Home page Planetmountain.com
Matteo Della Bordella durante l'apertura di Il regalo di Berna sulla parete sud delle Grandes Jorasses
Fotografia di archivio Matteo Della Bordella
Giacomo Mauri e Luca Schiera durante l'apertura di Il regalo di Berna sulla parete sud delle Grandes Jorasses
Fotografia di Matteo Della Bordella
Messaggi WhatsApp di Matteo Bernasconi e Matteo Della Bordella riguardante il progetto sulla parete sud delle Grandes Jorasses
Fotografia di archivio Matteo Della Bordella
Il regalo di Berna sulla parete sud delle Grandes Jorasses, aperta da Matteo Della Bordella, Giacomo Mauri e Luca Schiera il 24/02/2021
Fotografia di archivio Matteo Della Bordella
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:
    Il regalo di Berna
    Matteo Della Bordella, Luca Schiera e Giacomo Mauri
    24-02-2021
    400 m; 6b max

Il regalo di Berna nuova via sulle Grandes Jorasses di Della Bordella, Mauri e Schiera

Il 24/02/2021 gli alpinisti Matteo Della Bordella, Giacomo Mauri e Luca Schiera hanno aperto Il regalo di Berna, una nuova via sulle Grandes Jorasses dedicata a Matteo Bernasconi. Il report di Della Bordella

Mercoledì 24 febbraio i Ragni di Lecco Matteo Della Bordella e Luca Schiera insieme a Giacomo Mauri hanno aperto in giornata "Il regalo di Berna" sulla solare parete sud delle Grandes Jorasses nel massiccio del Monte Bianco. La via corre sul pilastro di roccia denominato Pilastro Ghiglione proprio a sinistra dell'Ipercouloir aperto nel 1978 da Gian Carlo Grassi e Gianni Comino e a destra della via aperta nel 2019 da Enrico Bonino e Jon Bracey, con difficoltà fino a 6b max nei suoi 450m di sviluppo. La via è stata salita in stile trad; in parete non è rimasto niente, tranne un bellissimo ricordo all'amico Matteo Bernasconi. Ecco il racconto di Della Bordella che, ricordiamo, nell’agosto del 2020 sulla est delle Grandes Jorasses aveva aperto Il Grande Guerriero.

IL REGALO DI BERNA raccontato da Matteo Della Bordella

Dopo la salita al Badile dello scorso dicembre sarebbe stato meglio cercare qualcos'altro piuttosto che ritornare sulle tracce del Berna. Purtroppo però la montagna non segue questo genere di regole, e così eccoci qui su un tracciato che lui aveva adocchiato per primo. Un po’ mi vergogno a raccontare di questa via, mi sembra di violare il ricordo di un amico. Se fosse qui con noi probabilmente mi avrebbe mandato a quel paese e ci saremmo fatti una birra brindando ad un nuova via logica che ancora aspettava di essere salita.

Quelli su questo progetto sono tra gli ultimi messaggi che ci siamo scambiati io e Berna. L’ultimo regalo che ci ha lasciato: una linea così bella, logica ed evidente. Mentre la salita sul Badile è stata una cosa totalmente estemporanea e nata quasi per caso, non posso dire altrettanto di questa via che avrei voluto aprire già durante la scorsa estate. L’ho immaginata per tempo, poi l’ho accantonata e adesso, dopo mesi di letargo, l’attuale finestra di alta pressione ha portato le condizioni giuste per effettuare un tentativo.

Con me per questa salita Luca Schiera, il compagno di mille avventure, e Giacomo Mauri, giovane e forte ragazzo lecchese. Dopo essere saliti con gli sci al rifugio Boccalatte, il 23 febbraio, alle 4 del giorno successivo abbiamo proseguito raggiungendo, in poco meno di 4 ore, i contrafforti sotto il pilastro principale, immediatamente a destra della via di ghiaccio aperta da Enrico Bonino e Jon Bracey nel 2019.

Da qui abbiamo iniziato a risalire i muri di roccia fino alla parte più compatta del pilastro. L'idea era quella di tracciare una linea logica ed elegante al centro della parete pensando, viste le giornate corte di febbraio, che la via ci avrebbe richiesto due giorni. Questa volta la natura ci ha fatto un regalo: roccia molto solida e, soprattutto, estremamente lavorata con concrezioni di ogni genere. Le difficoltà tecniche sono sempre state moderate, d'altronde mica tutte le vie possono essere dei "bastoni"? Esisteranno anche vie più facili ancora da aprire, o no?

Abbiamo diviso il pilastro principale in 5 lunghezze di corda, delle quali l'ultima sicuramente degna di nota perché perfettamente verticale ma su appigli sempre generosi.

Dalla cima del pilastro, con una traversata in cresta, siamo sbucati sul plateau glaciale sotto la punta Walker delle Grandes Jorasses, dove passa la via normale. L’abbiamo seguita in discesa fino a fare rientro al rifugio Boccalatte alle 19, quindici ore dopo averlo lasciato.

Un'avventura davvero completa, vissuta in un ambiente profondamente diverso da quello conosciuto in estate. Le temperature erano giuste per scalare su roccia (con una bella giacca a vento addosso), ma soprattutto l'abbondante quantità di neve presente ci ha fatto stare con le antenne dritte per tutte le quindici ore di questa lunga giornata.

di Matteo Della Bordella

Link: ragnilecco.comFB Matteo Della BordellaKarposKongSCARPA, Vibram

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Badile: Matteo Della Bordella e la salita dedicata a Bernasconi
03.12.2020
Badile: Matteo Della Bordella e la salita dedicata a Bernasconi
Il racconto di Matteo Della Bordella sull’apertura di Crossway of Friendship, la nuova via sulla nordest del Pizzo Badile aperta insieme a Silvan Schüpbach e dedicata all’amico Matteo Bernasconi.
Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach seguono l’istinto sul Pizzo Badile
01.12.2020
Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach seguono l’istinto sul Pizzo Badile
Gli alpinisti Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach hanno salito Crossway of Friendship sulla parete nordest del Pizzo Badile. Si tratta di una variante 'nata dall’istinto' e dedicata a Matteo Bernasconi.
Per Matteo Pasquetto: il ricordo di Matteo Della Bordella
10.08.2020
Per Matteo Pasquetto: il ricordo di Matteo Della Bordella
Matteo Della Bordella ricorda l'amico Matteo Pasquetto che ha perso la vita venerdì scorso scendendo dalle Grandes Jorasses dopo che insieme, anche a Luca Moroni, avevano aperto una nuova via sulla parete est.
Pilastro Rosso di Brouillard, Incroyable la via dei sogni per Della Bordella, Cazzanelli e Ratti
13.07.2020
Pilastro Rosso di Brouillard, Incroyable la via dei sogni per Della Bordella, Cazzanelli e Ratti
Matteo Della Bordella, presidente dei Ragni di Lecco, racconta Incroyable la super e difficile via sul Pilastro Rosso di Brouillard (Monte Bianco) aperta il 30 Giugno e il 1° luglio scorsi, con le guide alpine del Cervino François Cazzanelli e Francesco Ratti, e poi l'8 Luglio, dopo una settimana, liberata 'spartendosi i tiri' sempre con lo stesso team a cui si è aggiunto anche Isaie Maquignaz, sempre Guida del Cervino.
Pilastro Rosso del Brouillard: nuova via sul Monte Bianco per Della Bordella, Cazzanelli e Ratti
03.07.2020
Pilastro Rosso del Brouillard: nuova via sul Monte Bianco per Della Bordella, Cazzanelli e Ratti
Matteo Della Bordella, François Cazzanelli e Francesco Ratti hanno aperto Incroyable, una nuova via sul Pilastro Rosso del Brouillard sul versante italiano del Monte Bianco.
Ciao Berna! L'addio a Matteo Bernasconi
13.05.2020
Ciao Berna! L'addio a Matteo Bernasconi
Il 12 maggio è scomparso Matteo Bernasconi fortissimo alpinista, guida alpina, membro dei Ragni di Lecco. Nato nel 1982 e amato da tutti, il Berna è stato travolto da una valanga in Valtellina.
Grandes Jorasses: nuova via di Enrico Bonino e Jon Bracey
20.05.2019
Grandes Jorasses: nuova via di Enrico Bonino e Jon Bracey
Dopo un primo tentativo nel 2014 assieme allo storico cliente ed amico Olivier Colaye, Enrico Bonino torna con Jon Bracey e chiude per tracciare una nuova via sul versante Sud delle Grandes Jorasses, nel massiccio del Monte Bianco. La nuova via alpinistica si chiama Bonino - Bracey e sale l’avancorpo fino alla breche a 3800 m con difficoltà fino a V WI5+ M6+ 5b. Il racconto di Bonino.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo