Home page Planetmountain.com
L'alpinista francese Catherine Destivelle. Nata a Parigi il 24 luglio 1960, è la prima donna a ricevere il Piolet d'Or Carrière
Fotografia di archive Catherine Destivelle
Catherine Destivelle - Sport Roccia 1986
Fotografia di L. Tonina
Reinhold Messner & Catherine Destivelle al TrentoFilmfestival 2012
Fotografia di Dino Panato / TrentoFilmfestival 2012
Catherine Destivelle insieme a John Roskelley al Ladek Mountain Festival in Polonia, settembre 2019
Fotografia di Michał Złotowski

A Catherine Destivelle il Piolet d'Or Carrière 2020

di

L'alpinista francese Catherine Destivelle sarà la prima donna a ricevere il Piolet d'Or Carrière durante il Ladek Mountain Festival in Polonia il prossimo settembre. Il premio in passato è stato assegnato ad alcuni dei più grandi alpinisti di sempre.

Il Piolet d'Or Carrière è stato assegnato a Catherine Destivelle, la 59enne alpinista francese ritenuta una delle climber e delle alpiniste più forti di tutti i tempi. Nata a Parigi il 24 luglio 1960, Destivelle è la prima donna a ricevere il riconoscimento alla carriera dopo Walter BonattiReinhold MessnerDoug ScottRobert ParagotKurt DiembergerJohn RoskelleyChris BoningtonWojciech KurtykaJeff LoweAndrej Štremfelj e Krzysztof Wielicki, e il premio le sarà conferito durante il Ladek Mountain Festival in Polonia il prossimo 19 settembre.

Dopo una vita salendo le parete e le montagne del mondo, Destivelle si trasferita definitivamente alla porte di Chamonix dove ha aperto la propria casa editrice Les Éditions du Mont Blanc. Il suo ultimo libro, Vuoi provare l'arrampicata? (edito da Mulatore Editore) è un compendio della sua vastissima esperienza in montagna che le è valsa il prossimo Piolet d'Or alla carriera. Di seguito il ritratto di Claude Gardien, storico direttore della rivista francese Vertical.

CATHERINE DESTIVELLE di Claude Gardien

Catherine Destivelle ha iniziato a farsi un nome nel mondo dell'arrampicata durante gli anni '80, un periodo in cui l'arrampicata sportiva stava esplodendo in popolarità e i gradi aumentavano rapidamente. I media hanno focalizzato la loro attenzione su questa nuova disciplina, ignorando il fatto che Catherine da giovane era stata una alpinista. Infatti, poco dopo aver scoperto l'arrampicata a Fontainebleau all'età di 12 anni, stava già affrontando grandi vie nel massiccio del Monte Bianco. Tuttavia, a metà degli anni '80 Catherine aveva iniziato a partecipare alle prime gare di arrampicata sportiva e il suo successo in queste competizioni, e il fatto di essere diventata la prima donna a salire una via di 8a, l’hanno trasformata in una stella dell'arrampicata. Pochi sapevano però che da adolescente aveva salito alcune delle più grandi vie delle Alpi.

Nel 1990, la “rock star” fece il suo ritorno in montagna con un'impressionante salita in solitaria del Pilastro Bonatti sul Petit Dru. Con questa salita ha finalmente ottenuto il riconoscimento di essere considerata anche un’alpinista. Ha continuato l’attività in montagna aprendo una nuova via sulla parete ovest del Petit Dru in 11 giorni, prima di completare la trilogia invernale in solitaria; la parete nord dell'Eiger nel 1992, lo Sperone sulla parete nord delle Grandes Jorasses nel 1993 e la Via Bonatti sulla parete nord del Cervino nel 1994. Ancora oggi quest'ultima via viene raramente ripetuta. Era la sua seconda grande via di Bonatti e la prima volta che una donna saliva una via così difficile nelle Alpi. Tuttavia, Catherine non voleva solo essere conosciuta come una brava alpinista di sesso femminile, voleva che le sue prestazioni fossero misurate con quelle di qualsiasi alpinista, indipendentemente dal genere. Quante persone potevano affermare di arrampicare a quei livelli? Catherine aveva dimostrato che le donne potevano essere forti in montagna tanto quanto gli uomini.

Catherine ha continuato ad abbracciare il mondo dell'alpinismo tecnico d'alta quota. In Himalaya e nel Karakoram ha effettuato la seconda salita in libera della via Slovena sul Trango Tower, ha scalato la parete sud-ovest fino alla cresta sommitale del Xixabangma e ha tentato la parete sud dell'Annapurna, il pilastro ovest del Makalu e la cresta nord del Latok I. Ha aperto importanti vie nel massiccio del Sentinel in Antartide. Ha inoltre arrampicato negli USA, sulle guglie del deserto del Mali e del Sinai.

Catherine ha inevitabilmente attirato l'attenzione di fotografi e cineasti di montagna. Nel 2007 ha recitato in Au-delà des cimes di Rémy Tézier, un film che mostrava l'arrampicata in montagna con immagini bellissime. Nel film Catherine sale Voyage selon Gulliver - una difficile via di più tiri sul Grand Capucin. Tuttavia, l'attenzione principale è rivolta alla bellezza del movimento, al piacere del bivacco in cima al Grépon con sua sorella e alla salita dell'Aiguille Verte con gli amici. Il titolo del film si traduce come "oltre le vette" ed esprime l'idea che il valore dell'alpinismo vada ben oltre la difficoltà di una salita. L'immersione nel paesaggio di montagna e il legame di amicizia tra i compagni di cordata forniscono ricordi che durano molto più a lungo di un elevato grado di difficoltà o di un veloce tempo.

Dopo aver scritto un'affascinante autobiografia (Ascensioni, Edizioni Arthaud), non fu una sorpresa quando Catherine fondò la sua casa editrice, Les Éditions du Mont Blanc. Attraverso questa, ha pubblicato testi eccezionali di scrittori poco conosciuti e ha rapidamente guadagnato una reputazione per il suo solido giudizio editoriale e la qualità delle sue opere. Come per l'arrampicata in montagna, ha continuato a lasciare il segno nel mondo dell'editoria. Il suo credo è sempre stato quello di continuare ad andare avanti, senza mai preoccuparsi del suo status di alpinista o editore.

di Claude Gardien

Info: www.pioletsdor.net

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Vuoi provare l'arrampicata? Il prezioso libro di Catherine Destivelle per i più giovani
21.07.2020
Vuoi provare l'arrampicata? Il prezioso libro di Catherine Destivelle per i più giovani
Vuoi provare l'arrampicata? Di Catherine Destivelle (Mulatero Editore). Un grande piccolo libro e vademecum, dalla vincitrice del Piolet d'or Carriere 2020, per spiegare in maniera agile ed esaustiva l'arrampicata ai ragazzi e alle ragazze più giovani.
Piolets d'Or 2020: la big list
08.07.2020
Piolets d'Or 2020: la big list
È stata resa nota dall'organizzazione dei Piolets d’Or la consueta 'big list', l'elenco delle salite alpinistiche più significative ed innovative realizzate nel 2019 dalla quale verrà stilata la lista dei vincitori del Piolets d'Or 2020 che verrà celebrato, durante il Ladek Mountain Festival in Polonia, dal 11 al 22 settembre 2020.
A Krzysztof Wielicki il Piolet d'Or Carrière
14.06.2019
A Krzysztof Wielicki il Piolet d'Or Carrière
Il prossimo settembre all’alpinista polacco Krzysztof Wielicki sarà consegnato il Piolet d'Or Carrière durante il Ladek Mountain Festival in Polonia. In passato il premio del Piolets d'Or è stato assegnato a Walter Bonatti, Reinhold Messner, Doug Scott, Robert Paragot, Kurt Diemberger, John Roskelley, Chris Bonington e Wojciech Kurtyka, Jeff Lowe e Andrej Štremfelj.
Jeff Lowe, premio alla carriera Piolet d'Or 2017
03.03.2017
Jeff Lowe, premio alla carriera Piolet d'Or 2017
All’alpinista statunitense Jeff Lowe va il Piolets d'Or Carrière 2017. Il premio sarà assegnato durante la 25esima edizione del premio per l’alpinismo che si terrà dal 12 al 15 aprile 2016 a Grenoble in Francia. In passato il premio è stato assegnato a Walter Bonatti, Reinhold Messner, Doug Scott, Robert Paragot, Kurt Diemberger, John Roskelley, Chris Bonington e Wojciech Kurtyka. La presentazione di Claude Gardien, storico caporedattore della rivista francese Vertical.
Piolets d'Or 2016: a Wojciech Kurtyka il Piolet d'Or Carrière e la 'big list' dell'alpinismo mondiale
25.02.2016
Piolets d'Or 2016: a Wojciech Kurtyka il Piolet d'Or Carrière e la 'big list' dell'alpinismo mondiale
Sono 52 le ascensioni del 2015 inserite nella Big list dei Piolet d'Or, il prestigioso premio per l’alpinismo che si terrà dal 14 al 17 aprile 2016 a la Grave-La Meije, Francia. Durante la 24° edizione verrà premiato anche l’alpinista polacco Wojciech Kurtyka con il Piolet d'Or Carrière.
Piolets d'Or 2015: a Chris Bonington il Piolet d'Or Carrière
27.01.2015
Piolets d'Or 2015: a Chris Bonington il Piolet d'Or Carrière
Dal 9 al 12 aprile Courmayeur e Chamonix tornano ad essere le capitali dell'alpinismo mondiale con la 23° edizione del più prestigioso premio del settore. Il Piolet d'Or Carrière quest'anno sarà assegnato al britannico Sir Chris Bonington.
Piolets d'Or 2014: a John Roskelley il premio alla carriera
20.12.2013
Piolets d'Or 2014: a John Roskelley il premio alla carriera
Dal 26 al 29 marzo 2014 Courmayeur e Chamonix ospiteranno la 22° edizione dei Piolets d’Or, l'Oscar internazionale dell'alpinismo. All'alpinista statunitense John Roskelley verrà consegnato il Piolet d'Or Carrière.
Piolets d'Or 2013 al via. A Kurt Diemberger il premio alla carriera
06.02.2013
Piolets d'Or 2013 al via. A Kurt Diemberger il premio alla carriera
Dal 3 al 6 aprile Courmayeur e Chamonix tornano ad essere le capitali dell’alpinismo mondiale grazie alla 21° edizione dei Piolets d’Or, il premio internazionale di questa disciplina.
Piolets d'Or 2012: K7 Ovest e Saser Kangri II i premiati
25.03.2012
Piolets d'Or 2012: K7 Ovest e Saser Kangri II i premiati
Il Piolet d'Or 2012 è stato assegnato a due salite, K7 Ovest (Pakistan) salito dagli sloveni Nejc Marcic e Luka Strazar e Saser Kangri II (India) salito dagli statunitensi Mark Richey, Steve Swenson e Freddie Wilkinson. La salita della Torre Egger in Argentina dei norvegesi Bjorn-Eivind Aartun ed Ole Lied ha ricevuto una menzione speciale dalla giuria, mentre il premio alla carriera "Walter Bonatti " è stato consegnato al francese Robert Paragot.
Piolet d'Or: le nominations, il Piolet a Doug Scott e tutte le serate
18.03.2011
Piolet d'Or: le nominations, il Piolet a Doug Scott e tutte le serate
Dal 13 al 16 Aprile 2011 a Courmayeur e Chamonix (Monte Bianco) si svolgerà la IXX edizione del Piolets d'Or. Le 6 salite nominate per l'assegnazione della piccozza d'oro come migliore realizzzaione del 2010. Il Piolet d'or al grande alpinista britannico Doug Scott. La serata dedicata all'alpinismo extra-Ordinario e tutto il programma...
Piolet d'Or, i vincitori e l'alpinismo del futuro
12.04.2010
Piolet d'Or, i vincitori e l'alpinismo del futuro
I Piolets d'or 2010 a Denis Urubko e Boris Dedechko per la via sul Cho Oyu e a Jed Brown, Kyle Dempster e Bruce Normand per lo Xuelian West. A Reinhold Messner il Piolet d'or alla carriera a Courmayeur, ospite d'eccezione anche Walter Bonatti.
Piolet d'Or 2009, i vincitori
30.04.2009
Piolet d'Or 2009, i vincitori
Tutti i vincitori del 17° Piolets d'Or 2009, tenutasi a Chamonix e Courmayeur weekend scorso. A Walter Bonatti il premio alla carriera.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock