Gli ultimi tiri sono filati lisci, anche se faceva molto freddo e non riuscivamo più a sentire le dita dei piedi. Siamo saliti in cima giusto in tempo per vedere uno splendido tramonto, il finale perfetto per questa incredibile via. Ah no, ‘spetta ... abbiamo dovuto portare giù a valle i nostri haulbag con tutto il cibo e materiale. Quello è stato molto meno divertente! ;-)

Quanto cibo avevate con voi?
Barbara:
Troppo!
Jacopo: Provvigioni sufficienti per 8 o 9 giorni in parete. La finestra di bel tempo era piuttosto lunga e poiché sapevamo che sarebbe stata la nostra ultima chance di questa stagione, volevamo essere sicuri di potere stare in parete per sufficiente tempo.

Il Great Roof era quello che all'epoca era ritenuto impossibile, fino a quando è stato liberato da Lynn Hill. Cosa lo rende così particolare?
Jacopo
: Innanzitutto non so chi abbia avuto l'idea che Lynn l'ha liberato soltanto perché ha le dita piccole?! È una cavolata! Il tiro è molto lungo e la parte difficile è proprio alla fine; la prima sezione è abbastanza semplice, ma ti stanca a tal punto che perdi tensione corporea per la sezione chiave. La parte alta è davvero tecnica; bisogna fare un sacco di movimenti in aderenza su appoggi bruttissimi ed è difficile mantenere la tensione giusta dopo tutti quei metri. Una volta che abbiamo capito i movimenti, la cosa più difficile è stata sicuramente fidarsi di quei piccoli appoggi. Poi non vuoi cadere proprio dalla fine del tiro e dover ripetere tutto; diventa anche una sfida mentale

E Changing Corners?
Barbara:
Proprio come il Great Roof è un tiro molto lungo ed è stancante mantenere la tensione giusta del corpo per tutta la salita. Abbiamo salito in Dülfer tutta la sequenza difficile.. In realtà penso che sia il Dülfer più difficile che abbiamo mai salito…

Siete giunti in cima appena prima che iniziasse a nevicare... quando si dice tempismo perfetto!
Barbara:
Quest'anno abbiamo avuto tanta fortuna! È stato incredibile Un tempismo perfetto in effetti. Detto questo, per certi versi ce lo siamo guadagnati, ci siamo diretti subito alla via non appena siamo entrati in valle. Non abbiamo perso nemmeno un giorno!

In passato avete salito molte altre vie davvero difficili, alcuni forse ancora più difficili di The Nose. Quanto è importante questa recente salita rispetto a quelle precedenti?
Barbara:
Come ho detto all'inizio, per me è sempre stato un grande sogno scalare The Nose! E' stato nella mia lista dei sogni praticamente da quando ho iniziato a scalare!
Jacopo: Non importa quanto sia difficile rispetto ad altre vie... Ogni climber ha una sua lista di vie che sogna di fare. E per me The Nose è sempre stata una di quelle :-)

Ultima domanda: ora che avete fatto la via, cosa ci potete dire della prima salita in libera di Lynn Hill nel 1993? E la sua salita in meno di 24 ore nel 1994?
Barbara:
Anche oggi è qualcosa di assolutamente incredibile, Lynn Hill è una tale fonte di ispirazione. Se guardo i video di lei mentre sale la via, sembra così fluida, così facile! Ma non lo è affatto! Quello che è riuscita a fare è stata una delle pietre miliari più importanti nella storia dell'arrampicata. Allora molti climber pensavano che fosse riuscita perché aveva le dita piccole. Ma questo non è affatto vero. Era semplicemente incredibilmente forte!
Jacopo: Le sue salite sono state super impressionanti: all'epoca era molto avanti! Una vera leggenda ed un genio dell'arrampicata. Punto.

Link: FB Jacopo Larcherjacopo-larcher.comFB Barbara Zangerlbarbara-zangerl.atLa SportivaThe North FaceBlack DiamondVibram

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Barbara Zangerl e Jacopo Larcher ripetono in libera The Nose su El Capitan
23.11.2019
Barbara Zangerl e Jacopo Larcher ripetono in libera The Nose su El Capitan
L’austriaca Barbara Zangerl e il sudtirolese Jacopo Larcher hanno ripetuto in libera The Nose, la più famosa big wall al mondo su El Capitan in Yosemite.
Sébastien Berthe in libera su The Nose, El Capitan
12.11.2019
Sébastien Berthe in libera su The Nose, El Capitan
Il climber belga Sébastien Berthe è riuscito in una rara salita in libera di The Nose su El Capitan, Yosemite.
Barbara Zangerl ripete Pre-Muir Wall, bellissima big wall su El Capitan in Yosemite
29.06.2019
Barbara Zangerl ripete Pre-Muir Wall, bellissima big wall su El Capitan in Yosemite
La climber austriaca Barbara Zangerl accompagnata da Jacopo Larcher è riuscita a salire in libera la Pre-Muir Wall, una bellissima big wall su El Capitan in Yosemite.
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl su Magic Mushroom, El Capitan
27.10.2019
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl su Magic Mushroom, El Capitan
Il video di Jacopo Larcher e Barbara Zangerl su Magic Mushroom, El Capitan, Yosemite, ripetuto nel dicembre 2017.
Magic Mushroom: Jacopo Larcher, Barbara Zangerl e la magica big wall di El Capitan
26.06.2018
Magic Mushroom: Jacopo Larcher, Barbara Zangerl e la magica big wall di El Capitan
Intervista a Jacopo Larcher e Barbara Zangerl dopo la loro prima ripetizione in libera di Magic Mushroom su El Capitan nello Yosemite, effettuato nel dicembre 2017.
Magic Mushroom, prima ripetizione in libera per Jacopo Larcher e Barbara Zangerl
11.12.2017
Magic Mushroom, prima ripetizione in libera per Jacopo Larcher e Barbara Zangerl
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl hanno effettuato la prima ripetizione in libera di Magic Mushroom, la difficile via di arrampicata di più tiri liberata da Tommy Caldwell su El Capitan in Yosemite.
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl da Free Zodiac su El Capitan
16.11.2016
Jacopo Larcher e Barbara Zangerl da Free Zodiac su El Capitan
Dopo cinque giorni di arrampicata Jacopo Larcher e Barbara Zangerl hanno salito in libera la storica big wall sulla parete sudest di El Capitan, Yosemite.
Yosemite valley e l'arrampicata nel paese dei balocchi. Di Jacopo Larcher
18.11.2015
Yosemite valley e l'arrampicata nel paese dei balocchi. Di Jacopo Larcher
Jacopo Larcher racconta l'esperienza della sua prima visita in Yosemite Valley, USA, insieme a Barbara Zangerl, per scalare la via El Nino (5.13c, 800m) su El Capitan e le altre enormi pareti di granito.
Lynn Hill, 25 anni fa la prima libera in giornata di The Nose su El Capitan
08.06.2018
Lynn Hill, 25 anni fa la prima libera in giornata di The Nose su El Capitan
Dopo il nuovo record di velocità di The Nose su El Capitan stabilito il 06/06/2018 da Tommy Caldwell e Alex Honnold, riproponiamo una nostra intervista del 2002 a Lynn Hill che esplora la sua storica prima libera nel 1993 e prima libera in giornata nel 1994 della leggendaria big wall della Yosemite Valley, USA.
Connor Herson: climber 15enne sale in libera The Nose su El Capitan in Yosemite
21.11.2018
Connor Herson: climber 15enne sale in libera The Nose su El Capitan in Yosemite
Connor Herson ha salito in libera The Nose su El Capitan in Yosemite. Arrampicando con suo padre Jim Herson per tre giorni, con i suoi soli 15 anni Connor è uno dei pochi climber nonché il più giovane ad aver salito in libera The Nose.
Keita Kurakami: The Nose su El Capitan in libera ed in solitaria
20.11.2018
Keita Kurakami: The Nose su El Capitan in libera ed in solitaria
Arrampicando in solitaria e autoassicurandosi per cinque giorni, il climber giapponese Keita Kurakami ha ripetuto in libera The Nose su El Capitan (Yosemite, USA). È la prima volta che la via liberata nel 1993 da Lynn Hill viene salita in libera in solitaria.
Keita Kurakami ripete in libera The Nose su El Capitan
16.11.2017
Keita Kurakami ripete in libera The Nose su El Capitan
Il climber giapponese Keita Kurakami ha ripetuto in libera The Nose su El Capitan (Yosemite, USA). E' solo la quinta ripetizione in questo stile.
Lynn Hill
02.10.2002
Lynn Hill
Intervista a Lynn Hill, un simbolo del movimento dell'arrampicata sportiva mondiale. L'impossibile The Nose nello Yosemite e il mondo verticale visto direttamente da Lynn.
Lynn Hill e il video su The Nose, El Capitan, Yosemite
21.11.2014
Lynn Hill e il video su The Nose, El Capitan, Yosemite
Il video di Lynn Hill in arrampicata su The Nose, El Capitan, Yosemite e riprese della sua storica prima salita in giornata nel 1994.
Jorg Verhoeven ripete in libera The Nose, Yosemite
07.11.2014
Jorg Verhoeven ripete in libera The Nose, Yosemite
Il climber olandese Jorg Verhoeven ha ripetuto in libera The Nose, El Capitan, Yosemite, USA.
03.11.2005
Nose + Freerider per Caldwell in meno di 24h
Due settimane dopo l'incredibile ripetizione della Nose, il 27enne americano Tommy Caldwell ha notevolmente alzato il tiro salendo sul El Capitan (Yosemite) sia The Nose sia Freerider in meno di 24 ore e in libera!
20.10.2005
Caldwell ripete in libera The Nose, e altre news da Yosemite
Yosemite news: il 17/10 Tommy Caldwell in 12 ore ha salito il Nose sul Capitan, ad appena pochi giorni dalla sua libera insieme a Beth Rodden. Sempre su El Cap, il belga Nicolas Favresse ha aperto 'L'Appât' (VI 5.12d). L'inglese Leo Houlding sale onsight la 'Half Dome's Regular Northwest Face' e ripete Freerider.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni