Home page Planetmountain.com
Stefano Stradelli sul terzo tiro della Via Per Nio sulla parete sud del Cervino
Fotografia di archivio Stefano Stradelli
Stefano Stradelli sul quarto tiro della Via Per Nio sulla parete sud del Cervino
Fotografia di archivio Stefano Stradelli
Michele Cazzanelli sull'ultimo tiro della Via Per Nio sulla parete sud del Cervino
Fotografia di archivio Stefano Stradelli
Cervino Pic Tyndall: Michele Cazzanelli, Jerome Perruquet e Stefano Stradelli dopo aver ripetuto la Via Per Nio sulla parete sud
Fotografia di archivio Stefano Stradelli

Cervino Via Per Nio ripetuta da Michele Cazzanelli, Jerome Perruquet e Stefano Stradelli

di

Il report di Stefano Stradelli che il 9 settembre insieme a Michele Cazzanelli e Jerome Perruquet ha effettuato la seconda ripetizione della Via Per Nio sulla parete sud del Cervino. Aperta nel 2000 da Hervé Barmasse e Patrick Poletto, la via era stata dedicata ad Innocenzo Menabreaz, guida alpina del Cervino scomparsa prematuramente nel 1994.

Era da molto tempo che sognavamo di andare a curiosare questo lato del Cervino, il famoso Scudo del Cervino, un triangolo di roccia alto 400 metri tra la via De Amicis e la via Casarotto Grassi. Abitando tutti e tre ai piedi della Gran Becca, sapevamo che andare a scalare sulla parete sud non sarebbe stato così semplice, motivo in più che ci ha spronato a prendere questa decisione.

Presto fatto il team è pronto: mercoledì 9 settembre alle ore 5:00 siamo partiti dal rifugio Oriondé, sotto una stellata, per questa magnifica avventura. Tutto sembra perfetto, i dubbi e le incertezze che ci corrono per la mente la sera prima svaniscono con i primi passi.

Saliamo veloci il primo tratto della cresta De Amicis che ci porta alla cengia d’attacco. Da lì, ammiriamo l’alba con i primi raggi di sole che baciano la parete, il tempo di rifocillarsi e di mettere le scarpette e si parte con i tiri. La via si caratterizza da 6 tiri lunghi tra i 30 e i 50 metri, con 6a+ obbligatorio da non sottovalutare. In 3 sapevamo di essere più lenti, ma abbiamo pensato bene che così potevamo dividerci a pari la via e il materiale.

Il primo ad aprire le danze è Jerome, a lui spettano i primi due tiri. Si tratta di una via poco frequentata nel bel mezzo della parete sud e, non sapendo bene a che cosa saremmo andati incontro, la tensione non tarda a farsi sentire.

Ci muoviamo quindi con calma facendo attenzione ad ogni singolo movimento, anche perché la roccia, pur essendo buona, resta comunque la roccia del Cervino. Non si tratta quindi di solido granito e un errore potrebbe costare caro poiché le protezioni che riusciamo a mettere non sono molte e per di più si presentano particolarmente aleatorie.

Non appena raggiungiamo la prima sosta ci guardiamo tra di noi e senza dire nulla capiamo che ci sarà da stringere i denti e faticare. È ovvio che non ci troviamo di fronte ad una via di arrampicata qualunque ma si tratta di una via particolarmente difficile e ingaggiosa, il che in realtà dà quel tocco di fascino in più. Ma il morale resta alto e tra una battuta e l’altra in sosta si attenua un po’ la tensione.

Il tempo di scambiarci il materiale e di leggere la relazione ed è subito il momento di Stefano: a lui spettano i due tiri centrali. Dato che Jerome ha spezzato un po’ il ghiaccio con le prime due lunghezze non resta che proseguire metro dopo metro verso la cima, dove si alternano tratti più facili a tratti più difficili. Pensi solo a scalare dentro di te e nient’altro, sembra quasi che il tempo si fermi e ad un tratto arrivi in sosta dove sei contento. Guardi i soci scalare sotto di te, ammiri la parete sud e Cervinia in tutto il suo splendore.

Arrivano i soci in sosta e ti chiedono come hai fatto a fare quel passaggio e non riesci neanche te a capacitarti perché sei concentrato e vedi solo l’obiettivo. Tempo di una bevuta veloce e si riparte per un altro faticoso tiro che ci riserva una piccola sorpresina: Je e Michi sentono dei colpi di martello provenire dall’alto ma non vedendomi non riescono a capire che cosa stesse succedendo. Solo giunti in cima al tiro, capirono che dovevo fare una sosta a chiodi poiché vi era solo uno spit che muoveva anziché la sosta vero e propria.

Ora spettano a Michi gli ultimi due tiri per uscire dallo scudo. Partito dalla sosta, dopo un breve tratto verticale e una mossa atletica, Michi raggiunge un chiodo dal quale è necessario fare un pendolo delicato per la fragilità della roccia per raggiungere la sosta seguente.  L’ultima lunghezza è caratterizzata da una lunga e piacevole scalata fino ad arrivare a un tratto in cima a strapiombo dove abbiamo trovato delle colate consistenti di acqua. 

Usciti dalla via, ci guardiamo entusiasti e felici ma sappiamo che non è ancora finita: bisogna ancora salire fino al Pic Tyndall sempre lungo la cresta De Amicis e riscendere a valle lungo la cresta del Leone. In discesa la stanchezza inizia a farsi sentire ma siamo motivati da un ristoro alla capanna Carrel da Laurent Nicoletta e Corrado Gaspard. Dopodiché in poco tempo giungiamo di nuovo all’Oriondé, soddisfatti della bella avventura portata a casa.

Via Innocenzo Menabreaz Per Nio, parete sud del Cervino.
Aperta da: Hervé Barmasse e Patrick Poletto, 14 agosto 2000.
Prima ripetizione: Nicolò Bongiorno, François Cazzanelli e Marco Farina il 14 novembre 2015.
Seconda ripetizione: Michele Cazzanelli, Jerome Perruquet e Stefano Stradelli il 9 settembre 2020.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cervino: impraticabile la scala Jordan sulla Via Normale Italiana
17.09.2020
Cervino: impraticabile la scala Jordan sulla Via Normale Italiana
Riceviamo e pubblichiamo un comunicato dalla Società Guide Alpine del Cervino riguardante lo stato della famosa Scala Jordan posta poco sotto la cima del Cervino ed attualmente impraticabile causa alcune scariche di sassi. Le guide hanno attrezzata una via a sinistra che permette di salire in cima.
Guide del Cervino raccolgono oltre 14.000 euro vendendo per beneficenza le Scale Jordan
21.04.2020
Guide del Cervino raccolgono oltre 14.000 euro vendendo per beneficenza le Scale Jordan
La Società delle Guide del Cervino ha raccolto 14.631 euro con la vendita delle storiche Scale Jordan, utilizzate da migliaia di alpinisti per la salita della via Normale del Cervino prima di essere dimesse. La somma andrà in beneficienza ad associazioni impegnate nel far fronte all’emergenza coronavirus.
Non così lontano #3, Hervé Barmasse sul Cervino
11.06.2020
Non così lontano #3, Hervé Barmasse sul Cervino
Il terzo ed ultimo episodio del film Non così lontano di Hervé Barmasse, che documenta l’apertura di una nuova via in solitaria nel 2011 sul Picco Muzio del Cervino.
Cervino Grandes Murailles: intervista a François Cazzanelli e Francesco Ratti dopo il concatenamento invernale
30.01.2020
Cervino Grandes Murailles: intervista a François Cazzanelli e Francesco Ratti dopo il concatenamento invernale
Intervista alle due guide alpine François Cazzanelli e Francesco Ratti dopo il primo concatenamento invernale della Catena Furggen, Cervino, Catena delle Grandes Murailles, Catena delle Petites Murailles, effettuato in 4 giorni dal 20 al 23 gennaio 2020.
Cervino Grandes Murailles concatenamento invernale per François Cazzanelli e Francesco Ratti
24.01.2020
Cervino Grandes Murailles concatenamento invernale per François Cazzanelli e Francesco Ratti
In 4 giorni e 40 ore complessive di arrampicata le due guide alpine François Cazzanelli e Francesco Ratti hanno completato il primo concatenamento invernale della Catena Furggen, Cervino, Catena delle Grandes Murailles, Catena delle Petites Murailles. Una 'cresta Himalayana, sopra il cielo di casa.'
Capanna Carrel al Cervino, regolamentato l’accesso. Intervista a Flavio Bich, presidente guide del Cervino
09.05.2019
Capanna Carrel al Cervino, regolamentato l’accesso. Intervista a Flavio Bich, presidente guide del Cervino
Intervista al presidente della società guide del Cervino Flavio Bich, dopo la decisione di limitare i posti a disposizione nel rifugio Capanna Carrel e rendere obbligatoria la prenotazione nei mesi estivi.
Cervino parete ovest salita in inverno da Marco Farina e Marco Majori
21.02.2019
Cervino parete ovest salita in inverno da Marco Farina e Marco Majori
Con un bivacco in parete, dal 15 al 16 febbraio 2019 Marco Farina e Marco Majori hanno effettuato una delle rare ripetizioni della via Ottin - Daguin sulla parete ovest del Cervino.
Cervino: nuova via Diretta allo Scudo di François Cazzanelli & Co
24.09.2018
Cervino: nuova via Diretta allo Scudo di François Cazzanelli & Co
Alpinismo: sulla parete sud del Cervino François Cazzanelli ha portato a termine Diretta allo Scudo, una nuova via d’arrampicata da lui aperta in diversi tentativi e con Roberto Ferraris, Francesco Ratti, Emrik Favre e Marco Farina.
Cervino x 4: François Cazzanelli e Andreas Steindl salgono le 4 creste in 16 ore
20.09.2018
Cervino x 4: François Cazzanelli e Andreas Steindl salgono le 4 creste in 16 ore
Intervista a François Cazzanelli che il 12 settembre 2018 insieme allo svizzero Andreas Steindl ha salito tutti e quattro le creste del Cervino in soli 16 ore e 4 minuti.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock