Home page Planetmountain.com
Durante l'apertura di Geronimo alla Torre Spinotti, gruppo Coglians-Cjanevate, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubalová 12/08/2019)
Fotografia di Michal Coubal, Anna Coubalová
Durante l'apertura di Geronimo alla Torre Spinotti, gruppo Coglians-Cjanevate, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubalová 12/08/2019)
Fotografia di Michal Coubal, Anna Coubalová
Durante l'apertura di Geronimo alla Torre Spinotti, gruppo Coglians-Cjanevate, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubalová 12/08/2019)
Fotografia di Michal Coubal, Anna Coubalová
Durante l'apertura di Geronimo alla Torre Spinotti, gruppo Coglians-Cjanevate, Alpi Carniche (Michal Coubal, Anna Coubalová 12/08/2019)
Fotografia di Michal Coubal, Anna Coubalová

Torre Spinotti e Genomio, la nuova via d'arrampicata nelle Alpi Carniche

di

Il report dell’alpinista ceco Michal Coubal che insieme a sua figlia Anna Coubalová ha aperto Geronimo, una nuova via d’arrampicata sulla parete ovest della Torre Spinotti (gruppo Coglians - Cjanevate) nelle Alpi Carniche.

Recupero la corda e cerco di trovare una posizione un po’ più comoda. La sosta è formata da un blocco sul bordo di uno spigolo sotto un tetto. Alle mie spalle osservo il cielo scuro sopra la valle sotto di noi e la cortina di pioggia che si avvicina.

Ája toglie il materiale e cerca di rimuovere i chiodi dalla roccia. Nelle raffiche di vento le asole di corda gettate attorno al mio imbrago si alzano intorno a me come serpenti e scompaiono sopra lo strapiombo. La pioggia è appena arrivata. Mi spingo contro la parete e i ricordi affiorano, ancora una volta…

La primavera del 1988 non può essere dimenticata. Sono passati 14 giorni da quando io e mio fratello Mirek abbiamo installato il campo base nella valle di San Lucano, ipnotizzati dalla parete sud della Terza Pala. Oltre a qualche breve schiarita, piove di continuo. Ecco che arrivano i nostri amici slovacchi, Fero e Jaro, che per alcuni giorni sono andati a vedere il Lago Magiore. Il tempo non è da Terza Pala, ma non ci arrendiamo così facilmente. In una giornata grigia iniziamo la salita fino alla Lastia di Gardes. Al mattino non piove, ma a mezzogiorno iniziano a cadere le gocce. Saliamo comunque e la sera tardi troviamo una piccola cengia con un vecchio albero secco. Fero accende un piccolo fuoco e ci stringiamo attorno fino al mattino. È stata l'unica volta che ho passato la notte accanto al fuoco durante una salita. Continua a piovere ininterrottamente. Il secondo giorno, dopo la discesa, valutiamo chi ha i piedi più “ammollati".

Per motivarci però basta un'occhiata all'altro versante della valle. Qualche anno dopo trascorriamo la nostra terza notte sulla parete nord dell’Agner durante la nostra prima salita chiamata Storia infinita. Abbiamo messo il nostro portaledge su una rampa stretta. La tempesta notturna ha regalato lampi luminosi come il giorno e ci ha riempito l'intera rampa di acqua. Siamo seduti in una tenda il cui pavimento sta per esplodere, l'acqua lo sta gonfiando come un pallone. Ci urliamo a vicenda, ma attraverso il rombo costante del tuono non riusciamo a sentirci e spero solo di aver incollato bene tutte le cuciture prima di venire qui.

È tarda notte, l'ultima sera sul Javorová věž negli Alti Tatra, quando io e mio fratello entriamo finalmente nei nostri sacchi a pelo. C'è un diedro largo e liscio e siamo a pochi metri dalla cima. La tempesta, arrivata all’improvviso, si scatena fino al mattino. Poi, senza soluzione di continuità, diventa una tempesta di neve che trasforma i nostri sacchi a pelo in cose pesanti e inzuppate. Abbasso lo sguardo e per un po’ mi chiedo se devo buttare tutto giù o no. La prima salita viene immediatamente chiamata la Nona Onda.

Dopo tutti quegli anni volevo iniziare diversamente con mia figlia Anna, per mostrarle le montagne dal loro lato migliore. Durante la nostra salita sul Kolový štít negli Alti Tatra, il tempo doveva essere assolutamente perfetto, garantito dalle infallibili previsioni norvegesi. Fino ad oggi ricordiamo con chiarezza la mia affermazione: "Se non avessi saputo che oggi il tempo doveva essere così bello, avrei detto che pioverà entro un'ora". E infatti un mezz’ora dopo eravamo rannicchiati insieme sotto un guglia leggermente inclinata cerando riparo dall'acquazzone. Anche questa tempesta aveva giocato tutte le sue carte vincenti e in serata alcune pietre hanno iniziato a cadere dall’alto.

Questa volta, sulla Torre Spinotti, Ája non è riuscita a tirar fuori l'ultimo chiodo. È salita verso di me e, premendosi contro la parete, ha penetrato con gli occhi la pioggia dietro di noi e ha esclamato soltanto: "Ancora?" Abbiamo riavvolto le corde e ho riorganizzato il materiale per la seconda volta. Mi sono venute in mente le parole pronunciate da Aragorn nella trilogia di Tolkien, Il Signore degli Anelli, mentre si rivolgeva ad una manciata di suoi seguaci alle porte di Mordor: “Oggi non muore nessuno". Ma poi ho pensato a qualcosa di meglio. Mi sono sganciato dall’ultima sosta e sono partito per combattere contro l'ultimo strapiombo. "Geronimo!"


SCHEDA: Genomio, Torre Spinotti, Alpi Carniche

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Tre Cime di Lavaredo Punta Frida: una prima salita in Dolomiti
30.10.2018
Tre Cime di Lavaredo Punta Frida: una prima salita in Dolomiti
Il racconto dell’alpinista ceco Michal Coubal che insieme a Ája Coubalová ha aperto The Lights from the other World, una nuova via d’arrampicata sulla Punta Frida, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti.
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
08.08.2005
Alpi Carniche: arrampicate classiche e moderne
Alpi Carniche: arrampicare Peralba Coglions, arrampicate classiche e moderne di Riccardo del Fabbro e Massimo Candolini.
Arrampicata sportiva nelle montagne friulane
16.06.2008
Arrampicata sportiva nelle montagne friulane
Cinque vie lunghe a spit per scoprire le Alpi Giulie e le Alpi Carniche, a cura di Massimo Candolini.
Falesia di Avostanis, l’arrampicata sopra l'incantevole lago delle Alpi Carniche
11.09.2019
Falesia di Avostanis, l’arrampicata sopra l'incantevole lago delle Alpi Carniche
Attilio De Rovere presenta la bellissima falesia di Avostanis in Carnia (Friuli Venezia Giulia) che con oltre 120 monotiri e qualche via di più tiri è adatta ad arrampicatori di ogni livello che vogliono cimentarsi dal grado 4b all' 8b. Dal 14 al 15 settembre 2019 ad Avostanis si svolgerà anche lo storico raduno Arrampicarnia.
La Cruna dell'Ago, nuova via d'arrampicata al Monte Cridola
03.10.2016
La Cruna dell'Ago, nuova via d'arrampicata al Monte Cridola
Gianmario Meneghin racconta l'apertura di La Cruna dell’Ago, una nuova via d'arrampicata al Monte Cridola, Alpi Carniche.
Nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche
02.09.2016
Nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche
Emiliano Zorzi racconta l’apertura di ‘Il Valzer dello Strangolino’ e ‘Naty per Scalare’, due nuove vie alla Creta Forata, Alpi Carniche.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni