Home page Planetmountain.com
L'apertura di Shoganai alla Lorano wall del Monte Pesaro nelle Alpi Apuane (Filippo Arigoni, Gianluca Pratelli)
Fotografia di Filippo Arigoni / Gianluca Pratelli
Vista da Shoganai alla Lorano wall del Monte Pesaro nelle Alpi Apuane (Filippo Arigoni, Gianluca Pratelli). 'La via si sviluppa su una bellissima parete ancora non attaccata dalle cave, davanti alla parete è purtroppo presente uno dei più grandi bacini marmiferi di tutte le Apuane, si presenta tutto intorno uno scenario di devastazione sconcertante, è molto contrastante essere su dei tiri stupendi e avere tutto intorno rumore di cave e devastazione a perdita d’occhio.'
Fotografia di Filippo Arigoni / Gianluca Pratelli
Gianluca Pratelli e Filippo Arigoni durante l'apertura di Shoganai alla Lorano wall del Monte Pesaro nelle Alpi Apuane. La pietra in mano è il martello usato per piantare i fix dell'ultimo tiro.. perduto il martello in apertura
Fotografia di Gianluca Pratelli
Lorano wall del Monte Pesaro nelle Alpi Apuane con le vie d'arrampicata
Fotografia di Filippo Arigoni / Gianluca Pratelli

Shoganai al Monte Pesaro nelle Alpi Apuane di Filippo Arigoni e Gianluca Pratelli

di

Il report di Filippo Arigoni che insieme a Gianluca Pratelli ha aperto Shoganai, una bella e difficile via d’arrampicata alla Lorano wall del Monte Pesaro nelle Alpi Apuane.

Il termine giapponese Shoganai non si può tradurre con una parola italiana, indica ciò che non può essere evitato, ciò che è al di fuori del nostro controllo.

Nella cultura occidentale si tende a pensare che ci sia sempre una soluzione alternativa o la possibilità di evitare quello che non vorremmo. L'essere umano spesso si trova incapace di accettare l’imprevedibilità della vita, questo termine ci ricorda che è possibile saper accettare in maniera profonda e positiva qualcosa che va fuori dal nostro controllo.

Ho scelto di chiamare cosi la via perché una volta iniziata la salita bisogna essere pronti ad accettare l'avventura che incontreremo lungo il percorso. Sono successe una serie di cose imprevedibili aprendo dal basso, ripetendo la via potrete immedesimarvi in alcune situazioni vissute, altre invece rimangono solo nel vissuto dell'apertura, come la perdita del martello prima di iniziare a piantare i fix della penultima sosta, ho utilizzato un sasso estirpato dai ciuffi d'erba per piantarli, sull'ultimo tiro non ci sono fix per questo motivo.

In apertura dal basso sono stati messi solo i fix che ho ritenuto necessari, serve un adeguata abilità e rapidità nel piazzare le protezioni veloci, decisione e un ottimo assicuratore dove i run out sono improteggibili.

Grazie a Gianluca Pratelli che ha reso possibile inseguire e concretizzare questa avventura, grazie per le ore passate in sosta, a scansare le pietre che ho staccato, per tutti i voli trattenuti, per la fatica, il freddo patito e molte altre cose, non è scontato trovare qualcuno disposto ad inseguire e condividere un sogno faticoso.

La via si sviluppa su una bellissima parete ancora non attaccata dalle cave, davanti alla parete è purtroppo presente uno dei più grandi bacini marmiferi di tutte le Apuane, si presenta tutto intorno uno scenario di devastazione sconcertante, è molto contrastante essere su dei tiri stupendi e avere tutto intorno rumore di cave e devastazione a perdita d’occhio.

Aprire una nuova via qui per me significa anche rendere visibile una situazione inaccettabile e cercare di salvare le bellezze che ci sono rimaste. Vorrei mettere l'attenzione sul fatto che le bellissime Apuane sono ogni giorno smontate un pezzo per volta. Ci sono dei vecchi tentativi di estrazione alla base della parete, per quanto questa magnifica parete resterà ancora intatta? Apriamo gli occhi e guardiamo anche quello che non vorremo vedere, ignorare il bacino marmifero non porta miglioramenti, spero di riuscire a catturare attivamente le intenzioni di voi lettori, vorrei avviare un processo che possa permettere l'unione delle singole intenzioni e che porti a fermare o almeno ridurre l'estrazione di marmo dalle nostre Apuane, sogno? Utopia? Spero tanto che invece accada.

di Filippo Arigoni

SCHEDA: Shoganai, Monte Pesaro, Alpi Apuane

Link: www.versanteapuano.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
E se fossero stati gli alieni...? Nuova via sul Monte Croce nelle Alpi Apuane
16.10.2020
E se fossero stati gli alieni...? Nuova via sul Monte Croce nelle Alpi Apuane
Il racconto di Alberto Benassi che a luglio insieme ad Alessandro Rossi ha aperto E se fossero stati gli alieni...?, una nuova via d'arrampicata sul Monte Croce nelle Alpi Apuane.
Alpi Apuane da Nord a Sud, la traversata alpinistica di Francesco Bruschi e Francesco Tomé
13.10.2020
Alpi Apuane da Nord a Sud, la traversata alpinistica di Francesco Bruschi e Francesco Tomé
Il racconto del 17enne Francesco Bruschi che qualche mese fa insieme all’amico 20enne Francesco Tomé ha portato a termine la traversata delle Alpi Apuane da Nord a Sud. 160 chilometri, 12.000 metri di dislivello e 40 cime in 11 giorni per un “viaggio indimenticabile” effettuato dai due giovani toscani senza mezzi meccanici.
Carie, l’arrampicata e le cave di marmo delle Alpi Apuane
05.02.2020
Carie, l’arrampicata e le cave di marmo delle Alpi Apuane
Carie è il viaggio di un gruppo di arrampicatori, fotografi e video-maker all’interno del controverso mondo delle cave di marmo sulle Alpi Apuane. Ma non solo: l’idea di Marzio Nardi, Federico Ravassard e Achille Mauri è poi diventata un progetto dove l'arrampicata funge soltanto da co-protagonista, ospite di un ambiente dove le pareti rappresentano “un enorme serie di contraddizioni a livello sociale ed ambientale.” Dopo le presentazioni a Milano, Lecco e Torino, il tour continua a Bergamo e Roma.
Giancarlo Dolfi, l'alpinismo e le Alpi Apuane
18.11.2016
Giancarlo Dolfi, l'alpinismo e le Alpi Apuane
La seconda puntata di Elio Bonfanti dedicata alle Alpi Apuane e ad una delle persone che hanno reso speciali questi luoghi: l’alpinista Giancarlo Dolfi.
Il Monte Procinto nelle Alpi Apuane. Di Elio Bonfanti
17.11.2016
Il Monte Procinto nelle Alpi Apuane. Di Elio Bonfanti
In questa prima puntata Elio Bonfanti presenta il Monte Procinto nelle Alpi Apuane e due delle vie d'arrampicata di questa bella montagna: Effetti Collaterali e la Dolfi-Rulli (o Via Luisa). Nella seconda puntata, che sarà pubblicata domani, Bonfanti presenta invece una delle persone che hanno reso speciali questi luoghi: Giancarlo Dolfi.
Alpi Apuane e Appennini: la lettera aperta dai rifugisti per salvare il Piano Paesaggistico della Regione Toscana
18.03.2015
Alpi Apuane e Appennini: la lettera aperta dai rifugisti per salvare il Piano Paesaggistico della Regione Toscana
Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta dalla Associazione Rifugi Alpi Apuane e Appennini indirizzata al Governatore della Regione Toscana Enrico Rossi per salvare il Piano Paesaggistico della Toscana. I gestori dei rifugi chiedono il sostegno attraverso una petizione online.
Alpinismo invernale sulle Alpi Apuane
17.02.2015
Alpinismo invernale sulle Alpi Apuane
La guida alpina Giampaolo Betta presenta tre itinerari di alpinismo invernale nelle Alpi Apuane: Canale Batic su Pania Secca, la Via Frisoni - Stagno su Grondilice e il Canale - Camino di sinistra del Torrione di Capradossa su Pizzo d'Uccello.
Alpi Apuane, sci alpinismo vista mare
07.01.2014
Alpi Apuane, sci alpinismo vista mare
La Guida Alpina Giampaolo Betta presenta tre itinerari di scialpinismo nelle Alpi Apuane: la Carcaraia del Monte Tambura, il Monte Sagro e il Canale delle Rose sul Pisanino.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós