Home page Planetmountain.com
Georg Bachler, Heinz Mariacher, Reinhold Messner, Luisa Iovane
Fotografia di Planetmountain
Heinz Mariacher riceve il Premio Paul Preuss da Georg Bachler e Reinhold Messner
Fotografia di Planetmountain
Heinz Mariacher e Reinhold Messner dialogano con il pubblico
Fotografia di Planetmountain
Reinhold Messner a Castel Firmian durante la premiazione del Premio Paul Preuss 2020, assegnato a Heinz Mariacher
Fotografia di Planetmountain

Heinz Mariacher, l’alpinismo libero e il Premio Paul Preuss

di

Il report e le parole sull'alpinismo al Premio Paul Preuss, assegnato all'alpinista austriaco Heinz Mariacher e consegnatogli al Castello di Firmian di Reinhold Messner. Mariacher è l'ottavo alpinista a ricevere il prestigioso premio dopo lo stesso Messner, Hanspeter Eisendle, Albert Precht, Hansjörg Auer, Alexander Huber, Beat Kammerlander e Bernd Arnold.

Difficile vedere così tanti grandi alpinisti tutti in una volta. E' successo martedì al Castello di Messner, ovvero nel suo Museo di Firmian. L'occasione era la consegna ad Heinz Mariacher del Paul Preuss Award. E, appunto, c'erano così tanti protagonisti dell'alpinismo (di lingua tedesca) che a nominarli tutti finirebbe lo spazio. Comunque, per citarne solo qualcuno, c'erano: i fratelli Alex e Thomas Huber, Beat Kammerlander e Hans Kammerlander, Wolfgang Nairz, Darshano L. Rieser, Hanspeter Eisendle, Christoph Hainz, Ernst Vogt, Lisi Steurer, Simon Gietl, Dani Arnold, Fabian Buhl, Adam Holzknecht, Heinz Zak e tantissimi altri ancora.

Poi, a fare gli onori di casa appunto nel suo magico castello, c'era naturalmente anche Reinhold Messner. E proprio a lui è toccato fare la prolusione prima della consegna del premio di cui per altro ha inaugurato l'albo d'oro. "La tua attitudine non viene esclusivamente dall'esperienza maturata sulle pareti del Karwendel o sulla grande parete della Marmolada, il tuo atteggiamento proviene da un sentimento anarchico." ha detto Messner rivolgendosi direttamente ad un Heinz Mariacher attento e, giureremmo, anche un po' emozionato. "Sei un tipico alpinista anarchico.” ha continuato Reinhold “E quando l'alpinista anarchico entra in un mondo anarchico (la montagna ndr), sa che è pericoloso, sa che è difficile, sa che si muove lontano dalla sicurezza e vive secondo uno schema anarchico. Nessuno gli dice niente e lui non permette a nessuno di dirgli niente. Le regole che stabilisce sono le sue regole, e non gli importa assolutamente delle altre regole. Non ha bisogno di un premio né di riconoscimenti da parte degli altri. Ha bisogno soltanto della sua passione e della libertà di esprimere questa passione. Certo, il subconscio gli dice che questo spazio che si prende è accompagnato anche da una responsabilità, la sente, quando è appeso in parete, su piccole prese ed appoggi, con scarse protezioni…"

Messner stava facendo riferimento alle grandi solitarie di Mariacher e al suo alpinismo e, scommetteremo, che il premiato fosse anche un po' stupito. Anche perché di lì a poco Messner ha anche confessato che una qualche (sana) invidia l'aveva provata per l'arrampicata di quel ragazzo. Poi però ha precisato, rivolgendosi anche a Luisa Iovane la fortissima compagna non solo di corda di Heinz: "Con la vostra Tempi Moderni avete dato davvero l’avvio ai tempi moderni dell'arrampicata su roccia nelle Alpi. Il nome di quella via è geniale. La linea che hai salito con Luisa è geniale. La lettura della parete è stata geniale. Hai capito dove potevi andare e l’hai anche scandito metro per metro verificandone la fattibilità. Ma non con l'intenzione di bucare da qualche parte o di aggiungere chiodi su chiodi - questo non era più possibile - ma sempre con l'intenzione di scalare tutto il possibile in libera. Nel momento in cui hai fatto Tempi Moderni, non ho più provato invidia nei tuoi confronti, solo ancora più ammirazione!"

Potrebbe bastare ed avanzare per essere felici, penserà qualcuno. Ma c'era dell'altro: "Quello che tu e Luisa avete fatto insieme" ha aggiunto Messner "è stato bello, invidiabile, elegante e rimarrà nella storia dell’alpinismo. Così come le salite di Preuss - che erano ovviamente molto più facili, ha infatti scalato in un'epoca diversa - ma con lo stesso valore e importanza. Perché il vostro atteggiamento assomiglia al suo." Precisando subito però, con una punta di ironia: "Paul Preuss era un uomo divertente, un uomo sfrontato e per me insuperabile nella sua capacità di scrittura. È stato anche un buon filosofo, un buon pensatore. C'è solo una cosa che non ha in comune con te: ha coniato la frase 'La donna è la rovina dell’alpinismo’." Al che Heinz non s'è fatto pregare e ha risposto guardando Luisa: "Per me è stato proprio il contrario!" cogliendo l'approvazione di tutto il pubblico.

A proposito è stata molto interessante anche la conversazione (il question time) tra il premiato e il pubblico. Tra le tante attestazioni riportiamo quella di Thomas Huber: "Heinz, sei sempre stato un'ispirazione per noi!" ha detto uno dei più grandi alpinisti di sempre. Da segnalare anche la domanda di un giornalista che ha chiesto ad Heinz cosa l'aveva motivato a porre fine ai suoi anni più selvaggi in parete. Risposta: "Beh non sono ancora finiti! Ma probabilmente quando si è più giovani c’è un impulso interiore che ti attira verso queste avventure. Ora vivo con Luisa, mi dispiacerebbe moltissimo se qualcosa mi dovesse succedere, non posso mica lasciarla da sola."

Come era giusto la conclusione è stata di Heinz che si è rivolto ai presenti dicendo: "Se tutti avessero rispettato i valori etici di Preuss, come sarebbero le pareti adesso? Quanto sarebbero diverse? Se si fosse continuato con la sua stessa mentalità, sarebbe stato molto più interessante." Perfetto epilogo in stile Preuss verrebbe da dire. Ma perfetto anche per passare ai brindisi e alle immancabili chiacchiere da alpinisti, per una volta rilassati e felici. Nell'aria si respirava una bella atmosfera... merito del magico castello?

di Vinicio Stefanello

Albo d'oro Premio Paul Preuss:
2013: Reinhold Messner
2014: Hanspeter Eisendle
2015: Albert Precht (✝)
2016: Hansjörg Auer (✝)
2017: Alexander Huber
2018: Beat Kammerlander
2019: Bernd Arnold
2020: Heinz Mariacher

Link: www.paulpreuss-gesellschaft.atSCARPA

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Ad Heinz Mariacher il Premio Paul Preuss 2020
21.08.2020
Ad Heinz Mariacher il Premio Paul Preuss 2020
L'alpinista austriaco Heinz Mariacher è il nuovo vincitore del Premio Paul Preuss 2020. Mariacher è l'ottavo alpinista a ricevere il prestigioso premio dopo Reinhold Messner, Hanspeter Eisendle, Albert Precht, Hansjörg Auer, Alexander Huber, Beat Kammerlander e Bernd Arnold.
Il fascino dell’arrampicata: Heinz Mariacher su Rude Boys
06.04.2020
Il fascino dell’arrampicata: Heinz Mariacher su Rude Boys
Heinz Mariacher interpreta Rude Boys (8b/5.13c) a Smith Rock, Oregon, USA. Un video del 1987 che riporta alle origini della scoperta e della bellezza della 'nuova arrampicata'.
Heinz Mariacher: Ritorno al futuro? Magnus Midtbø esplora le storiche placche di Arco
27.11.2019
Heinz Mariacher: Ritorno al futuro? Magnus Midtbø esplora le storiche placche di Arco
Una riflessione di Heinz Mariacher dopo la visita di Magnus Midtbø ad Arco dove il climber norvegese ha provato due vie test degli anni '80 aperte dallo stesso Mariacher: Super Swing nella falesia Swing Area e Tom e Jerry alla Spiaggia delle Lucertole.
Prima e dopo le Mariacher
02.07.2018
Prima e dopo le Mariacher
90 anni di La Sportiva. Le Mariacher, le scarpette viola de La Sportiva rappresentano un punto di riferimento assoluto nella storia dell'arrampicata, non soltanto sportiva.
Ritorno al silenzio. L’arrampicata anni ’90 secondo Heinz Mariacher e Luisa Iovane
10.04.2017
Ritorno al silenzio. L’arrampicata anni ’90 secondo Heinz Mariacher e Luisa Iovane
Quando l’arrampicata sembra poesia: la clip video tratta da Ritorno al silenzio, il film datato 1992 con protagonisti le Dolomiti interpretate e scalate da Heinz Mariacher e Luisa Iovane.
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
07.11.2010
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
Il famoso passaggio di Reinhold Messner sul Pilastro di Mezzo del Sass dla Crusc visto da Heinz Mariacher, più la storia e un video e un reportage sul campo di Nicola Tondini.
Storie d'arrampicata in Val San Nicolò
24.12.2009
Storie d'arrampicata in Val San Nicolò
Heinz un giorno aprì due vie in Valle San Nicolò (Val di Fassa, Dolomiti, Trentino) e 22 anni dopo le donò a Mario che le liberò. La storia di “Alice e l'imperatore” e di “Basic Instinct” raccontata da Heinz Mariacher e Mario Prinoth.
Tempo ai Tempi
02.05.2020
Tempo ai Tempi
Il racconto di Dario Bertoletti che lo scorso settembre, insieme a Edoardo Rovetta, ha ripetuto una della vie più famose delle Dolomiti, Tempi Moderni sulla parete sud della Marmolada aperta nel 1982 da Heinz Mariacher e Luisa Iovane. Un viaggio del tutto personale (com’è l’alpinismo) di due giorni nella storia dell’arrampicata moderna.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo