Home page Planetmountain.com
Nina Caprez e Sam Hoffmann ripetono Mingus, la storica via d'arrampicata nelle Gole di Verdon, Francia
Fotografia di archivio Nina Caprez
Nina Caprez sostituisce degli spit su Mingus, la storica via d'arrampicata nelle Gole di Verdon, Francia
Fotografia di archivio Nina Caprez
Nina Caprez ripete Mingus, la storica via d'arrampicata nelle Gole di Verdon, Francia
Fotografia di archivio Nina Caprez
Ann Raber e Nina Caprez nelle Gole del Verdon
Fotografia di Sam Bié

Nina Caprez richioda e ripete Mingus, la classica via del Verdon liberata da Lynn Hill

di

La climber svizzera Nina Caprez parla dei suoi sforzi di richiodare parzialmente Mingus, la famosa via d’arrampicata di 300 metri nelle Gole del Verdon in Francia liberata a-vista da Lynn Hill nel 1994 con difficoltà fino all’8a.

Mingus nelle Gole del Verdon è una delle più famose e allo stesso tempo misteriose vie d’arrampicate che solcano queste lisce pareti di calcare nel sud della Francia. Aperta nel 1986 da Christophe Froifond con l'uso dell’artificiale ed originariamente gradata 7a+/A0, è stata liberata con difficoltà fino all' 8a nel 1994 da Lynn Hill che, incredibilmente, l’ha salita nel miglior stile possibile: a-vista.

Il successo di Lynn Hill su questi 300 metri, assolutamente eccezionale e ancora adesso sottovalutato, è stato sicuramente messo in secondo piano dalla sua rivoluzionaria prima libera di The Nose su El Capitan nello Yosemite avvenuta un anno prima. In più, i dodici tiri di Mingus facevano parte dell’allenamento della climber statunitense prima della sua altrettanto leggendaria prima salita in giornata ed in libera di The Nose nel settembre del 1994.

Nonostante la sua fama, nell'ultimo quarto di secolo le ripetizioni in libera di Mingus sono state davvero poche, in parte a causa delle elevate difficoltà, in parte a causa degli spit originali da 8 mm che dovevano essere sostituiti. In tre giorni a metà di questo mese, la svizzera Nina Caprez insieme alla statunitense Ann Raber si è messa all’opera, sostituendo gli spit messi peggio sui tiri e aggiungendo uno spit nuovo a tutte le soste, per iniziare a riportare questo storico capolavoro al suo antico splendore. In più, Caprez è riuscita in cordata con Sam Hoffman ad aggiudicarsi una rara ripetizione durante il suo ultimo giorno in uno dei luoghi che più preferisce. Ecco i dettagli.


Uno dei miei posti preferiti sulla terra: Gorges du Verdon
di Nina Caprez

Come spesso capita quando vivo l’arrampicata nel suo stato più sincero e semplice, scopro che una via mi chiama. Così è stato per Mingus. Questa è una storia divertente: una notte a quello che chiamo il "Campo degli zingari di La Palud" ho incontrato per caso il mio ex fidanzato Benoit e il suo compagno di cordata Leo. Avevano salito Mingus appena due giorni prima, adottando uno stile misto di arrampicata libera ed arrampicata in artificiale. Conosco bene Benoit e ho capito subito che questa via ha significato qualcosa di speciale per lui, vedevo come i loro occhi brillavano come il sole mentre mi parlavono di questa storica via e subito sono stata completamente catturata.

Così ho cercato Mingus nella guida d’arrampicata ed è vero, è l'unica via a cui è dedicata un'intera pagina. La guida riporta quanto segue: “La via più difficile dell’Escalés? In ogni caso nel corso degli anni Mingus rimane saldamente un mito del Verdon, una salita che ha anticipato i tempi. A partire dalla prima libera effettuata a-vista da Lynn Hill nel 1994 (un evento di livello mondiale che, stranamente, è passato inosservato!) la via non è stata ripetuta spesso in libera (Y. Cocurtes nel 2004). Lo stile di arrampicata è piuttosto tecnico e di dita, e il materiale sulla via non è all'altezza degli standard moderni."

Ero emozionata all'idea di salire in libera questa via, così ho parlato con Graou mentre mangiavo e mi facevo la doccia. Lui mi ha consigliato, per rimanere in vita, di richiodare la via, e così ho fatto. Ann, la mia compagna di cordata, è stata subito della partita. Così, il giorno successivo, dotate del trapano di Graou e di alcuni spit che abbiamo trovato a La Palud, abbiamo iniziato la nostra missione.

Rispittare una via storica come questa è sempre delicato. Ad essere onesti, non ho chiesto a tutti i climber se erano d'accordo o in disaccordo, ho semplicemente cercato di farlo dopo aver consultato Graou, Greg e Pascal, gente che vive ed apre molte vie a La Palud. Era importantissimo per me fare del mio meglio e preservare lo spirito originale della via. Il mio semplice obiettivo era quello di renderla sicura, aggiungendo uno spit da 10 mm ad ogni sosta e sostituendo fino a tre spit su ogni tiro, dove la possibilità di cadere e rompere gli spit molto vecchi ed arrugginiti era alta, specialmente là dove una caduta avrebbe potuto avere delle conseguenze gravi. Tutti i chiodi da roccia sembravano molto buoni e nel complesso, questa via di 300 metri segue un percorso molto logico. C'era soltanto un punto all’ottavo tiro dove c’era un po’ di confusione, dove viene incrociata da un’altra via e dove mancava una sosta che ho poi aggiunto.

Ci sono voluti tre giorni, partendo dall'alto e lavorando quattro tiri al giorno. Ho prima spittato una sosta e ho messo una corda statica, poi ci siamo calati in corda doppia per poi arrampicare con una corda dall’alto e sostituire gli spit messi peggio. Ann toglieva i vecchi spit che io poi sostituivo con spit nuovi, e mi dava una mano dove serviva. Poi, entrambe abbiamo salito i tiri che avevamo appena sistemato con la corda dal basso. Quando arrampichi da capocordata è sempre ben diverso e questo mi ha permesso di verificare se avevamo preso le decisioni giuste. Questo scambio di idee con Ann è stato fondamentale e penso che abbiamo fatto un buon lavoro. Sono molto contenta di come abbiamo lavorato insieme, perché è stato anche molto divertente!

Una volta completato il lavoro abbiamo tolto tutti i nostri rinvii, il giorno dopo Ann doveva andare via. Io invece sono stato fortunata e ho trovato in Sam Hoffmann un compagno di cordata disposto a provare la via con me. Dopo un giorno di riposo a causa della pioggia, Sam e io siamo partiti presto per avere tutto il tempo necessario per ripetere Mingus.

Non avevo nessuna aspettativa quel giorno, il mio obiettivo era semplicemente quello di divertirmi e vedere se io e Ann avevamo fatto un buon lavoro di richiodatura. Ma una volta che ho salito in libera i primi due tiri, sono stata sopraffatta dal piacevole gioco della "rotpunkt" e così ho premuto il pulsante della determinazione!

Ho chiuso il tiro di 8a al secondo tentativo (fortunatamente, perché è un vero killer per la pelle), ma tutto il resto è filato liscio e sono riuscita a salire i restanti tiri al primo colpo. Alcuni dei tiri li conoscevo bene, altri meno e devo dire che nel complesso ho anche avuto una buona dose di fortuna!

L'amico Gio si è unito a noi dall'alto e ha scattato alcune foto mentre Sam e io abbiamo salito gli ultimi tiri. Che sensazione gratificante, arrampicare in libera su questa storica via con tutto il sostegno di quei grandi amici. Il Verdon attrae un certo tipo di persone e mi sento molto onorata di far parte di quello speciale gruppo!

Ora spero di avervi entusiasmato con queste parole, e che in futuro Mingus vedrà molti altri tentativi. Vale completamente il viaggio e la battaglia! Tanto di cappello a Lynn Hill, che ha salito la via a-vista nel 1994.

Un grande ringraziamento ad Ann Raber che ha arrampicato con me per quasi tutta questa primavera, e che ha dimostrato di essere un grande supporto, sempre. E mai come durante questa missione di richiodatura. E grazie Sam per la perfetta giornata e la grande motivazione durante la mia libera al mio ultimo giorno nel Verdon. E, naturalmente, grazie a Graou per avermi prestato il suo caro bambino, il trapano chiamato "Drill Machine”.

Link: FB Nina Caprezwww.ninacaprez.chPetzlSCARPAArc'teryx

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Arrampicare nelle Gorges du Verdon
26.08.2011
Arrampicare nelle Gorges du Verdon
Una selezione di fantasiche vie di più tiri nelle Gorges du Verdon, Haute-Provence, Francia.
Viva La Vie: Jonathan Siegrist e Nina Caprez nel Verdon
17.04.2013
Viva La Vie: Jonathan Siegrist e Nina Caprez nel Verdon
Video di Jonathan Siegrist e Nina Caprez alla ricerca dell'arrampicata nelle Gorges du Verdon, Francia.
Nina Caprez in Rätikon ripete Headless Children
19.09.2018
Nina Caprez in Rätikon ripete Headless Children
La climber svizzera Nina Caprez ha effettuato la terza salita in libera di Headless Children, la bella quanto difficile via d’arrampicata di più tiri in Rätikon, Svizzera.
Tolleranza di Nina Caprez
14.08.2018
Tolleranza di Nina Caprez
La climber svizzera Nina Caprez parla del suo ultimo viaggio in Libano dove insieme alla ONLUS ClimbAID ha portato, con un camion ed una parete artificiale, l'arrampicata ai rifugiati siriani e ai giovani libanesi colpiti dalla guerra.
Gole del Verdon: Sébastien Bouin libera il suo capolavoro nella falesia di Ramirole
02.10.2018
Gole del Verdon: Sébastien Bouin libera il suo capolavoro nella falesia di Ramirole
Nelle Gole di Verdon in Francia il climber Seb Bouin ha liberato 'La cote d’usure', una via d’arrampicata sportiva di 60 metri gradata 9a+, chiodata 9 anni fa.
Federica Mingolla ripete Tom et je ris 8b+ in Verdon
07.10.2014
Federica Mingolla ripete Tom et je ris 8b+ in Verdon
Il 2 ottobre 2014 la climber torinese Federica Mingolla ha ripetuto la spettacolare via Tom et je ris 8b+ nelle Gole del Verdon, Francia. Il racconto di Edoardo Falletta.
Nina Caprez sale Divine Providence sul Monte Bianco
06.10.2016
Nina Caprez sale Divine Providence sul Monte Bianco
Il racconto della climber svizzera Nina Caprez che a luglio, insieme a Merlin Benoit, ha ripetuta la via Divine Providence (ED+, 7b+, 900m) al Grand Pilier d’Angle, Monte Bianco. Si tratta con tutta probabilità della prima salita femminile in libera di questa grande via aperta, dal 5 - 8 luglio 1984, da Patrick Gabarrou e François Marsigny.
Nina Caprez e Barbara Zangerl ripetono Die Unendliche Geschichte in Rätikon
16.09.2015
Nina Caprez e Barbara Zangerl ripetono Die Unendliche Geschichte in Rätikon
Le climber Nina Caprez e Barbara Zangerl hanno entrambe ripetuto Die Unendliche Geschichte, la super via di Beat Kammerlander aperta nel 1990 in Rätikon, Svizzera. Alta 420m e con difficoltà fino all' 8b+, questa via era stata ripetuta soltanto una volta finora, da Pietro dal Prà nel 2005.
Nina Caprez e Marc Le Menestrel ripetono Hannibals Alptraum in Rätikon
16.07.2015
Nina Caprez e Marc Le Menestrel ripetono Hannibals Alptraum in Rätikon
Intervista a Nina Caprez che, insieme a Marc Le Menestrel, ha ripetuto Hannibals Alptraum, la difficile via d’arrampicata di Martin Scheel e Robert Bösch in Rätikon, Svizzera.
Nina Caprez, prima salita femminile di Silbergeier, Rätikon
04.07.2011
Nina Caprez, prima salita femminile di Silbergeier, Rätikon
Intervista alla svizzera Nina Caprez dopo la prima femminile di Silbergeier, (8b/8b+, 240m) nel Rätikon, Svizzera. La salita è avvenuta pochi giorni dopo la ripetizione del suo compagno Cedric Lachat.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra