Home page Planetmountain.com
Falsa ortica purpurea (Lamium purpureum)
Fotografia di Michele Comi
Incontri nel bosco
Fotografia di Michele Comi
Incontri nel bosco
Fotografia di Michele Comi
Mineralizzazioni a rame
Fotografia di Michele Comi

Porsi domande e accogliere l'inaspettato ai tempi del coronavirus

di

Quando tutto questo sarà finito saremo cambiati abbastanza per ripartire con un pensiero e una visione diversi? Il pensiero di Michele Comi, alpinista e Guida alpina della Valmalenco, che guardando al bosco e alle montagne attorno a casa sua ci invita a resistere coltivando la speranza per una grande e profonda ripartenza.

Piccole rocce emergono tra gli alberi di tek (pino silvestre) a poche centinaia di metri da casa. A febbraio erano assolutamente insignificanti. Ora scopro che ognuna ha un nome: la Píza, el Crúnscell, el Crún de l’Iseo, el Crun…

Sono modesti luoghi elevati, dai quali si gode una vasta e bella visuale sulla vallata. Con il trascorrere dei giorni gli occhi individuano nuovi segni inaspettati: antiche vie nascoste tra fioriture d’erica, tracce dei selvatici, vecchie miniere, pietre colorate da mineralizzazioni a rame, frammenti di talco e pietra ollare. Un microcosmo che si è svelato con le prime restrizioni alla circolazione in tempi di virus.

Nel periodo di reclusione, fuori dall’uscio, mi fermo incantato ad osservare una falsa ortica purpurea (Lamium purpureum) che spunta da una crepa nel muro, con i suoi delicati fiori labiati color rosa-porpora. Mentre i rumori dell’uomo scompaiono, il registro sonoro degli abitanti del bosco e della montagna si fa assordante.

Stormir di fronde e il canto degli uccelli pervadono gli spazi. E’ un tripudio di canti, lunghi e profondi fischi si alternano con suoni veloci, melodiosi o ripetitivi. Tutto sembra invitarci ad ascoltare, a fare attenzione!

Perché durante le nostre libere scalate prima del lock down tutto questo si percepiva a fatica?

Perché la frenesia del nostro fitness ondivago all’aperto anestetizzava la possibilità di cogliere ogni sfumatura, di immergerci nella profonda geografia dei luoghi?

Non ho risposte, ma la sensazione che la limitazione aiuti a raccogliere, a trattenere dentro a un setaccio tutte le più piccole cose che prima andavamo ignorando si rafforza ogni mattina.

Forse è l’occasione per imparare qualcosa? Cambiare o sovvertire le regole del gioco quando, finalmente, lasceremo alle spalle questo momento drammatico? Un’opportunità per tornare in ascolto, riprendere il contatto con tutti quei dettagli insignificanti che abbiamo sempre ignorato, renderli importanti, anche solo per il fatto che ora li sappiamo notare ed osservare. In tal modo le nostre montagne acquisterebbero un rinnovato interesse, trasformandosi in un inesauribile laboratorio di esperienze e di conoscenza sensibile.

Lo stop forzato ci sta mostrando quanti trasferimenti inutili, quanti spostamenti non necessari erano nella nostra quotidianità.

Guardare alle cime con uno sguardo nuovo, interrogarle con una diversa creatività e rompere le vecchie cornici sarà una grande opportunità. Per riscoprire l’importanza di perdersi, di accogliere l’inaspettato e far posto a nuove splendide occasioni per indagare ed esplorare, liberi da tutto ciò che ci ha trattenuto in basso. Libertà che, si sa, è anzitutto una forma di disciplina.

Quel che stiamo vivendo sta cambiando la graduatoria delle priorità. Perché in futuro non pensare ad un prolungamento dell’attenzione a salvarsi che stiamo sperimentando? Trasportandola dentro i luoghi “selvaggi”, approcciati con teste diverse, quando tutto sarà finito?

Passato il “casino” un nuovo valore esemplare potrà farci ripartire con un pensiero diverso?

Michele Comi - Guida alpina Valmalenco

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
18.03.2020
Klaas Willems: fibrosi cistica, coronavirus e perché la distanza ci rende più vicini
L’appello di Klaas Willems, fortissimo climber belga affetto da fibrosi cistica, di stare a casa per ridurre il rischio di diffusione del Coronavirus.
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
16.03.2020
Cos'ha visto di bello dottoressa? Racconti...
Un messaggio di speranza, in questo periodo emotivamente provante, da parte della Dottoressa Ester Del Signore, oncologa dell’Istituto Europeo di Oncologia di Milano, che 'nel tempo libero si dedica alla montagna a 360°'
La cordata contro il Coronavirus
15.03.2020
La cordata contro il Coronavirus
Siamo chiamati ad una prova epocale, di difficoltà altissima. Dobbiamo usare tutta la nostra forza e la nostra esperienza. E dobbiamo farlo tutti assieme. Solo così andrà tutto bene.
L'Italia chiamò
13.03.2020
L'Italia chiamò
Il live streaming del Ministero per i Beni e le attività culturali per resistere, per capire che insieme è possibile. Per noi, per i nostri figli, per i nostri cari, per tutti. Restiamo a casa. Andrà tutto bene.
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
10.03.2020
Rimanete a casa! L'appello del Soccorso Alpino e Speleologico
L’appello del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), pubblicato originariamente sulla pagina facebook, per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. La prima regola: uscire di casa solo per esigenze essenziali.
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
09.03.2020
Stefano Ghisolfi: state a casa, è arrivato il momento di scalare con la fantasia
L'appello di Stefano Ghisolfi, uno dei climber più forti, di non sottovalutare l'emergenza Coronavirus e di stare il più possibile a casa.
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
08.03.2020
L'arrampicata ai tempi del Covid-19
Con le palestre indoor chiuse, molti arrampicatori tornano a considerare l'arrampicata in falesia. Ma non bisogna dimenticare che ora, tra zone rosse e non, è indispensabile essere ancora più responsabili, per noi e per gli altri. Buona arrampicata (se potete) e un abbraccio a tutti, da almeno un metro di distanza.
I luoghi vivi che ci entrano dentro di Alt(r)o Festival Valmalenco
16.10.2019
I luoghi vivi che ci entrano dentro di Alt(r)o Festival Valmalenco
Il report della guida alpina Michele Comi dell’Altro Festival, un evento tenutasi il 5 e il 6 ottobre in Valmalenco dedicato alla montagna e le sue infinte esperienze da assaporare appieno.
Montagna che cambia pelle. Di Michele Comi
18.10.2018
Montagna che cambia pelle. Di Michele Comi
L'andare per montagne, il fare alpinismo come il girovagare per sentieri, è anche questione di sguardi. Di quel saper vedere che ci restituisce la montagna dei nostri giorni, sempre più povera di ghiaccio e sempre più instabile. Una montagna che, come ci racconta Michele Comi, cambia pelle e che dobbiamo saper interpretare e salvare. Per noi stessi e per i nostri figli.
Stati di beatitudine sullo Spigolo Vinci al Cengalo
15.08.2018
Stati di beatitudine sullo Spigolo Vinci al Cengalo
Sullo Spigolo Vinci al Pizzo Cengalo (Val Bregaglia): Michele Comi (geologo, guida alpina, maestro di sci, alpinista) e l'arte del passo dopo passo, per una giornata di scalata senza tempo e dal giusto tempo tra montagna e cielo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock