Home page Planetmountain.com
Sulla Via Ratti-Vitali alla Aiguille Noire de Peutery, Monte Bianco
Fotografia di Giancarlo Maritano
Sulla Via Ratti-Vitali alla Aiguille Noire de Peutery, Monte Bianco
Fotografia di Giancarlo Maritano
Sulla Via Ratti-Vitali alla Aiguille Noire de Peutery, Monte Bianco
Fotografia di Giancarlo Maritano
Sulla Via Ratti-Vitali alla Aiguille Noire de Peutery, Monte Bianco
Fotografia di Giancarlo Maritano

La storica Via Ratti - Vitali alla Aiguille Noire de Peuterey, Monte Bianco

di

Alpinismo sul Monte Bianco: la guida alpina Giancarlo Maritano presenta la storica Via Ratti-Vitali, da lui ripetuta recentemente, aperta sulla parete ovest dell’ Aiguille Noire de Peuterey nel massiccio del Monte Bianco nel 1939 da Gigi Vitali e Vittorio Ratti.

No!!! Quando suona la sveglia alle 2.00 di notte e devi partire per una salita… non è solo l’interruzione del sonno a metterti alla prova. E’ l’istantanea e traumatica consapevolezza di quanto sarà lunga la giornata! È quello che già sapevo la sera del 18 luglio 2019, al rifugio Monzino, mentre mi tuffavo nel letto dopo una bella giornata passata a scalare con Roby in Valle Orco, e dopo l’ottima cena preparata da Mauro, infaticabile e vulcanico angelo custode del rifugio.

Ma procediamo con ordine. L’idea in origine era un’altra: insieme ad Andrea avevamo progettato la Santa Caterina alla Nordend, ma una nevicata estiva ci ha fatto dubitare di trovare pulita la parte bassa della via. Perché rischiare una fregatura quando basta tarare i propri obbiettivi in funzione delle condizioni? Questa è la regola che mi sono dato: elasticità nello scegliere la gita! Solo così si comincia bene. Con le condizioni delle montagne di queste ultime estati drammaticamente secche, deve diventare il primo comandamento per limitare da subito i rischi. Ed è per quello che, con Andrea, ci siamo trovati ad Ivrea con la macchina carica di ogni tipo di materiale ed un’unica certezza: Monte Bianco, zona Monzino.

Tra una sosta caffè e l’altra, telefono in rifugio; Mauro è, come sempre, informato e preparatissimo. Stanno facendo un po’ di tutto, i ghiacciai per il momento si passano ancora abbastanza bene. La scelta si riduce… Innominata o Noire de Peuterey?

Lascio che sia Andrea a decidere, anche se in cuore mio mi auguro scelga la Ratti-Vitali…Sono anni che la punto, ma per un motivo o per l’altro, non sono mai riuscito a metterci il naso. E poi, l’attraversamento del Freney, sta diventando sempre più un problema. Quando si dice affiatamento... il tempo di imboccare la Val Veny ed il mio compagno si esprime: Ratti-Vitali. Che meraviglia!

Anche qui, rispetto a qualche anno fa, siamo facilitati: qualche ricerca veloce sul web e scoviamo le relazioni che ci servono: tracciato e sintesi della via, consigli vari e, soprattutto, materiale necessario. Due corde, picca, ramponi, casco, friends… ed in più facciamo una scelta inusuale ma che verrà assolutamente premiata: oltre alle scarpette e agli scarponi, ci portiamo dietro le scarpe leggere da avvicinamento; 22 doppie su quel tipo di terreno mi sembrano troppe per essere fatte con le scarpette!

Sono le 18 quando imbocchiamo il sentiero, ed alle 20.00 siamo davanti alla rituale birra per l’aperitivo. Cena veloce, qualche consiglio da parte di Mauro e poi, grazie anche al super trattamento che ci riserva, sprofondiamo in un bel sonno. Fortunatamente riposo bene, cosa non facile prima di queste salite: la tensione si sente!

Ed eccoci a noi. Alle 2.00 si accendono i motori. Da quel momento, ogni fase è ottimizzata e studiata. Colazione, zaino, frontale: check del materiale e via, per cominciare a camminare e rompere gli indugi.

Già l’avvicinamento è un bel giro: salita - non elementare - al colle dell’Innominata; arriviamo esattamente secondo l’orario stabilito. Sono le 5.00, ecco la prima luce, proprio quella che ci permette di individuare la prima delle due doppie che ci depositano sul ghiacciaio del Freney. Da lì basta non guardare troppo quello che si trova sopra di noi… ma le condizioni sono buone: temperatura corretta, neve ottima e ghiacciaio ancora abbastanza ben percorribile. Ancora un’oretta e ci siamo: sopra di noi, finalmente, la Ovest della Noire! Qualche minuto per individuare la partenza giusta e poi via: attacchiamo, rapidi, il bello deve ancora venire!

La via è davvero un viaggio, anche particolare considerato l’anno dell’apertura: non una via “semplicemente” classica. Gigi Vitali e Vittorio Ratti, in quei tre giorni dell’agosto 1939, sembra abbiano isolato una porzione di parete, relativamente stretta rispetto a tutto il versante a loro disposizione, e solo all’interno di quella abbiano scelto le zone più facili. Facendo così hanno scovato sì un itinerario non estremo (almeno per i canoni attuali), ma disegnando comunque una via che evita le zone più brutte e rotte della parete.

A parte alcuni attraversamenti, l’arrampicata è tutta su roccia abbastanza solida (non dimentichiamoci le dimensioni della parete!), evitando canali e canalini; inoltre, quasi tutti i tiri richiedono un certo impegno e, soprattutto, la parte seria è l’ultima, in alto, quando i piedi cominciano a chiederti perché, e quando l’orologio comincia a correre veloce. Prima un tiro in un diedro atletico e tecnico, e poi il lungo, entusiasmante tiro di artificiale. E’ solo superando questa sezione che, finalmente, si comincia a vedere la cresta sommitale più vicina!

Fatti gli ultimi tiri, però, si è davvero solo a metà: noi calziamo le nostre comode scarpe da avvicinamento, finalmente! E poi via, si ricomincia, con le 22 doppie. Da fare tutte, attenzione, non saltarne neppure una. Passa il capo, lega le corde, falle su, studia la traiettoria, e lancia! Via uno, via l’altro…e poi si ricomincia, cercando di non calare il livello dell’attenzione.

Ci vanno più di due ore, senza perdere tempo, per arrivare alla base della parete. Qui si comincia a tirare il fiato, anche se riattraversare il Freney con le neve molle e i ponti instabili non è un divertimento! Arrivati dall’altra parte c’è ancora una bella ravanata: la risalita al colle dell’Innominata non è uno scherzo, ed il buio ci prende proprio quando siamo sulla parte più delicata… Pazienza, occorre stringere i denti, ancora qualche minuto e siamo fuori dalle grane Ancora qualche doppia e siamo alla fine, sulle pietraie che precedono il rifugio. E, finalmente, la graditissima sorpresa: è ormai mezzanotte, ma Mauro ci aspetta sveglio, con una birra fresca ed un piatto di pasta dalle dimensioni colossali: grandissimo!

Che dire? Quando si torna da queste avventure, le sensazioni sono tante ed esaltanti…i sogni si realizzano, un piccolo desiderio chiuso in un cassetto si avvera. Ed ogni tanto, quando si riapre quel cassetto, si rivive qualche momento di gioia di quel giorno di luglio 2019.

SCHEDA: Via Ratti-Vitali, Aiguille Noire de Peuterey

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Aiguille Noire, Pilastro Rosso del Brouillard e Monte Bianco. L'Integrale 2.0
09.07.2019
Aiguille Noire, Pilastro Rosso del Brouillard e Monte Bianco. L'Integrale 2.0
Il report di Denis Trento della veloce salita dell’Aiguille Noire de Peuterey effettuata da Marco Farina e Gabriele Carrara abbinata, il giorno successivo insieme allo stesso Denis Trento, alla Via Bonatti - Oggioni sul Pilastro Rosso del Brouillard e la cima del Monte Bianco.
Nero su Bianco, nuova via sull' Aiguille Noire de Peuterey, Monte Bianco
25.10.2000
Nero su Bianco, nuova via sull' Aiguille Noire de Peuterey, Monte Bianco
Maurizio Oviglia e Erik Svab hanno aperto Nero su Bianco, una nuova via d'arrampicata sull'Aiguille Noire de Peuterey, Monte Bianco.
Escursionismo al Pian della Mussa in Val d'Ala di Lanzo
21.05.2019
Escursionismo al Pian della Mussa in Val d'Ala di Lanzo
La guida alpina Giancarlo Maritano presenta tre escursioni che partono dal Rifugio Ciriè al celebre Pian della Mussa in Val d’Ala (Valli di Lanzo, Piemonte): Sentiero Balcone, l’escursione a Ghicet di Sea e la camminata al Rifugio Gastaldi.
Sulle ali della storia, alpinismo tra passato e presente a Pian della Mussa
13.03.2018
Sulle ali della storia, alpinismo tra passato e presente a Pian della Mussa
Il racconto di Giancarlo Maritano che insieme a Umberto Bado ha aperto Sulle ali della storia, una via a Pian della Mussa in Val d'Ala (TO) che sale i primi tre tiri di una cascata di ghiaccio aperta da Fulvio Conta e Gian Carlo Grassi e poi aggiunge altri due tiri di arrampicata di misto per raggiungere la frangia finale.
Vallone di Sea... cascate di ghiaccio in Piemonte
23.02.2012
Vallone di Sea... cascate di ghiaccio in Piemonte
Quattro cascate di ghiaccio in Vallone di Sea presentate dalla Guida Alpina Giancarlo Maritano: la Cascata di Balma Massiet, il Mostro di Gilgamesh, Prometeo e Pineteo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni