Home page Planetmountain.com
Salendo allo Jägerhorn sotto la seraccata della Nordend
Fotografia di Ossola Quota 3000 - MonteRosa Edizioni
Alberto Paleari sulla cresta di Saas
Fotografia di Ossola Quota 3000 - MonteRosa Edizioni
Verso la Testa Nera
Fotografia di Ossola Quota 3000 - MonteRosa Edizioni
Ossola Quota 3000 – 75 cime da scoprire di MonteRosa Edizioni
Fotografia di Ossola Quota 3000 - MonteRosa Edizioni

Ossola Quota 3000, Alberto Paleari e Erminio Ferrari raccontano la Val d'Ossola d’alta quota

di

Intervista a Alberto Paleari, autore insieme a Erminio Ferrari del libro Ossola Quota 3000 (MonteRosa Edizioni), una guida alle più belle cime della Val d’Ossola.

Il futuro dell’Alpinismo? Tra il serio e il faceto, per Alberto Paleari è lo “scrambling”: pietraie, rocce instabili, prati ripidi… e quale terreno migliore della Val d’Ossola, lembo di alpi tra l’estremo nord del Piemonte e la Svizzera, per praticare questa disciplina? Nasce così, quasi un po’ per caso l’idea di “Ossola Quota 3000 – 75 cime da scoprire” (MonteRosa Edizioni), una guida alle più belle cime della Val d’Ossola, scritta insieme a Erminio Ferrari. Una guida che, però, è qualcosa di più di una semplice collezione di relazioni. Per ogni cima gli autori hanno infatti scritto un racconto, che ora è una pagina di diario ora un frammento di storia dell’alpinismo, ora una preziosa testimonianza di come queste montagne, in oltre 50 anni di frequentazione, sono cambiate a causa del cambiamento climatico, rimescolando la carte in gioco per le vie di salita e aprendo nuovi e inattesi spazi di avventura. Abbiamo incontrato Alberto per una breve intervista, per saperne di più su questo libro che ha richiesto, per essere scritto, due estati e… una vita intera.

Come è nata l’idea di questo libro?
Per me è stato un pretesto per andare in montagna con Erminio, quindi il primo movente è stata l’amicizia, poi è venuta l’idea dei Tremila. Tant’è vero che abbiamo cominciato col fare delle montagne solo perché non le avevamo mai fatte, scegliendole però fra quelle meno conosciute, più lontane, e non di bella roccia o particolarmente attraenti. Erano sempre delle camminate su pietraie, rocce marce, prati ripidissimi. Le cercava Erminio col lanternino, montagne di cui non si poteva dire che fossero belle (però a noi piacevano da morire), e neppure di che grado fossero (I, II?) anche se io le trovavo piuttosto difficili. Sempre ad Erminio venne in mente di chiamare quel tipo di salite “scrambling in Ossola” come nel libro di Whymper “Scrambles amongst the Alps”. Era un alpinismo assolutamente fuori moda, direi ottocentesco, come sono quasi tutte le Montagne dell’Ossola a parte le falesie di fondovalle: montagne ottocentesche, appunto. Siccome poi tutti e due abbiamo questa malattia della scrittura (ed Erminio anche quella della fotografia) ci siamo messi a scrivere dei racconti su quelle montagne ed Ermino anche a fare delle magnifiche fotografie e li abbiamo messi lì, racconti e fotografie, forse prima o poi sarebbero venuti buoni. Ci siamo poi accorti che tra quelle montagne c’erano alcuni Tremila e lì io, col mio ben noto spirito commerciale e imprenditoriale, mi sono detto che un libro tutto di scrambling sarebbe stato un suicidio editoriale (almeno per il momento, ma sono sicuro che sarà l’alpinismo del futuro), così ho detto all’Erminio: perché non facciamo un libro sui Tremila dell’Ossola? Non pensavo però che fossero 75, sennò non mi sarei mai messo nell’impresa.

Che cosa regala la Val d’Ossola a chi non la conosce, secondo te che l’hai percorsa tutta?
Non è la prima volta che mi viene questa domanda e faccio sempre fatica a rispondere, è come se mi chiedessero: perché ti sei innamorato di quella persona? O perché vai in montagna? O perché scrivi? Le domande che più ti coinvolgono, quelle a cui avresti dovuto trovare da tempo una risposta perché riguardano l’essenza della tua vita sono le più difficili. Secondo me al primo impatto l’Ossola si presenta con una certa ruvidezza: valli strette e chiuse, pendii ripidi, forre, burroni. È aspra come quei vini che oggi non vanno più di moda, bisogna un po’ abituarsi e molti non ci riescono. Però, ecco, qui forse c’è già una risposta: l’Ossola regala la durezza della vera montagna. Un’altra risposta è una conseguenza della prima: tranne alcuni luoghi particolarmente bucolici, o addomesticati, o facili da raggiungere, l’Ossola è poco frequentata, per cui vi si può godere il privilegio della solitudine. La terza, e basterebbe da sola, tanto che andrebbe messa per prima, è che l’Ossola è bella. Cioè, ritornando alle tre domande difficili: mi sono innamorato di quella persona perché è bella, vado in montagna perché è bella, scrivo perché è bello, e l’Ossola non ha altro da regalare a chi non la conosce (e anche a chi la conosce) che la sua bellezza.

Maurice Bradley dice che “sulle montagne che non danno gloria c’è ancora spazio per cercare di sentirsi liberi”. Tu dove ti senti libero?
Bradley non so chi è, comunque l’aveva già detto Schiller nel Guglielmo Tell: “sulle montagne si trova la libertà”. Come sai due inverni fa ho fatto con due amici una traversata dal lago Maggiore al lago dei Quattro Cantoni con arrivo ad Altdorf, proprio sotto la statua di Guglielmo Tell. Era il mese di gennaio e in quindici giorni non abbiamo trovato un rifugio custodito; quando al mattino partivamo non sapevamo dove saremmo arrivati la sera; da Cicogna, in Valgrande ad Engelberg, nel nord della Svizzera, non abbiamo incontrato un alpinista, non abbiamo trovato una traccia battuta; nessuno sapeva dove eravamo inoltre potevamo stare via fin quando non fossimo arrivati (ci eravamo presi tre settimane di ferie). Non è come quando fai un trekking famoso o quando fai la traversata Chamonix Zermatt con gli sci, lì hai tutti i rifugi prenotati e tutte le mattine ti alzi con 50 o 100 persone che fanno la tua stessa tappa. Vedi, io ho fatto la guida per 43 anni, sulle Alpi sono stato quasi dappertutto, e anche un po’ in giro per il mondo, ma ho dovuto arrivare a 68 anni per provare quel tipo di libertà di dover rendere conto solo a me stesso, alle mie forze, all’abilità di trovare la strada, senza alcun legame con la civiltà e col consorzio umano, e questo non su una cresta di un ottomila, ma in mezzo all’Europa, in uno dei paesi più turistici d’Europa.

Ci sono volute due estati per salire tutte le cime di questo libro, c’è una giornata che ricordi in particolare?
A dire la verità c’è voluta una vita intera, nelle ultime due estati abbiamo fatto i Tremila che ci mancavano e quelli che non ci ricordavamo più o di cui non avevamo fotografie. Io specialmente non ho memoria e ho dovuto rifarne molti che avevo già fatto, alcuni anche moltissime volte coi clienti. So bene che dire di averli fatti tutti in due estati aggiungerebbe anche un pizzico di exploit alpinistico (solo un pizzico eh?) ma non era il nostro scopo. Le nostre ambizioni, lo posso dire con certezza anche per Erminio, sono più letterarie che alpinistiche, l’obiettivo non era l’exploit alpinistico ma scrivere un bel libro. Spesso nella letteratura di montagna si confonde ancora la grande impresa alpinistica con l’impresa letteraria. Ma nel momento in cui si scrive un libro l’impresa è letteraria, non più alpinistica. Ci sono libri brutti che raccontano una grande impresa alpinistica e libri belli che raccontano la montagna di tutti i giorni, e noi, visto che purtroppo le grandi imprese alpinistiche non siamo in grado di farle, possiamo solo tentare di fare quelle letterarie.
Ma non ho risposto alla tua domanda. La giornata che ricordo più volentieri è stata quella della traversata Cima Mottiscia - Cima delle Piodelle - Punta di Boccareccio.- Helsenhorn, che è stata una bella cavalcata in cresta sopra l’Alpe Veglia.

Questo libro si legge anche come raccolta di racconti e tu hai scritto anche più di un romanzo. Chi sono secondo te gli scrittori che raccontano o hanno raccontato meglio la montagna?
A questo tipo di domande bisogna rispondere sempre cercando di essere originali, potrei dirti Mario Rigoni Stern, che naturalmente è grandissimo, ma un po’ scontato. Allora ti dico i nomi di tre scrittori svizzeri, forse in Italia sono poco conosciuti ma secondo me sono bravissimi, due di lingua italiana e uno di lingua tedesca, e i tre loro libri che mi sono più piaciuti: Plinio Martini: “Il Fondo del sacco”, Giovanni Orelli, “L’anno della valanga”, Meirad Inglin “La valanga e altri racconti”.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
L'attraversamento invernale delle Alpi di Alberto Paleari
05.12.2017
L'attraversamento invernale delle Alpi di Alberto Paleari
Un grande viaggio e un’avventura quasi d’altri tempi: L'attraversamento invernale delle Alpi. Dal lago Maggiore al lago dei Quattro Cantoni, l’ultimo libro dello scrittore, guida alpina e alpinista Alberto Paleari per Edizioni Monterosa, ci porta nella dimensione senza fine e senza confini della scoperta che esplora il mondo che c’è attorno e dentro di noi. La recensione di Simonetta Radice.
I 3900 delle Alpi, alla ricerca di montagne e di un alpinismo spesso ignorati
10.05.2016
I 3900 delle Alpi, alla ricerca di montagne e di un alpinismo spesso ignorati
I 3900 delle Alpi: nel nuovo libro di MonteRosa edizioni, Alberto Paleari, Erminio Ferrari e Marco Volken raccontano le cime di... quasi quattromila metri, un mondo di vette bellissime per un alpinismo altrettanto bello e ricco di storie spesso non conosciuto se non ignorato. La recensione di Simonetta Radice.
Le montagne e il profumo del mosto di Alberto Paleari
01.10.2015
Le montagne e il profumo del mosto di Alberto Paleari
Dall’apprendistato alpinistico alla saga familiare, dalle valanghe ai vini del Monte Rosa: nel suo ultimo libro Le montagne e il profumo del mosto (Monterosa Edizioni) Alberto Paleari racconta la sua vita tra le Alpi e i vigneti.
Le tracce bianche di Alberto Paleari e Erminio Ferrari: quando ciaspolare fa rima con alpinismo
08.01.2014
Le tracce bianche di Alberto Paleari e Erminio Ferrari: quando ciaspolare fa rima con alpinismo
Intervista ad Alberto Paleari, autore con Erminio Ferrari di Tracce Bianche, una guida che propone un uso della ciaspola alternativo alle tradizionali passeggiate, alla scoperta delle più belle cime tra il Lago Maggiore e il Monte Rosa. Intervista di Simonetta Radice.
Everest, 60 anni tra mito e business
29.05.2013
Everest, 60 anni tra mito e business
Il 29 maggio di 60 anni fa Tenzing Norgay ed Edmund Hillary raggiunsero per la prima volta il tetto del mondo. Da allora l'Everest ha continuato ad essere un simbolo tra mito e “consumismo”. Di Erminio Ferrari.
Il Mottarone raccontato da Alberto Paleari
05.04.2012
Il Mottarone raccontato da Alberto Paleari
Alberto Paleari presenta il Mottarone, la montagna - tra i laghi Maggiore e di Orta - di cui recentemente ha stilato la guida: Arrampicare, camminare, conoscere il Mottarone.
Ueli Steck, i record, le visioni e i limiti dell'alpinismo
09.11.2011
Ueli Steck, i record, le visioni e i limiti dell'alpinismo
Intervista di Erminio Ferrari ed Ellade Ossola a Ueli Steck, l'alpinista svizzero che ha cambiato i parametri del nuovo alpinismo con incredibili record di velocità ma anche con la costante ricerca di alzare il limite del possibile.
Walter Bonatti 2005, l'intervista
16.09.2011
Walter Bonatti 2005, l'intervista
L'intervista a Walter Bonatti raccolta nel 2005 da Erminio Ferrari in cui il grande alpinista appena scomparso racconta la sua vita ma anche le sue radici.
Quattordici volte Edurne Pasaban
24.09.2010
Quattordici volte Edurne Pasaban
Intervista ad Edurne Pasaban l'alpinista basca che ha salito tutti i 14 Ottomila, di Erminio Ferrari ed Ellade Ossola
Intervista a Reinhold Messner
13.01.2010
Intervista a Reinhold Messner
Reinhold Messner, la vita e l'alpinismo oltre gli Ottomila. Intervista di Erminio Ferrari ed Ellade Ossola.
Silvia Vidal
20.09.2003
Silvia Vidal
Intervista a Silvia Vidal, l'alpinista catalana specialista nelle salite, in solitaria, di grandi big wall. Intervista di Ellade Ossola - introduzione di Erminio Ferrari
16.11.2001
Alberto Paleari e la Est del Rosa a Gravellona Toce
Il 19/11 a Gravellona Toce (VB) è in programma una serata incontro con con la Guida Alpina Alberto Paleari che presenta: "Grandi Vie sulla Est del Rosa" .

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra