Home page Planetmountain.com
Latok I (7,145 m), Karakorum e l'evidente cresta nord
Fotografia di www.mountain.ru
Latok I (7,145 m), Karakorum: una foto scattata il 25/07/2018
Fotografia di www.mountain.ru
Aleksander Gukov, vincitore di un Piolet d’Or nel 2015 insieme a Aleksey Lonchinsky per la salita della parete sud-ovest del Thamserku
Fotografia di Lanzeni / Piolets d'Or

Latok I: Sergey Glazunov ha perso la vita, Alexander Gukov bloccato a 6200 metri

di

Ore difficili sul Latok I (7,145 m) nel Karakorum dove si trova bloccato a quota 6200m l’alpinista russo Alexander Gukov dopo la morte del suo compagno di cordata Sergey Glazunov. È iniziata un’operazione di soccorso in corsa contro il tempo.

Dramma in alta quota del Karakorum: uno dei migliori alpinisti russi, Alexander Gukov, si trova bloccato a circa 6200 metri sul Latok I (7,145) dopo la morte del suo compagno di scalata Sergey Glazunov.

Gukov e Glazunov si erano recati in Pakistan con l'obiettivo di completare la cresta nord del Latok I, tentata per la prima volta durante 26 giorni nel 1978 dagli statunitensi Jim Donini, Michael Kennedy, Jeff Lowe e George Lowe. Nei successivi 40 anni la cresta, spaventosa quanto apparentemente senza fine, è stata tentata ripetutamente da alcuni dei migliori alpinisti del mondo. Nel 2017 Gukov, Anton Kashevnik e Valery Shamalo avevano raggiunto 6700 metri prima di scendere a causa della mancanza di rifornimenti.

Secondo Anna Piunova di www.mountain.ru, Gukov e Glazunov erano partiti 14 giorni fa per cercare di risolvere quello che viene ampiamente conosciuto come uno dei più grandi problemi dell'alpinismo in alta quota. Con loro avevano soltanto 5 giorni di viveri. Un segnale GPS ricevuto il 24 luglio ha individuato i due a 6975m. Ieri invece la tragedia quando Sergey Glazunov è caduto durante una discesa in corda doppia.

Gukov ha lanciato un messaggio di SOS ed immediatamente ha preso il via un'operazione di soccorso, con i fortissimi polacchi Adam Bielecki e Andrzej Bargiel e il tedesco David Goettler che si sono offerti per cercare di raggiungere Gukov a 6.200m. Bargiel però si trova a Skardu, Bielecki e Göttler invece al campo base del Gasherbrum II. Proprio mentre scriviamo un elicottero ha cercato, senza successo, di raggiungerli per trasportarli al campo base del Latok I. Le condizioni meteorologiche purtroppo sono tutt'altro che ideali.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Salvato Alexander Gukov sul Latok I
31.07.2018
Salvato Alexander Gukov sul Latok I
L’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato per oltre sei giorni sul Latok I, è stato portato in salvo dagli elicotteri dell’aeronautica militare pachistana.
Latok I, aggiornamenti sui soccorsi ad Alexander Gukov
29.07.2018
Latok I, aggiornamenti sui soccorsi ad Alexander Gukov
Aggiornamenti dal Pakistan sul tentativo di salvataggio dell’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato a quota 6200m sul Latok I (7,145 m) in Karakorum
Latok I: aggiornamento sul tentativo di salvataggio di Alexander Gukov
27.07.2018
Latok I: aggiornamento sul tentativo di salvataggio di Alexander Gukov
Gli ultimi aggiornamenti sul tentativo di salvataggio dell’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato a quota 6200m sul Latok I (7,145 m) in Karakorum.
Andrzej Bargiel sul K2 compie con gli sci la storica prima discesa
23.07.2018
Andrzej Bargiel sul K2 compie con gli sci la storica prima discesa
Il 22 luglio 2018 il 30enne polacco Andrzej Bargiel ha effettuato l’ambita e storica prima discesa del K2 con gli sci, partendo dagli 8611 metri della cima della seconda montagna più alta della terra.
Sul soccorso al Nanga Parbat
30.01.2018
Sul soccorso al Nanga Parbat
Il soccorso di Elisabeth Revol sul Nanga Parbat da parte di Denis Urubko, Adam Bielecki, Jarek Botor e Piotr Tomala e la grandezza di tutti i soccorritori e di chi non esita ad aiutare chi è in difficoltà.
Nanga Parbat: finisce l'odissea di Elisabeth Revol!
28.01.2018
Nanga Parbat: finisce l'odissea di Elisabeth Revol!
Elisabeth Revol è stata soccorsa sul Nanga Parbat da Adam Bielecki, Denis Urubko, Jarek Botor e Piotr Tomala che hanno lavorato ininterrottamente per tutta la notte. Un elicottero ha portato la francese ad Islamabad; tornerà in Francia per curarsi i congelamenti, mentre i quattro ritorneranno a tentare di salire K2 in inverno.
Piolet d'Or 2015: la grande serata finale a Courmayeur
13.04.2015
Piolet d'Or 2015: la grande serata finale a Courmayeur
Si é chiusa sabato 11 aprile, con la cerimonia di consegna dei premi al Palanoir di Courmayeur, la 23° edizione dei Piolets d’Or, gli Oscar dell’alpinismo. La coppia statunitense formata da Tommy Caldwell e Alex Honnold, i russi Aleksander Gukov e Aleksey Lonchinsky e gli sloveni Marko Prezelj, Ales Cesen e Luka Lindic si aggiudicano il Piolets d’Or 2015. Ad un emozionato Chris Bonington il Piolets d’Or Carrière.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni