Home page Planetmountain.com
A quattro mesi dalla frattura di entrambi i calcagni, Federica Mingolla è riuscita a superare se stessa salendo Mind Control 8c/+ ad Oliana in Spagna.
Fotografia di @williclimb
Federica Mingolla. 'Una brutta caduta causata da una grossa presa che si è staccata e una protezione un po’ troppo distante mi è costata i calcagni, e per fortuna solo quelli!!'
Fotografia di Federica Mingolla
Federica Mingolla sul trave dopo l'incidente. 'L’allenamento post-incidente è stato una valvola di sfogo e anche una forma di meditazione.'
Fotografia di Evi Garbolino
Federica Mingolla ad Oliana in Spagna. 'Non è detto che non tornerò a far visita alla terra Caliente ancora una volta prima dell’estate per spingere ancora più in alto il mio limite. Credo di non averlo ancora nemmeno sfiorato. Chissà…'
Fotografia di Federica Mingolla

Federica Mingolla, dall’incidente all 8c/+ in quattro mesi

di

A quattro mesi dalla frattura di entrambi i calcagni, Federica Mingolla è riuscita a superare se stessa salendo Mind Control 8c/+ ad Oliana in Spagna. Invece di toglierle qualcosa, l’incidente le ha dato una carica di vivere come mai prima. Ecco il suo report.

Non so cosa mi aspettavo quattro mesi fa quando con due gessi fino al ginocchio e, diciamocelo, poca voglia mi allenavo al trave seguendo le schede online di Dani Andrada.

Probabilmente era soltanto noia la mia, che riuscivo a contrastare solo ed esclusivamente con la stanchezza che un buon allenamento al trave riusciva a darmi. O forse ci credevo davvero tanto nei risultati che sarebbero arrivati dopo un periodo passato a non usare i piedi e a trazionare. Ancora oggi non so quale delle due sia la risposta giusta, anzi probabilmente sono vere entrambe.

Quando non puoi avere la vita che vorresti, anche solo per pochissimo tempo, capisci che ogni cosa è in mano al caso, che non ti importa più se fuori è bello o brutto e nemmeno di cosa farai nei prossimi giorni, tanto è tutto uno schifo. Nessuno riesce ad alleviare il tuo dolore perché l’unico che può fare qualcosa sei proprio tu.

Non è la prima volta che l’arrampicata mi salva la vita (buffo eh?). Starete pensando: come salvarti la vita, non ti sei fracassata proprio mentre arrampicavi? Sì, in effetti è così. Però quello che molti non sanno è che quest’infortunio mi ha aperto moltissimo gli occhi sulla mia vita, e quello che ne è derivato dopo è stato solo grazie alla mia enorme passione per questa disciplina.

L’allenamento post-incidente è stato una valvola di sfogo e anche una forma di meditazione. Una prova fisica e mentale per capire il mio attaccamento al mio grande amore.. Perché diciamocelo, una persona con un po’ di senno non si appende a 3 metri da terra su delle tacche da 1,5 cm quando ha due piedi ingessati e l’estremo divieto di sfiorare i calcagni! Dal mio punto di vista però era il miglior modo per tornare in pista il prima possibile, e l’unico modo per essere felice.

Ora che sono appena tornata a casa dopo quasi un mese di scalata in Spagna guardo indietro a quel periodo e mi esce un sorriso, perché penso che ero proprio matta, ma a qualcosa è servito davvero.

Sono andata in Spagna con la consapevolezza di non riuscire ancora nemmeno ad infilare le scarpette del mio numero. Erano settimane che ci provavo ma ancora quel maledetto destro non voleva entrare. Poi ancora prima di mettere piede in terra spagnola, nella bella Ceüse, ecco che quel destro scivola dentro per la prima volta e pone fine ad ogni mia incertezza per lasciare spazio solo a tanta grinta e una voglia assurda di divorare chilometri di roccia.

Il mio viaggio si è diviso sostanzialmente in un periodo di due settimane a Siurana, durante il quale ho scalato diverse vie fino all’8b+ in pochi tentativi, e cinque giorni ad Oliana dove ho salito due bellissime vie di 8c, di cui una quasi 8c+, sempre comunque in pochi tentativi. Ma non voglio farvi una pappardella sui gradi e sul come e quando le ho salite.

Posso solo dirvi che erano tutte linee estremamente belle e continue, come piacciono a me e che ognuna di esse mi ha risvegliato qualcosa: la forza, la resistenza, la velocità, la spensieratezza nell’andar lunga sui chiodi, la tenacia…

Mi sentivo bene, soprattutto molto determinata. Non so dire se sono più forte di prima perché ormai sono anni che non dedicavo un mese intero all’arrampicata in falesia. La montagna è sempre la favorita nella mia vita ma in un momento come questo in cui non sono ancora al 100% sento di aver voglia di vedere fin dove posso spingermi.

Non è detto che non tornerò a far visita alla terra Caliente ancora una volta prima dell’estate per spingere ancora più in alto il mio limite. Credo di non averlo ancora nemmeno sfiorato. Chissà…

A presto!
Federica Mingolla

FEDERICA MINGOLLA IN SPAGNA
Siurana
Memorias de una sepia 8a, flash
Anabolica 8a, secondo tentativo
Brot de fonoll 8a, secondo tentativo
Pati pa mi 8b, secondo tentativo
El figot 8b, terzo tentativo
Renegoide 8b+, quinto tentativo

Oliana

Kale borroka 8b+, terzo tentativo
Fish eye 8c, terzo tentativo ed in giornata
Mind control 8c/+, quinto tentativo

Federica ringrazia: La SportivaPetzl, Salewa, Sherpa Mountain Shop

Link: www.federicaguidaalpina.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Federica Mingolla libera Angels and Demons in Valle dell’Orco
27.11.2020
Federica Mingolla libera Angels and Demons in Valle dell’Orco
Sul Caporal in Valle Orco Federica Mingolla ha completato con Leonardo Gheza poi liberato con Simone Papalia 'Angels and Demons', una via di più tiri iniziata da Ezio Marlier e Massimo Farina 15 anni fa poi abbandonata dopo la prematura scomparsa di Farina. Il report di Mingolla e le impressioni del fotografo Federico Ravassard che ha immortalato la salita.
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
25.10.2020
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
Il ritratto video di Federica Mingolla che esplora il suo percorso di atleta: dalle gare di arrampicata sportiva fino a diventare in pochi anni una della climber più complete del mondo.
Grandes Jorasses: Federica Mingolla e Leo Gheza ripetono Il Giovane Guerriero per Matteo Pasquetto
18.08.2020
Grandes Jorasses: Federica Mingolla e Leo Gheza ripetono Il Giovane Guerriero per Matteo Pasquetto
Federica Mingolla e Leo Gheza hanno effettuato la prima ripetizione di Il Giovane Guerriero, la via aperta sulla parete est delle Grandes Jorasses nel massiccio del Monte Bianco da Matteo Della Bordella, Matteo Pasquetto e Luca Moroni. La via è stata dedicata a Matteo Pasquetto che ha perso la vita in discesa. I pensieri di Mingolla e Gheza.
Federica Mingolla è Incroyable sul Pilastro Rosso del Brouillard
20.07.2020
Federica Mingolla è Incroyable sul Pilastro Rosso del Brouillard
Il report di Federica Mingolla che insieme a Leo Gheza il 18/07/2020 ha effettuato la prima ripetizione integrale in libera di Incroyable, la nuova via aperta pochi giorni fa, sul Pilastro Rosso del Brouillard nel massiccio del Monte Bianco, da Matteo della Bordella, François Cazzanelli e Francesco Ratti. Il tutto dopo aver ripetuto il giorno prima la storica Via Ratti - Vitali alla Aiguille Noire de Peuterey insieme a Lorenzo Pernigotti.
Federica Mingolla e Edoardo Saccaro aprono big wall sul Nalumasortoq in Groenlandia
06.09.2019
Federica Mingolla e Edoardo Saccaro aprono big wall sul Nalumasortoq in Groenlandia
Sulla inviolata parete sud del Middle Pillar di Nalumasortoq nel Tasermiut Fjord in Groenlandia Federica Mingolla e Edoardo Saccaro hanno aperto La Cura, una nuova via d’arrampicata con difficoltà in apertura fino a 7b+/A2.
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
03.04.2019
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
Il racconto di Federica Mingolla che in Valle dell’Orco è tornata a salire la via di più tiri Itaca nel Sole. Una storica linea aperta da Gian Piero Motti e Guido Morello e risolta dalla climber piemontese in due momenti separati.
Federica Mingolla: il video L'isola che non c’è, Monte Bianco
10.01.2019
Federica Mingolla: il video L'isola che non c’è, Monte Bianco
Il video di Federica Mingolla e Gabriele Carrara sull’apertura di L'isola che non c’è, la via d’arrampicata aperta l’estate scorsa sull’Aiguille Croux, nel massiccio del Monte Bianco.
Federica Mingolla sbarca sulle big wall dello Yosemite
23.11.2018
Federica Mingolla sbarca sulle big wall dello Yosemite
Il report di Federica Mingolla del suo primo viaggio arrampicata nella Yosemite Valley, USA, insieme ad Andrea Migliano
Federica Mingolla nel massiccio del Monte Bianco trova L'isola che non c’è
17.09.2018
Federica Mingolla nel massiccio del Monte Bianco trova L'isola che non c’è
Il report di Federica Mingolla che insieme a Gabriele Carrara ha aperto L'isola che non c’è, una nuova via d’arrampicata sull’Aiguille Croux sopra la Val Veny nel massiccio del Monte Bianco.
Federica Mingolla ripete la Via della Cattedrale in Marmolada
17.08.2017
Federica Mingolla ripete la Via della Cattedrale in Marmolada
Intervista alla climber torinese Federica Mingolla che, in cordata con Nicolò Geremia, ha ripetuto la Via della Cattedrale (8a+ max, 800m) in Marmolada, Dolomiti.
Federica Mingolla e il Pesce in Marmolada: l’intervista dopo la prima femminile da capocordata
19.07.2016
Federica Mingolla e il Pesce in Marmolada: l’intervista dopo la prima femminile da capocordata
Domenica 17 luglio 2016 la climber torinese Federica Mingolla ha salito in libera la celebre via Attraverso il Pesce sulla parete sud della Marmolada. Si tratta con tutta probabilità della prima libera femminile da capocordata. La salita è stata effettuata, con Roberto Conti, in 18 ore e 27 minuti.
Federica Mingolla su Digital Crack, la salita vista da Federico Ravassard
10.11.2015
Federica Mingolla su Digital Crack, la salita vista da Federico Ravassard
Il fotografo Federico Ravassard ripercorre, con parole, immagini e video, la salita di Federica Mingolla su Digital Crack, la via d'arrampicata di 8a ripetuta l'estate scorsa dalla climber torinese sul Grand Gendarme dell'Arête des Cosmiques, Monte Bianco.
Federica Mingolla ripete Tom et je ris 8b+ in Verdon
07.10.2014
Federica Mingolla ripete Tom et je ris 8b+ in Verdon
Il 2 ottobre 2014 la climber torinese Federica Mingolla ha ripetuto la spettacolare via Tom et je ris 8b+ nelle Gole del Verdon, Francia. Il racconto di Edoardo Falletta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós