Home page Planetmountain.com
Federica Mingolla su Angels and Demons, un capolavoro di arrampicata sul Caporal in Valle dell'Orco
Fotografia di Federico Ravassard
Federica Mingolla e l'mombra di Federico Ravassard durante la prima libera di Angels and Demons sul Caporal in Valle dell'Orco
Fotografia di Federico Ravassard
Federica Mingolla su Angels and Demons sul Caporal in Valle dell'Orco. La via era stata iniziata da Ezio Marlier e Massimo Farina nel 2005, poi abbandonata dopo la prematura scomparsa di Farina. Su invito di Marlier, la 26enne climber torinese ha completato la via con Leo Ghezza, poi il 24 novembre 2020 insieme a Simone Papalia e Federico Ravassard è arrivata la prima libera
Fotografia di Federico Ravassard
Simone Papalia e Federica Mingolla durante la prima libera di Angels and Demons sul Caporal in Valle dell'Orco
Fotografia di Federico Ravassard

Federica Mingolla libera Angels and Demons in Valle dell’Orco

di

Sul Caporal in Valle Orco Federica Mingolla ha completato con Leonardo Gheza poi liberato con Simone Papalia 'Angels and Demons', una via di più tiri iniziata da Ezio Marlier e Massimo Farina 15 anni fa poi abbandonata dopo la prematura scomparsa di Farina. Il report di Mingolla e le impressioni del fotografo Federico Ravassard che ha immortalato la salita.

Angels and Demons racchiude in 200 metri di roccia la storia di quattro amicizie e di come il destino le abbia fatte incontrare in qualche modo sotto questa parete, il Caporal.

Un’altra volta qui, a guardare quella corda appesa nel vuoto, sul margine sinistro del Caporal, dove la parete diventa ancora più strapiombante e aggressiva rispetto alla sua "vicina" Colpo al Cuore. Lì dove 15 anni prima Ezio Marlier e Massimo Farina avevano iniziato ad aprire una nuova via futuristica per i loro tempi e lì dove tutto rimase in sospeso, proprio come la loro corda, abbandonata, in seguito all’incidente che colpì tragicamente Massimo nei mesi a seguire l’inizio della loro avventura.

In qualche modo il destino è stato anche beffardo perché pochi anni dopo l’incidente accadde che Adriano Trombetta si trovasse sotto al Caporal con una giovane Federica e, mentre rimiravano la parete, lui le indicò la via di Massimo ed Ezio dichiarando il suo desiderio di andarci a mettere le mani sopra.

Io allora non capivo né perché fosse così interessante una via incompiuta quando al Caporal ce n’erano così tante altre belle e già pronte ad essere scalate, né cosa significasse quella via per Ezio, che per altro non conoscevo ancora di persona. Così passa il tempo e il destino, che questa volta è stato crudele oltre che beffardo, si portò via anche il mio amico Adriano e in qualche modo quel suo desiderio iniziò a diventare anche il mio.

Poi io e Ezio finalmente ci incontriamo, la Valle d’Aosta diventa la mia casa e così ho anche il piacere di fare la sua conoscenza, in mezzo alla folla della Sky Way, nei rifugi, in mezzo alle nostre montagne. Per finire il destino mi ha fatto legare in cordata con Leonardo Gheza in quest’anno così tormentato e insieme abbiamo stabilito un ottimo rapporto in montagna oltre che una bellissima amicizia.

Così sotto esplicita richiesta di Ezio siamo andati insieme a riprendere in mano il lavoro di apertura che ormai era in abbandono da 15 anni.  Inutile dire quanto sia stato emozionante ripercorrere quei primi metri con Leo aperti da Ezio e Massimo ripensando alla loro amicizia e alla mia con Adriano. Una sola via può racchiudere così tante emozioni? La risposta è sì.

L’ho capito in quest’ultima esperienza, mentre eravamo appesi a chiodare quegli ultimi metri di roccia prima della cima dell’altipiano, mentre ripensavo alle nostre vite e a come si sono intrecciate tra loro per arrivare ad essere lì in quel momento. Beh, alla fine la via si è rivelata un capolavoro, da cima a fondo, o sarebbe più corretto dire il contrario, e anche parecchio impegnativa!

L’altro giorno, il 24 novembre, sono andata per scattare qualche foto alla via e con me c’erano il fotografo, Federico Ravassard e un ragazzo domiciliato in Valle dell’Orco, Simone Papalia.  Non avevo nessuna ambizione, solo passare un’ultima bella giornata lì, prima dell’arrivo del grande freddo.

E poi è successa la magia: riesco a salire il tiro chiave dopo avergli dato una prima, veloce sbirciata per fissare la statica a Federico. Cosa fare? La risposta è stata fin da subito chiara dentro di me anche se l’orologio segnava le due del pomeriggio e avevamo pochissimo tempo per completare la via senza rimanere al buio.

Penso sia stata la prima volta in vita mia da quando ho iniziato a scalare che ho sentito di essere nel FLOW. Mi sentivo danzare sugli appigli, non mi sembrava di aver peso, semplicemente scalavo come avevo imparato a fare, la via l’avevo studiata i giorni in cui l’avevamo pulita nell’apertura perciò era limpida nella mia mente. E la mia mente semplicemente non pensava.

E’ stata una salita bellissima, anche se purtroppo non è avvenuta con Leo che per ovvie ragioni è rimasto in Lombardia. Penso che questa sia la seconda via più dura della Valle, dopo Itaca nel Sole, e che molto probabilmente è la prima via dove, invece di spalmare i piedi, devi costringerli a tallonaggi estremi per superare inclinazioni oltre i 30 gradi.

Sono molto curiosa di ricevere dei feedback dai prossimi che la scaleranno, nel frattempo posso solo ringraziare Ezio, Leo, Federico e Simone e dedicare questa via a Massimo e Adriano che sono sempre nei nostri cuori.

di Federica Mingolla

ANGELI E DEMONI SUL CAPORAL di Federico Ravassard
Quando tocchiamo terra dopo l’ultima doppia il Caporal è avvolto dal buio già da un’ora. La luna, ancora bassa, lo illumina appena mentre iniziamo a fare su le corde. Le ultime ore sono corse veloci come in un sogno, e forse Fede era davvero in un altro mondo, da quanto concentrata sembrava nel concatenare tutti i tiri senza pensare troppo alla gara che stavamo perdendo contro il sole e altre piccole scocciature, tipo i laschi con i quali scalava mentre per recuperare minuti preziosi assicuravo contemporaneamente sia lei che il secondo di cordata sul tiro precedente.

Siamo partiti all’una passata quasi per sbaglio, e quasi per sbaglio a lei è uscita la prima libera di una delle vie più dure della Valle dell’Orco. Io mi sono esaltato ad assistere a quel flusso armonioso di movimenti e manovre dal mio posto in prima fila garantitomi da una statica che pendeva quasi sempre nel vuoto a causa della parete strapiombante, cercando di dare giustizia alla bellezza di tutto quanto mi stesse passando sotto gli occhi in quei momenti.

Alla fine dell’autunno il Caporal sembra ingigantirsi in tutto: i contrasti tra la roccia chiara e l’ombra si fanno ancora più forti, la solitudine viene amplificata dal freddo che lo circonda mentre le sue correnti d’aria calda aumentano ancora di più la percezione di essere in una bolla isolata da tutto e da tutti. È un posto magico, reso ancora più magico dalle circostanze, dalle persone e dalle storie che si rincorrono su queste pareti.

Arriviamo alla macchina stravolti, qualcuno si gira una sigaretta e qualcun’altro stappa una bottiglia di vino ghiacciato. Non proprio dei festeggiamenti in grande stile, ma vanno bene lo stesso. Ripenso alla prima volta che abbiamo scalato qui e alle strade che abbiamo percorso da allora, diverse ma comunque abbastanza simili da far sì che in certi momenti ci ritrovassimo appesi uno di fianco all’altro a fare ognuno il suo lavoro.

La via si chiama Angeli e Demoni, come quelli che ognuno si porta sempre appresso e che cerca di lasciare a terra quando va a scalare. A volte ci si riesce, a volte no: ma se ci sono posti in cui solo gli angeli riescono a seguirti, credo che abbiano più o meno le forme del Caporal.

Federica ringrazia: La SportivaPetzl, Sherpa Mountain Shop asporteyewear, goCamera, Firepot outdoor food, Sea to Summit 

SCHEDA: Angels and Demons, Caporal Valle Orco

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
01.03.2005
Per Massimo
Il 24 febbraio Massimo Farina è scomparso mentre scalava una cascata di ghiaccio in Val di Rhemes (AO).
Federica Mingolla sale Colpo al cuore in Valle dell'Orco
04.11.2020
Federica Mingolla sale Colpo al cuore in Valle dell'Orco
In Valle Orco Federica Mingolla si è aggiudicata la prima ripetizione in libera di Colpo al cuore, la difficile via di più tiri sul Caporal liberata nel 2002 da Rolando Larcher insieme a Luca Giupponi. Il report di Federica Mingolla
Colpo al cuore per Rolando Larcher sul Caporal in Valle Orco
20.12.2002
Colpo al cuore per Rolando Larcher sul Caporal in Valle Orco
Rolando Larcher e il racconto della libera di Colpo al Cuore sul Caporal in Valle dell'Orco, effettuata insieme a Luca Giupponi.
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
25.10.2020
Un Nuovo Mattino di Federica Mingolla
Il ritratto video di Federica Mingolla che esplora il suo percorso di atleta: dalle gare di arrampicata sportiva fino a diventare in pochi anni una della climber più complete del mondo.
Orco Easy Crack, introduzione all’arrampicata in fessura in Valle dell’Orco
09.09.2020
Orco Easy Crack, introduzione all’arrampicata in fessura in Valle dell’Orco
Maurizio Oviglia presenta una selezione di alcune prime arrampicate in fessura in Valle dell’Orco: Viper, Mamba, Incastromania, Fessura del Tramonto, Fessura Kosterlitz e molte altre ancora. Un vademecum per iniziare a scoprire i gioielli dell’arrampicata trad in Valle Orco.
Orco. Le 100 più belle fessure. Di Paolo Seimandi
24.07.2020
Orco. Le 100 più belle fessure. Di Paolo Seimandi
Orco. Le 100 più belle fessure, la nuova guida di arrampicata 'clean climbing' nella Valle dell'Orco, Gran Paradiso scritta da Paolo Seimandi e pubblicata da Maurizio Oviglia Edizioni. La recensione di Giovanni Massari.
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
03.04.2019
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
Il racconto di Federica Mingolla che in Valle dell’Orco è tornata a salire la via di più tiri Itaca nel Sole. Una storica linea aperta da Gian Piero Motti e Guido Morello e risolta dalla climber piemontese in due momenti separati.
Federica Mingolla in Valle dell’Orco libera KTM sulla Parete del Sergent
16.10.2018
Federica Mingolla in Valle dell’Orco libera KTM sulla Parete del Sergent
Il report di Federica Mingolla che in Valle Orco ha liberato KTM, un vecchio tiro chiodato nel 2001 da Giovannino Massari sulla Parete del Sergent ed ora gradato 8a+. La via d’arrampicata si aggiunge ad un altro monotiro dello stesso grado e sulla stessa parete liberato dalla climber torinese esattamente un anno fa: Occhi Nuovi.
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
19.01.2016
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
Rolando Larcher alle prese con la bellezza dell'arrampicata trad in Valle dell'Orco: il video (realizzato da Riky Felderer) e il report della scalata di due nuovi itinerari sulla Torre di Aimonin: Cani & Gatti (8a+), aperto in stile misto e trad da M. Oviglia e P. Seimandi e liberato da Rolando Larcher e Conosci te stesso? (E7 6c o 8a), tiro in arrampicata trad, aperto e liberato dallo stesso Larcher.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo