Home page Planetmountain.com
Sandro Neri sale Osapska Posast, 8c nella grotta di Ospo in Slovenia
Fotografia di Matteo Menardi
Andrea Chelleris su Exit, 8b+ nella strapiombante falesia di Cavazzo carnico
Fotografia di archivio Simonetta Perin
Andrea Chelleris stupisce sugli sci (discesa); da 3 anni consecutivi è campione di categoria del Friuli Venezia Giulia, oltre che attualmente quarto ai campionati italiani
Fotografia di archivio Simonetta Perin
Andrea Chelleris su Sogni all'ombra, Val di Landro
Fotografia di archivio Simonetta Perin

Un vecchio, un bambino e l'arrampicata come gioco da ragazzi

di

Sandro Neri, 55 anni, sale Osapska Posast, 8c nella grotta di Ospo in Slovenia mentre Andrea Chelleris, 9 anni, chiude Exit, 8b+ a Cavazzo carnico in Friuli. Il racconto di Sandro Neri.

La passione di scalare non ha età: Andrea Chelleris, nato nel 2009, classe quarta elementare, lo scorso mercoledì 24 Ottobre ripete Exit, 8b+ nella strapiombante falesia di Cavazzo carnico, via liberata da Mr. Adam Ondra. Il talento si tramanda quindi, perché Andrea è figlio d’arte di Michele Chelleris, uno dei ragazzi dello zoo di Erto, di quelli della prima generazione, la stessa di Icio Dall’Omo, Mauro Corona e il sottoscritto. Ricordo Andrea ancora piccolo e ben infagottato in passeggino, anni fa in quel di Erto, accudito da mamma Simonetta e papà Michele, che si davano il turno per non perderlo d’occhio, fra un tiro e l’altro.

In poco tempo questo bimbo stupisce sugli sci (discesa); da 3 anni consecutivi è campione di categoria del Friuli Venezia Giulia, oltre che attualmente quarto ai campionati italiani. Andrea scia fluido e composto, uno stile insolito per la sua età, ma giocoso e genuino è anche il modo con cui affronta la scalata. I genitori lo accompagnano ad arrampicare perché arricchisca il suo bagaglio di esperienze motorie, e possa divertirsi giocando, in un mondo pieno di stimoli. Simonetta e Michele, giustamente, non forzano Andrea, nessun fiato sul collo: concordano con i più recenti studi di scienze motorie, che sottolineano l’importanza di una base ampia di esperienze per poter far crescere al meglio i ragazzi. L’atletismo specifico precoce ne ha stancati troppi (per non dire bruciati), e Andrea continua a giocare scalando riuscendo a ripetere l’autunno scorso il suo primo 8a; seguito da un 8a+ e due 8b, prima del colpaccio di Exit. Viene quasi da sussurrarle, queste imprese, per non disturbare un bambino che gioca!

Stanco morto per una delle tante settimane con 22 ore di lezione in palestra, dove ho fatto giocare 214 ragazzi di 11 classi della scuola media (non proprio così composti come Andrea…), mi dirigo a Ospo, senza grandi aspettative nella riuscita del mio eterno progetto, un sogno che coronerebbe quarant’anni di arrampicata. il Mostro di Ospo, Osapska Posast in sloveno, 8c con 56 metri di sviluppo, inutile dirlo, ultra strapiombante. Sono in forma, mi manca poco perché son caduto in alto un paio di settimane fa: ma quel poco potrebbe rivelarsi troppo…

Parto deciso, senza tensione, non ho nulla da perdere, tanto vale giocarsela e pensare solo a scalare. Non penso ai nuvoloni neri che annunciano il diluvio imminente con il conseguente arrivo del lago alla base della grotta, che la renderà impraticabile. So che ho a disposizione un solo tentativo nell’ultimo giorno utile, prima del "monsone" autunnale, ma sta volta stranamente non mi agito, salgo curioso di "giocarmi" in continuità i piccoli particolari scoperti la volta scorsa, che dovrebbero aiutarmi ad arrivare più in alto.

Il Grottone di Ospo mi diverte, proprio perché è disseminato di canne e funghi che rendono ogni tentativo diverso dal precedente: la roccia è talmente articolata che si scopre sempre qualcosa di nuovo, e dopo 40 anni "di crode" sembra di giocare anche a me! Riesco a trovare un nuovo aggancio di piede sinistro che mi dà la possibilità di rianimarmi, dove di solito giungevo finito e zeppo di ghisa. Supero il punto dove cadevo trovandomi per la prima volta in continuità, dentro la piccola nicchia finale, prima della sequenza di uscita su tacche; mi sento 90 anni sulla gobba, altro che 55!

Fortuna che in quell’angusto antro claustrofobico, ansimando fra le cacche dei colombi, son riuscito a ripigliarmi… Duretta giocare a questa età, coi piedi malconci, la protesi d'anca eccetera eccetera; ma oggi mi è riuscito ancora, oggi ho giocato anch’io!

di Sandro Neri

Nota: Planetmountain.com e l’autore del presente articolo raccomandano ai lettori il massimo rispetto per la privacy del ragazzo citato e per la sua famiglia: proprio per non turbare la serenità, e il gioco, di un bambino.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Vicende dei ragazzi dello zoo di Erto. Di Sandro Neri
05.07.2018
Vicende dei ragazzi dello zoo di Erto. Di Sandro Neri
Sandro Neri e l’arrampicata ad Erto, dai mitici anni dei Ragazzi dello zoo di Erto degli anni ’80 fino ad oggi. Un tuffo nel passato per capire il presente, attraverso le vie e gli arrampicatori come Mauro Corona, Manolo, Icio Dall’Omo, Gigi dal Pozzo, Roberto Bassi, Gerhard Hörhager, Luca Zardini, Pietro dal Pra e molti altri che hanno segnato la storia di questo sport.
Sandro Neri: 10 anni di Emicrania
04.12.2009
Sandro Neri: 10 anni di Emicrania
Dopo dieci anni di tentativi il bellunese Sandro Neri è riuscito a salire Emirania 8b nella falesia di Ceresera (Belluno).
Paraclimbing World Cup, oro a Briançon per Sandro Neri, Matteo Stefani e Giulio Cevenini
19.07.2018
Paraclimbing World Cup, oro a Briançon per Sandro Neri, Matteo Stefani e Giulio Cevenini
La prima tappa della Coppa del Mondo Paraclimbing 2018 si è disputata ieri a Briançon: oro per Matteo Stefani (B1), Giulio Cevenini (B2) e Alessandro Neri (RP3), argento per Simone Salvagnin (B2) e bronzo per Tiziana Paolini.
Dino Lagni non molla: 8c+ a Narango, Arco
18.10.2018
Dino Lagni non molla: 8c+ a Narango, Arco
Il 50enne climber vicentino Dino Lagni nella falesia di Narango vicino ad Arco ha salito Il fuggitivo 8b+, Teroldego 8c e Natural Present 8c+.
Luigi Billoro ripete Scarspace, la mega via di Luca Zardini a Laggio
05.10.2018
Luigi Billoro ripete Scarspace, la mega via di Luca Zardini a Laggio
Nella falesia di Laggio di Cadore Luigi Billoro ha effettuato la prima ripetizione di Scarspace, la via d’arrampicata sportiva gradata 8c+ liberata da Luca Zardini nel 2012.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra