Home page Planetmountain.com
All'alpinista statunitense Jeff Lowe il premio alla carriera Piolet d'Or 2017
Fotografia di archivio Jeff Lowe

Jeff Lowe, premio alla carriera Piolet d'Or 2017

di

All’alpinista statunitense Jeff Lowe va il Piolets d'Or Carrière 2017. Il premio sarà assegnato durante la 25esima edizione del premio per l’alpinismo che si terrà dal 12 al 15 aprile 2016 a Grenoble in Francia. In passato il premio è stato assegnato a Walter Bonatti, Reinhold Messner, Doug Scott, Robert Paragot, Kurt Diemberger, John Roskelley, Chris Bonington e Wojciech Kurtyka. La presentazione di Claude Gardien, storico caporedattore della rivista francese Vertical.

Nel 2017, il Piolets d'Or celebrerà la vita e la carriera di Jeff Lowe. Un alpinista statunitense che ha rivoluzionato l’alpinismo più e più volte, Jeff Lowe riceverà il 9° premio Piolet d'Or alla carriera, dopo Walter Bonatti, Reinhold Messner, Doug Scott, Robert Paragot, Kurt Diemberger, John Roskelley, Chris Bonington e Wojciech Kurtyka. A Jeff Lowe è stato dedicato Metanoia, un film diretto da di Jim Aikman che ben racconta questo straordinario alpinista e ice climber statunitense (qui la nostra recensione).

JEFF LOWE: RITRATTO DI UN VISIONARIO di Claude Gardien

Una delle salite più grandi di Jeff Lowe è stato un fallimento. Nel 1978, Jeff, il suo cugino George Lowe, Jim Donini e Michael Kennedy sono stati costretti a tornare indietro a soli 150 metri dalla cima del Latok 1, una magnifica montagna che si eleva sopra il ghiacciaio Biafo in Pakistan. In quel momento, nessuna spedizione aveva mai raggiunto la vetta del Latok 1 (anche se sarebbe stata salita l'anno successivo da un team giapponese), e i quattro statunitensi avevano scelto si salire la cresta nord in stile alpino; una linea pulita, evidente ed estremamente difficile. Questo è successo quasi 40 anni fa. Da allora, molte altre spedizioni hanno effettuato dei tentativi, ma la cresta nord del Latok 1 rimane uno degli obiettivi più ambiti e sfuggente del mondo. Nessun altra spedizione si è avvicinata al punto più alto raggiunto da Jeff ed i suoi amici.

Quando invece si tratta di successi, la lista è lunga, così ne ho scelti solo alcuni. La via d’arrampicata a Zion National Park, Moonlight Buttress, è considerata una classica mondiale ed è stata aperta da Jeff Lowe insieme a Mike Weis nel 1971. Jeff aveva soli 21 anni. Tre anni più tardi, quando lui e Mike hanno effettuato la prima salita di Bridal Veil, Jeff è diventato uno dei pionieri dell’arrampicata su ghiaccio, un'attività in cui avrebbe veramente brillato. Nel 1979, ha partecipato ad una spedizione sull' Ama Dablan, e ha salito in solitaria una nuova via sulla parete sud. Nel 1982 con una nuova via sulla Kwangde Ri, sullo Kangtega nel 1986 e, ancora, con un’altra nuova via sullo Taweche nell’inverno del 1989, Jeff ha confermato la sua posizione dominante e la sua abilità su ghiaccio. Queste salite sono state una prima indicazione della tendenza attuale nell’alpinismo, che vede vie tecniche ed estetiche predilette a scapito del perseguire a tutti costi il raggiungimento delle quote più alte.

Nel 1991, Jeff Lowe ha intrapreso la sua più grande avventura alpinistica. Con l'obiettivo di aprire in solitaria una linea diretta, si è gettato nell’austero universo invernale della parete nord dell'Eiger. Raggiungere la cima lungo la sua Metanoia gli ha richiesto tutto quello che aveva e l’ha costretto a scavare molto più in profondità rispetto a tutte le sue salite del passato. Questo incontro con il destino ha ispirato una profonda introspezione ed una radicale evoluzione nella sua mentalità - da qui il nome della via. Tre anni più tardi, Jeff ha applicato questa stessa metanoia ad una disciplina che amava: l’ice climbing, ovvero l’arrampicata su ghiaccio. La foto di un ragazzo appeso alle sue piccozze sotto un tetto di roccia prima di attaccare una candela di ghiaccio è stata vista in tutto il mondo. Questa via, Octopussy a Vail in Colorado, è stato un colpo di genio - è stato l'origine di un nuovo sport (il dry tooling) e avrebbe cambiato per sempre le pratiche di arrampicata su ghiaccio, l’alpinismo e l’arrampicata in Himalaya.

I contributi di Jeff Lowe all'alpinismo non si limitano alle sue salite. Nella fase iniziale, si è interessato a sviluppare il materiale d’arrampicata con i marchi Lowe e Latok. Grazie a Jeff, tutti noi abbiamo sostituito il nostro discensore ad otto con i leggeri e compatti assicuratori tubolari. I Footfangs erano tra i più ricercati primi ramponi rigidi. E le sue viti da ghiaccio R.A.T.S (che potevano essere utilizzate su ghiaccio di scarsa qualità) e lo Snarg (una vite da ghiaccio a compressione) sono diventati molto popolari per un'intera generazione di cascatisti. Inoltre è stato un organizzatore di eventi ed autore di libri tecnici dedicati all’arrampicata, Jeff Lowe ha avuto un ruolo in ogni aspetto di questo sport. È una delle figure più importanti nel mondo dell'alpinismo e gli alpinisti di tutto il mondo sono rimasti colpiti quando hanno appreso, qualche anno fa, che gli era stata diagnosticata una malattia degenerativa.

Lowe, che da giovane aveva collezionato una lista incredibile di prodezze con facilità notevole ora, da uomo adulto, avrebbe dovuto affrontare una salita ancora più impegnativa rispetto all’ Eiger. Avrebbe dovuto vivere una seconda metanoia. È con sorprendente coraggio e umorismo che Jeff si trova ad affrontare la sua malattia, una prodezza che dà un nuovo significato alle parole di un altro vincitore del Piolet d'Or alla Carriera, Rober Paragot: "In un primo momento ho pensato che essere un alpinista significasse avere successo sulle vie più difficili. Più tardi ho imparato che è molto più di questo.”

Aggiornamento 04/2017

Vincitori Piolets d'Or 2017
Nyanchen Tanglha (7,046m - Tibet) - Nick Bullock, Paul Ramadan (UK)
Thalay Sagar (6,904m - India)- Dmitry Golovchenko, Dmitry Grigoriev, Sergey Nilov (RUS)

Menzione Speciale
Gangapurna (7,455m - Nepal) - Cho Seok-mun, Kim Chang-ho, Park Joung-yong (KOR)
Torres Traverse (Argentina) - Colin Haley, Alex Honnold, USA


NOTIZIE CORRELATE
13/01/2017 - Eiger: la via Metanoia di Jeff Lowe finalmente ripetuta da Thomas Huber, Stephan Siegrist e Roger Schaeli
22/06/2016 - Metanoia: l’alpinismo, l’equilibrio e il cambiamento di Jeff Lowe

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra