Home page Planetmountain.com
La parete nordest del Pizzo Badile, salito da Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach il 26 novembre 2020 lungo Crossway of Friendship, una variante dedicata a Matteo Bernasconi. 'La parete è completamente bianca, ricoperta da una corazza di ghiaccio e neve uniforme, al punto da coprire quasi completamente il granito, che affiora di tanto in tanto, come degli scogli che emergono dal mare.'
Fotografia di Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach
Matteo Della Bordella sul Pizzo Badile aprendo Crossway of Friendship insieme a Silvan Schüpbach. 'Non sappiamo bene cosa fare ed anche se siamo abituati alle grandi pareti, l’ambiente in cui ci troviamo è serio e ci intimorisce non poco.'
Fotografia di Silvan Schüpbach
Silvan Schüpbach sul Pizzo Badile salendo Crossway of Friendship insieme a Matteo Della Bordella. 'Terminato il lungo traverso, la parete si impenna, e vediamo una bellissima striscia bianca perfetta scendere lungo un diedro. Decidiamo di seguirla, senza sapere dove porti; l’unica certezza che abbiamo è di essere almeno 50 metri o più a destra della Via Cassin.'
Fotografia di Matteo Della Bordella
Matteo Della Bordella sul Pizzo Badile salendo Crossway of Friendship insieme a Silvan Schüpbach. 'Silvan conduce da primo tre lunghi tiri spaziali, su lingue di ghiaccio molto sottili, proteggendosi dove affiora la roccia. L’ultimo dei quali è senza dubbio il più impegnativo, con qualche sporadico passo in dry tooling e protezioni più precarie.
'
Fotografia di Silvan Schüpbach

Badile: Matteo Della Bordella e la salita dedicata a Bernasconi

di

Il racconto di Matteo Della Bordella sull’apertura di Crossway of Friendship, la nuova via sulla nordest del Pizzo Badile aperta insieme a Silvan Schüpbach e dedicata all’amico Matteo Bernasconi.

È davvero impossibile pensare alla Nord Est del Badile in condizioni invernali senza pensare a Matteo Bernasconi "Berna". Ho perso il conto delle volte che mi ha parlato di quella parete e di quante volte lo avesse incantato e poi illuso, con le sue condizioni che si possono riassumere in una sola parola: effimere.


Il suo racconto della salita in inverno dello spigolo Nord è un regalo fantastico che ha lasciato a tutti noi. Testimonianza di spontaneità, entusiasmo, gioventù ed avventura allo stato puro… quanti di noi alpinisti non si possono riconoscere nelle sue parole, anche se in contesti differenti?


Quella parete lo aveva stregato, mi aveva raccontato di quella volta che tentò la Via del fratello nell’inverno 2005 e ci teneva sempre a sottolineare che il suo sogno non era la Nord-Est del Badile in invernale, bensì la Nord-est del Badile in piolet traction. Differenza insignificante per i non-alpinisti, ma fondamentale per lui, che per anni ha cercato di spiegare a sè stesso come si fossero formate quelle colate di ghiaccio che nel 2005 gli permisero di salire una parte di parete arrampicando con picozze e ramponi su terreno verticale, senza quasi mai toccare la roccia.


Condizioni che ha inseguito a lungo, in numerosi tentativi, che non ha mai più ritrovato. Condizioni effimere che, ironia della sorte, si sono presentate proprio adesso. Senza preavviso, senza motivo e senza alcun senso, come tante cose che accadono nella vita.


Stavo passando in tranquillità queste settimane di "lockdown" quando, dopo aver sentito vari amici per combinare qualcosa in montagna, è stato Silvan Schüpbach, all’ultimo momento, a far partire questo fulmine a ciel sereno: "la Nord-Est del Badile sembra essere in condizioni, proviamo?"


L’informazione arriva da Marcel Schenk, fortissimo alpinista svizzero e grande conoscitore di questa montagna, colui che nel 2016 per primo aveva salito la Nord Est del Badile, con picozze e ramponi, lungo la linea immaginata e tentata varie volte da Berna.


Silvan ed io, invece, non siamo certo dei grandi conoscitori della montagna e della zona… Per me l’unica volta sulla Nord Est era stata nell’estate 2003 con mio padre Fabio, lungo la via Cassin, mentre Silvan a sua volta aveva salito quella via, sempre più di 10 anni fa.


Con un zaino carico di tanti dubbi, ma anche di tanta curiosità e voglia di avventura, mercoledì 25 novembre saliamo al rifugio Sasc Furä. Il giorno seguente non inizia nel migliore dei modi: partiamo di buon’ora dal rifugio, ma la neve profonda, il buio e la mancanza di conoscenza del luogo ci rallentano non poco, cosicché arriviamo al colle, dove parte lo Spigolo Nord, in ritardo rispetto a quanto preventivato.
 La parete è completamente bianca, ricoperta da una corazza di ghiaccio e neve uniforme, al punto da coprire quasi completamente il granito, che affiora di tanto in tanto, come degli scogli che emergono dal mare.


In questo mare bianco fatichiamo ad individuare le vie già esistenti e nutriamo ancora parecchi dubbi sulla tenuta di questo strato di neve e ghiaccio attaccato alla parete. Non sappiamo bene cosa fare ed anche se siamo abituati alle grandi pareti, l’ambiente in cui ci troviamo è serio e ci intimorisce non poco. Dopo una pausa ed un breve confronto sul da farsi, rompiamo gli indugi e ci lasciamo semplicemente abbandonare al nostro istinto, attaccando la parete nel modo che a noi pareva più istintivo per noi, ovvero con un infinito traverso di 300-400 metri sulle placche ricoperte da ghiaccio e neve. Niente è programmato e non abbiamo idea di dove salire e di cosa ci possa aspettare: decidiamo solo di continuare a seguire la curiosità e l’istinto che ci hanno condotto fino a quel punto.


Lo strato di ghiaccio è sempre molto sottile e difficile da proteggere, ma i ramponi e le picozze entrano che è un piacere…così saliamo per lo più "in conserva", con una o due protezioni tra di noi.


Terminato il lungo traverso, la parete si impenna, e vediamo una bellissima striscia bianca perfetta scendere lungo un diedro. Decidiamo di seguirla, senza sapere dove porti; l’unica certezza che abbiamo è di essere almeno 50 metri o più a destra della Via Cassin. Silvan conduce da primo tre lunghi tiri spaziali, su lingue di ghiaccio molto sottili, proteggendosi dove affiora la roccia. L’ultimo dei quali è senza dubbio il più impegnativo, con qualche sporadico passo in dry tooling e protezioni più precarie.
Poi mi cede nuovamente il comando e con un lungo tiro di circa 80 metri raggiungo lo Spigolo Nord, che seguiamo fino in vetta al Pizzo Badile.

Sono le 16.30. La luce della sera, il ricordo di quando cinque mesi prima eravamo in quello stesso posto a spargere le tue ceneri, sulla croce di vetta i tappi di birra legati insieme con scritto Ciao Berna. Dentro di me un turbine di emozioni, positive e negative che non riesco a decifrare… tutto scorre velocemente, tutto mi passa davanti senza spiegazione.

Raggiungiamo il bivacco Redaelli che sarà il nostro riparo per la notte… con Silvan una stretta di mano sincera, dopo l’ennesima grande avventura insieme. Un’avventura diversa dalle altre, che lascia un vuoto e tante domande, cos’è per ognuno di noi l’amicizia?

di Matteo Della Bordella

Link: ragnilecco.comFB Matteo Della BordellaKarposKongSCARPAVibram

Crossway of friendship

Matteo Della Bordella, Silvan Schüpbach 26/11/2020

800m difficoltà max M6

Combinazione di vie esistenti sulla parete Nord Est del Badile in condizioni invernali. La prima parte della via segue un lungo traverso "inedito" (a conoscenza nostra) mentre la seconda parte segue la via Linea bianca

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach seguono l’istinto sul Pizzo Badile
01.12.2020
Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach seguono l’istinto sul Pizzo Badile
Gli alpinisti Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach hanno salito Crossway of Friendship sulla parete nordest del Pizzo Badile. Si tratta di una variante 'nata dall’istinto' e dedicata a Matteo Bernasconi.
Sul Pizzo Badile l’ultimo saluto a Matteo Bernasconi dai Ragni di Lecco
06.07.2020
Sul Pizzo Badile l’ultimo saluto a Matteo Bernasconi dai Ragni di Lecco
Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dei Ragni di Lecco che ieri, domenica 5 luglio, sono saliti sul Pizzo Badile, la cima simbolo delle montagne del Masino Bregaglia, per spargere le ceneri di Matteo Bernasconi
Ciao Berna! L'addio a Matteo Bernasconi
13.05.2020
Ciao Berna! L'addio a Matteo Bernasconi
Il 12 maggio è scomparso Matteo Bernasconi fortissimo alpinista, guida alpina, membro dei Ragni di Lecco. Nato nel 1982 e amato da tutti, il Berna è stato travolto da una valanga in Valtellina.
Via Cassin sul Pizzo Badile in inverno. Il report di Luca Godenzi
09.01.2017
Via Cassin sul Pizzo Badile in inverno. Il report di Luca Godenzi
Alpinismo: il racconto di Luca Godenzi che, insieme a Carlo Micheli, dal 30 al 31 dicembre 2016 ha effettuato una delle rare ripetizioni invernali della Via Cassin sulla parete NE del Badile.
Pizzo Badile Nordest Supercombo, prima ripetizione per Ines Papert e Luka Lindič
04.01.2017
Pizzo Badile Nordest Supercombo, prima ripetizione per Ines Papert e Luka Lindič
Alpinismo: il report di Ines Papert che il 30/12/2016 insieme a Luka Lindič ha effettuato la prima ripetizione della via di di ghiaccio e misto ‘Nordest Supercombo’ (800m, M7, R) sulla parete NE del Pizzo Badile.
Pizzo Badile Nordest supercombo, nuova combinazione di misto di David Hefti e Marcel Schenk
23.12.2016
Pizzo Badile Nordest supercombo, nuova combinazione di misto di David Hefti e Marcel Schenk
Il 16/12/2016 le due guide alpine svizzere David Hefti e Marcel Schenk hanno percorso la combinazione di ghiaccio e misto 'Nordest supercombo' (800m, M7, R) con una linea che unisce la Via Cassin alla via Memento Mori sulla parete NE del Pizzo Badile.
Alpinismo sul Pizzo Badile: intervista a Schenk e Gietl dopo la nuova via Amore di Vetro
23.11.2016
Alpinismo sul Pizzo Badile: intervista a Schenk e Gietl dopo la nuova via Amore di Vetro
Intervista a Marcel Schenk e Simon Gietl dopo la prima salita di 'Amore di Vetro' (800m, M5, R) la nuova via di ghiaccio e misto sulla parete NE del Pizzo Badile.
Amore di Vetro, nuova via di ghiaccio e misto sul Pizzo Badile per Marcel Schenk e Simon Gietl
19.11.2016
Amore di Vetro, nuova via di ghiaccio e misto sul Pizzo Badile per Marcel Schenk e Simon Gietl
Il 16/11/2016 Marcel Schenk e Simon Gietl hanno aperto 'Amore di Vetro' (800m, M5, R) una nuova via di ghiaccio e misto sulla parete NE del Pizzo Badile.
Tom Ballard e il piano B: Pizzo Cengalo e Pizzo Badile in solitaria, in una mattinata ed in inverno
15.02.2016
Tom Ballard e il piano B: Pizzo Cengalo e Pizzo Badile in solitaria, in una mattinata ed in inverno
Il racconto dell'alpinista inglese Tom Ballard e del suo piano B il 30/12/2015, ovvero la salita in solitaria, in giornata (anzi in una mattinata) ed in inverno dello Spigolo Vinci al Pizzo Cengalo (3369m, 400m, TD) e della Via Molteni al Pizzo Badile (3308m, 400m, D+) in Val Masino (SO).
Effimera, il sogno di Matteo Bernasconi al Pizzo Badile
20.01.2015
Effimera, il sogno di Matteo Bernasconi al Pizzo Badile
Il corto diretto da Riky Felderer con protagonista Matteo Bernasconi e il suo desiderio di aprire una nuova via di misto sulla parete NE del Pizzo Badile.
La Cassin al Badile per Marco Anghileri
27.08.2013
La Cassin al Badile per Marco Anghileri
Marco Anghileri e la salita della mitica via Cassin alla parete Nord-Est del Pizzo Badile
Memento Mori al Pizzo Badile, prima solitaria per Rossano Libera
23.07.2012
Memento Mori al Pizzo Badile, prima solitaria per Rossano Libera
Tra il 17 e il 18 luglio Rossano Libera, guida alpina e alpinista di Sondrio, ha realizzato la prima solitaria e 2a ripetizione, della direttissima Memento Mori sulla parete Nord Est del Pizzo Badile. Una via e una salita che molti definiscono la 'più allucinante' della parete.
Alpinismo: bis di prime solitarie invernali sul Badile firmate da Valseschini e Libera
25.02.2008
Alpinismo: bis di prime solitarie invernali sul Badile firmate da Valseschini e Libera
Dal 17 al 20/02 Fabio Valsecchi ha realizzato la prima solitaria invernale della via degli Inglesi sulla parete E-N-E del Pizzo Badile. Dal 21 al 23/02 Rossano Libera è sbucato in vetta al Badile percorrendo in prima solitaria e invernale la via Cassin sulla Nord Est.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock