Home page Planetmountain.com
South Muysky Ridge: Peak Kart, Sounds of Youth (6c, 600m, Andrey Panov, Dmitrii Panov)
Fotografia di Evgleon.ru
Peak Mechta, camp 4, South Muysky Ridge, Siberia
Fotografia di Evgleon.ru
South Muysky Ridge expedition 2020. Da sinistra a destra: Pavel Tkachenko, Dmitrii Panov, Alexey Boyko, Evgenia Leontyeva, Evgeny Glazunov, Anatoly Syshikov, Grigory Abramov, Anastasia Ramazanova, Polina Penkina, Alena Panova, Daria Sycheva, Andrey Panov
Fotografia di team archive, Evgenia Leontyeva
Peak Kart, South Muysky Ridge, Siberia
Fotografia di Evgleon.ru

South Muysky Ridge in Siberia, nuove vie russe sul Peak Kart e Peak Mechta

di

Il report di Dmitrii Panov sulla spedizione russa, effettuata durante l'estate 2020 sul Peak Kart e Peak Mechta, situati nella zona del South Muysky Ridge in Siberia. Durante la spedizione gli alpinisti hanno aperto 8 nuove vie, hanno salito 8 montagne e hanno completato 2 traversate di cresta.

Dal 28 giugno al 19 luglio 2020 una spedizione alpinistica russa è riuscita ad aprire diverse vie nell'area del Peak Kart in Siberia, una parte della zona chiamata South Muysky Ridge (scritto anche Muiski Ridge), situata a 180 km a est del lago Baikal e 380 km a nord della città di Chita .

La spedizione è stata organizzata da Evgeny Glazunov e Pavel Tkachenko con il supporto della fondazione Impossible is Not Forever, istituita per ricordare l’alpinista Sergey Glazunov. La spedizione era composta, in ordine alfabetico, da: Grigory Abramov, Alexey Boyko, Evgeny Glazunov, Evgenia Leontyeva, Andrey Panov, Dmitrii Panov, Alena Panova, Polina Penkina, Anastasia Ramazanova, Daria Sycheva, Anatoly Syshikov, Pavel Tkachenko

La South Muysky Ridge è un'area difficile da raggiungere e poco esplorata della regione del Trans-Baikal con un grande potenziale per l'arrampicata big wall. La zona è costituita da diversi gruppi di cime con pareti granitiche che variano in altezza da 500 a 800 metri, e l'intera area è già oggetto di maggiore interesse tra gli alpinisti russi. Una caratteristica distintiva della zona è il gran numero di orsi che si trovano regolarmente nella taiga e nei terreni montuosi.

La prima spedizione nell'area del Peak Kart è stata effettuata nel 2019. A quel tempo Yevgeny Glazunov, Pavel Tkachenko e Nadezhda Olenova hanno effettuato diverse prime salite delle cime circostanti, hanno salito una via sul Peak Kart e una via in cima al Peak Mechta (la montagna dei sogni - una montagna precedentemente sconosciuta e senza nome). Inoltre, Eugene ha effettuato una prima salita in solitaria di una vetta sconosciuta, battezzandola alla memoria di suo fratello Sergei Glazunov, morto nel 2018 sul Latok I. Maggiori informazioni su questa prima spedizione possono essere trovate qui.

Il Peak Kart si trova 30 chilometri a nord del villaggio di Baunt, che, con una buona combinazione di circostanze, può essere raggiunto in jeep da Chita. Per raggiungere il Peak Kart, è necessario percorrere 15 chilometri con un fuoristrada e proseguire a piedi per circa 25 chilometri attraverso la taiga. Per raggiungere il Peak Mechta dal Peak Kart è necessario superare due passi e percorrere circa 10 chilometri a piedi. A causa della lontananza dell’area, ogni spedizione deve essere completamente autonoma. In caso di incidente le possibilità di soccorso sono minime.

Nel nostro caso, la nostra spedizione si è svolta in condizioni meteorologiche piuttosto difficili. Siamo stati abbastanza fortunati da arrivare al villaggio di Baunt e al Peak Kart senza forti piogge, il che ha reso più facile attraversare i fiumi in auto e a piedi. Tuttavia, ogni salita seria era accompagnata da pioggia leggera e temporali, e spesso i tratti chiave delle vie dovevano essere superati sotto un acquazzone.

Il trasporto di cibo e attrezzature alla base del Peak Kart dal nostro campo base (il punto di arrivo dei 4x4) ha richiesto 5 giorni. Ogni membro della spedizione doveva percorrere questo itinerario almeno due volte, prima di fare una pausa per scalare le vie.

Il team ha trascorso 7 giorni al cospetto della montagna, salendo 5 vie sulla parete ovest del Peak Kart e realizzando la prima salita di una vetta inviolata. Poi, in due giorni, la squadra si è trasferita al Peak Mechta, dove ha trascorso altri 5 giorni. Durante questo periodo sono riusciti a aprire 3 nuove vie sulla parete sud-ovest del Peak Mechta, a completare due traversate di cresta, e a fare la prima salita di altre sette cime. Inoltre, Yevgeny, Anatoly, Alexey e Pavel hanno provato a fare la prima salita della parete est del Peak Mechta, l'obiettivo principale della spedizione, ma sono stati letteralmente spazzati via dalla parete da un forte acquazzone.

La pioggia continua e le temperature gelide iniziate il 16 luglio hanno costretto il team ad annullare la spedizione una settimana prima del previsto. Fu la decisione giusta, dopo pochi giorni infatti tutti i fiumi si sono gonfiati d’acqua, muoversi attraverso la taiga è diventato problematico e il villaggio di Baunt è stato tagliato fuori dalla civiltà.

Di seguito l'elenco di tutte le vie e le vette salite durante le due spedizioni:
15.07.2019: Y. Glazunov, P. Tkachenko and N. Olenova, peak Kart, FA " The West Wall", 6c/A2, 970m
20.07.2019: Y. Glazunov, Sergei Glazunov's peak (FA), FA " The East Wall", ~6b/A2, 550m
25.07.2019: Y. Glazunov, P. Tkachenko and N. Olenova, peak Mechta (FA), FA " The South-West Wall", 6c/A2, 1200m
2.07.2020: D. Panov, A. Panov, peak Kart, FA "Sounds of Youth", 6c, 600m;
E. Glazunov, D. Sycheva and G. Abramov, FA peak Modelistov
2.07.2020: A. Boyko and P. Tkachenko, peak Kart, FA "Cascade", 6c+/A2, 825m
3-4.07.2020: P. Penkina, A. Panova and E. Leontyeva, peak Kart, FA "Your choice", 6a+/A2, 1071m
5.07.2020: A. Syshchikov and E. Glazunov, peak Kart, FA "Big Chimney", 6c, 615m
8.07.2020: D. Panov, A. Panov, peak Kart, FA "Kuhelklopf", 7b, 885m
11.07.2020: E. Leontyeva, peak Altair (FA)
12.07.2020: E. Glazunov, D. Sycheva, A. Panova, peak Mechta, FA «Der fliegende Hollander», 6c, 1065m;
A. Boyko and P. Tkachenko, peak Mechta, FA "The South Ridge", ~6c, 1200m;
E. Leontyeva, G. Abramov, A. Ramazanova, D. Sycheva and P. Penkina, traverse: peak Chudovische (FA) - peak Tatyana (FA) - peak Medikov (FA) - peak Krasavitsa (FA)
13.07.2020: D. Panov, A. Panov, peak Mechta, FA "Dragon", 6b, 950m
14.07.2020: A. Syshchikov and E. Glazunov, FA Alexei Bolotov’s peak
15.07.2020: D. Panov, A. Panov, P. Penkina, A. Panova, traverse: peak Chudovische - peak Max Fry(FA) – Bushuev’s peak (FA);
G. Abramov, peak Stega (FA)
A. Syshchikov, E. Glazunov, A. Boyko and P. Tkachenko - peak Mechta, East wall attempt

All routes are completed in a good style without the use of anchors

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Kilian Fischhuber e Co. salgono i Sundrun Pillars in Siberia
24.10.2018
Kilian Fischhuber e Co. salgono i Sundrun Pillars in Siberia
Arrampicata in Siberia: Kilian Fischhuber, Robert Leistner e Galya Terenteva hanno salito una serie di pilastri, conosciuti come i Sundrun Pillars nella zona di Ulakhan-Sis, Russia.
Salvato Alexander Gukov sul Latok I
31.07.2018
Salvato Alexander Gukov sul Latok I
L’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato per oltre sei giorni sul Latok I, è stato portato in salvo dagli elicotteri dell’aeronautica militare pachistana.
Latok I: Sergey Glazunov ha perso la vita, Alexander Gukov bloccato a 6200 metri
26.07.2018
Latok I: Sergey Glazunov ha perso la vita, Alexander Gukov bloccato a 6200 metri
Ore difficili sul Latok I (7,145 m) nel Karakorum dove si trova bloccato a quota 6200m l’alpinista russo Alexander Gukov dopo la morte del suo compagno di cordata Sergey Glazunov. È iniziata un’operazione di soccorso in corsa contro il tempo.
Bilibino big wall in Siberia
13.04.2016
Bilibino big wall in Siberia
Il video di Hansjörg Auer, Jacopo Larcher, Eneko Pou, Iker Pou e Siebe Vanhee e l’apertura delle nuove vie d’arrampicata sulle big wall di granito a Bilibino in Siberia, Russia.
Bilibino, nuove vie d'arrampicata australiane in Siberia
13.10.2015
Bilibino, nuove vie d'arrampicata australiane in Siberia
Nei mesi di luglio e agosto i climbers australiani Chris Fitzgerald, Natasha Sebire e Gemma Woldendorp hanno aperto diverse nuove vie d’arrampicata sulle inviolate pareti Finger Crack Cirque e Weasel Tower vicino alla città di Bilibino in Siberia, Russia.
Bilibino, nuove vie d'arrampicata in Siberia
14.09.2015
Bilibino, nuove vie d'arrampicata in Siberia
A luglio Hansjörg Auer, Jacopo Larcher, Eneko Pou, Iker Pou e Siebe Vanhee hanno aperto 8 nuove vie d’arrampicata sulle big wall di granito vicino a Bilibino in Russia.
Bilibino, Russia: nuove big wall salite dagli australiani Fitzgerald e Warner
17.09.2014
Bilibino, Russia: nuove big wall salite dagli australiani Fitzgerald e Warner
Quest'estate i climbers australiani Chris Fitzgerald e Chris Warner, dopo aver visto una foto scattata da un amico russo, si sono recati nella remota zona attorno alla cittadina di Bilibino nella Russia orientale per aprire 6 nuove vie su quello che credono siano 4 cime precedentemente inviolate. Il racconto di Chris Warner.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra