Home page Planetmountain.com
Hansjörg Auer durante la salita solitaria del Lupghar Sar
Fotografia di Hansjörg Auer
Hansjörg Auer durante la salita solitaria del Lupghar Sar
Fotografia di Hansjörg Auer
La cresta sommitale del Lupghar Sar West salita in solitaria da Hansjörg Auer il 07/07/2018
Fotografia di Hansjörg Auer,
Hansjörg Auer in cima al Lupghar Sar West alle 11:30 del 07/07/2018 dopo aver salito in solitaria l'inviolata parete ovest
Fotografia di Hansjörg Auer,

Hansjörg Auer: l’intervista dopo la salita del Lupghar Sar West in solitaria

di

Intervista all’alpinista austriaco Hansjörg Auer dopo la salita in solitaria del Lupghar Sar West, montagna di 7181 metri nel Karakorum (Pakistan).

Il 7 luglio 2018 Hansjörg Auer ha completato la prima salita della finora inviolata parete ovest del Lupghar Sar West, montagna di 7181 metri nel Karakorum Pakistano, salita per la prima volta nel 1979 da una spedizione tedesca guidata da Hans Gloggner. Arrampicando in solitaria, il 34enne alpinista è partito il 6 luglio e in 7 ore e mezzo è salito dal campo base a 4500 metri fino a 6200 metri dove ha bivaccato. La mattina successiva è partito alle 5 e, seguendo una linea sulla parte sinistra della parete, ha raggiunto la ripida cresta NO che ha seguito fino alla cima che ha raggiunto alle 11:30 della mattinata del 7 luglio. La discesa, complicata e stancante, è filata comunque liscia e alle 8 di sera è rientrato al campo base.

Hansjörg, la tua spedizione è terminata quasi terminata prima che iniziasse, quando hai perso del materiale durante il difficile avvicinamento
In tutti i miei anni di spedizione ho sempre pensato che, prima o poi, questo sarebbe successo. Il momento peggiore in cui poteva accadere è probabilmente in una spedizione solitaria, perché ovviamente hai meno opzioni quando manca del materiale. Fortunatamente non era il bidone con l'attrezzatura più importante e, cosa ancora più importante, fortunatamente è stato soltanto un bidone a cadere nel crepaccio e non il portatore!

Sapevi poco di quella montagna prima di andarci. Cos’hai pensato quando l’hai vista per la prima volta?
Quando siamo arrivati ​​al campo base il tempo era brutto, quindi non ho potuto vedere il Lupghar Sar. Alla sera però il cielo si è un po’ rasserenato; inizialmente ho visto l'incredibile Ultar Sar sul lato opposto della valle dell’Hunza, sono stato sopraffatto dalla bellezza di questa montagna. Mentre guardavo a bocca aperta, uno dei miei amici pakistani mi ha dato una gomitata e ha detto: "Aspetta a vedere quello che sta per arrivare dall'altra parte". Un paio di minuti dopo ho visto il Lupghar Sar. Altrettanto bello!

Hai subito iniziato il tuo acclimatamento. In passato l’hai fatto più e più volte. Presumibilmente questa volta è stato diverso...
Acclimatarsi durante una spedizione in solitaria è super noioso. Inoltre, il tempo non era dei migliori. Fortunatamente ho trovato delle belle salite, il che è stato positivo per la mia motivazione mentre mi adattavo all'aria più sottile. E devo dire che mi sono sentito più forte rispetto alle precedenti spedizioni, il che è stato piuttosto interessante.

Poi hai individuato il modo per raggiungere la parete. Qual è stato il tuo "feeling" con la montagna?
Non è stato facile trovare l’avvicinamento giusto, quindi ho deciso di investire del tempo a cercare il modo migliore per raggiungere la base della montagna. Il ghiacciaio superiore del Baltbar è piuttosto selvaggio, cadere in un crepaccio è l'ultima cosa che vorresti. Alla fine però si è rivelato meno complicato di quanto avessi inizialmente pensato. Ma non sapevo bene quale linea salire; avevo due opzioni e ho lasciato passare del tempo mentre aspettavo la mia voce interiore. Per rispondere concretamente alla domanda, fin dall'inizio ho avuto un buon feeling con la montagna.

Quando hai individuato l'accesso alla parete, sei partito quasi subito. Ci aspettavamo una lunga attesa al campo base per la finestra di bel tempo…
Anche io a dire il vero. Ma poi mi è stata data una prima possibilità. C'erano ancora venti forti in quota ma volevo sfruttare questa possibilità, perché non si sa mai se è necessario un secondo tentativo. Ricordo la mattina quando sono partito dal campo base, nevicava ancora un po'. Ma il mio obiettivo era molto forte, così ho iniziato a salire. Alla fine questa finestra di bel tempo si è rivelata molto più lunga dei tre giorni previsti inizialmente.

Cosa ci puoi dire della salita. Cosa ti passava per la mente?
Il primo giorno è andato davvero bene. Javed, la mia guida, mi ha accompagnato per un po', mi aveva chiesto se poteva seguirmi per le prime due ore per raggiungere l'inizio del ghiacciaio. Non è stato facile per lui vedermi partire da solo, lo capivo molto bene. La sera al bivacco ho avuto dei dubbi inaspettati, mi sono chiesto cosa stavo facendo lassù. Ero già a 6200 metri e non ero sicuro di poter affrontare quello che avevo in testa. Non ero preoccupato per le difficoltà tecniche, i dubbi piuttosto erano legati all'essere da soli. Poi ho cominciato a pensare alle Dolomiti, alle Alpi e mi sono detto che avevo già scalato così tanto in solitaria. Questo mi ha aiutato.

Quella cresta finale sembra spaventosa...
A dire il vero da sotto la cresta sembrava OK. Avevo scelto una linea sul lato sinistro della montagna e ho raggiunto la cresta nord occidentale a circa 6900 m, fino a lì avevo salito prevalentemente del ghiaccio tra i 50-55°. Raggiunta la cresta ho depositato tutto la mia attrezzatura e ho proseguito verso la cima. Il problema era che la qualità della roccia era davvero pessima. A metà della cresta ero convinto di aver commesso un grosso errore lasciando la corda in basso. La difficoltà era circa di M3, una sezione di M4. Non più difficile, ma comunque sufficiente per me in solitaria a circa 7000m. Ma a quel punto ero rientrato nella mia mentalità “da solitario”. Riuscivo a vedere la cornice sommitale e arrampicavo in maniera molto fluida. Dopo la sezione rocciosa ho dovuto affrontare due ripidi pendii di neve, profondi fino all’anca. Quelli erano ancora più spaventosi.

Parlaci della cima
Appena sotto la cornice sommitale ho trovato una vecchia corda. Immagino che fosse dei primi salitori, sembrava davvero molto vecchia. Poi sono arrivato al punto più alto e ho cercato di godermi il momento il più possibile. Le nuvole stavano crescendo velocemente. Ho trascorso mezz'ora in cima, come promesso ho chiamato la mia ragazza tramite il telefono satellitare, e ho pensato a tutti i miei amici. In particolare a Gerhard Fiegl che avrebbe dovuto essere lassù con me, a vivere questa atmosfera unica.

La discesa, se non sbagliamo, è stata molto vicino al limite
Non al limite assoluto, ma mi sentivo molto stanco. Mentre scendevo arrampicavo molto lentamente e mi sono riposato spesso. Sulla terminale sono caduto per 15 metri, quando il ponte di neve è crollato, ma poi ho raggiunto il mio campo base avanzato e ho deciso di continuare fino al campo base. Mi ci sono volute altre cinque ore per raggiungere la morena, dove Javed mi era venuto incontro, non sapendo che ero stato in cima. Era molto sollevato nel vedermi.

Quindi quanto è stata difficile la salita fisicamente? E psicologicamente?
Devo dire che quest'anno mi sono sentito molto bene. I momenti in cui arrampichi in solitaria in alta montagna sono molto rari, quindi devi usare tutte le opportunità che ti vengono date. Quando si arrampica da soli, tutto sembra più focalizzato sulla salita che sulle emozioni. Arrampicando da solo in alta quota provavo molte meno emozioni di quanto non fossi abituato. È interessante notare che questo ha reso molto più facile mettere da parte i dubbi. Forse perché il mio desiderio di raggiungere la vetta era ancora più forte. E se arrampichi da solo, hai bisogno di una spinta interiore davvero forte, perché nessuno è lì per aiutarti in quei momenti quando manca la motivazione o quando ti assillano i dubbi.

Se fossi stato con qualcun altro, come sarebbero andate le cose?
Difficile da dire. È semplicemente un'esperienza diversa essere in solitaria. Non puoi confrontarle.

Allora giriamo la domanda. Quanti contatti hai avuto con il mondo esterno?
In realtà durante la spedizione ho avuto un contatto solo, con la mia ragazza. Volevo rimanere super concentrato. Prima della partenza nessuno mi aveva detto che sarebbe stata una cattiva idea scalare in solitaria, nemmeno la mia ragazza, Alex Blümel o i miei fratelli, a cui sono molto grato. E la telefonata che ho ricevuto da Simon Anthamatten poco prima di partire è stata molto motivante e mi ha dato una spinta psicologica importante per il mio progetto. Siccome è lui che mi ha fatto conoscere l'alpinismo d'alta quota nel 2013, lo tengo in grande considerazione. È un grande.

Come valuti questa salita?
Quello che ho fatto non è niente di nuovo. Ci sono state salite in solitaria molto più difficili sulle alte montagne in passato. Lo vedo più come un passo indietro verso uno stile più puro dell'alpinismo. Ma se parliamo di tentare le vette in uno stile puro, i risultati degli alpinisti degli anni '70 e '80 sono ancora l'asticella contro il quale misurarsi!

Uno dei motivi principali per cui volevi fare questa spedizione è che volevi sapere come ci si sente ad essere in quota da soli. Allora, come ci si sente?
Molto molto bene. Sono felice di averlo sperimentato ed è sicuramente molto diverso dall'essere in un team. In particolare, il processo decisionale non è facile, non puoi discutere di cosa fare e non puoi chiedere consiglio a nessuno. Anche se non puoi scalare vie tecnicamente molto difficili, l’essere da soli aggiunge un po’ di pepe a tutto.

Quanto meglio conosci Hansjörg Auer adesso?
Prima di partire ho confessato alla mia ragazza che non so perché ho così tanto bisogno di fare queste cose. Dopo questa spedizione, purtroppo non c'è ancora risposta. E forse non ce ne sarà mai.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Hansjörg Auer, i primi dettagli della solitaria sul Lupghar Sar West
09.07.2018
Hansjörg Auer, i primi dettagli della solitaria sul Lupghar Sar West
Sono arrivati i primi dettagli della prima salita solitaria di Hansjörg Auer sull'inviolata parete ovest del Lupghar Sar West nel Karakorum in Pakistan.
Hansjörg Auer sale in solitaria Lupghar Sar West
08.07.2018
Hansjörg Auer sale in solitaria Lupghar Sar West
L'alpinista austriaco Hansjörg Auer ha salito in solitaria Lupghar Sar West, montagna di 7181 metri nel Karakorum in Pakistan
Hansjörg Auer tenta in solitaria il Lupghar Sar West
13.06.2018
Hansjörg Auer tenta in solitaria il Lupghar Sar West
Intervista ad Hansjörg Auer alla vigilia della sua partenza per il Lupghar Sar West, una montagna alta 7181 metri nel Karakorum, in Pakistan, che l'alpinista austriaco ha in programma di salire in solitaria.
Hansjörg Auer: No Turning Back
29.12.2017
Hansjörg Auer: No Turning Back
Il film No Turning Back, un ritratto sulla vita dell'alpinista austriaco Hansjörg Auer.
Hansjörg Auer: Marmolada, Piz Ciavazes e Sass dla Crusc in giornata
01.08.2017
Hansjörg Auer: Marmolada, Piz Ciavazes e Sass dla Crusc in giornata
Il video di Hansjörg Auer che l' 8 agosto 2016 nelle Dolomiti ha salito in giornata e senza corda le vie Vinatzer/Messner in Marmolada, lo Spigolo Abram al Piz Ciavazes e il Grande Muro al Sass dla Crusc, volando in parapendio dalle cime ed impiegando 12 ore complessive.
Gerhard Fiegl perde la vita sul Nilgiri South in Himalaya
05.11.2015
Gerhard Fiegl perde la vita sul Nilgiri South in Himalaya
Il 25 ottobre Hansjörg Auer, Alexander Blümel e Gerhard Fiegl hanno raggiunto la cima del Nilgiri South, la difficile montagna di 6839m, nel massiccio dell’Annapurna (Nepal), dopo aver superato l’inviolata parete Sud. Il giorno successivo alla vetta la spedizione austriaca si è trasformata in tragedia: in discesa il 27enne Gerhard Fiegl ha perso la vita.
Hansjörg Auer free solo sulla via Attraverso il Pesce in Marmolada
23.05.2007
Hansjörg Auer free solo sulla via Attraverso il Pesce in Marmolada
Il 29/04 il climber austiaco Hansjörg Auer ha realizzato la 2° salita solitaria della Via attraverso il Pesce sulla parete Sud della Marmolada, dopo quella di Maurizio Giordani del 1990. Si tratta della prima free solo della via senza corda.
Fratelli Auer, traversata invernale della cresta Kaunergrat
25.03.2017
Fratelli Auer, traversata invernale della cresta Kaunergrat
Alpinismo: dal 14 - 17 marzo 2017 Hansjörg Auer e suo fratello Matthias hanno attraversato la sezione principale della cresta Kaunergrat nelle Alpi Venoste in Austria.
Hansjörg Auer e Simon Anthamatten, l'intervista dopo il Kunyang Chhish East
23.08.2013
Hansjörg Auer e Simon Anthamatten, l'intervista dopo il Kunyang Chhish East
Intervista a Hansjörg Auer e Simon Anthamatten dopo la storica prima salita del Kunyang Chhish East, Karakorum, Pakistan, effettuato assieme a Matthias Auer lungo la formidabile parete SO.
A proposito del Pesce sulla Marmolada e dei ricordi di Auer
22.02.2017
A proposito del Pesce sulla Marmolada e dei ricordi di Auer
Il ritratto video dell’alpinista austriaco Hansjörg Auer dopo la free solo della Attraverso il Pesce (Weg durch den Fisch), in Marmolada, Dolomiti, effettuata il 29/04/2007.
Alpinismo: Hansjörg Auer e Alex Blümel salgono l’inviolata parete nord del Gimmigela East in Nepal
15.12.2016
Alpinismo: Hansjörg Auer e Alex Blümel salgono l’inviolata parete nord del Gimmigela East in Nepal
Arrampicando dal 8 al 10 novembre 2016, gli alpinisti austriaci Hansjörg Auer e Alex Blümel hanno realizzato la prima salita della parete nord del Gimmigela East (7005m) in Nepal.
Hansjörg Auer e la cornice crollata
11.02.2014
Hansjörg Auer e la cornice crollata
L'alpinista austriaco Hansjörg Auer racconta la cornice che è crollata sotto i suoi piedi durante una salita in montagna nelle Alpi Venoste.
Austrian Shipton Expedition: vie nuove e ripetizione di Women and Chalk
10.11.2006
Austrian Shipton Expedition: vie nuove e ripetizione di Women and Chalk
A metà luglio una spedizione austriaca, composta da T. Scheiber, H. Auer, M. Auer, K. Dung e A. Sailer ha salito due vie nuove nella Valle del Trango (Pakistan) ed ha effettuato la prima ripetizione di Woman and Chalk, via aperta da Bubu Bole con Mario Cortese e Fabio Dandri nel 2001.
14.07.2006
Arrampicata: Auer in solitaria sui Tempi Moderni
L'11 giugno l'austriaco Hansjörg Auer ha effetuato una rara solitaria di una delle classiche delle Dolomiti, la via Tempi Moderni sulla enorme parete sud della Marmolada, Dolomiti.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra