Home page Planetmountain.com
Enrico Sasso apre in solitaria Rose, Marguareis parete nord il 11/12/2018
Fotografia di Enrico Sasso
Il tracciato di Rose, aperta da Enrico Sasso in solitaria sulla parete nord di Marguareis il 11/12/2018 (ED, 380m, WI4, M7)
Fotografia di Enrico Sasso
Enrico Sasso
Fotografia di Enrico Sasso

Enrico Sasso, apertura in solitaria sulla nord del Marguareis

di

Alpinismo invernale Alpi Liguri: il racconto di Enrico Sasso che, arrampicando in solitaria l' 11 dicembre 2018, ha aperto Rose (ED, 380m, WI4, M7) una nuova via di misto sulla parete Nord del Marguareis.

Martedì 11 dicembre 2018 Enrico Sasso ha aperto in solitaria ed in giornata Rose, una impegnativa via di misto sulla parete nord del Marguareis nelle Alpi Liguri. La linea è stata descritta dal 34enne alpinista ligure come "estetica, logica e dura". La via è stata ripetuta da Luca Avagnina, Simone Greci e Enrico Oberto che si sono aggiudicati la prima ripetizione, poi subito dopo da Rossano Libera e Sabina Bottà, e quindi da Livio Belliardo e Tommaso Cavagnero. Stando alle parole di Libera "L'ambiente è magico, isolamento totale in una zona comunque carica di storia e di storie…" Ecco come Enrico Sasso ci ha raccontato la sua giornata da solo sulla nord.

Rose di Enrico Sasso

Avevo studiato la salita da un mese, sapevo che con questa poca neve, questo gran freddo e comunque sbalzi di temperature poteva crearsi la possibilità di una salita. Ho paragonato la parete con le foto che avevo scattato negli anni scorsi quando passavo con gli sci, e intravedevo una possibile linea di salita. Ho anche chiesto informazioni ad Andrea Parodi, grande conoscitore del gruppo del Marguareis, e mi ha detto che lì non c’era niente a parte una via del ’24 su roccia, ma che questa non andava a finire in mezzo dove volevo salire io. In inverno nessuno era mai salito da lì, soprattutto non su una linea così diretta alla vetta. Infatti, sono sbucato praticamente sul plateau sommitale, a pochi metri dalla croce. Una diretta vera e propria direi.

Durante la salita mi sono trovato di fronte a difficoltà che non mi aspettavo, non tanto su ghiaccio, ma sul misto, sul dry, in particolare sugli ultimi due tiri che ho valutato M6 e M7. Ho avuto conferma delle difficoltà anche dai primi che l’hanno ripetuta, i miei compagni di corso guide che faremo a breve, quindi credo di essere stato abbastanza oggettivo.

Sono partito alle 5:10 da casa, alle 6:10 ho parcheggiato la macchina, poi ci sono state quelle 4 ore di avvicinamento. C’era parecchia neve da battere, non me la aspettavo ed infatti non avevo portato né ciaspole né sci. Quando sono arrivato all’attacco era già abbastanza stanco, ma ciononostante ho provato ad infilarmi dentro. Mi sono detto “vediamo come va.” Avevo portato poca roba, una corda singola, qualche friend e chiodi, niente di più. E alla fine è venuta fuori questa via di quasi 400 metri.

La parte bassa è stata impegnativa ma comunque abbordabile, sulla parte alta invece ho dovuto lottare; mi sono trovato ad affrontare due diedri, con i ramponi e le picche ho fatto fatica a proteggermi e progredire. C’era neve inconsistente e tanta roccia, non un bel granito, ma calcare liscio. L’ultimo tiro è stata una mazzata, un camino offwidth dove ho dovuto fare delle acrobazie per passare. L’unica protezione era il mio corpo, mi incastravo dentro e cercavo di strisciare verso l’alto, muovendomi da una parte all’altra per prendere dei blocchi con le picche nella parte finale del camino, e riuscire a proteggermi ed uscire sul plateau in alto. Ci sono stati cinque, sei metri da cardiopalma, auto assicurato, con la corda che tirava un po’ e la paura che la protezione sotto non tenesse. In più stava scendendo il buio. Quando sono arrivato in cima, sotto la croce, mi sono messo a piangere. Ed ho subito dedicato questa salita a mia nonna Rosa. Sono sceso dal canale dei Genovesi, il canale adiacente alla parete, disarrampicando nella parte alta del canale. Verso le 8:30 sono arrivato alla macchina, stanco ma veramente contento.

Rose è stata una bellissima avventura vissuta su una montagna di casa, nelle Alpi Liguri, a nemmeno un’ora di macchina da casa mia. Riuscire ad aprire una via su una parete che mi ha sempre affascinato, la più alta ed imponente delle liguri, mi fa venire la pelle d’oca. Poi riuscire a dedicarla ad una cara persona, mia nonna Rosa, è stata la ciliegina sulla torta.

Link: FB Enrico Sasso

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
I mangiacciughe, il Marguareis e le montagne di... casa
27.06.2014
I mangiacciughe, il Marguareis e le montagne di... casa
Il Marguareis e il canale dei genovesi da scendere con gli. Ovvero come un genovese vive le "sue montagne di casa" che in realtà sono cuneesi. Di Mattia Salvi

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra