Home page Planetmountain.com
Lazio Verticale. Molto più di un racconto della storia del Lazio, questo documentario di Stefano Ardito e Fabrizio Antonioli sembra un ritratto di famiglia dove la montagna, in tutte le sue forme, è protagonista.
Fotografia di archivio Lazio Verticale
Prime file del Cinema Aquila riservate ai protagonisti delle lunga stagione dell’arrampicata nel Lazio: Pino Calandrella, Memmo Fornari, Jolly Lamberti (dietro di lui Bruno Vitale), Michael De Julis
Fotografia di Fabrizio Antonioli
Chiaretta Ramorino una delle pioniere dell’arrampicata al femminile sulle pareti del Lazio.
Fotografia di Fabrizio Antonioli
Lazio Verticale: Cueva di Collepardo, Stefano Ardito, Laura Rogora e Fabrizio Antonioli
Fotografia di archivio Lazio Verticale

Lazio Verticale: un ritratto di famiglia

Alberto Sciamplicotti presenta Lazio Verticale. Molto più di un racconto della storia del Lazio, questo documentario di Stefano Ardito e Fabrizio Antonioli sembra un ritratto di famiglia dove la montagna, in tutte le sue forme, è protagonista.

Tanti anni fa quando iniziai la mia carriera di arrampicatore/alpinista, rimasta poi sempre racchiusa nell’ambito del "vorrei ma non posso - nun je la faccio", come ogni bravo novizio acquistai una guida alle falesie dei dintorni di Roma in modo da poter rintracciare facilmente le pareti dove poter gioire dei piaceri dell’acciaiatura degli avambracci. La scelta ricadde su un volume dal titolo "Lazio verticale" e i cui autori erano Fabrizio Antonioli e Andrea Di Bari. In realtà, non si trattò proprio di una scelta: le guide cartacee concorrenti non erano poi molte. C’era "Hellzapoppin" sempre di Fabrizio Antonioli ma con Stefano Ardito e Gino Pietrollini, che scartai perché di difficile reperibilità (era di cinque anni prima e in quel periodo di tempo avevo capito che c’era stata una vera esplosione nel numero di apertura di nuovi itinerari di arrampicata), c’era poi "Flippaut" di Furio Pennisi (che presentava ‘solo’ una selezione di 200 vie della regione Lazio) e poi c’era per l’appunto "Lazio Verticale" che come sottotitolo riportava "23310 metri di arrampicata in falesia". A scuola me la cavavo abbastanza e capii subito che 23.310 era maggiore di 200: la scelta era così bella che fatta.

Fabrizio Antonioli non lo conoscevo ancora. Andrea Di Bari invece lo avevo visto al negozio di Cisalfa di Largo Brindisi a Roma, dove coordinava il reparto montagna, e quel tipo, piccoletto, secco come un chiodo ma con braccia colme di muscoli guizzanti, tale e quale come era su un poster - appeso a uno strapiombo - aveva la faccia sufficientemente simpatica perché gli dessi credito, oltre che come arrampicatore di punta dell’italica penisola, anche come scrittore di guide.

Quella guida alle falesie del Lazio, da quel giorno viaggiò per diverso tempo nello zaino, sopra a corda, rinvii e moschettoni finché non fu sostituita - dopo dieci anni - da qualcosa di più aggiornato. Nonostante questo e diverse guide dopo, ancora la conservo gelosamente nella mia libreria. E’ qualcosa che mi ricorda altri tempi che a guardare indietro, dall’alto di questi 33 anni passati via, riporta alla mente emozioni sempre forti: quelle delle prime esplorazioni delle pareti e della scoperta del mondo verticale. Emozioni simili a quelle provate guardando l’omonimo - non a caso - film dal titolo "Lazio verticale".

Lo scorso anno Fabrizio Antonioli aveva presentato un altro medio metraggio, un film dal titolo "Sutt’u picu ru soli" e dedicato all’alpinismo siciliano dagli anni ’30 a oggi. Così posso immaginare Stefano Ardito, giornalista che ha fatto della montagna la cifra stilistica del suo lavoro, avvicinarsi sornione e baffo volpino ad Antonioli per proporgli l’idea di realizzare un racconto simile per le falesie del Lazio. Non so se le cose siano andate proprio così, anche se in fin dei conti è probabile: sarebbe stato come riprendere in mano i fili della antica conoscenza dei due, annodarli stretti a quell’antico lavoro che era stato "Helzapoppin" e tenderli fino al presente facendoli passare per quella guida realizzata con Andrea Di Bari e che era stata il viatico più importante degli anni ’80 alla conoscenza delle possibilità arrampicatorie del Lazio.

Il racconto di questo nuovo "Lazio Verticale", su una regione nota ai più forse per i suoi monumenti che per le possibilità offerte dalle sue rocce, si dipana in equilibrio su una tensione emotiva simile a quella che si prova sfogliando un vecchio album di famiglia. E’ l’emozione di ri-scoprire le origini di quella passione che da anni vive dentro tanti di noi, di vedere, con stupende riprese aeree che regalano visioni e nuove prospettive delle tante pareti di questa regione, quei luoghi che ci hanno preso l’anima, di conoscere volti, voci e parole di quanti hanno contribuito a costruire il mondo di questo Lazio verticale - Ramorino, Battimelli, Mallucci, Bini, Grazzini, Mario, Fornari, Di Bari, Vitale, Delisi, Lamberti, Strano - e di vedere come questi, e altri protagonisti, abbiano saputo legarsi in modo intimo all’elemento roccia. Un racconto che giunge fino ai giovani, al presente, a Laura Rogora e al suo sogno oltre il verticale.

Una storia che a volo d’aquila sorvola il Morra, Guadagnolo, le pareti di Sperlonga e del Moneta, della Montagna Spaccata di Gaeta, di Grotti, di Ciampino, di Ripa Maiala, del Terminillo, della Santissima Trinità e della Cueva di Collepardo. Pagine di un album di famiglia che vengono voltate una ad una durante i 41 minuti di durata del video. Alcuni ritratti sono più presenti, altri solo accennati, qualcuno assente: ma nessun album di famiglia può essere esaustivo di tutta la genealogia. Sempre però, si intuisce come dietro a quei visi narranti altrettanti ve ne siano. E’ il romanzo di una comunità "in itinere", unita dalla voglia di scoprire ed esplorare le rocce e le passioni regalate dal mondo del "Lazio Verticale", racconto che si fa immagine e ricordo del passato, narrazione del presente, anticipazione di un futuro tutto ancora da scrivere.

Il progetto, patrocinato dalla Regione Lazio e dal CAI Lazio è stato realizzato con la collaborazione di RRTREK, Petzl e della Commissione Cinematografica del CAI ed è stato presentato in prima assoluta a Roma, il 17/10/2019 presso il Cinema Aquila. Nell’affollata sala erano presenti gran parte dei protagonisti del filmato di Antonioli e Ardito, in un evento che è venuto così ad aggiungersi alla lunga storia dell’arrampicata nel Lazio.

di Alberto Sciamplicotti

Il trailer del film Lazio Verticale

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Alessandro Jolly Lamberti
04.11.2011
Alessandro Jolly Lamberti
Intervista ad Alessandro Jolly Lamberti, uno dei assoluti protagonisti dell'arrampicata sportiva in Italia.
Laura Rogora libera Rèveille-toi, nuovo 9a alla Cueva di Collepardo
04.06.2019
Laura Rogora libera Rèveille-toi, nuovo 9a alla Cueva di Collepardo
La climber romana Laura Rogora nella falesia Cueva di Collepardo ha liberato Rèveille-toi, una via d’arrampicata sportiva gradata 9a.
Montagne in Città, l'alpinismo e l'arrampicata a Roma
23.11.2017
Montagne in Città, l'alpinismo e l'arrampicata a Roma
Il report di Alberto Sciamplicotti dell'edizione 2017 di Montagne in Città, lo storico festival di Roma che quest'anno tra i vari alpinisti ed arrampicatori ha ospitato Heinz Mariacher, Pierluigi Bini, Simone Moro, Alex Txikon, Mario Verin e Giulia Castelli.
Il fuoco dell'anima di Andrea di Bari e Luisa Mandrino
08.03.2017
Il fuoco dell'anima di Andrea di Bari e Luisa Mandrino
Il fuoco dell’anima di Andrea di Bari e Luisa Mandrino (Corbaccio Edizioni): dalla borgata romana anni '60 all'arrampicata, la storia di un ragazzo che è riuscito a realizzare il sogno della sua vita. Recensione di Francesca Colesanti.
La Cueva di Collepardo - arrampicata nel cuore dei Monti Ernici
01.06.2016
La Cueva di Collepardo - arrampicata nel cuore dei Monti Ernici
Domenico Intorre e Nando Zanchetta presentano la nuova falesia La Cueva di Collepardo, Lazio, con oltre 30 splendide vie dal 6b+ al 8c, e con la possibilità di arrampicare anche in giornate di forte pioggia.
Arrampicata a Leano e Gaeta: nella storia con la storia
13.04.2015
Arrampicata a Leano e Gaeta: nella storia con la storia
Ivo Ferrari nella storia e con la storia tra la Torre Elena, con Gianni Bat Battimelli e Giovanna Giò Moltoni, al Monte Leano e Gaeta con Fabrizio Antonioli.
La Grande Muraglia di Sperlonga, alla ricerca del tesoro nascosto
02.12.2013
La Grande Muraglia di Sperlonga, alla ricerca del tesoro nascosto
Tommaso Sciannella, Bruno Vitale e Bruno Moretti presentano la splendida parete La Grande Muraglia di Sperlonga e tre delle sue vie d'arrampicata: I Sultani dello Swing (90m, 6c), I Guerrieri della Luce (5c+, 105m), Viaggio nel tempo (VII-, 135m).
Arrampicare a Subiaco nella Valle dell’Aniene
11.06.2013
Arrampicare a Subiaco nella Valle dell’Aniene
Domenico Intorre presenta la falesia di Subiaco in Valle dell’Aniene, Lazio.
Hellzapoppin', viaggio a ritroso nella storia dell'arrampicata di Ivo Ferrari
03.01.2013
Hellzapoppin', viaggio a ritroso nella storia dell'arrampicata di Ivo Ferrari
Ivo Ferrari e il viaggio arrampicata a ritroso su Hellzapoppin', una delle più belle vie del Mediterraneo, aperta nel 1977 da Gianni Battimelli, Fabrizio Antonioli, Paolo Bellotti, Giorgio Mallucci, Cristiano Delisi.
19.05.2004
Jolly Er Cid, King for a Day e Carpe Diem
A Grotti (Rieti) Alessandro "Jolly" Lamberti libera Er Cid 8c, Carpe Diem, 8b/c e King for a Day 8b/c

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni