Home page Planetmountain.com
Daniele Frialdi sulla sezione chiave di Low G Man D14, durante il raduno di dry tooling al Bus del Quai (Iseo)
Fotografia di Luca Fiori
Durante il raduno di dry tooling al Bus del Quai (Iseo)
Fotografia di Luca Fiori
Matteo Rivadossi al raduno di dry tooling al Bus del Quai (Iseo)
Fotografia di Stefano Pichi
La posa della pietra decorata con il logo di super-man dedicata a Andrea Arici, durante il raduno di dry tooling al Bus del Quai (Iseo)
Fotografia di archivio Gabriele Bagnoli

Bus del Quai e il raduno di dry tooling sopra il Lago D'Iseo

di

Il report di Gabriele Bagnoli del Quai Pride, il raduno di dry tooling al Bus del Quai sabato 16 marzo 2019 in memoria di Andrea Arici

La prima cosa a cui penso è che se Andrea Arici ci fosse stato si sarebbe divertito e avrebbe dato spettacolo con una sua salita come faceva nelle finali dell’Alpin cup condividendo con le numerose persone accorse per l’evento, la passione per il Dry!

Andrea è stato uno tra i primi italiani ad aver dato un valore aggiunto al movimento Dry. Aveva chiodato falesie di dry nel nord Italia e prendendo parte alla ormai compianta Alpin Cup aveva più volte lottato per la vittoria, confrontandosi nelle finali anche con il forte Mauro Rizzi facendo nascere delle amicizie e trasmettendo ricordi ed emozioni che avevano riempito ed entusiasmato questo circuito di gare alimentando ancor di più la passione per questa disciplina.

Il Bus del Quai da oggi sarà un po’ casa sua, perchè per l’occasione è stata posata una pietra decorata con il logo di Superman ed il suo nome, al centro dell’imponente grotta che ha attirato un centinaio di climbers e non, provenienti da tutt’Italia e dall’estero. Una reunion nella stupenda location sul Lago D’Iseo con vie di Total-Dry attrezzate dal padre creativo di questa falesia, il forte alpinista e speleologo di fama internazionale Matteo Rivadossi, opportunamente ripulite e riattrezzate così da trascorrere una giornata di divertimento ed emozioni sportive.

Con un ingente lavoro di sistemazione quasi giornaliero, lo stesso Matteo ed i bresciani Marco Verzeletti, Daniele Frialdi e Vincenso Valtulini, pronti a raccogliere il testimone, hanno dato vita ad un evento eccezionale permettendo ai partecipanti di essere omaggiati con appositi gadget, testare i materiali CAMP - Cassin, le nuove scarpe Kayland ed i materiali offerti da Alp-Station e BP climbers (a cui vanno i ringraziamenti), ma anche di farsi delle risate in compagnia di buona musica motivante e gustando carne alla griglia e birra, che non poteva mancare.

L’organizzazione impeccabile ha permesso sia ai climbers neofiti, sia a quelli esperti in questa disciplina sportiva di scalare tutte le vie in totale sicurezza ed Il divertimento e l’entusiasmo hanno reso questo raduno un vero successo. Il valore aggiunto è stato anche assistere alle performance di forti Dry-Toolers, come gli stessi local Rivadossi e Verzeletti ma anche Mauro Rizzi ed infine Daniele Frialdi che ha dato spettacolo cimentandosi sul tetto orizzontale della via Low G Man D14, in Dry-Tooling Style ossia senza Yaniro (figura 4), pendolando nel vuoto su di una sola mano sul passo chiave infiammando il pubblico presente.

Insomma una festa all’insegna della condivisione di questo sport e di ricordi positivi che ha riunito una tipologia di climbers ancora poco conosciuta ma sicuramente capace di stupire e accendere nuove emozioni al pubblico che ha ricambiato con applausi, incitamenti e commenti positivi ringraziando implicitamente tutti gli addetti ai lavori per l’organizzazione di questo splendido evento. Insomma una di quelle feste che tutti vorrebbero ripetere!

di Gabriele Lele Bagnoli

"Dry tooling
un gioco di acrobazia, tecnica, resistenza e una buona dose di fortuna
Un’espressione di libertà
Il futuro per una nuova espressione di alpinismo o per un pomeriggio con gli amici
L’opportunità di vivere nuove emozioni in tutte le stagioni" Cit.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
13.03.2019
Filip Babicz libera Uragano Dorato, drytooling di D15 al Bus del Quai
Alla falesia di dry tooling Bus del Quai (Iseo) Filip Babicz ha liberato Uragano Dorato, una via di total dry gradata D15.
Matteo Rivadossi sale Low G Man al Bus del Quai in Dry Tooling Style
03.05.2018
Matteo Rivadossi sale Low G Man al Bus del Quai in Dry Tooling Style
Il report di Matteo Rivadossi che martedì 17 aprile nella falesia di Bus del Quai, Iseo, ha ripetuto la via di total dry tooling Low G Man. Gradata D14, la sua è la prima ripetizione italiana e terza assoluta della via nello stile denominato Dry Tooling Style, ovvero nello severo stile senza Yaniro.
Angelika Rainer: drytooling di fine stagione con Low G Man al Bus del Quai
22.03.2016
Angelika Rainer: drytooling di fine stagione con Low G Man al Bus del Quai
Ad inizio marzo nella falesia di Bus del Quai, Iseo, Angelika Rainer ha chiuso Low G Man, la sua prima via di total dry gradata D14. Questo ultimo sforzo invernale della climber meranese segue la ripetizione, lo scorso gennaio, della via di misto The Mustang M14- in Colorado, USA.
Marianne van der Steen D13+ drytooling flash al Bus del Quai
28.01.2016
Marianne van der Steen D13+ drytooling flash al Bus del Quai
Il 26 gennaio 2016 al Bus del Quai di Iseo (BS) la climber olandese Marianne van der Steen è riuscita a salire in stile flash Kamasutra, una via di drytooling gradata D13+.
Lucie Hrozová ripete Low G Man al Bus del Quai di Iseo
22.02.2015
Lucie Hrozová ripete Low G Man al Bus del Quai di Iseo
Al Bus del Quai di Iseo (Bs), Lucie Hrozova ha effettuato la seconda ripetizione di Low G Man, la total dry più difficile d'Italia.
Jeff Merçier sale il primo D14 italiano al Bus del Quai, Iseo
07.01.2015
Jeff Merçier sale il primo D14 italiano al Bus del Quai, Iseo
Il 28 dicembre 2014 al Bus del Quai, Iseo, l'alpinista francese Jeff Mercier ha liberato Low G Man, una combinazione di tre vie di drytooling esistente che con il grado D14 diventa la via total dry più difficile d'Italia. Il report di Matteo Rivadossi.
Barbara Zwerger, l'allenamento e il dry tooling al Bus del Quai
29.12.2012
Barbara Zwerger, l'allenamento e il dry tooling al Bus del Quai
Ultime realizzazioni e allenamenti per Barbara Zwerger, nelle grotte di Campitello e Bus del Quai, prima dell'inizio della Coppa del Mondo di arrampicata su ghiaccio.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni