Home page Planetmountain.com
Kurt Diemberger
Fotografia di Cervino CineMountain
François Cazzanelli
Fotografia di Cervino CineMountain
Dal 6 al 13 agosto 2022 si svolgerà a Cervinia e Valtournenche (AO) la 25° edizione del Cervino CineMountain International Filmfestival. In programma un’edizione 'storica' ricca di novità. Aperte le iscrizioni al concorso cinematografico.
Fotografia di Cervino CineMountain

Alla ricerca del ghiaccio perduto al XXV Cervino CineMountain

di

Giovedì 11 agosto il cambiamento climatico è al centro della XXV edizione del festival internazionale del cinema di montagna con la serata evento intitolata 'Alla ricerca del ghiaccio perduto'. Tra i protagonisti Kurt Diemberger, François Cazzanelli, Christophe Profit e Luca Mercalli.

Parete nord del Grand Zebrù, 1956. Ad attendere Kurt Diemberger, uno dei più grandi alpinisti della storia, c’è la "Meringa", proprio come lui stesso avevo chiamata quel grande, minacciosamente perfetto e bellissimo seracco. È settembre e Kurt, strisciando con la pancia su quella parete di ghiaccio, la supera scalandola per la prima volta in assoluto. Dal 2001 la "Meringa" non esiste più, crollata sotto il peso dell’enorme quantità di neve caduta nell’inverno. "Alla ricerca del ghiaccio perduto" è il titolo della serata evento (giovedì 11 agosto ore 21:00, Centro Congressi Valtournenche) che il Cervino CineMountain, in collaborazione con Grivel, dedica ai ghiacciatori, alle esplorazioni e alle riflessioni sul cambiamento in atto su questi giganti delle montagne: protagonisti saranno Kurt Diemberger, François Cazzanelli, Christophe Profit e Luca Mercalli.

Nel 2021 la foto di un turista ritrae il Grand Zebrù, già privo del suo famoso seracco, ora "nudo", svestito dall’afa dei giorni precedenti. Quello della Piramide in alta Valtellina è solo uno dei ghiacciai italiani spariti o quasi, o destinati a farlo nei prossimi anni, non più in un lontano futuro ma ora. Teatri e testimoni delle più grandi imprese alpinistiche, di avventure e sciagure, di esplorazioni e studi fondamentali, i ghiacciai sono l’habitat naturale degli amanti della montagna e una risorsa indispensabile per l’ambiente. Il Cervino CineMountain, in collaborazione con Grivel, ha scelto di celebrarne le bellezze e le asperità e di ricordarne le fragilità attraverso le parole di chi ne ha conquistato la cima: Kurt Diemberger, uno degli uomini simbolo dell’alpinismo alpino e himalayano, di François Cazzanelli, tra i più grandi alpinisti dei nostri giorni, reduce dalla vetta del Nanga Parbat senza ossigeno supplementare, salendo una nuova difficile via di accesso alla Kinshofer, e Christophe Profit, pietra miliare dell’alpinismo francese degli anni ’80, pioniere della scalata veloce. Insieme a loro il climatologo Luca Mercalli, per parlare della situazione sui ghiacciai alpini, quindici dei quali costantemente monitorati e Oliviero Gobbi, presentatore della serata e titolare di Grivel, azienda valdostana leader nello sviluppo e produzione di attrezzatura tecnica da montagna.

Il cambiamento climatico sta inevitabilmente producendo conseguenze e mutazioni nelle modalità e nelle produzioni di chi coltiva in montagna. Le politiche e strategie di adattamento non sembrano compensare la velocità del riscaldamento globale, con importanti conseguenze per la tipicità dei prodotti. Roberto Berutti, Membro di Gabinetto del Commissario EU per l’Agricoltura, Alexis Vallet, Direttore della Co-fruits, e René Benzo, Presidente della Fondazione Sistema Ollignan, che gestisce un centro agricolo a 770 metri d’altezza, nel quale lavorano ragazzi disabili, saliranno sul palco della Matinée dal titolo "Quale futuro per l’agricoltura in media e alta montagna" (giovedì 11 agosto ore 11:00): insieme racconteranno e testimonieranno le difficoltà e la mutazione della composizione delle specie vegetali delle praterie, la scarsità di acqua alla quale si va incontro e i possibili scenari da affrontare.

Ma il cambiamento climatico è al centro anche della selezione cinematografica di questa XXV edizione, dai Grand Prix ai film nel Concorso Internazionale, il tema del riscaldamento globale e delle inarrestabili conseguenze per chi vive sulle Terre Alte occupa sempre più un ruolo da protagonista nelle produzioni degli ultimi anni.

Tra i Grand Prix, i film candidati all’Oscar del cinema di montagna 2022 al Cervino CineMountain, c’è l’americano After Antarctica, vincitore al Festival di Ljubiana, a Torellò in Spagna e al Festival di Ulju in Corea del Sud, che racconta la vita dell'esploratore Will Steger, testimone oculare dei più grandi cambiamenti nelle regioni polari del nostro pianeta. Nel drammatico tentativo di diffondere consapevolezza sul tema, ha intrapreso la prima spedizione da costa a costa attraverso l'Antartide nel 1989. Sei esploratori e i loro cani da slitta hanno sfidato tempeste ululanti, temperature sotto lo zero, crepacci di neve e altri pericoli mentre attraversavano il terreno ghiacciato. Ora, a trent'anni dalla sua rivoluzionaria spedizione, Steger si dirige nuovamente sul ghiaccio, questa volta all'estremità opposta del pianeta. La pluripremiata regista e direttrice della fotografia Tasha Van Zandt riunisce avvincenti filmati d'archivio e ricordi in prima persona del protagonista che danno forma ad una profonda meditazione sul destino umano e su quello del nostro pianeta. Un messaggio urgente che abbraccia entrambi i poli.

Nel Concorso Internazionale sarà invece Haulout, dei fratelli Evgenia Arbugaeva e Maxim Arbugaev, candidato alla Berlinale 2022. Il corto segue la vicenda del biologo marino Maxim Chaliev che, da dieci anni, studia in quella zona le migrazioni dei trichechi, sempre più vulnerabili alle conseguenze incalzanti del riscaldamento globale nell’Artico. Una testimonianza drammatica e cruda degli effetti catastrofici sulla vita animale, ma alla fine anche sull’uomo, del deterioramento del loro habitat, immagini che sono uno schiaffo in faccia e una presa di coscienza.

"Le tragedie recenti, questo incalzare di cambiamenti sempre più evidenti all’occhio e all’esperienza umana, danno la sensazione che la velocità di questo processo sia molto rapido di quello che forse pensiamo. ricorda Luca Bich, direttore del Festival - Il Cervino CineMountain ha da sempre proposto al suo pubblico, attraverso i film e gli eventi, spazi di riflessione su questi argomenti "scottanti" fuor di metafora, così anche quest’anno proviamo a trasformare questa in una ulteriore occasione di confronto su un tema urgente che, come Festival legato al racconto della montagna, ci tocca particolarmente".

Tutte le info su www.cervinocinemountain.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cervino Cinemountain 2022 svela la Giuria e i Grand Prix
30.06.2022
Cervino Cinemountain 2022 svela la Giuria e i Grand Prix
Cinque le pellicole in concorso per il Grand Prix, il premio più ambito della 25° edizione del Cervino CineMountain International Filmfestival che si svolgerà a Cervinia e Valtournenche (AO) dal 6 al 13 agosto 2022. A giudicarle saranno Maurizio “Manolo” Zanolla, Alexandra Petrova e il produttore Leonardo Barrile.
Cervino CineMountain Festival 2021, vince The Wall of Shadows
09.08.2021
Cervino CineMountain Festival 2021, vince The Wall of Shadows
The Wall of Shadows di Eliza Kubarska si aggiudica il Grand Prix des Festivals Conseil de la Vallée alla XXIV edizione del Cervino CineMountain. A Paolo Cognetti invece il premio come miglior film italiano per “Sogni di grande nord”.
Cervino Cinemountain: al via la XXIV edizione
30.07.2021
Cervino Cinemountain: al via la XXIV edizione
Domani, sabato 31 luglio alle ore 18:00, nella storica Piazzetta delle Guide di Valtournenche si inaugura il festival del cinema di montagna Cervino Cinemountain con la performance di Antoine Le Menestrel e Michele Mammoliti. Sempre domani Nives Meroi presenterà “Sarabanda ai margini del cielo”, un film interamente girato nei paesaggi della Valtournenche. Tra gli ospiti del festival anche Catherine Destivelle, Hervé Barmasse, Angelika Rainer, Alessia Zecchini, il funambolo Nathan Paulin, Luca Mercalli, Marcello Fois, Paolo Cognetti, Nicolò Bongiorno e i paraclimber Simone Salvagnin e Urko Carmona Barandiaran.
Cervino CineMountain 2020, Drømmeland vince al festival del cinema di montagna più alto d’Europa
07.08.2020
Cervino CineMountain 2020, Drømmeland vince al festival del cinema di montagna più alto d’Europa
Si è chiusa la XXIII edizione del Cervino CineMountain a Breuil-Cervinia e Valtournenche, Valle d’Aosta. Drømmeland di Joost van der Wiel si aggiudica il prestigioso Grand Prix des Festival. Tanti gli ospiti in questa edizione speciale, da Mauro Corona a Domenico Quirico, da Hans Kammerlander a François Cazzanelli, e ancora Didier Berthod, Antoine Le Menestrel, Anna Torretta, Kurt Diemberger e tanti altri.
Cervino CineMountain 2019, vince A Thousand Girls Like me
11.08.2019
Cervino CineMountain 2019, vince A Thousand Girls Like me
Si chiude la XXII edizione del Cervino CineMountain. 'A thousand girls like me', il film che racconta la difficile battaglia di una ragazza afgana contro le violenze famigliari e le falle nel sistema giudiziario del suo Paese, si aggiudica il Grand Prix des Festival. Tanti gli ospiti che hanno animato questa edizione, da Hervé Barmasse a Erri De Luca, da Nives Meroi a Fausto De Stefani e ancora gli scienziati Michele Freppaz e Maria Sole Bianco, il ricordo del Grande Torino e l’omaggio finale ai 50 anni dall’allunaggio.
Cervino CineMountain Festival 2017
03.08.2017
Cervino CineMountain Festival 2017
Dal 5 al 14 agosto 2017 Cervinia in Valtournenche, Valle d'Aosta, ospita la ventesima edizione del Cervino CineMountain Festival. Quest'anno alla rassegna dedicata al cinema di montagna ospiti speciali come Kurt Diemberger, Maurizio Manolo Zanolla, Hervé Barmasse, Alain Robert, Mira Rai, Renato Pozzetto e Massimo Boldi. Omaggi agli alpinisti Guido Monzino, Walter Bonatti e Ueli Steck.
Cervino Cinemountain 2009, tutti i film premiati
03.08.2009
Cervino Cinemountain 2009, tutti i film premiati
Alla XII. edizione del Cervino CineMountain - Festival Internazionale del Cinema di Montagna Stone Pastures di Donagh Coleman ha vinto il Grand Prix Cervino mentre a Ten, a cameraman’s tale di Guido Perrini è andato il Prix Sportside of the Mountain e a Dolma du bout du monde di Véronique, Anne e Erik Lapied il Grand Prix des Festival. Tra i premiati anche Aria di Davide Carrari (Prix Montagne Passion) e Grozny dreaming di Mario Casella e Fulvio Mariani (Prix Special du Jury).
Cervino Cinemountain al Berhault di Chappaz e Lassablière
04.08.2008
Cervino Cinemountain al Berhault di Chappaz e Lassablière
Si è concluso domenica 4/08 a Breuil-Cervinia e a Valtournenche l'XI° Cervino Cinemountain International Film Festival con l’assegnazione del Grand Prix Cervino Cinemountain a "Berhault" di Gilles Chappaz e Raphaël Lassablière. Nell’articolo lo speciale diario dal Festival di Mario Dalmaviva (alias Viva).
Cervino Cinemountain International Filmfestival
24.07.2007
Cervino Cinemountain International Filmfestival
Dal 25 al 29/07 si svolgerà a Cervinia e Valtournenche (AO) la decima edizione del Cervino Cinemountain International Filmfestival.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós