Home page Planetmountain.com
Alessandro Larcher sul primo tiro di Silverado, Cima Cee in Val Tovel, Dolomiti di Brenta
Fotografia di archivio Alessandro Larcher
Alessandro Larcher sul sesto tiro di Silverado, Cima Cee in Val Tovel, Dolomiti di Brenta
Fotografia di archivio Alessandro Larcher
Il tracciato di Silverado, Cima Cee in Val Tovel, Dolomiti di Brenta. Prima salita e prima libera Luca Giupponi & Rolando Larcher 2017
Fotografia di archivio Alessandro Larcher
Alessandro Larcher e suo padre Rolando Larcher su Silverado, Cima Cee in Val Tovel, Dolomiti di Brenta
Fotografia di archivio Alessandro Larcher

Alessandro Larcher si aggiudica Silverado in Val di Tovel, Dolomiti di Brenta

di

Il racconto di Alessandro Larcher che sulla Cima Cee in Val di Tovel, Dolomiti di Brenta, si è aggiudicato la prima ripetizione di Silverado, la via di arrampiacta di più tiri aperta nel 2017 da Luca Giupponi e Rolando Larcher.

Il 2018 è stato un anno particolare per me, 365 giorni molto intensi, ricchi di di delusioni, di fatiche, di cambiamenti e di frustrazione intervallate da qualche gioia e qualche soddisfazione.

Dal punto di vista sportivo ero partito con grandi presupposti sia per la stagione delle gare sia per l'outdoor ma il motto "lavorare duro paga" non sempre dà i suoi frutti. Gli istanti di felicità sono però gli elementi ai quali mi sono maggiormente legato e dai quali riparto per impostare il lavoro e gli obbiettivi per questo 2019. Gli attimi puri di gioia mi capita di interiorizzarli solo dopo, ci ripenso e mi accorgo di quanto fossi felice.

Ricordare mi permette di svelare la vera essenza di quei momenti attraverso un processo lento ma piacevole che porta a una migliore comprensione di me stesso e delle cose che mi fanno stare bene.

Uno di questi ricordi è legato a un luogo, che pur se facilmente accessibile resta isolato e permette di estraniarsi da tutto. Una sorta di "locus amoenus", dove il tempo sembra essersi fermato e la natura la fa da padrona.

Esso si trova in un angolo nascosto delle Dolomiti di Brenta in Val di Tovel, ed è protetto da una parete di calcare perfetto alta circa 300m che lo rende ancora più imperturbabile e idilliaco per un climber. Lì ho trascorso due giornate fantastiche in compagnia prima di Tiziano Buccella, mio grande amico, e poi di mio papà.

In quei giorni ho potuto assaporare un sentimento di libertà assoluta, espressa nel tentativo di salire in libera una linea verticale chiamata Silverado, scovata e liberata da Luca Giupponi (primo a sviluppare l'intera zona) e da Rolando Larcher (il padre di Alessandro ndr).

L'itinerario è bellissimo, si sviluppa su roccia argentata di altissima qualità (da cui deriva il nome stesso della via), la scalata è molto tecnica ed estetica e il panorama è mozzafiato.

Il primo giorno in quel luogo, accompagnai Tiziano nel suo tentativo di rotpunkt della via, conclusosi purtroppo ad un passo dalla riuscita sul finale dell'impegnativo 5° tiro.

In quel giorno di divertimento ed emozioni scambiate con un amico, mi resi conto della magia di quel luogo e di quella parete. Nel momento in cui scalo, solitamente mi isolo da tutto e da tutti, solo l'istante presente diventa importante, tutto il resto scompare. In quel posto ciò non avveniva una sola volta ma bensì due perché oltre all'estraneazione data dallo scalare in sé, si aggiungeva un qualcosa di speciale dato dalla tranquillità del luogo, permettendomi di assaporare ancora più a fondo le sensazioni e le emozioni in tutta la loro espressione attraverso una "doppia estraniazione".

La volta successiva purtroppo Tiziano non era disponibile per tornare a provare la via, allora individuai in mio papà il compagno perfetto con cui tentare la rotpunkt. Il giorno prima di partire per le vacanze a Kalymnos fu la data prescelta per il tentativo.

Arrivati alla base, non mi sentivo molto bene, ero affaticato e nervoso non so per quale motivo. Salii i primi quattro tiri senza mai cadere ma con un estrema difficoltà ed insicurezza, arrivando alla base del quinto (8a/+) stremato a livello muscolare e senza nessuna motivazione. Osservando da sotto il tiro improvvisamente qualcosa scattò in me. Partii iper-concentrato e attraverso il "doppio estraniamento" cattiveria e determinazione uscirono da dentro di me. Quasi senza rendermene conto mi ritrovai al riposo dopo la sezione dura, ghisato come poche altre volte ma comunque senza essere caduto. Riposai bene e affrontai l'ultima sezione che porta alla delicata entrata in sosta; per raggiungerla bisogna infatti fidarsi del piede sinistro appoggiato su una sporgenza spiovente e, avendo solo svasi sotto le dita, allungarsi a una tacca davvero in alto a sinistra, tutto ciò con lo spit precedente molto, molto molto, al di sotto dei piedi. Ero disperato e stanchissimo, se fossi caduto lì dopo 50m, non avrei avuto le energie necessarie per riprovarlo. Nel panico più totale piazzai a "casissimo" un friend in un buco svaso sulla destra e nonostante sapessi che non avrebbe mai tenuto, mi aiutò quel tanto che bastava per farmi osare l'entrata in sosta. Altro che doppia estraniazione, quando finalmente raggiunsi l'ancoraggio ero così felice e gasato che un urlo liberatorio fu più che naturale!

Recuperai il vecchio e partii sull'ultima lunghezza bella e molto tecnica, completando così la prima ripetizione di Silverado.

Se volete ricercare la pace, isolarvi e stare un po' con voi stessi, Silverado e le altre vie di Cima Cee sono quello che fanno per voi, vi regaleranno una scalata bellissima in un posto meraviglioso.

Ringrazio La Sportiva per il materiale, Tiziano e papà per le due bellissime giornate.

Alessandro Larcher

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Tre nuove vie d'arrampicata su Cima Cee, Dolomiti del Brenta, by Luca Giupponi & C.
16.01.2018
Tre nuove vie d'arrampicata su Cima Cee, Dolomiti del Brenta, by Luca Giupponi & C.
La scoperta della parete Sud Ovest di Cima Cee nella Brenta Settentrionale (Dolomiti di Brenta, Val di Tovel, Valle della Roccia) da parte di Luca Giupponi che dal 2014 con diversi compagni ha aperto, rigorosamente dal basso, e poi liberato 3 nuove vie d'arrampicata sportiva belle e difficili. Appigli dispersi (260m, 7c max, 7a obbl); La linea del tempo (300m, 7c+ max, 7a obbl.); Silverado (200m, 8a/8a+ max, 7b obbl.). Il report di Luca Giupponi e Rolando Larcher.
Alessandro Larcher a-vista su Ne Veden, la via che si affaccia su Trento
08.10.2018
Alessandro Larcher a-vista su Ne Veden, la via che si affaccia su Trento
Il report di Alessandro Larcher che, assicurato dal papà Rolando, si è aggiudicato la probabile prima a-vista di Ne Veden (145m, 8a max, 7a obbl.), la via di più tiri sopra Trento aperta da suo padre e da Lino Celva nel 2010 in ricordo di Renzo Zambaldi, Samuele Scalet e Fabio Giacomelli.
50 anni son volati, 25 regalati! Nuova via sul Monte Fibbion
06.10.2015
50 anni son volati, 25 regalati! Nuova via sul Monte Fibbion
Rolando Larcher racconta l'apertura e la prima libera di '50 anni son volati, 25 regalati' (215m, 8a+ max, 7b obbl.) nuova via, aperta per i suoi primi 50 anni con Herman Zanetti, Luca Giupponi e Alessandro Larcher, sulla parete Est del Monte Fibbion (Gruppo della Campa, Dolomiti del Brenta).
Elephant Baby e Gravity Games 30 anni dopo. Di Rolando Larcher
19.10.2016
Elephant Baby e Gravity Games 30 anni dopo. Di Rolando Larcher
Trent'anni dopo. Il racconto di Rolando Larcher che, con il figlio Alessandro, è tornato su Elephant Baby (alla falesia di San Paolo) e su Gravity Games (all'Eremo) non solo per ripercorrere quelle sue due vie storiche, aperte nel 1986 e le prime gradate 8a ad Arco, ma anche per far conoscere a chi è nato sulla plastica qualcosa delle origini dell'arrampicata sportiva che in quei primi anni '80 cercava, tra prove e anche errori, di trovare la sua strada.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni