Home page Planetmountain.com
Via Mamabi, Antelao, Dolomiti: Enrico Paganin in autosicura nel camino.
Fotografia di Enrico Paganin
Via Mamabi, Antelao, Dolomiti: nella parte centrale, prima dell'anfiteatro
Fotografia di Enrico Paganin
Antelao, Dolomiti: in rosso la Via Direttissima Centrale aperta in solitaria da Riccardo Bee (24-25-26 Novembre 1980), in verde via Mamabi
Fotografia di Enrico Paganin
Via Mamabi, Antelao, Dolomiti: Enrico Paganin in cima. Il Re del Cadore è alto 3264m e quindi, dopo la Marmolada, la seconda montagna più alta delle Dolomiti
Fotografia di Enrico Paganin

Antelao, Dolomiti: Enrico Paganin apre in solitaria la Via Mamabi

di

Sabato 30 giugno Enrico Paganin ha salito in solitaria una probabile nuova linea sulla parete sud ovest dell’Antelao in Dolomiti. Una via d’arrampicata 'di carattere esplorativo', che 'non mira al grado' e che attraverso un sistema nascosto di cenge oblique permette di entrare nel grande anfiteatro a destra della storica J. S. Phillimore.

La via nasce dalla curiosità di trovare un modo semplice per entrare nell’anfiteatro a destra della storica via Phillimore, nel quale non passa nessuna via. L’anno scorso dopo aver percorso la via di Riccardo Bee con Luca Vallata, sono ritornato a studiare la parete sud ovest e la sua complicata struttura.

Dopo alcuni sopralluoghi alla parete da solo e uno con un mio caro amico, Francesco Lamo (CAAI), ritorno da solo il 30 giugno. La via è di carattere esplorativo, non mira al grado, ma segue una logica di ricerca dei punti deboli nella parete seguendo il vecchio dogma alpinistico di “cercare il facile nel difficile. Era nei miei progetti, una volta nell’anfiteatro, di ricollegarmi semplicemente alla Phillimore per uscire con facilità dalla parete essendo una via di max III grado. In realtà ho invece incrociato la Philimore senza riconoscerla e sono uscito alla sua sinistra per una linea indipendente di camini e fessure. A due terzi della parete, su un traverso, sono stato costretto ad abbandonare la corda in quanto incastrata.

Seguendo lo spigolo più alto ed altre fessure ho raggiunto dei camini che permettono di uscire sul Pian del Lenzuò evitando le placconate gialle. Una via d’uscita da sotto non visibile.
Ho riscoperto la soddisfazione di passare tra le pieghe nascoste della montagna riuscendo ad individuare una linea semplice senza forzature.

La roccia è buona nella parte bassa dello zoccolo. Marcia nella parte centrale dell’anfiteatro e fino al primo camino. Dopo il traverso a sinistra migliora nettamente, tornando buona. Dedico la via alle mie 3 figlie, racchiuse nell’acronimo Mamabi.

di Enrico Paganin

Via Mamabi, Antelao parete SO

Salita solitaria per nuova linea (da confermare), che attraverso un sistema nascosto di cenge oblique permette di entrare nel grande anfiteatro a destra della storica Phillimore (John Swinnerton Phillimore, Arthur Guy Sandars Raynor con le guide Antonio Dimai, Zaccaria Pompanin, Michel Innerkofler 16/08/1898). La via incrocia la stessa Phillimore, per poi uscire a sinistra. Una grande avventura su una grande montagna. Lasciate 6 soste attrezzate. Altre due ore per la cima. Discesa per la normale, ancora innevata. In vetta alle 15.45

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Monte Bianco: Nord della Tour Ronde, in giornata da Venezia
19.09.2013
Monte Bianco: Nord della Tour Ronde, in giornata da Venezia
Enrico Paganin racconta una giornata di alpinismo intenso con la salita in giornata, partendo da Venezia e ritornando a Venezia, della parete Nord della Tour Ronde sul Monte Bianco.
Antelao e il Canalone Oppel: sulle orme del bivacco Piero Cosi che non c'è più
15.12.2015
Antelao e il Canalone Oppel: sulle orme del bivacco Piero Cosi che non c'è più
Il racconto di Carlo Cosi e Giovanni Zaccaria e la loro discesa con gli sci del canalone Oppel sull'Antelao in Dolomiti, effettuata l'11 Aprile 2015. Una bella discesa, probabilmente la prima, ma soprattutto un racconto di una storia… del bivacco Piero Cosi che non c'è più e che sarebbe bello ricostruire.
50 giorni per 106 vette delle Dolomiti
06.07.2007
50 giorni per 106 vette delle Dolomiti
Il grande viaggio di Franco Nicolini e Mirco Mezzanotte su 106 cime delle Dolomiti oltre i 3000 metri: 50 giorni di sola montagna e scalata, spostandosi a piedi o in mountainbike.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra