Home page Planetmountain.com
Gabriele Carrara e Marco Farina salendo la Aiguille Noire de Peuterey, massiccio del Monte Bianco
Fotografia di archvio Denis Trento, Marco Farina, Gabriele Carrara
Pilastro Rosso del Brouillard, Monte Bianco: Gabriele Carrara, Marco Farina, Denis Trento
Fotografia di archvio Denis Trento, Marco Farina, Gabriele Carrara
Pilastro Rosso del Brouillard, Monte Bianco: Gabriele Carrara, Marco Farina, Denis Trento. Alle loro spalle Aiguille Blanche a sinistra e Aiguille Noire a destre
Fotografia di archvio Denis Trento, Marco Farina, Gabriele Carrara
Gabriele Carrara, Marco Farina e Denis Trento durante la loro salita del Pilastro Rosso del Brouillard, Monte Bianco: Gabriele Carrara, Marco Farina, Denis Trento
Fotografia di archvio Denis Trento, Marco Farina, Gabriele Carrara

Aiguille Noire, Pilastro Rosso del Brouillard e Monte Bianco. L'Integrale 2.0

di

Il report di Denis Trento della veloce salita dell’Aiguille Noire de Peuterey effettuata da Marco Farina e Gabriele Carrara abbinata, il giorno successivo insieme allo stesso Denis Trento, alla Via Bonatti - Oggioni sul Pilastro Rosso del Brouillard e la cima del Monte Bianco.

Dopo un finale di primavera gelido, il caldo si è presentato all’improvviso e con gli interessi. Le temperature prossime ai 40 gradi nei fondovalle e la tanta neve presente ancora sulle montagne ha reso molto complicate le condizioni del misto in alta quota.

L’alpinista degli anni 2020 deve però essere pronto a cogliere i nuovi segnali dettati dal global warming e soprattutto deve sapersi reinventare, se vuole portare avanti la propria attività preferita.

Da questo tipo di situazione possono nascere anche delle proposte interessanti, come il concatenare l’attraversata sud-nord dell’Aiguille Noire con la salita al Bianco per il pilastro Rosso del Brouillard e l’omonima cresta.

Questa sorta di integrale ad S che unisce due delle salite più belle dei bacini del Freney e del Brouillard ha il vantaggio di essere prevalentemente rocciosa nei tratti tecnici e quindi piuttosto sicura nei periodi di caldo.

Oltre a ciò, a differenza delle salite integrali delle creste che delimitano i due bacini, può contare su un punto d’appoggio d’eccezione, il rifugio Monzino.

Lo scorso week end Marco Farina, guida alpina e navigato alpinista della SMAM, in team con Gabriele Carrara, promettente alpinista e allievo quasi a fine corso aspiranti, hanno salito la Noire partendo dal campeggio La Sorgente in Val Veny, nello strabiliante tempo di 7 ore e 15. Dopodiché sono scesi sul versante nord, per giungere al rifugio Monzino prima della chiusura della cucina, in tempo per rifocillarsi con le tagliatelle dello chef/gardien Mauro.

Il secondo giorno la sveglia dei due alpinisti è suonata come d’abitudine molto presto, mentre per il sottoscritto non c’è nemmeno stato bisogno di impostarla, visto che a mezzanotte e mezza ero già in marcia per raggiungere al rifugio i miei due soci. Dopo una veloce colazione, alle due e mezza il nostro terzetto era già lanciato verso il Pilastro Rosso del Brouillard.

L’essere legati in 3 ha reso un po’ meno fluida la parte di arrampicata, ma una volta ingranata la marcia, in 4 orette eravamo fuori dalle difficoltà, ma ancora ben lontani dalla cima del Monte Bianco. Proprio 60 anni giusti dopo la prima salita di Walter Bonatti e Andrea Oggioni, effettuata con un bivacco in parete dal 5 al 6 luglio del 1959.

Nonostante non sia la prima volta che frequentavamo la zona, stupisce sempre come nell’arco di pochi metri si possa passare dal più bel granito del Bianco alla peggior roccia del creato.

600 metri di sgrebani rotanti più tardi ci troviamo a complimentarci a vicenda in cima alla montagna più alta delle Alpi.

Come al solito una volta calata l’adrenalina della salita, la discesa a valle sulla via normale italiana diventa una battaglia mentale con fatica, sonno e noia. Tutti noi però sappiamo bene che i 3300 metri che ci separano dalla macchina, presto o tardi sono destinati ad azzerarsi.

Personalmente tornare a legarmi con buoni amici (e sopratutto forti alpinisti) per fare una salita di livello è stato un modo per riassaporare sensazioni che avevo un po’ perso, visto che negli ultimi anni avevo declinato l’alpinismo più che altro in chiave sciistica o fast and light.

Per Marco è stato un altro passo verso il suo obiettivo di stagione, la spedizione al Nemjung, una montagna in Nepal di 7000m, dove in compagnia di Marco Majori tenterà di aprire una nuova via.

Per Gabriele invece questa due giorni è stata soltanto un bel warm up, visto che dal giorno dopo era impegnato col corso aspiranti nel modulo di alta montagna.

di Denis Trento

Link: FB Denis TrentoGrivelKarposSCARPASalice occhiali, ATK Bindings, Sci Movement, Pomoca Skins

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Denis Trento e l'eccezionale sci di primavera sulle montagne della Valle d'Aosta
30.05.2019
Denis Trento e l'eccezionale sci di primavera sulle montagne della Valle d'Aosta
Una primavera anomala dal punto di vista del clima, sfruttata al massimo da Denis Trento che in Valle d’Aosta ha sciato in montagna praticamente ogni giorno, inseguendo "più le belle condizioni che il prestigio della discesa.” per il suo alpinismo. Lo stile, è sempre lo stesso: partenza dal fondovalle e salite in velocità, a volte sfruttando anche la bici per gli avvicinamenti.
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
31.08.2018
Il Monte Rosa Express di Denis Trento e Robert Antonioli
Il racconto di Denis Trento del veloce raid nel massiccio del Monte Rosa insieme a Robert Antonioli attraverso il Lyskamm, il Colle del Lys, Punta Dufour e Punta Zumstein.
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
17.08.2018
Denis Trento e Robert Antonioli insieme al fil di cielo sulla Cresta di Rochefort e la traversata delle Jorasses
Il report di Denis Trento che, insieme a Robert Antonioli, sabato 4 agosto ha abbinato la Courmayeur Mont Blanc Skyrace alla cavalcata della Cresta di Rochefort e alla traversata delle Grandes Jorasses per scendere poi al rifugio Boccalatte e a Planpincieux. Un velocissimo raid che abbina la corsa in montagna all’alpinismo in alta montagna.
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
30.06.2018
Cresta dell'Innominata speed in cordata: Denis Trento e Robert Antonioli sul Monte Bianco
Il racconto di Denis Trento che con Robert Antonioli ha salito la Cresta dell’Innominata sul Monte Bianco in soli 6 ore e 10 minuti. Una salita veloce sì, ma interessante soprattutto perché la cordata ha gestito con maggiore sicurezza la salita.
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
27.02.2018
Denis Trento, concatenamento con gli sci della Bonatti e Aigle sul Petit Mont Blanc
Nella zona del Miage nel massiccio del Monte Bianco Denis Trento ha concatenato due couloir mitici dei Petit Mont Blanc: Bonatti e Aigle.
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
05.04.2017
Punta Whymper alle Grandes Jorasses, Denis Trento scende con gli sci il couloir sud ovest
A fine marzo 2017 Denis Trento ha effettuato quella che potrebbe essere la prima discesa integrale con gli sci del couloir sud ovest della Punta Whymper alle Grandes Jorasses. I video e il racconto della guida alpina e fortissimo sciatore di questa discesa nel massiccio del Monte Bianco di cui, in particolare gli ultimi 400m, dovrebbero essere inediti. In ogni caso, al di là del possibile primato, si tratta di una grande e bella avventura.
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
07.09.2016
Cresta di Rochefort più traversata delle Jorasses in velocità per Denis Trento
All'inizio settembre, sul Monte Bianco, Denis Trento partendo dal Rifugio Torino ha percorso in successione la Cresta di Rochefort e la traversata delle Grandes Jorasses per poi scendere al rifugio Boccalatte e a Planpincieux e far ritorno al Rifugio Torino. Il tutto, ovviamente a piedi, in poco meno di 9 ore e 30'. Il report di Denis Trento.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni