Home page Planetmountain.com
La copertina del libro 'In cordata con Alex. Storia di una mamma' (Mulatero Editore) di Dierdre Wolownick. È la storia della mamma di Alex Honnold, star internazionale dell’arrampicata e protagonista di Free Solo, premio Oscar come miglior documentario nel 2019. Diedre Wolownick scopre in età avanzata, dopo una vita dura, tutta dedicata alla famiglia e ai figli, che solo lo sport in ambiente outdoor poteva salvarle la vita. A 66 anni è la donna più anziana ad essere riuscita a scalare El Capitan.
Fotografia di Mulatero Editore
Alex Honnold slegato su Freerider, El Capitan, Yosemite, USA il 3 giugno del 2017. Lo statunitense è diventato il primo a salire una big wall su El Cap senza corda.
Fotografia di Free Solo / Jimmy Chin
Alex Honnold arrampica slegato la via Heaven, Glacier Point, Yosemite, USA
Fotografia di Jimmy Chin
Alex Honnold dopo la salita slegata di Freerider, El Capitan, Yosemite, USA il 3 giugno del 2017.
Fotografia di Free Solo / Jimmy Chin

In cordata con Alex. Come l'arrampicata può salvare la vita

di

La recensione di 'In cordata con Alex. Storia di una mamma' (Mulatero Editore) il libro in cui Dierdre Wolownick, scrittrice, musicista, climber e madre di Alex Honnold, racconta la sua storia e come l'arrampicata ha cambiato la sua vita.

L'Alex del titolo fa Honnold di cognome e, come molti sanno, è uno degli scalatori (solitari) più forti di sempre. Di più, è un autentico campione, anzi un vero "fenomeno". Precisiamo anche che a far parte di quella cordata è proprio sua mamma, Dierdre Wolownick, l'autrice di questo libro. Nonostante ciò, e giusto per tranquillizzare tutti subito, questa non è l'ennesima storia del campione raccontato dai genitori o da qualche altro parente.

Questa è davvero "La storia di una mamma" come recita il sottotitolo dell'edizione italiana. Una storia, tutta vera ma che sembra un romanzo, raccontata e scritta (magistralmente) dal punto di vista di Dierdre. Dunque della figlia d'immigrati e della ragazzina che si trova a crescere tra due culture, quella polacca dei genitori e quella della loro nuova città: New York City, USA. E poi della studentessa brillante, della musicista autodidatta, della studiosa di lingue, della donna e della madre che deve affrontare la vita e le sue difficoltà praticamente da sola.

I viaggi e le esperienze in paesi lontani. La scoperta di altri mondi e di altre visioni, come l'illuminazione dell'arrampicata, tutto contribuisce alla conoscenza di se stessa. Tutto fa parte di questa storia, assolutamente normale e tremendamente unica. E tutto diventa una grande avventura, come spesso nel bene e nel male è la vita. Così, le difficoltà con il marito Charlie. Ma anche, e soprattutto, il rapporto con Alex e la sorella maggiore Stasia, prima bambini poi adulti, fa parte integrante del tutto e di quello che lei è diventata. Come la scoperta delle particolarità e dei talenti dei figli. Del riconoscimento della loro unicità e della necessità di accettarli così come sono, anzi di farne un motivo di crescita personale.

In questo senso l'evoluzione di Alex, la sua "irrequietezza" e la sua innata passione per l'arrampicarsi ovunque e dovunque, sono davvero singolari e allo stesso tempo esemplari del rapporto tra genitori e figli. Dierdre non ha capito subito cosa spingesse il figlio. Non aveva compreso né quel suo essere speciale come arrampicatore né quanto l'arrampicata possa essere importante per lui e per le persone. Non aveva nemmeno intuito quanto potesse motivarle. Né poteva farlo.

E' successo quasi per caso. E' successo, insomma, come accade anche a chi non ha un figlio top climber. Dierdre, in un momento molto difficile della sua vita, ha iniziato ad arrampicare. Ha provato. L'ha fatto da sola. Da ultra cinquantenne. In una palestra indoor. Non sapeva nemmeno indossare l'imbragatura, anzi quasi non sapeva cosa fosse. Ha cominciato e non ha più smesso. Piano, piano si è inserita ed è stata accettata in una compagnia di climber. Ha anche cominciato a girare per le falesie. Ha affrontato e superato le sue mille paure. Ma soprattutto ha iniziato a stare meglio, a crescere, come climber e come persona.

Da lì ad arrampicare con il figlio, su alcune delle vie iconiche degli Stati Uniti, il passo è stato quasi naturale. La cordata con Alex l'ha condotta anche nella Yosemite Valley, nel tempio dell'arrampicata multipitch mondiale. In vetta all'Half Dome. E poi su El Capitan. Sull'immensa parete dove il figlio ha stabilito degli incredibili record di velocità. Dove ha stupito il mondo intero salendo senza corda Freerider. Quasi una performance artistica applicata all'arrampicata e insieme una "sublime pazzia" da... non imitare.

Dierdre e Alex, madre e figlio, su El Cap sembra quasi una favola in versione famigliare. Non lo è. E' molto di più. E' la rappresentazione della vita con le sue sofferenze e le sue difficoltà ma anche con le mete raggiunte. E' l'impagabile capacità di guardare avanti, di essere curiosi, di cercare qualcosa per cui valga la pena lottare e gioire. E' saper intravedere la bellezza di un attimo e di un panorama. E' quella condivisione che spesso legarsi alla stessa corda regala. E poi, sono storie come questa che ti fanno sognare e dire: "Sì, allora è possibile".

di Vinicio Stefanello

link: mulatero.it/prodotto/in-cordata-con-alex/

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Un corpo nel crepaccio e la natura infinita di Glyn Carr
14.06.2022
Un corpo nel crepaccio e la natura infinita di Glyn Carr
La recensione di Un corpo nel crepaccio di Glyn Carr (218 pagine, Mulatero Editore, a cura di Paola Mazzarelli) un appassionante giallo ambientato nel Tirolo austriaco tra discese con gli sci ed escursioni sul ghiacciaio.
La Bibbia dell'arrampicata e tutto quello che serve per scalare
06.06.2022
La Bibbia dell'arrampicata e tutto quello che serve per scalare
La recensione de La Bibbia dell'arrampicata. Come allenare la tecnica, il corpo e la mente nell'arrampicata sportiva di Martin Morbråten e Stian Christophersen (Mulatero Editore - traduzione di Francesco Bazzanella - prefazione all’edizione italiana Federico Ravassard).
Winter 8000 di Bernadette McDonald
06.12.2020
Winter 8000 di Bernadette McDonald
Winter 8000. Himalaya d'inverno: gli alpinisti che hanno sfidato la montagna nella stagione impossibile di Bernadette McDonald (Mulatero Editore, 2020). La novità dell’anno in ambito alpinistico, il libro più completo sull’himalaysmo invernale, finalista di tutti i premi letterari internazionali di montagna.
Vuoi provare l'arrampicata? Il prezioso libro di Catherine Destivelle per i più giovani
21.07.2020
Vuoi provare l'arrampicata? Il prezioso libro di Catherine Destivelle per i più giovani
Vuoi provare l'arrampicata? Di Catherine Destivelle (Mulatero Editore). Un grande piccolo libro e vademecum, dalla vincitrice del Piolet d'or Carriere 2020, per spiegare in maniera agile ed esaustiva l'arrampicata ai ragazzi e alle ragazze più giovani.
Delitti in parete, i grandi gialli di Glyn Carr
07.07.2020
Delitti in parete, i grandi gialli di Glyn Carr
La collana Brividi di Mulatero Editore presenta 4 libri gialli firmati da Glyn Carr, ambientati in montagna e in parete, che si possono considerare unici e dei veri cult di genere.
La grande ascensione ovvero Il Club Alpino degli Animali
22.06.2020
La grande ascensione ovvero Il Club Alpino degli Animali
La grande ascensione - Il Club Alpino degli Animali (Mulatero Editore) è la prima edizione italiana del piccolo capolavoro, scritto da Graham Clifton Bingham e illustrato da George Henry Thompson, ambientato in montagna e dedicato a tutti i bambini (e ai loro genitori)
Allenarsi per un nuovo alpinismo di Steve House e Scott Johnston
16.06.2020
Allenarsi per un nuovo alpinismo di Steve House e Scott Johnston
E' in libreria Allenarsi per un nuovo alpinismo di Steve House e Scott Johnston (Mulatero Editore). Un grande libro dedicato a chi ama l'alpinismo e l'arrampicata e vuole prepararsi al meglio per praticarli. Con la prefazione di Mark Twight.
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
05.06.2017
Alex Honnold, il free solo oltre la norma
Arrampicata oltre il limite: una riflessione sulla portata della recente free solo della via Freerider su El Capitan (Yosemite) da parte di Alex Honnold.
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
04.06.2017
Alex Honnold sale in arrampicata free solo Freerider su El Capitan, Yosemite
Il climber statunitense Alex Honnold ha salito in arrampicata solitaria e senza corda la via Freerider su El Capitan, Yosemite, diventando il primo a salire una big wall su El Capitan senza corda.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós