Home page Planetmountain.com
Federica Mingolla si aggiudica la prima ripetizione in libera di Colpo al cuore al Caporal in Valle dell'Orco, novembre 2020. Aperta da Gabriele Bar e Claudio Bernardi, la via era stata liberata da Rolando Larcher con Luca Giupponi il 2 novembre 2002
Fotografia di Leonardo Ghezza
Federica Mingolla su Colpo al cuore al Caporal in Valle dell'Orco, novembre 2020
Fotografia di Leonardo Ghezza
Federica Mingolla su Colpo al cuore al Caporal in Valle dell'Orco, novembre 2020
Fotografia di Leonardo Ghezza
Federica Mingolla e Leonardo Ghezza in cima a Colpo al cuore, sul Caporal in Valle dell'Orco, novembre 2020
Fotografia di Leonardo Ghezza

Federica Mingolla sale Colpo al cuore in Valle dell'Orco

di

In Valle Orco Federica Mingolla si è aggiudicata la prima ripetizione in libera di Colpo al cuore, la difficile via di più tiri sul Caporal liberata nel 2002 da Rolando Larcher insieme a Luca Giupponi. Il report di Federica Mingolla

É sempre stata lì, Colpo al Cuore, la via più sostenuta del Caporal, una difficoltà dopo l'altra che ti conducono sulla parte più strapiombante di questa parete che ha poco da invidiare alle big wall statunitensi. Il vuoto sotto il sedere ce l'hai su ogni sosta, ed è questa la particolarità che più mi ha colpita di questa via. L'esposizione, la bellezza di sentirmi sempre libera nell’aria.

Penso che ogni via abbia più di una storia, una per ogni salitore, e la mia è iniziata così: la nostra vita è un continuo altalenarsi di emozioni, di periodi di alti e bassi, di cambiamenti, e se questi sono negativi possono essere la causa di sconforto e perdita d’entusiasmo. Il mio si può dire é stato più un problema di cuore. Ed ecco che ancora una volta la mia valle è tornata a porgermi una spalla, come per dirmi che su di lei posso sempre contare.

Arrivo in Orco il primo giorno dopo mesi passati a vagabondare e immediatamente mi sento a casa. I colori autunnali rendono il paesaggio ancora più bello di come me lo ricordavo, e subito mi riinnamoro. Avevo proposto ad Andrea Migliano, compagno ormai stabile di mille avventure in Orco, di andare a buttare un occhio sulla via e di tutta risposta lui fu entusiasta di andare a vedere come fosse questa Colpo al Cuore.

Ovviamente la relazione che ci eravamo portati dietro non corrispondeva a quella della linea scalata in libera ma a dove erano passati gli apritori in artificiale con i chiodi a pressione, che errore da dilettanti! Sta di fatto che il primo tentativo sulla via si é risolto per me con 2 tiri scalati a vista, il 7c+ e l'8a, e mille punti interrogativi perché appunto eravamo all'oscuro di come Rolando Larcher l'avesse interpretata per la scalata in libera, passando in più punti lontano dagli spit e integrando con micro friend e stopper.

La sera mi arriva via whatsapp la relazione da parte di un amico che l'aveva provata e i miei dubbi si dissolvono. Nel frattempo mi faccio operare agli occhi e sono costretta a uno stop forzato dove metto finalmente il mio corpo in modalità di "recharge batteries".

Passano due settimane e Andrea parte per le sue meritate ferie in Sardegna, io torno in valle, questa volta con un altro socio, Leonardo Gheza, e nella testa ho solo una cosa: Colpo al cuore in libera e da capocordata. Dovevo impormi un obiettivo altrimenti sarei caduta in uno stato di negatività che conoscevo bene e non avevo intenzione di farci di nuovo i conti. Leo é motivante, si propone di accompagnarmi a provare la via e salirla in jumar per guadagnare del tempo, io lo apprezzo tantissimo e lo accompagnerò successivamente nei suoi obiettivi.

Così un giovedì di fine ottobre siamo sotto al Caporal, con una di quelle giornate di colla, aria e velature, rarissime da trovare e quindi da sfruttare al meglio. Io sono serena, finalmente dopo settimane sorrido e lo faccio in modo naturale, non forzato. Sono felice di essere tornata lì e di lottare per la mia passione.

Quel giovedì va tutto bene, mi serve per provare tutti i tiri, memorizzare le protezioni da integrare, sentire le sensazioni del mio corpo dopo uno stop di due settimane, ritrovare quel feeling con la roccia dell’orco. É una giornata quasi perfetta. Quasi.... Manca solo la libera per raggiungere il Nirvana. Decido quindi di fermarmi due giorni e di accompagnare Leo nei suoi obiettivi e rilassarmi un pò per godere appieno di queste splendide giornate autunnali.

Domenica siamo di nuovo all'attacco della via, la giornata é un po' più piatta, umida, ma perlomeno non c'è il sole a scaldare la roccia, quello sarebbe peggio. Parto sul primo tiro, un po' tesa, é un 7c+ difficile e da proteggere sul passo chiave, perciò non sono proprio contenta di scaldarmi così. Infatti cedo sul passo e sbottono pure un friend!

Scendo, recupero le forze e la motivazione. Bisogna ripartire, ripartire da capo, proprio come dovevo fare io nella mia vita. La prendo così, con filosofia e riparto. Supero quei primi 60 metri che aprono le danze ad una bellissima arrampicata di resistenza e passaggi di forza sempre sui muri più aggettanti del Caporal. Una lunghezza dopo l'altra si susseguono senza fretta né paura, semplicemente la voglia di essere lì e scalare. Una vera goduria.

All'una siamo in cima all'altipiano del Caporal e io sprizzo di gioia, Leo lo é per me, é tutto perfetto. Ci concediamo dei lunghi attimi di siesta sdraiati su quelle placche al sole e solo dopo esserci rifocillati bene iniziamo a scendere in corda doppia. Sul sentiero di rientro continuo a girarmi in direzione della parete e a ripetere come una bambina le stesse parole: che bello, quanto é bello, come sono felice!

Ancora una volta questa parete mi ha regalato delle emozioni che mi hanno curata dal mio stato d'animo, l'arrampicata in Orco mi ha fatto capire ancora una volta che é così bello essere motivati e avere degli obiettivi, ma soprattutto che l'autunno é la stagione più bella per vivere la Valle.

Grazie Rolando per l'intuizione della prima libera e a Leo per avermi accompagnata nella libera, ad Andrea invece va il mio ringraziamento per essere sempre stato pronto ad accogliere ogni mia proposta, sei un vero amico!

di Federica Mingolla

Federica ringrazia: La SportivaPetzl, Sherpa Mountain Shop asporteyewear, goCamera, Firepot outdoor food, Sea to Summit 

SCHEDA: Colpo al Cuore, Caporal Valle Orco

Nota: Due giorni più tardi Federica Mingolla ha ripetuta anche Rocky Marciano di Francesco Deiana.

View this post on Instagram

Sono un'inguaribile romantica. Per ogni stato d'animo - - > una via da scalare Colpo al Cuore é una via che da tanto tempo avevo in mente, é sempre stata lì, aspettavo solo il momento giusto, il "mio" momento In quest'ultimo mese mi sono smarrita: questa valle, i miei amici, questa roccia, questa via mi hanno rimotivata e rieccomi a sorridere in cima alla mia parete preferita Grazie @leogheza per avermi accompagnata e a @rolando_larcher per l'intuizione della prima libera . . I am an incurable romantic. For every mood - -> a route to climb Colpo al Cuore is a route that I had in my mind for a long time, it has always been there, I was just waiting for the right moment, "my" moment In the last month I got lost: this valley, my friends, this rock, this route have motivated me and so here I am, smiling again on the top of my favorite wall Thanks @leogheza for the belay and @rolando_larcher for the intuition of the first free ascent @leogheza . . @lasportivagram @petzl_official @dinamicheverticalisrl @sherpamountainshop @evileye.eyewear . . #lasportiva #laspogirl #foryourmountain #mountainlife #weareclimbers #climbing_girls_of_instagram #rockclimbing #climbing #multipitch #orco #valley #mylife #lovenature #outdoor #ceresolereale #caporal #colpoalcuore

A post shared by Federica Mingolla (@federicamingollaofficial) on

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Colpo al cuore per Rolando Larcher sul Caporal in Valle Orco
20.12.2002
Colpo al cuore per Rolando Larcher sul Caporal in Valle Orco
Rolando Larcher e il racconto della libera di Colpo al Cuore sul Caporal in Valle dell'Orco, effettuata insieme a Luca Giupponi.
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
25.10.2020
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
Il ritratto video di Federica Mingolla che esplora il suo percorso di atleta: dalle gare di arrampicata sportiva fino a diventare in pochi anni una della climber più complete del mondo.
Orco Easy Crack, introduzione all’arrampicata in fessura in Valle dell’Orco
09.09.2020
Orco Easy Crack, introduzione all’arrampicata in fessura in Valle dell’Orco
Maurizio Oviglia presenta una selezione di alcune prime arrampicate in fessura in Valle dell’Orco: Viper, Mamba, Incastromania, Fessura del Tramonto, Fessura Kosterlitz e molte altre ancora. Un vademecum per iniziare a scoprire i gioielli dell’arrampicata trad in Valle Orco.
Orco. Le 100 più belle fessure. Di Paolo Seimandi
24.07.2020
Orco. Le 100 più belle fessure. Di Paolo Seimandi
Orco. Le 100 più belle fessure, la nuova guida di arrampicata 'clean climbing' nella Valle dell'Orco, Gran Paradiso scritta da Paolo Seimandi e pubblicata da Maurizio Oviglia Edizioni. La recensione di Giovanni Massari.
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
03.04.2019
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
Il racconto di Federica Mingolla che in Valle dell’Orco è tornata a salire la via di più tiri Itaca nel Sole. Una storica linea aperta da Gian Piero Motti e Guido Morello e risolta dalla climber piemontese in due momenti separati.
Federica Mingolla in Valle dell’Orco libera KTM sulla Parete del Sergent
16.10.2018
Federica Mingolla in Valle dell’Orco libera KTM sulla Parete del Sergent
Il report di Federica Mingolla che in Valle Orco ha liberato KTM, un vecchio tiro chiodato nel 2001 da Giovannino Massari sulla Parete del Sergent ed ora gradato 8a+. La via d’arrampicata si aggiunge ad un altro monotiro dello stesso grado e sulla stessa parete liberato dalla climber torinese esattamente un anno fa: Occhi Nuovi.
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
19.01.2016
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
Rolando Larcher alle prese con la bellezza dell'arrampicata trad in Valle dell'Orco: il video (realizzato da Riky Felderer) e il report della scalata di due nuovi itinerari sulla Torre di Aimonin: Cani & Gatti (8a+), aperto in stile misto e trad da M. Oviglia e P. Seimandi e liberato da Rolando Larcher e Conosci te stesso? (E7 6c o 8a), tiro in arrampicata trad, aperto e liberato dallo stesso Larcher.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo