Home page Planetmountain.com
Val Grande in Verticale: la stessa immagine e la stessa persona più di 30 anni dopo
Fotografia di archivio Val Grande in Verticale
Val Grande in Verticale: la partenza
Fotografia di archivio Elio Bonfanti
Val Grande in Verticale: la partenza della corsa in montagna Daviso in Verticale
Fotografia di archivio Val Grande in Verticale
Val Grande in Verticale: Richard Nadin sulla Via del Naso, Bec de Mea
Fotografia di archivio Andrea Giorda

Val Grande in Verticale, il Vallone di Sea, l'arrampicata e Richard Nadin

La seconda edizione di Val Grande in Verticale, il raduno alla scoperta dell'arrampicata, il boulder e l'escursionismo nel Vallone di Sea e Val Grande di Lanzo si è svolta dal 8 al 9 settembre 2018. Il report di Elio Bonfanti e la presentazione dell’alpinista inglese Richard Nadin di Andrea Giorda.

Eccovi alcune informazioni sul Meeting "Val Grande in Verticale" del quale sabato 8 e domenica 9 settembre si è svolta una seconda e fortunatissima edizione che ha visto la prestigiosa presenza dell’ Inglese di Richard Nadin.

Questa volta il raduno si è fatto letteralmente in quattro ed oltre all’ arrampicata, al boulder, ed all’escursionismo in quest’ anno ha debuttato la corsa in montagna denominata "Daviso in Verticale". La gara, organizzata dalla "Podistica Torino" si è svolta nella meravigliosa cornice del Vallone della Gura con gli oltre 50 partecipanti che sono rimasti affascinati dal percorso e dai luoghi.

Le parole della vincitrice femminile Camilla Magliano (atleta nazionale) sono state : Bellissima giornata immersi in un paesaggio davvero incantevole! Gara molto bella percorso veloce ma ripido, cascate, mucche, e il rifugio Daviso piccolo ma molto carino….ed infine super estrazione con davvero super premi. Super premi per i quali dobbiamo inevitabilmente ringraziare tutti gli sponsor tecnici e non, che ci hanno seguito nonostante avessimo solo il nostro entusiasmo da spendere ma non dei numeri sui quali poter contare.

L'apertura ufficiale del raduno si è tenuta presso il Ristorante Cesarin di Breno che ha registrato il tutto esaurito e a seguire, presso il Palazzetto dello Sport di Chialamberto, Enrico Camanni ha presentato il suo ultimo libro "Verso un nuovo mattino". Tale presentazione ha fatto da rampa di lancio all’ introduzione del piatto forte della serata e cioè, nella sua patria d’elezione, la proiezione del film "Itaca nel sole - cercando Gianpiero Motti". Il sempreverde Ugo Manera ha poi, accompagnato da Guido Morello e da Alberto Re, chiuso da par suo la serata.

Le giornate di sabato e domenica con partenza dall’albergo Savoia sono state caratterizzate, oltre che dal corso di arrampicata "Trad" organizzato dalla Scuola Gervasutti di Torino, da un grande afflusso di arrampicatori che hanno scoperto o riscoperto il vallone di Sea, ripetendo alcuni itinerari che finalmente stanno diventando se non proprio classici, molto frequentati. Addirittura quest’ anno c’è stato un tocco di internazionalità in quanto, accompagnato da Andrea Giorda, abbiamo registrato la presenza di Richard Nadin, attivo ed influente membro dell’Alpine Club Inglese, il quale ha espresso grande apprezzamento relativamente ai luoghi ed al tipo di scalata.

Sinergicamente il Gruppo Rocciatori Valle di Sea, il Club Alpino Accademico Italiano ed il CAI Torino hanno profondamente creduto  in questo progetto che anche quest'anno è stato un successo del quale siamo orgogliosi e che ci sprona a fare meglio per l’edizione del 2019.

Questo evento non avrebbe certamente avuto luogo senza l’impegno dei moltissimi e attivi sostenitori, a partire da tutti i piccoli esercizi locali, che ci hanno affiancato in questa avventura alle Amministrazioni Comunali il cui saluto istituzionale ci è stato portato da Celestina Olivetti (consigliera regionale ed ex sindaco di Cantoira).

Ringraziamo: Action directe - AKU - Albergo Pialpetta - Albergo Savoia - Alpen plus - Antica distilleria Quaglia - Bside - Baratonga flyers - Blu ice - Bshop - CRM - Cus Torino - Decatlhon - E gardien - Ecosicurezza - Everyday - Ferrino - Fraternali editori - Grivel - Gulliver - Idea montagna - IGC - Il Risveglio - La Montagna - L'ape drola - Macelleria Massa - Mountain Sicks - Nograd - Pizzeria degli amici - Ristorante Setugrino - Salumi Raspini - Sanabios - Sasp - Singing rock - Società storica valli di Lanzo - Stura alimentari - Toma di Lanzo - Trattoria Bar Campi - Trattoria da Cesarin - Wild climb


Richard Nadin - un alpinista inglese alla scoperta della Val Grande

E’ curioso come Sea in inglese voglia dire mare, si un mare di roccia fantastica, quella della Val Grande di Lanzo come dice Richard Nadin con il suo sorriso stralunato. Ansima e incurante dei suoi 72 anni, affronta il primo tiro della via del Naso al Bec di Mea e vedendo gli spit in piena placca, mi dice uhm... Grassi è passato di lì, indicando la fessura del diedro alla destra. Per un inglese gli spit sono inconcepibili dove ci si può proteggere altrimenti, la loro sensibilità in materia è distantissima dalla nostra.

La bellezza della via lo prende e sembra un bambino libero in una pasticceria, commenta con entusiasmo ogni passaggio... il suo refrain è Classic, Very Classic! Richard ha girato il mondo, di montagne ne ha viste e di qualunque personaggio si parli da Peter Boardman a Yvon Chouinard lui ha un aneddoto, perché li ha conosciuti o ci ha scalato insieme. Di Chouinard mi dice ridendo, he is shorter than me! E’ più piccolo di me…, indicando la propria altezza non proprio da gigante.

Nadin è inglese, originario della Cornovaglia dove, come Chris Bonington ha iniziato a scalare, da allora non ha perso la voglia di conoscere nuovi posti e di fare nuove esperienze. Per fargli vedere che anche noi mettiamo i friend, il giorno successivo scegliamo, su suggerimento dei fratelli Enrico, la via Robinson nel vallone di Sea. Il primo tiro dice 6a+, a freddo un passaggio strano, una bella legnata per il grado, ma qui di spit se ne vedono pochi e Richard pretende di salire solo con i nuts o wires come dice lui. Li mette con una mentalità vecchio stile, che ben conosco... ossia solo quando sta per venire giù, dopo lunghi run out. Lo prego di mettere i friend, è meglio per arrivare sano lunedì mattina a Calais e tornare a casa. La via scorre rapida e bellissima.

Ci fermiamo al primo terrazzo e per incanto vediamo cordate su tutte le pareti della valle. La torre di Gandalf è affollata da tanti puntini colorati, a lato, sullo specchio di Iside spuntano scalatori da ogni linea. La luce radente del sole del pomeriggio illumina finalmente le pareti ed esalta i lineamenti del granito. Richard si ferma a guardare ed è visibilmente impressionato, io non sono un local, ma sono egualmente emozionato a vedere un inglese che ha visto il mondo ed è entusiasta delle nostre pareti, delle nostre vie.

Lo pensavamo, ma ora abbiamo la certezza, salvare questa valle da facili speculazioni e da varie devastazioni annunciate non è una operazione romantica, ma una vera e propria programmazione di sviluppo economico. Mi sono speso per quello che potevo per portare Richard, influente esponente dell’Alpine Club in Val Grande. E’ un primo passo, molto dovrà farlo la pubblicazione e la divulgazione della Guida di scalate in programmazione e l’organizzazione di accoglienza sul territorio a partire dalla spontanea e consapevole mobilitazione dei residenti.

E’ di questa settimana un articolo su The Guardian, diffusissimo giornale britannico, sullo sviluppo sostenibile della Val Maira e dei giovani che sono tornati a vivere lassù. Chissà che il prossimo, tra qualche anno, non sia proprio sulle Valli di Lanzo, che nulla hanno di meno in fatto di bellezze naturali. Il cammino non è breve, ma dopo questo raduno, sappiamo che ce la possiamo fare. Un grande grazie a chi ci ha creduto e si è dato da fare, sosteniamoli.

Andrea Giorda
CAAI - Alpine Club UK

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Magica Sea e l'arrampicata. La storia e il Problema Irrisolto nel Vallone di Sea
30.08.2018
Magica Sea e l'arrampicata. La storia e il Problema Irrisolto nel Vallone di Sea
In occasione del secondo meeting di arrampicata nel vallone di Sea che avrà luogo l’ 8 ed il 9 settembre 2018, Elio Bonfanti, Luca e Matteo Enrico colgono l’occasione per raccontare un po' di storia e di presentare 'Problema Irrisolto', una via che si augurano possa diventare una classica della valle.
Larcher e Marazzi liberano Così parlò Zarathustra nel Vallone di Sea
12.09.2017
Larcher e Marazzi liberano Così parlò Zarathustra nel Vallone di Sea
Il 28 luglio 2017 Jacopo Larcher e Paolo Marazzi hanno effettuato la prima salita in libera di Così parlò Zarathustra, la via d'arrampicata nel Vallone di Sea aperta nel 1983 da Isidoro Meneghin e Daniele Caneparo.
Arrampicata: aggiornamenti dal Vallone di Sea
16.08.2017
Arrampicata: aggiornamenti dal Vallone di Sea
Maurizio Oviglia presenta le ultime novità dal Vallone di Sea (Piemonte) che continua a proporre un'arrampicata prevalentemente su terreno d'avventura.
Gente Distratta allo Specchio di Iside, prima libera per Oviglia, Pinotti e Erriu
28.07.2017
Gente Distratta allo Specchio di Iside, prima libera per Oviglia, Pinotti e Erriu
Il 23 maggio Maurizio Oviglia, accompagnato da Fabio Erriu (75 anni) e da Eugenio Pinotti, ha liberato la sua via Gente Distratta allo Specchio di Iside, nel Vallone di Sea (Valli di Lanzo, Piemonte). La via d'arrampicata era stata aperta dallo stesso Oviglia con Daniele Caneparo nel maggio del 1984 con molti tratti in artificiale su parete fortemente strapiombante.
Arrampicata tra passato e presente: Gli Apprendisti Stregoni, prima libera
04.07.2017
Arrampicata tra passato e presente: Gli Apprendisti Stregoni, prima libera
Il 26 giugno Maurizio Oviglia, accompagnato da Cecilia Marchi ha liberato la via Apprendisti Stregoni alla Torre di Gandalf, nel Vallone di Sea, da lui stesso aperta con Isidoro Meneghin, Daniele Caneparo e Giorgio Rocco il 5 dicembre 1983. Originariamente la via presentava difficoltà di VI/A4. Le difficoltà massime in libera sono di 6b/6b+. Il report di Maurizio Oviglia.
Vallone di Sea: un delitto perfetto
18.01.2017
Vallone di Sea: un delitto perfetto
Le considerazioni di Andrea Giorda sul progetto di una nuova strada nel Vallone di Sea in Val Grande di Lanzo (TO).
Le piste nelle Valli di Lanzo e Vallone di Sea tra passato, presente e futuro
08.11.2016
Le piste nelle Valli di Lanzo e Vallone di Sea tra passato, presente e futuro
Mercoledì 9 novembre alle ore 21, presso il CAI di Torino il dibattito: 'Le piste agro-silvo-pastorali nelle Valli di Lanzo tra passato, presente e futuro. Un caso attuale: il Vallone di Sea'.
Vallone di Sea... restyling particolare delle vie di Giancarlo Grassi
03.10.2016
Vallone di Sea... restyling particolare delle vie di Giancarlo Grassi
Il racconto del restyling, ovvero la richiodatura in ottica moderna, di due vie d'arrampicata in Vallone di Sea di Giancarlo Grassi: Luna Calante e Riflesso di te stesso, e l'apertura della nuova via Fettuccia Nera (TD+/ED-, 150m). Di Maurizio Oviglia, Luca Enrico e Matteo Enrico.
Vallone di Sea e l'arrampicata allo Specchio di Iside
30.07.2015
Vallone di Sea e l'arrampicata allo Specchio di Iside
Supercontroles, La valle dei Narcisi, Tra Parentesi e la Combinazione Temporale + Arco + Fantabosco. Qualche via d'arrampicata estiva allo Specchio di Iside, Vallone di Sea, per mettersi al riparo dalla calura senza andare nella bolgia e senza dover fare troppi chilometri. Di Elio Bonfanti.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra