Home page Planetmountain.com
Gran Paradiso: l'itinerario in salita ed quello in discesa per salire in cima e per evitare che si creino delle code.
Fotografia di Società Guide del Gran Paradiso
Code in cima al Gran Paradiso
Fotografia di Società Guide del Gran Paradiso
Pioli nuovi istallati dalle Guide Alpine del Gran Paradiso sotto la cima
Fotografia di Società Guide del Gran Paradiso
La cima del Gran Paradiso, con i suoi 4061 metri è riconosciuto come uno dei più belli ma anche più 'facili' quattromila delle Alpi.
Fotografia di Società Guide del Gran Paradiso

Gran Paradiso, in cima si sale in senso orario. Intervista a Alex Chabod

di

Intervista ad Alex Chabod, vice presidente della Società Guide del Gran Paradiso, dopo la decisione di consigliare un itinerario in salita ed uno diverso in discesa per salire in cima al Gran Paradiso e per evitare che si creino delle code.

Con i suoi 4061 metri il Gran Paradiso è riconosciuto come uno dei più belli ma anche più “facili" quattromila delle Alpi. Per questo la montagna è molto frequentata e spesso purtroppo si formano degli ingorghi proprio sugli ultimi metri per salire in cima, dove la cresta diventa molto stretta ed esposta. Per questo era stata aperta un’altra via di salita anni fa, ma le vecchie corde in canapa non ispiravano molta fiducia e veniva frequentata di rado. Adesso invece le guide alpine del Gran Paradiso hanno sostituito le corde con dei fittoni e gradini, creando quindi una sorta di percorso ad anello, con salita e discesa indipendente. Ne abbiamo parlato con Alex Chabod, vice presidente della Società Guide del Gran Paradiso.

Alex, se non c’è nessuno il tratto finale che porta in cima può essere salito in 5 minuti. Se c’è tanta gente, in passato si è parlato di code di 1 ora a mezza ma anche di più!
Il Gran Paradiso è una montagna bellissima, alla portata di molti, e per arrivare in cima il livello tecnico richiesto non è altissimo. Questo ovviamente lo rende molto gettonato. Il problema è che proprio in cima c’è un punto stretto ed esposto, largo un metro circa che quando c’è molta gente diventa pericoloso. Sia per il tempo d’attesa, il fatto di stare più ore in montagna del dovuto, sia per il rischio di essere spinto involontariamente da qualcun altro nell’ingorgo. In passato si sono verificate alcuni incidenti in questo punto e per questo abbiamo deciso creare un percorso alternativo riprendendo la vecchia via.

Che era attrezzata con delle vecchie corde di canapa
Sì, abbiamo rimosso tali corde e al loro posto abbiamo messo dei fittoni e dei pioli. Volutamente non abbiamo messo delle corde fisse. L'idea era quella di attrezzare l'itinerario per migliorare la sicurezza, ciononostante l'alpinista deve comunque sempre essere capace di salire autonomamente.

Quindi adesso per evitare che si creino delle code si sale in senso orario
Questo è il nostro consiglio, sì. Attenzione, non è un imposizione, non vogliamo mettere nessun obbligo in montagna. È appunto un nostro consiglio per non creare code e quindi per non incrociare altri sul punto più esposto e delicato. È un consiglio mirato ad aumentare la sicurezza per tutti.

Quindi in cima non ci sono cartelli che indicano dove andare
No, assolutamente. L’abbiamo esposto in entrambi i rifugi, il Rifugio Chabod e il Rifugio Vittorio Emanuele II.

Dicevi che il Gran Paradiso è molto gettonato
L’afflusso a questa montagna è molto cambiato negli ultimi anni, è una delle più frequentate in tutto l’arco alpino. Con il Monte Bianco che spesso non è in condizioni, molti scelgono di salire o il Gran Paradiso o il Monte Rosa. L’aumento è stato notevole, e di conseguenza si sono verificate queste code che anni fa non c’erano.

Qualcuno potrebbe criticare l’azione?
Certo, come sempre. Ma bisogna prendere atto che la frequentazione della montagna non è la stessa di prima.

Da quando inizia la salita in senso orario?
È già operativa. I primi riscontri sono stati molto positivi. Finalmente, ci dicono, si è fatto qualcosa per migliorare la sicurezza di tutti.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Un insolito Grampa: traversata per cresta dal Col Bonney alla cima del Gran Paradiso
07.07.2013
Un insolito Grampa: traversata per cresta dal Col Bonney alla cima del Gran Paradiso
Enrico Bonino presenta la bellissima traversata integrale del Gran Paradiso, quasi 3 chilometri di fantastica cavalcata tra roccia e cielo dal Col Bonney alla Cima del Gran Paradiso (4.061m).
Donne e Montagna sul Gran Paradiso: in vetta il team russo valdostano
12.08.2013
Donne e Montagna sul Gran Paradiso: in vetta il team russo valdostano
Si è conclusa, con successo, l’avventura del team russo valdostano: il 10 agosto Anna Torretta e Natalia Prilpskaia sono salite in vetta al Gran Paradiso dalla cresta e sono state raggiunte in cima da Svetlana Smaikina e Olga Gorodesetskaia che hanno percorso la via normale insieme ad un gruppo di giornalisti russi.
Pointe de la Lune: prima discesa nel Gran Paradiso per Rémy Lécluse e Glen Plake
29.11.2011
Pointe de la Lune: prima discesa nel Gran Paradiso per Rémy Lécluse e Glen Plake
Il 19/11/2011 Glen Plake e Rémy Lécluse hanno sciato per primi il canalone SE di Punta Ceresole sulla Cresta Gastaldi. (Gran Paradiso).
08.08.2006
To The Edge in vetta al Gran Paradiso
L'avventura valdostana del Children's Challenge s'è conclusa con successo: il gruppo di ragazzi leucemici insieme alle guide alpine e agli alpinisti dell'Associazione no profit To The Edge ha raggiunto la vetta del Gran Paradiso (Val d'Aosta).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni