Home page Planetmountain.com
Matteo Della Bordella in cima al Cerro Riso Patron Sud, Patagonia
Fotografia di Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach
Matteo Della Bordella durante l'apertura di Forum sulla Siren Tower alla Mythics Cirque
Fotografia di archivio Matteo Della Bordella
Matteo Della Bordella, David Bacci e Matteo De Zaiacomo in cima Cerro Torre in Patagonia dopo aver salito Brothers in Arms (25-27/01/2022)
Fotografia di archivio Della Bordella / De Zaiacomo / Bacci
Vincenzo Torti, Presidente generale del Club Alpino Italiano, e Matteo Della Bordella, vincitore del Premio SAT 2022 per la sezione alpinismo
Fotografia di Alessandro Nardelli / Trento Film Festival.

Matteo Della Bordella vince il Premio SAT 2022 per la sezione alpinismo

di

Amos Sandri del Trento Film Festival ha intervistato il neo vincitore del Premio SAT 2022 per la sezione alpinismo, il forte alpinista dei Ragni di Lecco Matteo Della Bordella, tra ricordi delle avventure trascorse e progetti futuri.

È il Ragno di Lecco Matteo Della Bordella il vincitore del premio SAT 2022 per la sezione alpinismo consegnato nell’ambito del 70esimo Trento Film Festival. L’alpinista, assieme allo scrittore Giuseppe Mendicino e all’Associazione Serenella Onlus, ha ritirato il premio rivolto a chi si è distinto nel tempo per attività alpinistica, produzione scientifica letteraria e attività sociale. Un’occasione per approfondire il mondo dell’alpinismo con uno dei suoi maggiori esponenti.

Quando da piccolo ti sei affacciato alla montagna e all’alpinismo non ti sentivi portato per questo sport, poi le cose sono andate diversamente e questo premio ne è la conferma. Cos’è per te l’alpinismo adesso?
L’alpinismo per me è diventata una cosa importantissima, una ragione di vita. Se banalmente ci si chiede cosa si è fatto di bello ed importante nella propria vita, cos’è la cosa che è in grado di dare un senso a tutto quello che facciamo, ognuno di noi avrà una risposta diversa. Io risponderei con alcune delle mie salite perché tramite la loro realizzazione, che sono sogni che avevo, ho realizzato un po’ me stesso. Non parlo esclusivamente dell’atto di scalare la montagna ma anche tutto quello che c’è dietro; quello che vivi con i compagni di cordata, il legame che si crea, le avventure che vivi e quello che ti insegnano.

Le tue spedizioni si prefiggono di non lasciare materiali sulla parete per rispetto verso la natura e verso chi viene dopo.
Secondo me il fatto di lasciare la montagna così come l’abbiamo trovata dovrebbe essere la prima regola per tutti. Ognuno può avere il suo stile e decidere come scalare le montagne ma la regola del rispetto dovrebbe accomunare tutti gli alpinisti. Al giorno d’oggi nessuna salita ha senso che venga fatta se si modifica quella montagna lasciando un cambiamento permanente. Non ha più senso una cosa del genere, il rispetto e lo stile pulito dovrebbe essere una cosa universale.

È anche una questione di confrontarsi con la forza della natura in maniera onesta, ad armi pari. Un’occasione per specchiarsi nella montagna per conoscere i propri limiti e le proprie abilità.
Secondo me il fatto di confrontarti con armi pari, rinunciando ad aiuti tecnologici, mettendoti ad un livello chiaramente inferiore della montagna perché tu provi a vedere quello che riesci a fare con le poche risorse a disposizione che hai, ti permette di imparare di più. È un percorso inizialmente più difficile dove devi rinunciare più volte ma che poi, alla lunga, se da queste rinunce impari sempre qualcosa, ti fa crescere come persona e come alpinista. Le rinunce che ho fatto prima di riuscire a scalare la Torre Egger o il Cerro Torre sono state delle scuole eccezionali. Se avessi usato dei mezzi più avanzati tecnologicamente sarei arrivato su ma non sarebbe stato lo stesso percorso.

Tu sei legato particolarmente alla Patagonia. Una terra dove la natura, rispetto alle altre parti, sembra gridare più forte tutta la sua potenza e bellezza. È questo il motivo per cui sei tanto attratto?
Ogni posto ha le sue incognite, ma le forze della natura che ho vissuto in Patagonia da altre parti non le ho mai viste. Rispetto ad altri posti lì la natura regna in modo incontrastato e ti fa capire che tante volte non c’è niente da fare e tu ti devi adattare e ritirare. Questo è uno dei motivi ma ce ne sono altri difficili da spiegare perché secondo me quelle son proprio le montagne più belle del mondo. È come dire perché ti sei innamorato di una donna piuttosto di un’altra, non è che lo puoi spiegare a parole.

Poggiare le mani sulla roccia vergine di una nuova via spesso è anche un viaggio dentro noi stessi. Una scalata verticale verso la cima e al tempo stesso una calata nelle profondità dei nostri crepacci interiori. Al di là dell’aspetto sportivo, quanto ti ha aiutato l’alpinismo a conoscerti meglio e quanto ti ha aiutato nella vita di tutti i giorni?
L’alpinismo mi è stato utilissimo perché le scalate ti insegnano un sacco di cose anche sul rapporto tra i compagni. Ti fanno creare dei legami che ti rendi veramente conto di quanto siano veri e autentici. Con loro vivi dei momenti così intensi che ti legano per una vita. Ma ti insegna tante cose anche nella vita di tutti i giorni. Quando uno pensa ad un obiettivo che non raggiungerà mai a me vengono dei paragoni con delle vette che ho scalato, che quando ho iniziato non avrei mai pensato di raggiungere. Ti rendi veramente conto che le potenzialità che ognuno di noi ha sono enormi.

L’alpinismo spesso è sinonimo di ignoto e, proprio per questo, di libertà e creatività.

Secondo me la creatività e le idee sono uno dei valori più importanti dell’alpinismo, una delle cose che lo differenziano da tutti gli altri sport. Un punto cardine, quasi più importante della performance stessa. È l’idea che muove tutto quello che c’è dietro. Se un collega ha un’idea, un sogno di scalare una parete, io non andrei mai a provare a fare la stessa cosa perché il valore che lui ha avuto con questa visione è qualcosa di incredibile che non è giusto gli venga rubato.

A proposito di idee, quale sarà la prossima?

Da poco più di un mese sono entrato a far parte della Sezione Militare di Alta Montagna (SMAM) con l’idea di fare una spedizione quest’estate. Un bellissimo progetto che non posso ancora svelare. Dopo un’avventura come quella del Torre il fatto di cambiare, cioè partire con un nuovo gruppo, con un altro obiettivo e altre persone motivate, è una bellissima cosa perché non è facile, quando realizzi un progetto come Brothers in Arms sul Cerro Torre, trovare poi una motivazione.

Intervista di Amos Sandri

Info: trentofestival.itragnilecco.com, www.sat.tn.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Climb&Clean, successo per l'incontro con Matteo Della Bordella e Massimo Faletti a Seren del Grappa
06.05.2022
Climb&Clean, successo per l'incontro con Matteo Della Bordella e Massimo Faletti a Seren del Grappa
Matteo Della Bordella e Massimo Faletti sono stati i protagonisti ieri sera a Seren del Grappa (BL) del secondo appuntamento alla scoperta del progetto Climb and Clean, l'iniziativa di sensibilizzazione e tutela dell’ambiente montano attraverso una concreta azione di pulizia e messa a nuovo di alcune falesie di arrampicata.
The Last Mountain: al Trento Film Festival il toccante film sulla vita di Tom Ballard
05.05.2022
The Last Mountain: al Trento Film Festival il toccante film sulla vita di Tom Ballard
In Concorso alla rassegna trentina il film sulla storia degli alpinisti Alison Hargreaves e Tom Ballard, madre e figlio, entrambi morti nell'Himalaya. Il film segue la figlia di Alison, Kate Ballard, in un viaggio per dire addio a suo fratello sul Nanga Parbat. Recensione dii Amos Sandri.
Matteo De Zaiacomo al Trento Film Festival: 'Sul Cerro Torre ho portato tutti i Ragni di Lecco, anche quelli che non ci sono più'
02.05.2022
Matteo De Zaiacomo al Trento Film Festival: 'Sul Cerro Torre ho portato tutti i Ragni di Lecco, anche quelli che non ci sono più'
Intervista di Amos Sandri al forte alpinista lombardo Matteo De Zaiacomo, protagonista al Trento Film Festival della serata evento 'Messner e le sempreverdi', dove ha raccontato la sua ultima grande salita: la nuova via 'Brothers in arms' sul Cerro Torre, la mitica montagna della Patagonia.
Brothers in Arms al Cerro Torre - ll racconto della salita. Di Matteo Della Bordella
18.02.2022
Brothers in Arms al Cerro Torre - ll racconto della salita. Di Matteo Della Bordella
Matteo Della Bordella fornisce i dettagli tecnici di Brothers in arms, la via sul Cerro Torre in Patagonia salita tra il 25 e il 27 gennaio con Matteo De Zaiacomo e David Bacci. Dopo aver superato la parete est, per raggiungere la cima i Ragni di Lecco avevano salito la nord seguendo la cordata di Corrado Pesce e Tomás Aguiló, impegnati a loro volta ad aprire una nuova via sulla nord, il tutto a poche ore dal tragico incidente che è costato la vita a Korra.
Corrado Korra Pesce non ce l’ha fatta: la salita, l’incidente e il tentativo di soccorso. Il racconto di Matteo Della Bordella
30.01.2022
Corrado Korra Pesce non ce l’ha fatta: la salita, l’incidente e il tentativo di soccorso. Il racconto di Matteo Della Bordella
Il soccorso alpino di El Chalten ha comunicato che non c’è nulla da fare per Corrado 'Korra' Pesce, la guida alpina italiana travolta da una scarica di pietre e ghiaccio sul Cerro Torre insieme al suo compagno Tomás Aguiló. Matteo Della Bordella (che con David Bacci e Matteo De Zaiacomo percorreva nello stesso momento un’altra linea e che, insieme ai suoi compagni, ha condiviso parte della scalata con Korra e Tomás) racconta la salita, l’incidente, il soccorso a Tomás e il tentativo di soccorso a Korra.
Patagonia: Matteo Della Bordella e David Bacci sull'Aguja Rafael Juarez
21.01.2022
Patagonia: Matteo Della Bordella e David Bacci sull'Aguja Rafael Juarez
Gli alpinisti Matteo Della Bordella e David Bacci hanno salito l'Aguja Rafael Juarez in Patagonia lungo la via Corallo. È la loro prima cima in questa stagione, prima di tentare la parete est del Cerro Torre insieme a Matteo De Zaiacomo.
Groenlandia - arrampicata e kayak, seguendo la 'via meno battuta'. Di Matteo Della Bordella
24.09.2021
Groenlandia - arrampicata e kayak, seguendo la 'via meno battuta'. Di Matteo Della Bordella
Il report di Matteo Della Bordella sulla spedizione by fair means in Groenlandia, insieme a Silvan Schüpbach e Symon Welfringer, che dopo un avvicinamento in kayak è sfociata nell’apertura delle big wall Forum (840m, 7c) sulla Siren Tower (Mythics Cirque) e La cene du renard alla Paddle wall (400m, 7a).
Nuova via sulla Siren Tower in Groenlandia per Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach e Symon Welfringer
23.08.2021
Nuova via sulla Siren Tower in Groenlandia per Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach e Symon Welfringer
Durante una spedizione di 25 giorni in Groenlandia, Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach e Symon Welfringer hanno aperto Forum (840m, 7c) sulla Siren Tower. Il team ha raggiunto la remota montagna by fair means, dopo 5 giorni e 170 km di navigazione in kayak.
Via Bonatti al Cervino per Cazzanelli, Della Bordella e Ratti
02.04.2021
Via Bonatti al Cervino per Cazzanelli, Della Bordella e Ratti
Il 31 marzo 2021 Matteo Della Bordella, François Cazzanelli e Francesco Ratti hanno ripetuto la Via Bonatti al Cervino.
Il regalo di Berna nuova via sulle Grandes Jorasses di Della Bordella, Mauri e Schiera
26.02.2021
Il regalo di Berna nuova via sulle Grandes Jorasses di Della Bordella, Mauri e Schiera
Il 24/02/2021 gli alpinisti Matteo Della Bordella, Giacomo Mauri e Luca Schiera hanno aperto Il regalo di Berna, una nuova via sulle Grandes Jorasses dedicata a Matteo Bernasconi. Il report di Della Bordella
Badile: Matteo Della Bordella e la salita dedicata a Bernasconi
03.12.2020
Badile: Matteo Della Bordella e la salita dedicata a Bernasconi
Il racconto di Matteo Della Bordella sull’apertura di Crossway of Friendship, la nuova via sulla nordest del Pizzo Badile aperta insieme a Silvan Schüpbach e dedicata all’amico Matteo Bernasconi.
Per Matteo Pasquetto: il ricordo di Matteo Della Bordella
10.08.2020
Per Matteo Pasquetto: il ricordo di Matteo Della Bordella
Matteo Della Bordella ricorda l'amico Matteo Pasquetto che ha perso la vita venerdì scorso scendendo dalle Grandes Jorasses dopo che insieme, anche a Luca Moroni, avevano aperto una nuova via sulla parete est.
Jurassic Park su El Mocho per Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
03.03.2020
Jurassic Park su El Mocho per Matteo della Bordella e Matteo Pasquetto
Il racconto di Matteo della Bordella che poco prima del rientro in Italia ha terminato, insieme a Matteo Pasquetto, Jurassic Park (320m, 7b, A1), una nuova salita sulla parete nord di El Mocho, nel gruppo del Cerro Torre, già tentata nel 2019 insieme alla canadese Brette Harrington.
La via meno battuta di Matteo Della Bordella
11.10.2019
La via meno battuta di Matteo Della Bordella
E' uscito 'La via meno battuta. Tutto quello che mi ha insegnato la montagna' (ed. Rizzoli) il libro in cui Matteo Della Bordella, uno dei più forti giovani alpinisti italiani nonché presidente dei Ragni di Lecco, racconta la sua avventura sulle montagne e pareti del mondo
Bhagirathi IV, Matteo Della Bordella racconta la salita sulla inviolata parete ovest
24.09.2019
Bhagirathi IV, Matteo Della Bordella racconta la salita sulla inviolata parete ovest
Matteo Della Bordella racconta i dettagli della fortunata spedizione al Bhagirathi IV che l’ha visto con gli altri Ragni di Lecco, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo, salire in cima al colosso di 6193 metri del Garhwal, Himalaya indiano, dopo aver superato l’inviolata ed ambita parete ovest della montagna. E dopo una frana a dir poco spaventosa…
Bhagirathi IV parete ovest salita da Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo
19.09.2019
Bhagirathi IV parete ovest salita da Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo
I Ragni di Lecco Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Matteo De Zaiacomo hanno salito l’inviolata parete ovest di Bhagirathi IV (6193m) nel Himalaya Indiano. Una grande avventura e una grande salita!

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós