Home page Planetmountain.com
Alessandro Baù in apertura dell'ottavo tiro di Stile Libero alla Torre Venezia in Civetta, Dolomiti
Fotografia di archivio Alessandro Baù
Matteo Baù sul settimo tiro di Stile Libero alla Torre Venezia in Civetta, Dolomiti
Fotografia di archivio Alessandro Baù
Fabio Valseschini e Alessandro Baù in cima alla Torre Venezia, Civetta, Dolomiti, dopo aver completato l'apertura di Stile Libero
Fotografia di archivio Alessandro Baù
Il tracciato di Stile Libero alla Torre Venezia in Civetta, Dolomiti
Fotografia di Manrico Dell'Agnola

Stile Libero alla Torre Venezia in Civetta di Alessandro Baù & Co

di

Il racconto di Alessandro Baù che con Lorenzo D’Addario, Matteo Baù e Fabio Valseschini ha aperto Stile Libero alla Torre Venezia in Civetta, Dolomiti.

La Torre Venezia è stata un mio obiettivo da quando ho visto la copertina di un vecchio Pareti che immortalava Christoph Hainz impegnato su Rondò Veneziano. L’alpinista altoatesino aveva risolto in maniera brillante il grande tetto centrale e le foto erano veramente accattivanti. Lo stesso magazine raccontava anche l’apertura solitaria di Venturino De Bona su W Mexico Cabrones in Civetta, di cui ho fatto la prima ripetizione: posso dire che quel numero sia stato una vera fonte di ispirazione.

Dopo l’apertura di Chimera Verticale e Colonne D’Ercole, avevo un po’ perso lo stimolo di frequentare il gruppo del Civetta, avevo percorso troppe volte i sentieri, con tanti bivacchi in parete e innumerevoli metri verticali. Ma si sa, i grandi amori non tramontano mai ed eccomi tornare, con nuova energia e una consapevolezza diversa.

Qualche anno fa in compagnia di mio padre e mia moglie, ho salito la bella Ratti Panzeri, grande classica che affronta con eleganza la parete sud-ovest. Poco prima del lungo traverso che caratterizza la parte centrale, scorgo un’enorme pilastro giallo che attira la mia attenzione. A casa spulcio qualche foto e trovo un sistema di fessure e tetti che collega anche la parte bassa in maniera del tutto indipendente. Chiamo Lorenzo D’Addario, non resta che provare!

Il primo tiro è veramente strano, lo chiamiamo l’Harding Slot delle Dolomiti visto che si tratta di un camino obliquo ad incastro di corpo che ricorda, “con un po’ di fantasia”, il famoso tiro di Astroman in Yosemite. Un secondo tiro su bella roccia grigia, porta allo scudo giallo superiore solcato da una fessura che conduce dritta sotto ad un tetto a scala. Il primo giorno di apertura è terminato a metà del terzo tiro sotto una pioggia battente.

Lorenzo è preso dal lavoro, così torno con mio fratello Matteo. La salita di questa sezione è difficile, sia per l’arrampicata che per la qualità della roccia. Con esperienza bisogna saper scegliere gli appigli giusti e con potenza salire leggeri. Quando arrivo sotto il tetto a scala, sono abbastanza intimorito, ma la roccia riserva spesso delle belle sorprese: le prese sono nei punti giusti e posiziono un ottimo friend numero 4 in uscita dal tetto, cosa chiedere di più?

Alla sosta successiva la nostra linea incrocia la Ratti Panzeri che continua obliquando a destra, mentre noi prendiamo la direzione opposta. Ora siamo in parete aperta, proprio nel mezzo del pilastro visto con mio padre. Roccia grigia si alterna a sezioni gialle ugualmente compatte, la scalata è veramente piacevole e non troppo difficile. Con i piedi su una minuscola cengetta, attrezzo con stupore una sosta a 3 chiodi lunghi. Entrano nella roccia compatta in corrispondenza di altrettanti piccoli buchi; sembra di avere un trapano in mano al posto del martello! L’arte di chiodare, di sentire cantare il chiodo, di saper valutare il posizionamento e la sua tenuta fidandosi di volarci sopra, è una degli aspetti più affascinanti di questo tipo di apertura.

Un tetto fessurato da incastro di mano e pressione con i piedi in spalmo ci porta alti sul pilastro, siamo felici e vediamo ormai vicina la tozza cima della Torre Venezia. La giornata purtroppo è finita e, come sempre, rientriamo a notte fonda.

Risalendo la Andrich e attraversando a destra prima del grande diedro sommitale ritorniamo alla nostra ultima sosta. Riparto e, non senza fatica, apro un altro tiro. Poi ci rendiamo conto di aver cantato vittoria troppo presto. Davanti a noi una sezione di 15 metri di roccia marcia. Guardo Matteo negli occhi e capisco subito che non ha intenzione di provare; quanto vorrei aver avuto un cambio in questo momento. Con la mente stanca parto ma non faccio più di 3-4 metri; siamo di nuovo costretti a ritirarci. Una volta a casa mi chiedo se abbia senso continuare su quella roccia. Poi penso a quante belle vie mi sia capitato di scalare con qualche tratto scabroso e capisco che quel pensiero è solo una debolezza della mia mente, un modo per cercare una scappatoia: non ho scuse, devo tornare.

Ci riprovo verso fine ottobre con Federico Tosi ma, nonostante le previsioni preannunciassero una bella giornata autunnale con zero termico basso, ci troviamo avvolti dalle nuvole con vento teso e un freddo che proprio non riesco a contrastare. Sono ibernato e non c’è verso di scalare su quelle difficoltà. Con molta delusione, finisce la stagione.

L’anno successivo a Laste incontro Fabio Valseschini che entusiasta decide di unirsi per la resa dei conti. Per superare quella sezione marcia devo cedere, con dispiacere, ad un misto tra libera e artificiale perché la qualità delle protezioni e delle prese non mi permette di osare di più. Dopo ore di dubbi, esco stremato da un tiro che pensavo avrebbe interrotto la nostra avventura.

Raggiungiamo finalmente la cengia circolare da dove la vista sulla Busazza e i contrafforti della Val dei Cantoni è veramente spettacolare. Questo penultimo tiro rimane l’unico non liberato, anche dopo la giornata passata in parete con Ivo Maistrello. Quel giorno sono rimasto abbastanza stupito del fatto che sulla fessura del quarto tiro, alcuni chiodi che credevo aver piazzato a "regola d’arte" fossero mobili e insicuri; strano. Non so darmi una spiegazione, meglio comunque ribatterli.

Mettiamo così la nostra firma sulla Torre Venezia, chiamando la via Stile Libero per ringraziare la mitica Cristina di Agordo! E’ una salita logica ed estetica, peccato ci siano 2 sezioni di roccia (3°, 4° tiro e il 10° tiro) che richiedono una certa padronanza su terreno "delicato". Dedico la via a Bicio e Carletto, Michele Chinello e Carlo Gomiero, due amici di Padova mancati l’anno scorso sul Sass Maor.

Mentre scrivevo questo racconto una parte della Torre Venezia è crollata; fortunatamente senza coinvolgere nessuno e neanche la nuova via. Consiglio a tutti di aspettare un po’ per andare a mettere nuovamente le mani su questa parete.

Ringrazio Andrea Favretti, per tutte le volte che ci ha risparmiato il lungo avvicinamento.

Alessandro Baù ringrazia: Scarpa SpaCamp-Cassin, Montura, Dynastar, Salice, Reload Climbwww.xmountain.it

Link: IG Alessandro Baù

SCHEDA: Stile Libero, Torre Venezia, Civetta, Dolomiti

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Frana sulla Torre Venezia del Civetta, danneggiata la Tissi e altre classiche delle Dolomiti
06.05.2020
Frana sulla Torre Venezia del Civetta, danneggiata la Tissi e altre classiche delle Dolomiti
Nei giorni scorsi un importante crollo ha interessato la parete sud della Torre Venezia (Gruppo della Civetta, Dolomiti), coinvolgendo le storiche Via Tissi, il Gran diedro e Gran Diedro – Diretta.
Timelapse alla Torre Sprit nelle Pale di San Martino, Dolomiti
15.04.2020
Timelapse alla Torre Sprit nelle Pale di San Martino, Dolomiti
Il racconto, scritto a due mani da Alessandro Baù e Alessandro Beber, dell'apertura di Timelapse (450m, 7c max), una via d'arrampicata alla Torre Sprit nelle Pale di San Martino, Dolomiti iniziata nel 2008 e completata, con diversi compagni di cordata, nel 2019.
Space Vertigo alla Cima Ovest di Lavaredo, l'intervista a Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini
11.12.2019
Space Vertigo alla Cima Ovest di Lavaredo, l'intervista a Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini
Intervista a Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini dopo l'apertura di Space Vertigo alla Cima Ovest di Lavaredo, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti.
Cima Ovest di Lavaredo, nuova via in Dolomiti di Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini
01.10.2019
Cima Ovest di Lavaredo, nuova via in Dolomiti di Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini
Alessandro Baù, Claudio Migliorini e Nicola Tondini hanno aperto una nuova via d'arrampicata alla Cima Ovest di Lavaredo, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
17.01.2018
Coffee Break Interview: Nicola Tondini / Alessandro Baù
Nicola Tondini e Alessandro Baù sono i protagonisti della quarta puntata del progetto Coffee Break Interview di Daniela Zangrando per esplorare sogni, desideri e limiti dei protagonisti dell'arrampicata e dell'alpinismo.
Via degli Studenti, prima ripetizione in Civetta per Alessandro Baù e Claudio Migliorini
17.10.2016
Via degli Studenti, prima ripetizione in Civetta per Alessandro Baù e Claudio Migliorini
Il racconto, scritto da Alessandro Baù e Claudio Migliorini, della prima ripetizione effettuata in giornata il 08/08/2016 della Via degli Studenti, aperta da Martin Dejori, Marta Mozzati, Titus Prinoth, Giorgio Travaglia e Alex Walpoth sulla parete Nord-Ovest della Civetta in Dolomiti.
Gigi La Trottola, nuova via sul Mulaz in Dolomiti di Baù, Migliorini e Zaccaria
01.01.2016
Gigi La Trottola, nuova via sul Mulaz in Dolomiti di Baù, Migliorini e Zaccaria
Il report di Alessandro Baù che, insieme a Claudio Migliorini e Giovanni Zaccaria quest'estate ha aperto la nuova via d'arrampicata Gigi La Trottola (IX-, 450m) sulla parete Ovest del Mulaz, Pale di San Martino, Dolomiti.
Colonne d'Ercole, Punta Tissi alla Civetta, intervista ad Alessandro Baù
17.05.2013
Colonne d'Ercole, Punta Tissi alla Civetta, intervista ad Alessandro Baù
Intervista ad Alessandro Baù sulla nuova grande via aperta e poi liberata dallo stesso Baù insieme ad Alessandro Beber e Nicola Tondini sulla Punta Tissi (parete NO Civetta, Dolomiti).
Colonne d'Ercole, nuova via sulla Punta Tissi in Civetta per Baù, Beber e Tondini
12.09.2012
Colonne d'Ercole, nuova via sulla Punta Tissi in Civetta per Baù, Beber e Tondini
Il 7 e 8 settembre 2012 Alessandro Baù, Alessandro Beber e Nicola Tondini hanno effettuato la prima libera integrale di Colonne d'Ercole (1200m, max IX, obbl. VIII+) sulla Punta Tissi, parete Nord-Ovest della Civetta, Dolomiti, la nuova grande via da loro stessi aperta tra il 2009 e il 2012.
Chimera Verticale, Civetta
13.08.2010
Chimera Verticale, Civetta
Chimera Verticale (IX, 600m + zoccolo iniziale), aperta in più riprese sulla parete Nord-Ovest del Civetta, raccontato da uno dei primi salitori, Alessandro Baù.
Nuvole Barocche alla Civetta: prima ripetizione per Baù e Beber
10.08.2007
Nuvole Barocche alla Civetta: prima ripetizione per Baù e Beber
Il 15-16 luglio prima ripetizione per Alessandro Baù e Alessandro Beber di Nuvole Barocche (1240m, IX sup., A2) sulla parete nord ovest della Civetta (Dolomiti) aperta da Venturino De Bona e Piero Bez nel 1999.
Civetta: ripetizione di “W Mejico Cabrones” per Baù e Marini
08.08.2005
Civetta: ripetizione di “W Mejico Cabrones” per Baù e Marini
Il 29-30/07, Alessandro Baù ed Enrico Marini (24enni di Padova) hanno realizzato la prima ripetizione di “W Mejico Cabrones”, la via aperta da Venturino De Bona nel 2001, in solitaria, sul versante Nord Ovest della Civetta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini