Home page Planetmountain.com
Il Soccorso Alpino durante un intervento in Dolomiti
Fotografia di Soccorso Alpino e Speleologico Veneto

Appello sicurezza in montagna del Soccorso Alpino Veneto

di

Riceviamo e pubblichiamo il seguente appello del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto rivolto alla prevenzione degli incidenti in montagna e delle situazioni di difficoltà. Si tratta di norme comportamentali di minima che ovviamente vanno bene per pianificare in sicurezza le proprie gite in qualsiasi montagna del mondo.

Scegliere escursioni e salite commisurate alla propria preparazione tecnica e alla propria condizione psico-fisica; non sopravvalutare mai le capacità individuali e considerare sempre i limiti di ciascuno. Preparare l’escursione, studiando il percorso con carte topografiche e guide e assumendo informazioni dalle locali previsioni meteo aggiornate.

Ricordiamo che a seguito del passaggio di Vaia moltissimi sentieri risultano tuttora impraticabili, è quindi fondamentale rivolgersi alle Sezioni del Cai del posto, alle Guide alpine, ai gestori dei Rifugi.

Sempre meglio essere in compagnia per contare sull’aiuto reciproco in caso di difficoltà. Verificare costantemente le condizioni del percorso; in caso di imprevisti (difficoltà elevate, pericoli ambientali, maltempo e altro) ricordare che una rinuncia non è mai disonorevole. Controllare lo zaino, che contenga un ricambio completo asciutto, cibo e soprattutto delle bevande.

Un piccolo kit di pronto soccorso e una pila frontale non devono mancare. Vestirsi in modo appropriato con particolare attenzione alle calzature; sempre utile, anche nella bella stagione e a bassa quota, una giacca anti pioggia/vento e abbigliamento pesante. Attrezzarsi adeguatamente in relazione all’attività programmata, al percorso, alla quota e alla stagione. Lasciare detto ai familiari l’itinerario e la meta, non variarla se non per necessità e avvisare al rientro.

Se ci si trovasse in difficoltà, non bisogna farsi prendere dal panico, ma mettersi in posizione di sicurezza e attendere i soccorsi. Non affidarsi mai unicamente a strumenti tecnologici (smartphone, gps, ecc.), sicuramente utili, ma non in grado di proteggere in assoluto dai guai.

In caso di bisogno in ambiente impervio e ostile - che manifesta comunque sempre un potenziale di pericolo per il rischio evolutivo - il numero da contattare in Veneto per allertare il Servizio sanitario e il Soccorso alpino e speleologioco è tuttora il 118, non essendo ancora stato attivato nella nostra regione il 112 quale numero unico di emergenza. Al 112 - che resta nelle zone di assenza di copertura l’unico attivabile - rispondono ancora i Carabinieri, che provvederanno subito a trasferire la chiamata al 118.

Alla Centrale del 118 risponderà un operatore che, in base alla situazione in corso, stabilirà quale tipo di intervento, mezzi e personale siano necessari. Qualora si contatti il 118, bisogna cercare di non spostarsi dal luogo in cui ci si trova: si faciliterà l’individuazione da parte dei soccorritori; si potrebbe non essere più raggiungibili telefonicamente a poca distanza dal punto in cui prima c’era copertura; cambiando luogo si potrebbe addirittura peggiorare la propria situazione. Gli operatori del 118 chiederanno tutte le informazioni indispensabili, fornendo al contempo gli opportuni consigli in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Info: web.cnsas.veneto.it e www.cnsas.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Soccorso alpino, piccola storia cortinese per ricordare da dove veniamo
05.07.2019
Soccorso alpino, piccola storia cortinese per ricordare da dove veniamo
Un estratto dedicato al Soccorso Alpino dal film 'Rosso 70 – Storie e memorie di 70 anni di alpinismo degli Scoiattoli di Cortina'. 
Cnsas Liguria la festa dei 25 anni e la partecipazione al Festival della Scienza al porto di Genova
15.12.2017
Cnsas Liguria la festa dei 25 anni e la partecipazione al Festival della Scienza al porto di Genova
Quest'anno il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas) Liguria ha festeggiato i suoi primi 25 anni. Per l'occasione la stazione di Genova ha partecipato al Festival della Scienza con una spettacolare dimostrazione di manovre di corda e di tecniche di ricerca e soccorso. Il racconto di Mattia Salvi.
Migranti soccorsi nella neve tra Italia e Francia dal Soccorso Alpino
11.12.2017
Migranti soccorsi nella neve tra Italia e Francia dal Soccorso Alpino
Tra la giornata di ieri e l’alba di questa mattina la stazione di Bardonecchia (TO) del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS Piemonte) è intervenuta in 3 operazioni di ricerca per localizzare e soccorrere alcuni gruppi di migranti che cercavano di valicare il confine di stato verso la Francia nella zona del Colle della Scala (1726 m) in condizioni climatiche proibitive a causa di temperature rigide e fitte nevicate.
Erri De Luca, il verbo scalare e i pescatori di uomini che salvano i migranti
27.04.2017
Erri De Luca, il verbo scalare e i pescatori di uomini che salvano i migranti
Erri De Luca e l'esperienza con Medici Senza frontiere sulla nave Prudence impegnata a salvare i migranti sul Mediterraneo.
Dieci anni dopo, il ricordo del soccorso che gli ha salvato la vita
09.09.2016
Dieci anni dopo, il ricordo del soccorso che gli ha salvato la vita
Riceviamo dal Soccorso Alpino e Speleologico Veneto e volentieri pubblichiamo il racconto, di un incidente in montagna e del relativo soccorso, che è stato raccolto ieri sera in occasione del 10 anniversario dall'accaduto. Una storia raccontata dagli stessi protagonisti (salvato e salvatori) che, a distanza di tanto tempo, forse può servire più di mille appelli sul soccorso, sugli incidenti in montagna e anche su ciò che può succedere e sugli errori che si commettono andando per monti.
Frana sul Pelmo: il sopralluogo del Soccorso Alpino
30.07.2016
Frana sul Pelmo: il sopralluogo del Soccorso Alpino
Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato con i risultati del sopralluogo effettuato questa mattina dal Soccorso alpino di San Vito di Cadore sulla frana caduta ieri sera sul Monte Pelmo (Dolomiti).
28.09.2004
Tofana di Rozes: nuova via per il 50° del Soccorso Alpino
Via 50° anniversario CSNAS, nuovo itinerario aperto nel luglio 2004 sulla parete sud della Tofana di Rozes ad opera delle Guide alpine Ferruccio Svaluto e Diego Stefani, con l'aiuto di Roberto Galli e Giovanni Zanettin, per ricordare i 50 anni del Soccorso Alpino.
Nuova via per il 50° del Soccorso Alpino di Auronzo
24.09.2004
Nuova via per il 50° del Soccorso Alpino di Auronzo
Il 27-28/08 nuova via di Michele Zandegiacomo Mazzon e Simone Corte Pause sulla Cima Auronzo nel (Croda dei Toni - Dolomiti) dedicata ai 50 anni del Soccorso Alpino di Aurunzo di Auronzo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni