Home page Planetmountain.com
Davide Canil e il suo bivacco nel varesotto dopo la prima giornata di cammino durante il viaggio dal Lago Maggiore al Lago di Garda
Fotografia di Davide Canil
Davide Canil al Lago Branchino durante il viaggio dal Lago Maggiore al Lago di Garda
Fotografia di Davide Canil
Davide Canil sfrecciando sul lungolago d’Iseo mentre viaggia dal Lago Maggiore al Lago di Garda
Fotografia di Davide Canil
Il viaggio di Davide Canil dal Lago Maggiore al Lago di Garda
Fotografia di Davide Canil

Dal Lago Maggiore al Lago di Garda, di Davide Canil

di

Tra il 25 e il 30 luglio Davide Canil, Accompagnatore di Media Montagna, ha portato a termine il suo progetto 'From Lake to Lake' ovvero la traversata della Lombardia dal Lago Maggiore al Lago di Garda in autonomia. Un piccolo viaggio che gli ha aperto 'le porte verso una nuova modalità di vivere i sentieri, le montagne e la vita.'

Quello di attraversare la Lombardia da suo estremo ovest al suo estremo est è un progetto che è nato fantasticando un giorno di circa 2 anni fa. Inizialmente pensavo che non sarei mai riuscito a trovare il tempo e l’occasione per partire ma piano piano le cose hanno iniziato a prendere forma e poco alla volta mi sono convinto che senza fretta sarebbe arrivato anche questo momento ed eccomi qui ad una settimana esatta dal rientro che ricomincio ad abituarmi alla vita di tutti i giorni tra gli affetti, il lavoro e i rumori del vicinato.

E’ traumatico passare in poche ore dal silenzio e la solitudine di un viaggio cosmico, all’andirivieni di una stazione: quella di Milano centrale, dove intercetto la coincidenza che da Desenzano mi riporti a casa. Se in montagna ognuno segue una rotta ben precisa, qui, tra un binario e l’altro, le persone girano in tondo con il mento un po' all’insù forse condizionato dagli elastici di una mascherina chirurgica (che molto spesso sembra dover sostenere nient’altro che una mandibola) che, strizzando gli occhi tra le ciglia e gli zigomi in direzione dei tabelloni luminosi, cercano la via di casa nel refrigerio di una carrozza dove compreso nel biglietto c’è un microclima da mezza stagione che per molti sarà la causa di un torcicollo assicurato.

Di questi 6 giorni passati in giro a zonzo da un capo all’altro della regione in cui vivo senza una fissa base di appoggio e con una pianificazione tutt’altro che pre-impostata (in una modalità che ho definito "in autonomia e autosufficienza") mi sono reso conto che il valore più bello di viaggiare è quello di poter percorrere un itinerario originale, uscendo dalle tradizionali opportunità convenzionali che fino ad oggi pensavo fossero le uniche possibilità disponibili per vivere un’avventura, scoprendo una modalità per me alternativa e personalizzata.

Sono anni che frequento la montagna ricercando obiettivi (di livello amatoriale) "predefiniti" o per meglio dire standardizzati, sistematicamente organizzati attraverso la costruzione di un "pacchetto" delineato più o meno così: 1) scelta della meta (che può essere una montagna, un rifugio o qualsiasi altro punto di interesse), 2) ricerca di informazioni e relazioni del percorso, 3) esecuzione del giro come da programma.

Questa è in linea generale la prassi che ho spesso seguito (e che in futuro comunque per praticità seguirò) ma che per questo viaggio non ho voluto prendere in considerazione per vari motivi: 1) in più giorni era impossibile pianificare esattamente come la mente ed il corpo avrebbero reagito a questo ( per me insolito) modo di viaggiare; 2) perché lo scopo di questa esperienza era quella di provare stimoli diversi e vedere strada facendo cosa sarebbe successo… volevo fare esperienza insomma. L’ unico paletto che sicuramente non si è mai spostato è stato un punto fisso essenziale: l’ attrezzatura, ovvero la tenda, il sacco a pelo e il fornello.

Quindi sono partito dal Lago Maggiore e per circa 400 km mi sono gestito ogni metro come meglio mi andava in quel momento, senza cercare un record o aspettative prestazionali, raggiungendo il lago di Garda.  Attraverso il B-hiking, ovvero la mountainbike + hiking, ho conosciuto un po' meglio le terre che mi circondano e ho capito che posso dare valore anche a dei luoghi che fino a questo momento mi potevano lasciare indifferente.

Un viaggio che mi apre le porte verso una nuova modalità di vivere i sentieri, le montagne e la vita. Torno a casa con un pochino di consapevolezza in più a dimostrazione del fatto che per qualsiasi situazione che viviamo nella vita, l’esperienza prima ti fa l’esame e solo poi ti spiega la lezione, una lezione in questo frangente totalmente positiva!

Clicca qui per il diario di viaggio: kalipeontop.it

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Mosè Morsut, chitarra e zaino in spalla attraverso le Alpi
14.01.2020
Mosè Morsut, chitarra e zaino in spalla attraverso le Alpi
A fine settembre 2019 il 23enne chitarrista Mosè Morsut di Chieri (Torino) ha completato il suo progetto Pizzicando le Alpi, il viaggio attraverso le Alpi seguendo a piedi il Sentiero Italia. 1087 chilometri a piedi, 49021 metri di dislivello in salita e 51834 in discesa, per 91 giorni di cammino offrendo concerti in cambio di vitto e alloggio.
Traversata integrale del Monte Baldo in giornata per Nico Giovanni
08.05.2018
Traversata integrale del Monte Baldo in giornata per Nico Giovanni
Il report del 26enne veronese Nico Giovanni che ha compiuto in giornata la traversata integrale del Monte Baldo nord-sud a piedi e corsa in giornata, con partenza da Nago di Torbole e arrivo a Caprino veronese. Non un record, ma “una bella soddisfazione personale” portato a termine dopo due anni di progettazione.
Lungo il Confine - la Traversata Integrale del periplo della provincia di Bergamo
05.01.2018
Lungo il Confine - la Traversata Integrale del periplo della provincia di Bergamo
Il racconto di Luca Bonacina e Zeno Lugoboni della prima traversata Integrale del confine della provincia di Bergamo. Oltre 100 vette delle Orobie Bergamasche, seguendo le orme di Simone Moro e Mario Curnis, per poi aggiungere la traversata delle Prealpi Bergamasche e Bresciane prima di completare il giro in bici e kayak.
18.10.2000
Lungo le creste delle Alpi Orobie
Tra il 12 e il 24/9, Simone Moro e Mario Curnis hanno effettuato la prima traversata integrale di tutta la catena delle Alpi Orobie.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock