Home page Planetmountain.com
Esplorando la valle Yarkhun, Pakistan, in fondo la Risht Peak salita per la prima volta da Pierrick Fine, Antoine Rolle, Aurélien Vaissière, Symon Welfringer. Le altre cime sono inviolate
Fotografia di archive Symon Welfringer
Symon Welfringer assicura Aurélien Vaissière durante la prima salita di Risht Peak nella valle Yarkhun, Pakistan, insieme a Pierrick Fine e Antoine Rolle
Fotografia di archive Symon Welfringer
Aurélien Vaissière, Pierrick Fine, Symon Welfringer e Antoine Rolle in cima a Risht Peak nella valle Yarkhun, Pakistan
Fotografia di archive Symon Welfringer
Risht Peak in fondo al ghiacciaio Risht nella valle Yarkhun, Pakistan, salita per la prima volta da Pierrick Fine, Antoine Rolle, Aurélien Vaissière e Symon Welfringer il 22 maggio 2019
Fotografia di archive Symon Welfringer

Risht Peak e la valle inesplorata dello Yarkhun in Pakistan

di

Symon Welfringer racconta la spedizione francese composta da lui e da Aurélien Vaissière, Pierrick Fine e Antoine Rolle nella valle Yarkhun in Pakistan, durante la quale sono riusciti a salire l’inviolato Risht Peak (5960 m)

Dal 26 aprile 2019 al 31 maggio ho visitato il remoto confine tra il Pakistan e Afghanistan con tre amici, Aurélien Vaissière, Pierrick Fine e Antoine Rolle. Avevamo deciso di esplorare una valle sconosciuta nel profondo Himalaya pakistano. Dopo aver cercato luoghi selvaggi su Google Earth, abbiamo trovato il posto che sognavamo nella valle dello Yarkhun. Questa era stata aperta ai turisti negli anni ’80, ma quando è iniziato il conflitto tra i due paesi l'area è stata chiusa agli stranieri.

Siamo stati quindi i primi alpinisti ad entrare in questa valle dopo molto tempo. Al nostro arrivo abbiamo deciso di acclimatarci salendo l’enorme ghiacciaio Risht e crediamo di essere stati i primi ad addentraci su questo ghiacciaio da questo versante.

È stata una sensazione intensa sciare per 6 giorni su questo ghiacciaio, partendo dal campo base a 3000 metri e finendo alla fine del ghiacciaio, su un colle a 5600 metri. Questi 6 giorni sono stati piuttosto stancanti in quanto abbiamo dovuto trovare un percorso sicuro per attraversare i crepacci. L'ultimo giorno abbiamo dovuto arrampicare un po’ per raggiungere il colle a 5600m.

Eravamo molto stanchi dopo questa prima settimana in montagna, ma siamo riusciti a scendere il ghiacciaio nella sua completezza; è stata una sensazione incredibile sciare su neve perfetta in un luogo così selvaggio.

Più tardi, poiché le finestre del bel tempo erano troppo brevi per tornare in alta quota, abbiamo scelto di scoprire un posto per fare del boulder che avevamo notato mentre salivamo al campo base. Abbiamo preso quindi tutta la nostra attrezzatura per l’arrampicata e cibo per due giorni e abbiamo scoperto un'area di boulder davvero interessante con numerosi blocchi dal 6A al 7B. È stato davvero interessante incontrare persone che vivono vicino a questi massi e provare a comunicare con loro. Come ho accennato prima, siamo stati i primi stranieri ad entrare nell'area dopo molto tempo, quindi per molte persone è stato piuttosto strano vederci. E ancora più strano è stato per loro vederci arrampicare su quei piccoli massi!

Siamo poi tornati a campo base per due giorni di riposo prima di ritornare in montagna. Le previsioni del tempo non erano troppo buone, soltanto una breve finestra di tre giorni e mezzo di sereno prima di un'altra tempesta sul nostro massiccio.

Abbiamo deciso di tornare alla fine del ghiacciaio il più velocemente possibile per provare a salire una linea mista su una cima inviolata che avevamo visto durante l'acclimatamento.

Nei due giorni successivi siamo riusciti a salire da 3000m a 5400m, salendo in quei 2 giorni ciò che avevamo precedentemente salito in 6,è stato davvero estenuante. E anche se eravamo già stanchi a causa di questi due grandi giorni di scialpinismo, siamo rimasti concentrati sulla linea che volevamo salire.

Il 22 maggio, dopo essere partiti presto la mattina, abbiamo raggiunto la base di una linea di 500 metri con alcune sezioni di ghiaccio e roccia. Dopo la prima parte su facili pendii di neve, abbiamo incontrato terreno più difficile con ghiaccio fino a 90° che abbiamo valutato AI5. Il seguente tiro è stato quello chiave, sono riuscito a salirlo da capocordata stimandolo attorno all’ M6 con brutte protezioni. Poi sono seguiti incredibili tiri di ghiaccio, un po’ più facili ma ancora sostenuti fino alla cresta finale.

Siamo arrivati alla base della cresta sommitale esausti, le condizioni della neve erano orribili. Quest'ultima parte è stata davvero difficile sia fisicamente sia mentalmente, poiché abbiamo dovuto scavare nella neve profonda per guadagnare quota. Sembrava che stessimo facendo un passo avanti e due indietro. Dopo un'enorme battaglia mentale, sono riuscito a battere la traccia fino alla cima. Abbiamo stimato che questa si trovasse a 5960m, stando alla lettura del nostro GPS e ai barometri dei nostri orologi.

Il maltempo stava arrivando e abbiamo dovuto sbrigarci. Ci siamo calati per l'intera parete nella tempesta, giusto per essere sicuri di essere stanchi a sufficienza!

Il giorno seguente siamo scesi verso il campo base, sentendoci esausti ma anche molto soddisfatti della nostra nuova via. Dopo un po’ di riposo, abbiamo pensato a come avremmo potuto terminare il viaggio in bellezza. I nostri occhi si sono volti verso una bellissima gola piena di fessure ancora più belle, che dividevano le pareti dal basso verso l'alto.

Per arrampicare il più possibile, abbiamo scalato in due diverse cordate e abbiamo aperto due nuove vie di roccia. Mentre Antoine e Aurel hanno aperto Chaue Sueurs (150m 6c+ max) Pierrick e io abbiamo scoperto una linea incredibilmente bella ed impegnativa. Anche se la qualità della roccia era scarsa su alcuni tiri, in particolare il quinto, questo ha aggiunto un po’ di pepe alla giornata e molti tiri di fessura erano eccellenti e con buone protezioni. La nostra via, Removable Crux (250m, 7b+ 250m) è stata aperta col solo uso di nuts e friends. Questo ha segnato la fine del nostro viaggio che è stato di gran lunga la mia migliore esperienza di spedizione fino ad oggi. Pakistan rocks

Un ringraziamento a: Millet mountain, Petzl, Au vieux campeur, Elbec socks, 4 ultra, Hard bar. Ed un speciale ringraziamento a Ambroise Guiot per le previsioni meto e Ishaq Aaliper l'organizzazione.

Link: FB Symon Welfringer

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Colonne d'Ercole in Civetta, Dolomiti ripetuta a-vista da cordata francese
24.08.2019
Colonne d'Ercole in Civetta, Dolomiti ripetuta a-vista da cordata francese
L’alpinista francese Symon Welfringer parla della sua ripetizione, con i compagni di arrampicata Antonin Cechini e Aurélien Vaissière, di Colonne d'Ercole sulla parete nord-ovest della Civetta nelle Dolomiti, aperta da Alessandro Baù, Alessandro Beber e Nicola Tondini con difficoltà fino all’IX grado.
Divine Providence sul Monte Bianco in inverno per Xavier Cailhol e Symon Welfringer
19.03.2019
Divine Providence sul Monte Bianco in inverno per Xavier Cailhol e Symon Welfringer
Dal 17 al 19 febbraio 2019 i giovani alpinisti francesi Xavier Cailhol e Symon Welfringer hanno effettuato una salita invernale di Divine Providence sul Grand Pilier d'Angle, una delle vie più famose nel massiccio del Monte Bianco.
Corno Stella Diedro Rosso, prima libera invernale per Symon Welfringer e Xavier Cailhol
29.01.2019
Corno Stella Diedro Rosso, prima libera invernale per Symon Welfringer e Xavier Cailhol
Gli alpinisti francesi Symon Welfringer e Xavier Cailhol hanno completato la probabile prima invernale tutta in libera del Diedro Rosso sulla parete NE del Corno Stella (Alpi Marittime).
Le Quatuor à cordes, nuova via sul Lobuche East nel Khumbu Nepalese
03.12.2018
Le Quatuor à cordes, nuova via sul Lobuche East nel Khumbu Nepalese
Himalaya: gli alpinisti francesi Aurélien Vaissière, Antonin Cecchini, Laurent Thévenot e Symon Welfringer hanno aperto Le Quattro à Cordes, una nuova via sul Lobuche East (6120 m) sopra la valle del Khumbu in Nepal

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni