Home page Planetmountain.com
Tomas Franchini in cima al Lamo She (6070m) dopo aver salito in solitaria l'inviolata parete est
Fotografia di Tomas Franchini
La cresta finale del Lamo She, raggiunta da Tomas Franchini dopo la sua solitaria della parete est
Fotografia di Tomas Franchini
Tomas Franchini e Pietro Picco al campo base, sotto la parete est del Lamo She in Cina
Fotografia di Tomas Franchini
Tomas Franchini e il tracciato di Wild Blood, ovvero la sua solitaria della parete est del Lamo She (6070m) in Cina effettuata il 14/05/2019
Fotografia di Tomas Franchini

Tomas Franchini e la salita in solitaria del Lamo She in Cina

di

Intervista all’alpinista trentino Tomas Franchini dopo la sua salita in solitaria dell’inviolata parete est del Lamo She (6070m) in Cina. La nuova via di 1500 metri si chiama Wild Blood ed è stata gradata WI5, M5, V°, 90°

Il 14 maggio 2019 Tomas Franchini ha salito in solitaria l’inviolata parete est del Lamo She, in Cina. L’alpinista trentino si era recato alla base della montagna di 6.070 metri insieme a Pietro Picco ed insieme hanno gettato le basi per la salita di Franchini che è stata effettuata seguendo l’istinto e dopo “una scelta importante.” Questo successo arriva due anni dopo la solitaria di Franchini del Monte Edgar lungo l’inviolata parete ovest.

Tomas, da dove partiamo?
Dalla fortuna. Abbiamo avuto fortuna sin dall’inizio, perché abbiamo trovato una piccola traccia usata dai cercatori di erbe medicinali che ci ha permesso di entrare in valle, altrimenti sarebbe stato impossibile, il bosco era semplicemente troppo fitto. A dire il vero abbiamo tribolato un po’ a cercare la traccia ed in alcuni punti si perdeva, ma comunque ci ha permesso di arrivare fino in fondo alla valle, dove ci aspettava l'inviolata parete del Lamo She.

Quindi avete stabilito campo base
Sì, a 3400m circa, sotto lo zoccolo che dava accesso alla parete, non senza difficoltà devo dire. Pioveva tutti i giorni, essere attivi non era facile. Giù in paese avevamo conosciuto due contadini e insieme abbiamo trasportato su tutto il materiale alpinistico ed i viveri per un mese. In un viaggio solo! Bravissimi

Come era il Campo Base?
Non un campo a cinque stelle diciamo! Il terreno era ripido, scosceso, istallare la tenda è stato difficile, abbiamo dovuto scovare una piccola piattaforma nella terra. La cosa che ha reso questo campo diverso dagli altri dove sono stato in passato è che qui la tenda era veramente la nostra casa. Non c’era un’altra tenda grande dove cucinare per esempio, soltanto la nostra Ferrino da tre posti. Una figata!

Bello intimo!
Scherzi! Era super. E devo ringraziare molto Pietro perché senza di lui la mia salita sarebbe stata impossibile. Mi ha aiutato a portare su tutto il materiale, è venuto in parete con me a depositare il materiale e vedere da vicino la parete per la prima volta. È stato un aiuto fondamentale.

Ad un certo punto vi siete divisi però
Come dicevo il tempo era sempre brutto, eravamo sempre bagnati al campo base, non era facile. C’era spesso nebbia, l’avvicinamento era difficile su uno zoccolo ripidissimo. A me è dispiaciuto quando ha deciso di tornare, non volevo assolutamente che tornasse con un brutto ricordo, ma lo capisco. Ripeto, senza di lui non ci sarei riuscito.

Poi appunto sei salito da solo
Il giorno in cui è andato via Pietro sono partito alla ricerca di un avvicinamento più diretto alla parete principale. Avevamo depositato del materiale a 4400 metri ed era lontano, non soltanto in termini di dislivello, ma anche come distanza, era molto spostato rispetto al nostro campo. Quella mattina ho salito lo zoccolo e sono riuscito a trovare una via diretta alla parete. Era l’unico giorno di bel tempo, quello della foto per intenderci, e mi sono chiesto “Cosa faccio?”

In che senso?
Ho capito che ero di fronte ad una scelta importante. Sole, finalmente. Ma non avevo con me l’attrezzatura giusta, era quasi tutto nel deposito materiale. Avevo soltanto piccozze e ramponi. Ci ho pensato per un po’, poi ho deciso: parto leggerissimo. Provo a salire il più veloce possibile.

Scusa, che ora era, all’incirca? E che materiale avevi?
Poco dopo mezzogiorno. 12:30 forse, quando ho iniziato a scalare la parete. Con me avevo quindi le piccozze ed i ramponi, la giacca, un piumino leggero. Non avevo né l’imbrago né la corda. Nello zaino avevo 1 litro di liquidi, 100 grammi di carne, 4 barette energetiche. E un paio di guanti di ricambio. Per essere leggero ho lasciato alla base della parete il fornello e il sacco a pelo.

E…
Sono salito veloce, in cima sono arrivato verso le 19.00, stava arrivando il brutto tempo e sono sceso in fretta lungo la stessa via di salita. Era tecnica, impegnativa. Non facile per niente. Con un po’ di tutto. Ghiaccio, neve, lunga, 1500 metri circa in tutto, con la cresta finale lunga. Una via bella, complicata. Completa.

Sei arrivato giù al buio

Non avevo con me il materiale da bivacco, non avevo il fornelletto, e pensavo di dormire un po’ nel creppaccio. Ma non sono tanto grasso, avevo freddo, ho continuato a scendere. Poi è arrivata la nebbia, mi sono perso un po’ in fondo alla parete. Ho trovato riparo dietro ad un masso e mi sono riposato per qualche ora, poi sono tornato al campo base. Diciamo che è stato un giorno particolare.

Assolutamente! Poi sei tornato a casa?
No, sono rimasto un po’, volevo continuare ad esplorare la zona. Lì ho visto c’è tanto da fare. Ho salito una bella montagna di VI su roccia, un granito bellissimo. L’ho chiamata Pico’s Pietro, dedicato a Pietro Picco ovviamente. È stata una bella esperienza. Anzi, una grande esperienza, tutto da solo. Mi sono divertito da matti.

Poi sei rientrato nella civiltà
Confesso, ho fatto una grande fatica ad orientarmi nel casino della città. Volevo ritornare in montagna! Ho un mal di schiena che non avete idea solo a rispondere alle email. 

E adesso?
Adesso che sono tornato devo ancora realizzare bene quello che sono riuscito a fare. Con tutto quel brutto tempo avevo quasi perso le speranze. Poi invece inaspettatamente ho avuto quel giorno di fortuna.

Link: FB Tomas Franchiniwww.tomasfranchini.com

Tomas ringrazia i suoi sponsor: La Sportiva, Blue Ice, Ferrino, Primus Equipment, , Beal, Powertraveller, Rock Empire, Level, Bliz Eyewear, Campo Base Travel and and Holiday, Casimiro, Sempreverde Biogermogli, Birra Rendena, Spireat, Rohener, MT sport and trading

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Tomas Franchini sale in solitaria il Lamo She in Cina
04.06.2019
Tomas Franchini sale in solitaria il Lamo She in Cina
L’alpinista trentino Tomas Franchini ha salito in solitaria la parete est del Lamo She, montagna di 6.070 metri in Cina.
Tomas Franchini e Pietro Picco verso l'esplorazione del Lamo She in Cina
01.05.2019
Tomas Franchini e Pietro Picco verso l'esplorazione del Lamo She in Cina
Intervista all’alpinista Tomas Franchini prima della partenza per la Cina, dove insieme a Pietro Picco andrà ad esplorare il versante isolato del gruppo del Lamo-She con l’intenzione di scalare l'inviolata parete est di questa montagna di 6070 metri.
Tomas Franchini, alpinismo solitario sul Monte Edgar
23.11.2017
Tomas Franchini, alpinismo solitario sul Monte Edgar
Il racconto di Tomas Franchini sull’apertura solitaria di The Moon’s Power, la nuova via salita a fine ottobre 2017 sull’inviolata parete ovest del Monte Edgar (6618m) in Cina.
L'Elfo del Brenta alla Cima Tosa, ripercorrendo la solitaria Tomas Franchini del 2014
01.02.2019
L'Elfo del Brenta alla Cima Tosa, ripercorrendo la solitaria Tomas Franchini del 2014
Il racconto e la scheda di Tomas Franchini che, arrampicando in solitaria, il 19 maggio del 2014 aveva aperto L'Elfo del Brenta sul Pilastro Antonio e Piera nelle Dolomiti di Brenta.
Selvaggia Sorte, Cima Tosa e la prima salita di Tomas Franchini e Alessandro Lucchi del 2013
14.01.2019
Selvaggia Sorte, Cima Tosa e la prima salita di Tomas Franchini e Alessandro Lucchi del 2013
Tomas Franchini ricorda la prima salita di Selvaggia Sorte sulla Cima Tosa, 3133 m in Dolomiti di Brenta aperta, dopo un primo tentativo in solitaria, insieme a Alessandro Lucchi nel 2013.
Tomas e Silvestro Franchini concludono Los Picos 6500, il tour sulle montagne più alte delle Ande
28.09.2018
Tomas e Silvestro Franchini concludono Los Picos 6500, il tour sulle montagne più alte delle Ande
Silvestro Franchini e suo fratello Tomas hanno salito lo Jerupaya, fermandosi all’ultima cornice. Era l’ultima cima delle 16 vette più alte delle Ande Sud Americane del loro tour.
Huascarán Norte (Perù) per Tomas e Silvestro Franchini
18.09.2018
Huascarán Norte (Perù) per Tomas e Silvestro Franchini
Silvestro Franchini e suo fratello Tomas hanno salito lo Huascarán Norte, la montagna più alta del Perù, nell’ambito del progetto Los Picos 6500 che mira a salire le 16 vette più alte, tutte sopra i 6500 metri, delle Ande Sud Americane.
Los Picos 6500: 13 cime in 43 giorni nelle Ande per Franco Nicolini e i fratelli Franchini
10.04.2018
Los Picos 6500: 13 cime in 43 giorni nelle Ande per Franco Nicolini e i fratelli Franchini
Conclusa la prima parte di Los Picos 6500, la spedizione degli alpinisti trentini Franco Nicolini, Tomas e Silvestro Franchini che in 43 giorni hanno salito 13 delle più alte montagne oltre i 6500 metri delle Ande Sudamericane. Le ultime tre verranno tentate a settembre quando le condizioni meteo in Perù saranno migliori.
Patagonia: i fratelli Franchini aprono nuova via sul Cerro Penitentes
29.03.2017
Patagonia: i fratelli Franchini aprono nuova via sul Cerro Penitentes
Alpinismo: il 26/01/2017 Tomas Franchini e suo fratello Silvestro Franchini sul Cerro Penitentes in Patagonia hanno aperto in veloce stile alpino la nuova via ‘El Mariano’ (750m, 85° M4).
La Divina Providencia, nuova via sul Nevado Churup in Perù dei fratelli Franchini
16.11.2015
La Divina Providencia, nuova via sul Nevado Churup in Perù dei fratelli Franchini
Il 2 giugno 2015 sulla parete ovest del Nevado Churup (5495m), Cordillera Blanca, Perù, Tomas e Silvestro Franchini hanno aperto La Divina Providencia, una nuova via di arrampicata mista di 650m con difficoltà valutate fino all' M7.
Via Fratelli e Cortelli, nuova via di ghiaccio in Dolomiti di Brenta per i fratelli  Franchini
26.04.2012
Via Fratelli e Cortelli, nuova via di ghiaccio in Dolomiti di Brenta per i fratelli Franchini
Il 13/03/2012 Silvestro Franchini e Tomas Franchini hanno aperto Via Fratelli e Cortelli, nuova via di ghiaccio sulla Cima Pietragrande, Dolomiti di Brenta

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni