Home page Planetmountain.com
Marcello Cominetti: pausa caffè in rifugio
Fotografia di archivio Marcello Cominetti
Marcello Cominetti e Markino Grigis a El Chalten in Patagonia
Fotografia di archivio Marcello Cominetti
1944: Partigiani in montagna con chitarra sullo sfondo. Quello in basso al centro è Giuseppe Cominetti (zio di Marcello)
Fotografia di archivio Marcello Cominetti
Marcello Cominetti in Dolomiti
Fotografia di Giuseppe Ghedina

Marcello Cominetti, tra musica, montagna e alpinismo

di

Marcello Cominetti, guida alpina e alpinista tra i più conosciuti e stimati, racconta di come la sua passione per la musica si sposi, da sempre, con il suo modo di sentire la montagna e vivere l'alpinismo ma soprattutto di come il tutto esprima la sua voglia di essere e sentirsi profondamente libero.

Dopo anni di interrotta collaborazione con Planetmountain, l’amico Vinicio mi ha chiesto se volevo scrivere un pezzo su musica e alpinismo. Se lo state leggendo, è perché ho accettato di farlo. Premetto che sono un mediocre musicista e un normalissimo alpinista e ciò mi permette di esibirmi suonando la chitarra in posti piuttosto malfamati, e di vivere facendo la guida alpina. In tutto quello che faccio ho sempre inseguito un’idea di bellezza che si rifà esclusivamente a una mia visione personale delle cose della vita. Per fortuna non l’ho mai raggiunta.

Posso garantire che l’espressione “non stare più nella pelle...” ha per me un significato vero e profondo perché spesso riesco a osservarmi dall’esterno mentre faccio quello che mi piace. Mi piace fare tante cose e credo di farne moltissime, ma tutte piuttosto male. Prima di farle non sto nella pelle dalla voglia di iniziare . Quindi mi va bene così. Mi accontento dei risultati che raggiungo anche quando fallisco, perché sento di avere altre possibilità. Basta non avere fretta.

Se un giorno ti ritrovi a suonare la tua canzone preferita su una delle tue montagne preferite, al tramonto mentre qualche decina di persone lo sta apprezzando, perché lo capisci dai loro sguardi, per me è un bel risultato. Nulla di più. E mi è successo pochi anni fa al Rifugio Pian dei Fiacconi durante il festeggiamento dei primi 15 anni di gestione di Guido Trevisan. Prima di noi avevano suonato i Vino del Mar, una band veneta molto cazzuta di cui fanno parte ex membri dei Pitura Freska. Noi, i modesti Frozen Rats (le rockbands hanno nomi assurdi, come quelli di certe vie d’arrampicata) suonavamo cover dei Pink Floyd quella sera e in prima fila avevamo gli ex Pitura a fare il tifo per noi e... i loro Pinfloi!

Quel senso estetico di cui prima mi insegue da sempre e si manifesta ogni volta che entro in una pizzeria squallida e con le lampade a luce fredda. Banale eh? Mi dico che ci vorrebbe pochissimo a rendere quel luogo accogliente e mi immagino improvvisato interior designer che sostituisce le lampade con altre a luce calda, rimescola gli arredi e ridipinge tutto con colori caldi e soffici. Fatti i cazzi tuoi, penserete, e avete ragione. Infatti tutto questo lo faccio quando apro una via in montagna o ne ripeto una tracciata da altri, perché lì c’è più spazio e libertà d’azione. Come quando si solca con gli sci un pendio di neve vergine alla massima velocità possibile, quando devi avere una linea coerente con le tue gambe e il terreno, e pensi a dove non si staccherà tutto il pendio, in un insieme istantaneo e complicato che solo l’esperienza ti permette di attraversare. E l’esperienza non è mai abbastanza.

Nella musica ci sono i suoni da mettere insieme. I suoni sono vibrazioni dell’aria che schiaccia sui nostri sensi e rispondono a schemi matematici che ne stabiliscono ritmi e pause. Peccato che ci sia la matematica nella musica, ma c’è. Infatti risulta incongruente un reef di Keith Richards con una radice quadrata, ma da questo non prescinde. Non voglio addentrarmi in luoghi ostici e quindi resterò, da brava guida alpina, sulla superficie della comprensibilità cercando nessi musica-alpinismo nello stile di un corso Cai, tanto per capirci.

Durante una spedizione alpinistica avere qualche strumento da suonare in compagnia esalta le attese così tanto che quando si deve passare all’azione sull’alpe può dispiacerti dover abbandonare la musica che stava lì per lì prendendo corpo. Questa è la situazione perenne in cui si svolge la mia esistenza, ci sono abituato. Nel dicembre 2018 a El Chaltén in Patagonia Argentina stavo suonando con Marco Grigis (questo si che è un musicista!) e Max Lucco in un bar del paese durante una giornata di pioggia. In quella si apre la porta e entra Reinhold Messner che ci dice: sapevo che vi avrei trovati qui!

Saluti, domande, le solite cose e poi una richiesta insolita per il film che Reinhold stava girando sull’infinita storia di Maestri al Cerro Torre. Sapreste suonate Andrea di De André? Vedete, ci disse, io penso che Cesare nel 1959 si sia perso sul Cerro Torre con Toni Egger un po’ come l’Andrea di quella canzone che una volta perso non sapeva più tornare...

La canzone del musicopoeta genovese, in realtà parla di un amore omosessuale, ma a Messner non glielo dico perché l’idea è bella (sempre l’estetica prende il sopravvento) e poi le strofe si adattano. Gli chiediamo mezz’ora per provarla e trovare il testo. Siamo pronti, seduti a un tavolo (veramente Marco suona in piedi) della Chocolateria Josh Aike della mia amica Anabél. Io alla chitarra, Max alle percussioni sull’improbabile custodia rigida del violino di Marco e... Marco, appunto, all’arco di Paganini e iniziamo sotto i riflettori e le telecamere della troupe teutonica che riprende suoni e immagini divertita. Degli avventori hanno riconosciuto Messner e già si precipitano per gli autografi, ma è più importante per tutti noi sorseggiare il bicchiere di buon Malbéc in compagnia di discorsi sull’alpinismo, la musica e la vita.

Io sono nato a Genova, vivo da più di 30 anni nella terra di Messner, amo De Andrè e le mie origini. Grazie al fatto di essere un alpinista mi è riuscita una mescolanza rara tra parole, musica, storie di montagne e uomini. Che bellezza. Rolo Garibotti ha messo una clip del video di prova su youtube, questa non so se sia una magia, ma c’è. E non so mai se la mia chitarra entrerà nello zaino, assieme a tutto quello che ci devo mettere per salire le montagne.

Marcello Cominetti

Video girato a El Chaltén mentre Marcello Cominetti, Marco Grigis e Max Lucco stanno provando "Andrea" di Fabrizio De Andrè per il film di Messner sul Cerro Torre

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Per Giacomo Deiana
26.02.2018
Per Giacomo Deiana
I ricordi di Marcello Cominetti e Francesco Salvaterra del 28enne amico ed alpinista sardo Giacomo Deiana, deceduto il 21 febbraio 2018 a Cogne in Valle d'Aosta.
Alta Via della Grande Guerra nelle Dolomiti
25.07.2016
Alta Via della Grande Guerra nelle Dolomiti
Marcello Cominetti introduce la Alta Via della Grande Guerra nelle Dolomiti, sette giorni di camminate e vie ferrate nelle Dolomiti lungo parte del fronte conteso durante la Prima Guerra Mondiale tra gli eserciti Italiano, Austro-Ungarico e Germanico.
Cerro Torre secondo me, il trailer del film di Marcello Cominetti e Francesco Salvaterra
25.03.2016
Cerro Torre secondo me, il trailer del film di Marcello Cominetti e Francesco Salvaterra
Il trailer del documentario 'Il Cerro Torre secondo me', in cui le guide alpine Marcello Cominetti e Francesco Salvaterra raccontano la storia e la loro esperienza di guide alpine accompagnare i loro clienti ad arrampicare in Patagonia.
Video: Tom Randall sul boulder The Kraken a Hartland Quay, Inghilterra
27.01.2016
Video: Tom Randall sul boulder The Kraken a Hartland Quay, Inghilterra
Il video di climber inglese Tom Randall e la prima salita del boulder The Kraken V13 a Hartland Quay, Inghilterra.
Colmillo Sur, una prima salita su una montagna inviolata ed una bella avventura in Patagonia
21.01.2016
Colmillo Sur, una prima salita su una montagna inviolata ed una bella avventura in Patagonia
Il racconto, scritto a due mani da Francesco Salvaterra e di Marcello Cominetti, del viaggio in Patagonia nel quale sono state salite diverse vie alpinistiche. Sul Colmillo Central Nicola Castagna, Jacopo Pellizzari e Salvaterra hanno aperto la nuova via Mantetang (M4/70°, 350m), mentre aprendo la nuova via Anonima sequestri (M6, 90°) Luca Bianco, Marcello Cominetti, Giacomo Deiana e Francesco Salvaterra sono stati i primi a salire in cima all’inviolato Colmillo Sur. Inoltre, sulla Torre Standhardt L. Bianco, G. Deiana e F. Salvaterra hanno completato la via Chaverri-Plaza, arrivando in cima lungo la via Exocet.
La Quota Gaspard, la Tofana di Rozes e la Prima Guerra Mondiale in Dolomiti
23.11.2015
La Quota Gaspard, la Tofana di Rozes e la Prima Guerra Mondiale in Dolomiti
Marcello Cominetti ripercorre l'incredibile storia della Quota Gaspard alla Tofana di Rozes in Dolomiti, salita per la prima volta dalla guida alpina del Cervino Joseph Gaspard ed dal conte fiorentino Ugo di Vallepiana durante la Prima Guerra Mondiale. L'epica salita di 16 giorni per battere le forze armate austro-ungariche aveva affascinato Cominetti a tal punto che ha effettuata una delle rare ripetizioni del Camino di Vallepiana, anche per dare risalto a questa via che non è facile quanto si possa inizialmente credere.
Interpretazione invernale di una via Dolomitica DOC
17.03.2015
Interpretazione invernale di una via Dolomitica DOC
Il racconto di Francesco Salvaterra della salita invernale, effettuata insieme a Marcello Cominetti, della via Hrushka sul Mur de Pisciadù Orientale, gruppo del Sella, Dolomiti
Traversata est-ovest dello Hielo Patagonico Sur
19.11.2009
Traversata est-ovest dello Hielo Patagonico Sur
Marcello Cominetti racconta la prima traversata est-ovest dello Hielo Patagonico Sur dal Glaciar Chico al fiordo Exmouth (Patagonia), una distesa di ghiacci lunga 400 km e larga un centinaio...
Selvaggio Blu, i 20 anni del Sentiero più famoso della Sardegna
21.10.2009
Selvaggio Blu, i 20 anni del Sentiero più famoso della Sardegna
Marcello Cominetti racconta i vent'anni di Sevaggio Blu, un Sentiero che esprime il cuore selvaggio e poetico della Sardegna.
Aconcagua, una riflessione dopo la tragedia
20.01.2009
Aconcagua, una riflessione dopo la tragedia
Marcello Cominetti fa una riflessione sulla vicenda che sull'Aconcagua è costata la vita a un'alpinista italiana e ad una guida argentina.
Marcello Cominetti, scatti patagonici
14.12.2008
Marcello Cominetti, scatti patagonici
Marcello Cominetti e la terra alla fine del mondo. La guida alpina, scrittore e fotografo genovese presenta un reportage per immagini tutto dedicato alla Patagonia delle grandi pareti, dei grandi ghiacciai e dei suoi appassionati viaggiatori.
Patagonia: Gendarme del Pollone, nuova via per Cominetti e Calvo
04.12.2007
Patagonia: Gendarme del Pollone, nuova via per Cominetti e Calvo
Dal 23 al 24/11 Marcello Cominetti e Ramiro Calvo hanno aperto una nuova via sulla parete sud-est del gendarme del Pollone (gruppo del Fitz Roy, Patagonia)
Cerro Mariano Moreno per Monego e Cominetti
30.11.2007
Cerro Mariano Moreno per Monego e Cominetti
Il 14/11 Giulia Monego e Marcello Cominetti hanno raggiunto la cima del Cerro Mariano Moreno 3456m (Hielo Continental Sur, Patagonia).
Patagonia by Water - Marcello Cominetti e Lorenzo Nadali da Oceano a Oceano attraverso l'aqua
22.05.2000
Patagonia by Water - Marcello Cominetti e Lorenzo Nadali da Oceano a Oceano attraverso l'aqua
Patagonia by Water è la grande traversata della Patagonia da oceano a oceano che Marcello Cominetti e Lorenzo Nadali tenteranno di effettuare il prossimo dicembre 2000, in completa autonomia e senza alcun mezzo di comunicazione col resto del mondo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni