Home page Planetmountain.com
Sean Villanueva sale verso la cima di Aguja Poincenot in Patagonia, durante la prima libera di Historia interminable salita insieme e Nico Favresse
Fotografia di Nicolas Favresse, Sean Villanueva
Sean Villanueva durante la prima libera di Historia interminable sull' Aguja Poincenot in Patagonia, salita insieme e Nico Favresse
Fotografia di Nicolas Favresse, Sean Villanueva
Nico Favresse e Sean Villanueva durante la prima salita di Beggars Banket sull' Aguja Poincenot in Patagonia
Fotografia di Nicolas Favresse, Sean Villanueva
Nico Favresse durante la prima salita di Beggars Banket sull' Aguja Poincenot in Patagonia, aperta insieme a Sean Villanueva
Fotografia di Nicolas Favresse, Sean Villanueva

Aguja Poincenot, Nicolas Favresse e Sean Villanueva salgono altre due vie in Patagonia

di

Il report di Nicolas Favresse che, insieme a Sean Villanueva O’Driscoll, ha salito altre due vie sull' Aguja Poincenot in Patagonia: la nuova via Beggars Banket (7a, 400m) sulla parete est sopra la rampa Whillans e, sulla parete sud, la prima libera di Historia interminable (6c, 800m).

Con una finestra di bel tempo di due giornate relativamente calde abbiamo pensato che sarebbe stato ideale rimanere al fresco tentando qualcosa sull'imponente ed ombreggiata parete sud dell' Aguja Poincenot. Rolando Garibotti, autore della guida Patagonia Vertical, ci aveva indicato un paio di possibili nuove linee che dalle foto sembravano promettenti.

Dopo circa 10 ore di avvicinamento abbiamo finalmente raggiunto la base della parete, che ci è sembrata più ripida e con meno possibilità di salita di quanto non fosse apparso dalle immagini. Senza portaledge, con soltanto 3 chiodi, un paio di spit e 2 giorni di bel tempo a disposizione ci siamo resi conto che non eravamo arrivati adeguatamente preparati per una parete così difficile. A questo punto abbiamo acceso di nuovo il nostro radar in cerca di linee e abbiamo scansionato rapidamente un’altra via circa cento metri più a sinistra. Le fessure sembravano pulite e continue, e si sono rivelate altrettanto buone nella realtà.

Ben presto però abbiamo scoperto che altri radar avevano scannerizzato questa linea ben prima di noi, e ci siamo imbattuti su vecchi chiodi, vecchie corde, spit arrugginiti ed un portaledge rotto ed abbandonato. Comunque sia, abbiamo continuato come se fossimo stati i primi a mettere le mani su quelle fessure perfette e ci siamo davvero divertiti! Il passo chiave era un offwidth di 30 metri protetto con solo un Camelot #6, per la maggior parte completamente aperto! Sebbene nel corso degli anni Sean abbia sviluppato un amore per l'arrampicata offwidth, una partita di sasso - carta - forbice aveva deciso che sarei stato io a salire questo tiro da primo. Mi ci sono volute 2 ore di intensa lotta, guadagnandomi ogni centimetro e coinvolgendo tutto il mio corpo, sia fisicamente che mentalmente, per raggiungere la cima dell'ampia fessura...

Tutto quello che è seguito è stato niente di più che un gioco da ragazzi. Persino il dolore causato da tutte le ferite alle ginocchia, ai gomiti, alle spalle e alle caviglie non era niente in confronto alla lotta per uscire vivo da quella fessura. La cosa migliore che Sean potesse dire, in segno di compassione, era affermare che ovviamente non so come scalare le offwidth.

Successivamente abbiamo scoperto che avevamo effettuato la prima ripetizione, e la prima libera, di una via chiamata Historia Interminable, aperta nel 1987 da un team di alpinisti spagnoli. Per me è stata la prima volta in cima al Cerro Poincenot, quindi ero molto felice!

Pochi giorni dopo è arrivata un'altra finestra di bel tempo. Questa volta la ventana è stata accompagnata con venti forti che hanno ridotto le nostre opzioni per il nostro successivo obiettivo. La nostra idea era quella di tentare una nuova via sulla est della Poincenot, una parete nota per essere protetta dal vento. Sfortunatamente non avevamo sufficiente tempo per recuperare il nostro materiale dal Nipo Nino, il nostro campo base avanzato sull’altro versante della montagna, quindi pensavamo che una nuova via fosse fuori questione. Tuttavia, dopo aver parlato con alcuni amici e la comunità di alpinisti incredibilmente generosa di El Chalten, nel giro di poche ore siamo riusciti a raccogliere più materiale di quanto necessario per questa missione.

La salita si è rivelata piuttosto avventurosa con molte larghe fessure piene di ghiaccio che ci hanno offerto pochissime possibilità per una protezione adeguata. Abbiamo anche superato un paio di sezioni interessanti con camini pieni di ghiaccio strapiombante, che perdevano acqua come fossero una doccia. Siamo riusciti a superarle soltanto con l'aiuto di una piccozza, una buona giacca impermeabile e le nostre mutande bagnate. Fortunatamente abbiamo scoperto che il vento della Patagonia funziona perfettamente anche come phon!

Ho salito l'ultimo tiro e ho fatto sosta proprio sotto la cima, sorprendentemente protetto dal forte vento. Ciascuno di noi ha poi fatto un rapido giro in vetta per sentire la forza della natura e raggiungere la cima della Poincenot per la seconda volta. Abbiamo chiamato la nostra nuova via Beggars banquet perché è quello del famoso album dei Rolling Stones, ma anche perché avevamo preso in prestito tutto il materiale per salirla.

di Nicolas Favresse

Link: Nico FavressePetzlSCARPA

Ricordiamo che alcune settimane prima i due aveva aperto El Flechazo sull' Aguja Cerro Standhardt

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
19.02.2020
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
Sulla Aguja Standhardt in Patagonia gli alpinisti belgi Nicolas Favresse e Sean Villanueva O’Driscoll hanno aperto la nuova via El Flechazo (850m, 7b, M3, WI5+).
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
18.02.2020
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
Intervista al 29enne alpinista tedesco Fabian Buhl che il 7 febbraio 2020 si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, Patagonia.
Torre Egger, Patagonia, completata la via Marc-Andre’s Visión
14.02.2020
Torre Egger, Patagonia, completata la via Marc-Andre’s Visión
Gli alpinisti Brette Harrington, Quentin Roberts e Horacio Gratton hanno completato la Marc-Andre’s Visión, una nuova via sulla parete est della Torre Egger in Patagonia.
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
12.02.2020
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
Il video del volo in parapendio di Fabian Buhl dalla cima del Cerro Torre in Patagonia, effettuato il 7 febbraio 2020.
Il dado è tratto, nuova via dei Ragni di Lecco sulla Aguja Standhardt in Patagonia
11.02.2020
Il dado è tratto, nuova via dei Ragni di Lecco sulla Aguja Standhardt in Patagonia
Sul versante Nord dell'Aguja Standhardt, in Patagonia, Matteo Bernasconi, Matteo Della Bordella e Matteo Pasquetto hanno aperto Il dado è tratto: una nuova linea che offre un’arrampicata “spettacolare". Il racconto di Della Bordella direttamente da El Chalten.
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
08.02.2020
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
Paralpinismo in Patagonia: l'alpinista tedesco Fabian Buhl si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, in Patagonia. E’ il primo a farlo salendo autonomamente in vetta.
Cerro Piergiorgio parete est, nuova via in Patagonia di Alessandro Bau e Giovanni Zaccaria
02.02.2020
Cerro Piergiorgio parete est, nuova via in Patagonia di Alessandro Bau e Giovanni Zaccaria
Sulla parete est del Cerro Piergiorgio in Patagonia Alessandro Baù e Giovanni Zaccaria hanno aperto una nuova via di ghiaccio chiamata Scrumble de manzana.
Torri del Paine, intervista con Favresse dopo la libera di El Regalo de Mwono in Patagonia
10.03.2017
Torri del Paine, intervista con Favresse dopo la libera di El Regalo de Mwono in Patagonia
Intervista a Nicolas Favresse dopo la prima libera, effettuata con Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee, della via d'arrampicata su big wall El Regalo de Mwono (1200m, 8a) sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia.
Patagonia, nuove libere sulle Torri del Paine e Fitz Roy per Villanueva, Didier e Hanssens
15.03.2013
Patagonia, nuove libere sulle Torri del Paine e Fitz Roy per Villanueva, Didier e Hanssens
In Patagonia gli alpinisti belgi Stephane Hanssens, Merlin Didier e Sean Villanueva O'Driscoll hanno effettuato le prima libere della parete Est del Cerro Catedral (1000 m, 7c+) e della parete Est del Cerro Cota 2000 (500m, 7c+) mentre sul Fitz Roy hanno salito 900m di terreno vergine sulla parete Nordovest. Un'avventura “assolutamente incredibile” come ci racconta Sean Villanueva O'Driscoll.
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
23.02.2017
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
Dopo 19 giorni di arrampicata in parete, Nicolas Favresse, Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee hanno effettuato la prima libera di El Regalo de Mwono sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia. Questa via di 1200m era stata aperta tra il 1991/1992 da Paul Pritchard, Simon Yates, Sean Smith e Noel Craine con difficoltà fino a VI, 5.10, A4.
Paine South African Route, intervista con Favresse, Villanueva e Ditto
13.02.2009
Paine South African Route, intervista con Favresse, Villanueva e Ditto
Intervista a Nicolas Favresse, Sean Villanueva e Ben Ditto dopo la prima libera della via dei Sudafricani sulla parete est della Torre Centrale del Paine in Patagonia.
Free South Africa, prima libera sulla Torre Centrale del Paine per Favresse, Villanueva e Ditto
10.02.2009
Free South Africa, prima libera sulla Torre Centrale del Paine per Favresse, Villanueva e Ditto
Dopo 11 giorni in parete Nicolas Favresse, Sean Villanueva e Ben Ditto sono riusciti a liberare la via degli sudafricani sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia.
Riders on the Storm ripetuto da un team belga
17.02.2006
Riders on the Storm ripetuto da un team belga
Un forte team di giovani belgi composto da Nicolas Favresse, Olivier Favresse, Seán Villanueva e Mike Lecomte ha appena realizzato una delle "rare" ripetizioni di Riders on the Storm, situata nelle Torri del Paine ed uno dei gioelli della corona delle vie Patagoniche.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini