Home page Planetmountain.com
Creta di Aip, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubal 08/2020)
Fotografia di Michal Coubal archive
Anna Coubal durante l'apertura di The Hour Between Dog and Wolf, Creta di Aip, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubal 08/2020)
Fotografia di Michal Coubal archive
Creta di Aip, Alpi Carniche dove corre la via The Hour Between Dog and Wolf di Michal Coubal, Anna Coubal (08/2020)
Fotografia di Michal Coubal archive
Michal Coubal durante l'apertura di The Hour Between Dog and Wolf, Creta di Aip, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubal 08/2020)
Fotografia di Michal Coubal archive

Creta di Aip: nuova via nelle Alpi Carniche di Anna e Michal Coubal

di

Il 20-21/08/2020 l'alpinista ceco Michel Coubal e sua figlia Anna hanno effettuato la prima salita di The Hour Between Dog and Wolf, una nuova via di più tiri sulla parete nord della Creta di Aip (Gruppo del Monte Cavallo, Alpi Carniche).

"Sei pieno di sorprese, Master Baggins", la citazione di Thorin nello Hobbit di J. R. R. Tolkien mi risuona nelle orecchie. Anche questa parete è una grande sorpresa, sin dal primo giorno. A luglio, quando esploriamo la parete da ogni angolazione possibile, sospettiamo che sarà difficile. Dopo otto ore di martellamento dei chiodi e di provare i movimenti, riesco a superare due tiri di venticinque metri. Qui la roccia è di una qualità fantastica, ma è molto raro trovare dei buoni piazzamenti. Anche qui ci sono sezioni in cui i chiodi si piantano solo a metà. Mi sento come se stessi impazzendo. Ho i crampi alle mani e Aja non sente più le gambe dopo essere rimasta seduta sull'imbrago per quattro ore. Decidiamo di scendere. Si spera che domani avremo nuove energie per supererare questa parte e continuare fino in cima.

Aja e io siamo seduti nei nostri sacchi a pelo e ci rimpinziamo di gulasch. Ricordo il mio vecchio amico Kujan, una leggenda del dopoguerra dell'arrampicata sull'arenaria della Repubblica Ceca.

A metà degli anni '80, Kujan soffriva di problemi di salute e doveva sottoporsi a cure cardiache. Ma era un grande combattente. Era solito indossare un'imbracatura pettorale anche di notte, per abituarsi alla pressione che si sente durante l'arrampicata. Una volta gli fu ordinato di trascorrere un po’ di tempo in una spa, ma si era annoiato a morte. Ecco perché io e mio fratello abbiamo deciso di salvarlo. Abbiamo raccolto dei vestiti da arrampicata, un materasso ed un sacco a pelo che avevo appena finito di cucire e l’abbiamo praticamente rapito dal sanatorio, dicendo che dovevamo visitare un vecchio amico malato. Durante quei due giorni non abbiamo desiderato nulla. Avevamo a nostra disposizione una quantità infinita di torri di arenaria, una chitarra accanto al fuoco e persino salsicce arrostite. La mattina successiva ci ha detto che si sentiva dieci anni più giovane e ci ha chiesto se avevamo versato il gulasch nel suo sacco a pelo, perché aveva sentito il profumo per tutta la notte. Tornato in sanatorio, sembrava di nuovo un paziente rispettabile, la cui serietà era tradita solo dall'inconfondibile odore del fuoco.

Le parti centrali della parete sono un po’ più piacevoli da vedere. Le placche apparentemente più compatte sono solcate da fessure ininterrotte. Ma quando mi unisco ad Aja ad una sosta, capisco la sua esitazione. La roccia è in parte formata da piccole lastre incastrate l'una nell’altra, che suonano vuote come una campana quando le tocchi con un martello. Fortunatamente la via non è così difficile, ma ci stiamo proteggendo solo con fettucce e friend.

Conosco quel suono, mi ricorda la nord del Triglav che abbiamo salito nel 1986, sotto il bordo della Sfinge. Su una piccola sella dietro la torre, che per le sue dimensioni farebbe vergognare qualsiasi zona di arenaria ceca, suggerisco a mio fratello di sederci un po’ e bere qualcosa. "Andiamo un po' oltre", mi risponde. E poi, venti minuti dopo, siamo seduti e ci guardiamo indietro. Tutta la torre inizia a muoversi e con un terribile ruggito crolla e svanisce nella vallata sottostante. Una volta che la nuvola di polvere scompare, non ne resta alcuna traccia.

Vediamo l'ultima torre sopra di noi. La parete della "cattedrale", che si trova appena sotto la vetta, è divisa da un camino. Discutiamo se salire il lato della parete formato da placche visibili qua e là, oppure il camino stesso. Penso che di avventure ne abbiamo avute abbastanza. Dopotutto, sono un ex climber di arenaria, e un camino è una scommessa sicura. La parte finale del camino mi ricorda che prima di fare l’alpinista, ero uno speleologo molto attivo. Ma nelle grotte siamo sempre prima scesi, e poi risaliti con una corda, non il contrario. Il camino non può essere alto più di venti metri. Lentamente mi sposto sul bordo dello strapiombo. Tutto si muove. Se riuscissi a posizionare un friend, potrei appendermi ed afferrare la presa successiva. Ma il friend mi scivola di mano e cado. Strappo via tutte le protezioni, vengo fermato dalla protezione sotto lo strapiombo. E sotto quello, c’è un solo chiodo ed una brutta sosta dove Aja è rannicchiata. Qualcosa colpisce la mia bocca ed una parte del mio dente anteriore scompare improvvisamente. Avevo sempre sperato di non rivivere mai più situazioni come queste. Spengo il cervello e riprovo.

La vetta della Creta di Aip è stupenda. È come l'altopiano de Il Mondo Perduto, lì in alto sopra tutto, con viste meravigliose tutt'intorno. Questo momento vale quasi sempre la pena. Tutto ciò che serve è attrezzarsi non soltanto con il materiale giusto, ma anche con un bel po’ di fortuna.

di Michal Coubal

SCHEDA: The Hour Between Dog and Wolf, Creta di Alp, Alpi Carniche

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Le Dolomiti dei fratelli Miroslav e Michal Coubal
25.04.2020
Le Dolomiti dei fratelli Miroslav e Michal Coubal
L'intervista di Luca Vallata a Michal Coubal, fortissimo alpinista dalla Repubblica Ceca che negli anni ’80 e ’90, insieme al fratello Miroslav, ha aperto una serie di difficili, quasi mitiche vie nelle Dolomiti come la Via in ricordo di Claudio Barbier alla Cima Grande di Lavaredo e La Storia Infinita sul Monte Agnèr.
Torre Spinotti e Geronimo, la nuova via d'arrampicata nelle Alpi Carniche
08.10.2019
Torre Spinotti e Geronimo, la nuova via d'arrampicata nelle Alpi Carniche
Il report dell’alpinista ceco Michal Coubal che insieme a sua figlia Anna Coubalová ha aperto Geronimo, una nuova via d’arrampicata sulla parete ovest della Torre Spinotti (gruppo Coglians - Cjanevate) nelle Alpi Carniche.
Tre Cime di Lavaredo Punta Frida: una prima salita in Dolomiti
30.10.2018
Tre Cime di Lavaredo Punta Frida: una prima salita in Dolomiti
Il racconto dell’alpinista ceco Michal Coubal che insieme a Ája Coubalová ha aperto The Lights from the other World, una nuova via d’arrampicata sulla Punta Frida, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti.
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
08.08.2005
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
Alpi Carniche: arrampicare Peralba Coglions, arrampicate classiche e moderne di Riccardo del Fabbro e Massimo Candolini.
Arrampicata sportiva nelle montagne friulane
16.06.2008
Arrampicata sportiva nelle montagne friulane
Cinque vie lunghe a spit per scoprire le Alpi Giulie e le Alpi Carniche, a cura di Massimo Candolini.
Falesia di Avostanis, l’arrampicata sopra l'incantevole lago delle Alpi Carniche
11.09.2019
Falesia di Avostanis, l’arrampicata sopra l'incantevole lago delle Alpi Carniche
Attilio De Rovere presenta la bellissima falesia di Avostanis in Carnia (Friuli Venezia Giulia) che con oltre 120 monotiri e qualche via di più tiri è adatta ad arrampicatori di ogni livello che vogliono cimentarsi dal grado 4b all' 8b. Dal 14 al 15 settembre 2019 ad Avostanis si svolgerà anche lo storico raduno Arrampicarnia.
La Cruna dell'Ago, nuova via d'arrampicata al Monte Cridola
03.10.2016
La Cruna dell'Ago, nuova via d'arrampicata al Monte Cridola
Gianmario Meneghin racconta l'apertura di La Cruna dell’Ago, una nuova via d'arrampicata al Monte Cridola, Alpi Carniche.
Nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche
02.09.2016
Nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche
Emiliano Zorzi racconta l’apertura di ‘Il Valzer dello Strangolino’ e ‘Naty per Scalare’, due nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock