Home page Planetmountain.com
Alexander Gukov all'interno dell'elicottero che l'ha salvato sul Latok I.
Fotografia di www.mountain.ru
Latok I: il punto preciso dove è stato prelevato Alexander Gukov
Fotografia di www.mountain.ru
Latok I: il punto preciso dove è stato prelevato Alexander Gukov
Fotografia di www.mountain.ru
Latok I: Alexander Gukov a campo base dopo 6 giorni oltre 6200 metri
Fotografia di www.mountain.ru

Salvato Alexander Gukov sul Latok I

di

L’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato per oltre sei giorni sul Latok I, è stato portato in salvo dagli elicotteri dell’aeronautica militare pachistana.

In quello che è un autentico miracolo, è stato salvato l’alpinista russo Alexander Gukov sul Latok I, bloccato da oltre sei giorni a quota 6200 metri dopo la morte del suo compagno di cordata Sergey Glazunov.

Aggiornamento ore 10:05 del 31/07/2018
Seguono tutti i dettagli dell’operazione di soccorso inviatoci da Anna Piunova di www.mountain.ru, scritti dal sul partner pachistano che sta coordinando il salvataggio.

Dopo aver perseverato e per due giorni consecutivi messo le loro vite in pericolo, i piloti del Quinto Gruppo Aviazione in Quota del Pakistan hanno dimostrato ancora una volta di essere tra i migliori salvando Alex Gukov con un'operazione di longline a 6300m.

Il cielo si era schiarito durante la notte: la natura finalmente aveva concesso una tregua... Stamattina il cielo è stato per lo più azzurro con alcune nuvole attorno al Latok. Ed è questo che ha spinto l'equilibrio a favore dei coraggiosi piloti dei ‘Fearless Five’. Tuttavia hanno dovuto combattere contro i forti venti a 6300m durante l'operazione di soccorso.

La formazione (2 X Écureuil B3s) è decollata da Skardu alle ore 04:55 ed è arrivata al campo base del Latok intorno alle 05:30. Sono passati per il campo base del Jhola Camp per alleggerire gli elicotteri. Al campo base del Latok i piloti hanno deciso di eseguire un primo volo per identificare l’esatta posizione di Alex Gukov. La longline è stata collegata all’elicottero B3 al campo base (ma è stata mantenuta all'interno del veivolo) e gli elicotteri sono decollati per la missione intorno alle 05:45. Il carburante è stato tolto al campo base per alleggerire i veivoli e per fare un deposito di carburante al campo base, pronto per essere utilizzato per successivi tentativi di salvataggio.

Gli Écureuils hanno risalito la montagna e hanno volato per circa 45 minuti a 6300 metri prima di avvistare Alex su una stretta cresta. A causa delle forti nevicate, la tenda arancione era sepolta dalla neve.

Il piano del primo tentativo era di individuare Alex e verificare il terreno prima di scendere al campo base, per poi ritornare per prelevare l’alpinista con il giusto carico di carburante. Tuttavia, una volta individuato Alex, gli elicotteri B3 avevano sufficientemente carburante per tentare subito un'operazione di soccorso. I piloti hanno deciso di provarci.

Il tempo era buono ma i forti venti hanno costantemente creato delle turbolenze per i B3. Con questi forti venti a quell’altitudine era difficile volare in hovering. Tuttavia, per una volta la natura è venuta in aiuto. La temperatura esterna era di -8 gradi e questo li ha aiutati a volare in hovering a 6300m (secondo i loro calcoli, idealmente avevano bisogno di -10 gradi). Ma negli ultimi due giorni, la temperatura era molto più elevata.

Un elicottero ha lanciato la longline volando vicino alla cresta. L'altro B3 era in bilico dietro e dava istruzioni per la regolazione della longline con l'anello D all'elicottero di soccorso. Quindi i due B3 hanno funzionato in tandem. Dopo aver provato per 15 minuti, Alex è finalmente riuscito ad afferrare la longline e a collegare l'anello D al suo imbrago. Il secondo elicottero ha confermato l’operazione e ha ordinato all'elicottero di soccorso di partire con Alex. A quel punto il livello del carburante si stava abbassando a livelli critici. L’operazione è stata incerta ulteriormente perché Alex si era dimenticato di togliere l'ancoraggio con il quale era fissato alla montagna. Così si è trovato collegato alla longline del B3 da una parte, e al Latok dall'altra perché… forse la montagna si rifiutava di lasciarlo andare. I piloti sono stati estremamente fortunati perché l'ancoraggio sul Latok di Alex ha finalmente ceduto, liberandolo. I B3 sono volati via e hanno portato Alex in salvo al campo base, da dove è stato poi portato direttamente all'ospedale militare di Skardu.

Sta bene ed i medici dell’ospedale si stanno prendendo cura di lui.

Riposa in pace, Sergey! Resterai nel nostro cuore e nelle nostre preghiere.

(Shamyl)

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Latok I, aggiornamenti sui soccorsi ad Alexander Gukov
29.07.2018
Latok I, aggiornamenti sui soccorsi ad Alexander Gukov
Aggiornamenti dal Pakistan sul tentativo di salvataggio dell’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato a quota 6200m sul Latok I (7,145 m) in Karakorum
Latok I: aggiornamento sul tentativo di salvataggio di Alexander Gukov
27.07.2018
Latok I: aggiornamento sul tentativo di salvataggio di Alexander Gukov
Gli ultimi aggiornamenti sul tentativo di salvataggio dell’alpinista russo Alexander Gukov, bloccato a quota 6200m sul Latok I (7,145 m) in Karakorum.
Latok I: Sergey Glazunov ha perso la vita, Alexander Gukov bloccato a 6200 metri
26.07.2018
Latok I: Sergey Glazunov ha perso la vita, Alexander Gukov bloccato a 6200 metri
Ore difficili sul Latok I (7,145 m) nel Karakorum dove si trova bloccato a quota 6200m l’alpinista russo Alexander Gukov dopo la morte del suo compagno di cordata Sergey Glazunov. È iniziata un’operazione di soccorso in corsa contro il tempo.
Piolet d'Or 2015: la grande serata finale a Courmayeur
13.04.2015
Piolet d'Or 2015: la grande serata finale a Courmayeur
Si é chiusa sabato 11 aprile, con la cerimonia di consegna dei premi al Palanoir di Courmayeur, la 23° edizione dei Piolets d’Or, gli Oscar dell’alpinismo. La coppia statunitense formata da Tommy Caldwell e Alex Honnold, i russi Aleksander Gukov e Aleksey Lonchinsky e gli sloveni Marko Prezelj, Ales Cesen e Luka Lindic si aggiudicano il Piolets d’Or 2015. Ad un emozionato Chris Bonington il Piolets d’Or Carrière.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni