Home page Planetmountain.com
Payola sale Gauguin (6c) alla falesia degli Artisti a Borgone di Susa, Val di Susa
Fotografia di Elio Bonfanti
Bernini (6b), Falesia degli Artisti a Borgone di Susa, Val di Susa
Fotografia di Elio Bonfanti
La Falesia degli Artisti a Borgone di Susa, Val di Susa
Fotografia di Elio Bonfanti
La Falesia degli Artisti a Borgone di Susa, Val di Susa
Fotografia di Elio Bonfanti

La falesia degli Artisti in Val di Susa

di

Elio Bonfanti ci presenta una nuova falesia scovata a Borgone di Susa in Val di Susa che va ad arricchire il numero delle strutture presenti in una valle che all’apparenza è povera di pareti arrampicabili ma che in realtà nasconde vere e proprie perle come questa.

Nel lontano 1980 Lucio Battisti cantava "Ma che sapore ha una giornata uggiosa, ma che colore ha una vita mal spesa?" Questo é il collegamento che mi viene da fare pensando alla Falesia degli Artisti di Borgone di Susa, in quanto, proprio in una giornata uggiosa e tutto sommato arrampicatoriamente parlando mal spesa, che, superando una barriera quasi invalicabile di rovi, con Claudio ed Adriana abbiamo ri scoperto questa bella parete da sempre sotto gli occhi di tutti, ma incredibilmente quasi mai toccata dalla mano di un arrampicatore.

Per la verità in questa, che ai tempi era un fronte di cava, qualche chiodo a pressione e una fila di vecchi spit che occhieggiavano dal folto della selva c’erano, ma la vegetazione si era oramai impadronita di tutto impedendoci di capire dove chi ci aveva preceduto, fosse salito. Una volta ottenuto il permesso dai padroni del terreno, mentre pensavamo al fatto che il lavoro di bonifica sarebbe stato ciclopico e di come successivamente avremmo destinato il legname di risulta, in pochi minuti avevamo già messo insieme i nomi della Task force che ci avrebbe aiutato. Il progetto era partito ma nessuno degli amici che avremmo coinvolto, ancora ne sapeva nulla!

Inutile dire, che il giorno successivo insieme al Doc (al secolo Antonio Migheli) sfidando gli arbusti eravamo alla base della parete per cercare di seguire la fuga dei vecchi spit che si perdeva verso l’alto. Tanto era l’impegno nel cercare di leggere al meglio la roccia, ed evitare una possibile caduta su quella vecchia ferraglia piazzata a distanze siderali, che ero quasi piombato in uno stato di trance agonistica, quando dal basso, mi giunse l’avvertimento del mio compagno che mi chiedeva se vedevo una sosta, perché stavo per superare la metà della corda. Il tiro era da 40 metri e manco me ne ero accorto, il tipo di arrampicata, l’ambiente e quel pezzo di storia del posto, che nonostante io arrampichi da una vita ancora non conoscevo mi avevano completamente assorbito ed ora dovevo calarmi su di una sosta a dir poco raccapricciante, aiutoooo.

Nella settimana successiva, dando il via ufficiale ai lavori, Pierino Protti (Edward mani di forbice) e Walter Siffredi (non è parente di Rocco) , annaffiando il loro duro lavoro con un gradevole Bianco fresco, erano già alle prese con la deforestazione del luogo e a loro in un crescendo quasi inarrestabile si sono via via aggiunti Adriana, Anna, Giovanni, Gloria, Marco, Manuele e Rocco che hanno spazzolato, tagliato, pulito, assicurato e talvolta anche nutrito il sottoscritto e l’infaticabile Payola.

Però, nonostante tutti questi lavori, il mio pensiero da quel momento andava sempre li. Cioè a cercare di scoprire chi diavolo avesse salito prima di noi quelle pareti. Per questa ragione, ho rotto le scatole a tutti gli alpinisti del vecchio regno di Sardegna, arrivando pure a chiedere ad Oviglia, se mai avesse fatto qualcosa quelle parti. Tanta ricerca, mi portò a scoprire che sicuramente una linea era stata tracciata dal compianto Ezio Cavallo insieme a Filippo Ciquera, il quale, si ricordava del posto, ma naturalmente non si ricordava quale delle due fosse. Avrei strozzato volentieri quello smemorato di Filippo ma forse proprio perché non lo feci la provvidenza mi venne incontro.

Un mattino, una volta parcheggiato lungo la strada, stavo armeggiando con il materiale che avrei utilizzato durante la giornata, quando, raggiunto da un distinto signore questi mi chiese : Siete voi che state attrezzando la parete qua sopra ? Sulle prime, per prendere le distanze, credo che balbettai un: Non so! Poi, una volta capito che non si trattava nell’ ordine, del sindaco di Borgone, di un messo comunale e nemmeno di un Carabiniere Forestale, mi risolsi a confessare che si eravamo noi i chiodatori.

A quel punto mi domandò se non avevamo trovato tracce di passaggio in quanto lui tantissimi anni prima, aveva aperto un itinerario di due lunghezze su quella parete. Evviva, anche il secondo tassello era andato a posto e questi, al secolo Franco Lerda, lo aveva sistemato. Egli però non ricordava come si chiamasse il suo compagno di cordata, di costui rammentava solo il nome che si era dato come “Arancione”, seguace di Bhaktivedanta e che allora come tale, fosse in attesa della fine del mondo.

Come già sopra illustrato il riferimento al pezzo di Lucio Battisti, non è casuale, ed ancor più non lo è anche relativamente alla collocazione temporale, in quanto in questa falesia lo stile dell’ arrampicata è quello classico degli anni 80, molto di piedi su di un buon Gneiss granitoide. La precisione e la fluidità dei movimenti la fanno da padroni e per coloro i quali, sono abituati al prendi la tacca e tira, sarà necessario un pochino di ambientamento.

Il nome che gli abbiamo dato, cela per noi, alcuni significati, il primo è che Lerda in quanto affermato concertista è certamente un artista, poi ogn’uno di noi più o meno ironicamente, potrà dargli il suo, ma sicuramente uno di questi, specialmente per il settore scultori, risiede nel lungo lavoro di scalpellinatura, fatto per rimuovere le parti instabili della crosta friabile che ricopre alcune zone della falesia. inutile dire che con la frequentazione alcune scagliette cambieranno ancora di domicilio e che la generosa chiodatura a fix inox da 10 mm permetterà a tutti di osare senza patemi d’animo.

Pur essendoci ancora dei cantieri in corso d’opera, sino ad ora siamo arrivati a tracciare 19 itinerari, alcuni di questi sono stati chiodati dal basso ed il materiale usato è tutto integralmente autofinanziato.

di Elio Bonfanti

SCHEDA: la falesia degli Artisti in Val di Susa

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Il Cateissard, lo Slow Climb e il nuovo mattino della valle di Susa
11.10.2019
Il Cateissard, lo Slow Climb e il nuovo mattino della valle di Susa
Due nuove falesie al Cateissard: Sky wall G&B e Cateisstrong, presentate da Andrea Giorda. Oltre 45 nuove vie di arrampicata sportiva vicino a Bussoleno in Piemonte
Andando… Alla Pagina Seguente sull'Uja di Mondrone
13.09.2019
Andando… Alla Pagina Seguente sull'Uja di Mondrone
La via Alla Pagina Seguente sull’Uja di Mondrone (Val di Lanzo, Piemonte). Aperta da Giancarlo Grassi, Elio Bonfanti e Aldo Morittu nel 1990 e per l'epoca rivoluzionaria, ora la linea è stata riattrezzata e rettificata da Luca Brunati, Luca Enrico, Matteo Enrico e Luigi Sibille. Il racconto di Luca e Matteo Enrico, con l'introduzione storica di Elio Bonfanti.
Val Grande in Verticale 2019, il meeting di arrampicata, escursionismo e corsa nelle Valli di Lanzo
10.09.2019
Val Grande in Verticale 2019, il meeting di arrampicata, escursionismo e corsa nelle Valli di Lanzo
Elio Bonfanti ci mette al corrente dei risultati ottenuti dal terzo meeting Val Grande in Verticale, tenutasi nelle Valli di Lanzo il 7 e 8 settembre. Grazie ad una formula di successo fatta di sostanza e di semplicità - arrampicata, escursionismo, corsa in montagna e boulder in Val Grande di Lanzo e Vallone di Sea - l'incontro si avvia a divenire un appuntamento irrinunciabile.
Dalla resina alla roccia? Cateissoft, la falesia delle Scuole in Val di Susa
06.02.2019
Dalla resina alla roccia? Cateissoft, la falesia delle Scuole in Val di Susa
Andrea Giorda presenta la nuova falesia Cateissoft in Valle di Susa che ha chiodato insieme a Claudio Battezzati nell’autunno inverno 2018: ideale per arrampicare in inverno e per principianti: quasi 30 vie medio facili e chiodatura tranquilla, adatta a scuole di arrampicata o a chi desidera poco ingaggio.
Arrampicare sull'acqua - le falesie della Gran Rotsa in Valle di Susa
13.10.2017
Arrampicare sull'acqua - le falesie della Gran Rotsa in Valle di Susa
Elio Bonfanti presenta l’arrampicata nelle falesie della Gran Rotsa e del Greisun in Val Clarea (Valle di Susa, Piemonte).
Rocca Sbarua e Torre del Bimbo per l'arrampicata
24.03.2017
Rocca Sbarua e Torre del Bimbo per l'arrampicata
Adelchi Lucchetta racconta la riattrezzatura effettuata con Rico Foddai di un gran numero di vie d'arrampicata al Torrione del Bimbo, lo storico settore della Rocca Sbarua (Monte Feidur, Piemonte). Le schede delle vie 50° Gerva, Bon Ton e Laissez le charme agir. Di Elio Bonfanti
Il Monte Procinto nelle Alpi Apuane. Di Elio Bonfanti
17.11.2016
Il Monte Procinto nelle Alpi Apuane. Di Elio Bonfanti
In questa prima puntata Elio Bonfanti presenta il Monte Procinto nelle Alpi Apuane e due delle vie d'arrampicata di questa bella montagna: Effetti Collaterali e la Dolfi-Rulli (o Via Luisa). Nella seconda puntata, che sarà pubblicata domani, Bonfanti presenta invece una delle persone che hanno reso speciali questi luoghi: Giancarlo Dolfi.
L'ambiente, l'arrampicata, l'alpinismo e il futuro. Una riflessione di Elio Bonfanti
19.12.2013
L'ambiente, l'arrampicata, l'alpinismo e il futuro. Una riflessione di Elio Bonfanti
Riflessioni, sull'ambiente e sull'utilizzo dello stesso legato alla pratica dell'arrampicata e dell'alpinismo, fatte da un chiodatore quasi pentito che in trent'anni di attività ha aperto forse troppe vie nuove. Di Elio Bonfanti.
Un week end lungo nella Val di Susa:  arrampicata, architettura e trekking
17.05.2013
Un week end lungo nella Val di Susa: arrampicata, architettura e trekking
Elio Bonfanti prosegue il suo viaggio in Piemonte per presentarci le bellezze della Val di Susa: arrampicata, architettura e trekking per un intenso weekend lungo in montagna.
Rocca Nera di Caprie
14.05.2009
Rocca Nera di Caprie
Arrampicare alla Rocca Nera di Caprie, a pochi passi da Torino in Val di Susa, a cura di Elio Bonfanti

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
COVER
Via delle Rosine, prima discesa, #iorestoacasa
Federico Ravassard Outdoor Photography