Home page Planetmountain.com
Heinz Mariacher sotto il Sass dla Crusc in Dolomiti
Fotografia di archivio Heinz Mariacher
Heinz Mariacher
Fotografia di archivio Heinz Mariacher
Heinz Mariacher sulla sua Super Swing nella falesia Swing Area, Arco, 1983
Fotografia di archivio Heinz Mariacher
Luisa Iovane durante la storica apertura nel 1982 insieme a Heinz Mariacher di Tempi Moderni alla parete sud della Marmolada, Dolomiti
Fotografia di Heinz Mariacher

Ad Heinz Mariacher il Premio Paul Preuss 2020

di

L'alpinista austriaco Heinz Mariacher è il nuovo vincitore del Premio Paul Preuss 2020. Mariacher è l'ottavo alpinista a ricevere il prestigioso premio dopo Reinhold Messner, Hanspeter Eisendle, Albert Precht, Hansjörg Auer, Alexander Huber, Beat Kammerlander e Bernd Arnold.

Dunque, il Premio Paul Preuss 2020 va ad Heinz Mariacher. E, forse mai come questa volta, abbiamo la sensazione che un riconoscimento, prestigioso come questo, vada all'uomo - alpinista e arrampicatore - giusto. Sì, perché se Paul Preuss nell'immaginario degli alpinisti ha sempre rappresentato il cavaliere senza macchia, il visionario e il solitario che affronta con mezzi leali la montagna, senza compromessi ma anche senza sottovalutarla, Heinz Mariacher ha saputo interpretarlo in chiave moderna mantenendo una sua unicità e una visione personale che si è evoluta nel tempo.

E' un libero pensatore, Heinz, e insieme una sorta di anarchico dell'arrampicata. Lo è stato fin da piccolo. Fin da quella prima volta quando, ignaro di tutto, partì da casa da solo con la bici per raggiungere una parete lontana e scalare una via di 5° grado sul Rofan. Di quella via, friabile e difficile, non conosceva nulla. D'altra parte lui era un autodidatta, e poi aveva la bellezza di 11 anni! Nessuno poteva saperlo, ma evidentemente era un predestinato. Un destino che all'inizio interpretò, guarda caso, da perfetto solitario.

Così, nei primi anni '70, poco più che 18enne, questo giovane austriaco - con l'aria un po' intellettuale e un po' da figlio dei fiori – ha ripetuto in solitaria molte delle vie più difficili. Dalla Rebitsch sul Fleischbankpfeiler alla Schmuck sulla Fleischbank. Per continuare in Dolomiti con la Cassin, la Comici, la Egger sulle Tre Cime di Lavaredo fino alla Vinatzer sulla Sud della Marmolada e la Lacedelli alla Scotoni. Nel contesto di allora si tratta di qualcosa di assolutamente non usuale quanto rilevante. Anche per lo stile.

Come quella volta sulla già citata Lacedelli alla Scotoni, una delle solitarie di quegli anni che Heinz ricorda più intensamente, per spirito e per ambiente. "All'epoca si sapeva poco o nulla di quella via. Giusto che era molto difficile e che c'era stato bisogno di una piramide di tre persone per superare il passaggio chiave. Tentarlo da solo rappresentava per me una sfida irresistibile, e in quel weekend evitai i miei soliti compagni di cordata e partii da solo per le Dolomiti. Mi sono autoassicurato con la corda sul primo tiro... poi basta." Era il 1974. Una, o meglio tre ere alpinistiche fa. Ma lui già pensava all'arrampicata libera, rifiutava l'artificiale e, come Preuss, immaginava che si dovesse poter gestire la difficoltà con le proprie forze, senza mezzi artificiali, sia in salita che in discesa.

Inoltre, per completare il quadro, è un ribelle. Va oltre gli schemi usuali. E vive l'arrampicata "Non solo come sfida o competizione ma anche come divertimento". Poi, non crede in nessuna "lotta con l'Alpe" né vuole conquistare alcunché. Quindi, è fuori dagli schemi precostituiti. Anzi, cerca di interpretare quella voglia di libertà, quel bisogno di andare e guardare oltre che è proprio di quegli anni '70. Come nel 1979, per esempio, sulla via Conforto - Bertoldi. Sicuramente una delle sue più importanti solitarie per mentalità e concezione, anche per come è nata.

Quel giorno, racconta Heinz "Ero andato a fare boulder sopra al Rifugio Falier ma dopo un po', saranno state le 14:00, mi sono stufato. Così ho deciso di salire la fessura Conforto. Non la conoscevo, anzi avevo letto la descrizione sulla Guida del Pellegrinon. Ero in maglietta, pantaloncini corti e basta.". Insomma, non aveva nulla, né chiodi, né corda e, in pieno spirito Preuss, avrebbe dovuto “saper scendere da dove era salito”. Va da sé che tutto ciò, anche quella scelta estemporanea e d'istinto, presuppone capacità e preparazione non comuni, proprio come affermava Preuss. Quella volta, racconta Heinz: "Oltre il punto di non ritorno, ho dovuto fare un po' di numeri per superare i camini ghiacciati...".

Forse però si rischia di non comprendere appieno il "senso per l'arrampicata" di Mariacher, se non si racconta che è stato uno dei profeti ed esploratori del nuovo modo di vivere la scalata in parete. Quello che esplorò e stravolse, negli anni '70 e per tutti gli anni '80, il mondo della verticale, della difficoltà e soprattutto del concetto di scalata (in) libera. Fu un vero viaggio "collettivo" che Heinz fece suo e interpretò con una buona dose di inventiva e di visioni che hanno lasciato un segno indelebile.

Basti pensare a Tempi Moderni la via aperta con Luisa Iovane, altra caposcuola e sua compagna di cordata e nella vita, sulla parete sud della Marmolada. Un vero manifesto programmatico della nuova arrampicata: salita in libera dal basso rappresentava in quel momento uno dei punti massimi per stile, "by fair means" e bellezza. E' questa visione e ricerca che ha sempre guidato Mariacher. Dalla scoperta delle pareti di Arco a quelle della Valle San Nicolò, alle grandi pareti delle Dolomiti. E' questa arrampicata che l'ha sempre interessato veramente. Un'arrampicata immersa nella natura e che ricerca i suoi spazi, anche di solitudine, lontano dalla folla. Un'arrampicata libera e felice come quella che forse sognava anche Paul Preuss.

di Vinicio Stefanello

Albo d'oro Premio Paul Preuss:
2013: Reinhold Messner
2014: Hanspeter Eisendle
2015: Albert Precht (✝)
2016: Hansjörg Auer (✝)
2017: Alexander Huber
2018: Beat Kammerlander
2019: Bernd Arnold
2020: Heinz Mariacher

Link: www.paulpreuss-gesellschaft.at, SCARPA

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il fascino dell’arrampicata: Heinz Mariacher su Rude Boys
06.04.2020
Il fascino dell’arrampicata: Heinz Mariacher su Rude Boys
Heinz Mariacher interpreta Rude Boys (8b/5.13c) a Smith Rock, Oregon, USA. Un video del 1987 che riporta alle origini della scoperta e della bellezza della 'nuova arrampicata'.
Heinz Mariacher: Ritorno al futuro? Magnus Midtbø esplora le storiche placche di Arco
27.11.2019
Heinz Mariacher: Ritorno al futuro? Magnus Midtbø esplora le storiche placche di Arco
Una riflessione di Heinz Mariacher dopo la visita di Magnus Midtbø ad Arco dove il climber norvegese ha provato due vie test degli anni '80 aperte dallo stesso Mariacher: Super Swing nella falesia Swing Area e Tom e Jerry alla Spiaggia delle Lucertole.
Prima e dopo le Mariacher
02.07.2018
Prima e dopo le Mariacher
90 anni di La Sportiva. Le Mariacher, le scarpette viola de La Sportiva rappresentano un punto di riferimento assoluto nella storia dell'arrampicata, non soltanto sportiva.
Ritorno al silenzio. L’arrampicata anni ’90 secondo Heinz Mariacher e Luisa Iovane
10.04.2017
Ritorno al silenzio. L’arrampicata anni ’90 secondo Heinz Mariacher e Luisa Iovane
Quando l’arrampicata sembra poesia: la clip video tratta da Ritorno al silenzio, il film datato 1992 con protagonisti le Dolomiti interpretate e scalate da Heinz Mariacher e Luisa Iovane.
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
07.11.2010
Il passaggio Messner sul Sass dla Crusc
Il famoso passaggio di Reinhold Messner sul Pilastro di Mezzo del Sass dla Crusc visto da Heinz Mariacher, più la storia e un video e un reportage sul campo di Nicola Tondini.
Storie d'arrampicata in Val San Nicolò
24.12.2009
Storie d'arrampicata in Val San Nicolò
Heinz un giorno aprì due vie in Valle San Nicolò (Val di Fassa, Dolomiti, Trentino) e 22 anni dopo le donò a Mario che le liberò. La storia di “Alice e l'imperatore” e di “Basic Instinct” raccontata da Heinz Mariacher e Mario Prinoth.
Tempo ai Tempi
02.05.2020
Tempo ai Tempi
Il racconto di Dario Bertoletti che lo scorso settembre, insieme a Edoardo Rovetta, ha ripetuto una della vie più famose delle Dolomiti, Tempi Moderni sulla parete sud della Marmolada aperta nel 1982 da Heinz Mariacher e Luisa Iovane. Un viaggio del tutto personale (com’è l’alpinismo) di due giorni nella storia dell’arrampicata moderna.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo