Home page Planetmountain.com
Corrado Pesce sulla Voie des Papas / Via Bonatti sul pilastro sud ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco., salita insieme a Will Sim
Fotografia di Corrado Pesce / Will Sim
Will Sim sulla Voie des Papas / Via Bonatti sul pilastro sud ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco.

Fotografia di Corrado Pesce / Will Sim
Corrado Pesce sulla Voie des Papas / Via Bonatti sul pilastro sud ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco.

Fotografia di Corrado Pesce / Will Sim
La Voie des Papas / Via Bonatti sul pilastro sud ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco.

Fotografia di Jon Griffith / Alpine Exposures

Una visita a Walter Bonatti sul Petit Dru. Di Corrado Pesce

di

Il report di Corrado Korra Pesce che, dal 23 al 25 febbraio 2021, insieme al climber britannico Will Sim ha ripetuto il Pilastro Sud Ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco, salendo la Voie des Papas abbinata a quello che è rimasto del famoso Pilastro Bonatti.

La prima impressione che ebbi una volta trasferitomi a Chamonix ai piedi del Monte Bianco fu quella di arrivare troppo tardi. L’alpinismo interessava meno che il trail running, lo sci e il parapendio, in più i ghiacciai che si sciolgono a vista d’occhio e, come se non fosse abbastanza, le montagne che crollano.

Mi sono sempre sentito un po’ derubato dalla sorte per non aver avuto il piacere di toccare con mano sul Petit Dru il capolavoro di Walter Bonatti, il mio alpinista preferito. Crollato a più riprese, il pilastro - così come la parete ovest - sono passati dall’essere il tempio delle più grandi scalate su granito nel massiccio ad un mucchio di massi sparsi sulla morena sottostante.

Uno sguardo più che ottimista indicava però l’esistenza di una parete nuova di zecca e completamente vergine sotto gli occhi di tutti coloro che visitano la valle di Chamonix. Detto questo, ovviamente l’idea di scalare una parete che sta crollando poco a poco può fare riflettere anche i più agguerriti.

I primi che vi si sono avventurati furono Martial Dumas e Jean Yves Friedriksen nel 2007. I due francesi salirono in stile big wall nel cuore dell’inverno per 9 giorni per completare una via molto bella e dura sulla parete grigia rimasta dopo il crollo.

Avendo osservato la parete per anni non avevo mai avuto l’impressione che fosse completamente irresponsabile salirci, ma neanche veramente sicuro. Ancora una settimana prima della nostra salita ero impegnato a fare quante più cascate di ghiaccio possibile, è stato in effetti un buon inverno.

L’improvviso rialzo termico ed un periodo di bel tempo caldo e stabile mi ha spinto a trovare un socio valido e salire una qualsiasi bella via in montagna. Per fortuna Will Sim ha un sacco di tempo libero, è proprio lui che ha suggerito l’idea del Dru, e non ci è voluto molto per convincermi.

Il mio dubbio, non da poco, era il fatto che essendoci già una cordata impegnata in parete avremmo corso dei rischi. Quattro francesi del gruppo militare d’Alta Montagna GMHM stavano aprendo un itinerario nel centro della parete ovest, proprio sopra il canale d’attacco. L’idea di farsi bombardare sembrava inevitabile ma per fortuna il ritmo al quale avanzavano ci faceva pensare che il giorno in cui avremmo attaccato, loro sarebbero già usciti dalla parete.

Quest’inverno gli impianti sono chiusi ed è stato uno sforzo non da poco completare l’avvicinamento di 1900 metri di dislivello con zaini enormi. Abbiamo potuto contare sull’aiuto di Juan Pablo Bosch e Kate Ballard che ci hanno dato man forte, grazie!

Passiamo la prima notte ai piedi della parete; poco sonno, tanti dubbi e un vento sgradevole non ci permettono di riposare adeguatamente. L’obiettivo del primo giorno è di raggiungere la Torre Rossa dove si trova l’unico posto decente per bivaccare di tutta la metà inferiore della parete. Non avendo amaca o portaledge, inutile dire che non avevamo altra scelta che scalare rapidamente per raggiungerla.

La via che stiamo salendo è stata aperta con molta scalata artificiale e, leggendo la relazione, era difficile capire quanto tempo avremmo impiegato per salire certi tiri, un tiro di A3 in artificiale può prendere diverse ore.

I primi tiri nel canale nevoso con balze ghiacciate non ci impegnano ma il canale é esposto ed abbiamo fretta di ripararci sotto la parete verticale. Alcuni tiri di misto con fessure intasate di neve ci ricordano che tutto sommato è inverno e siamo felici di avere portato con noi piccozze tecniche e ramponi da ghiaccio.

Mentre siamo impegnati sui tiri più ripidi della giornata è con piacere che incrociamo la cordata degli amici militari che ridiscendevano dalla loro salita. I ragazzi erano partiti per far fronte a molti bivacchi, in realtà sono stati rapidissimi e siccome hanno ancora gas e cibo in abbondanza ci lasciano i loro resti. Grandi!

Arriviamo alla Torre Rossa in anticipo sull’orario ma passiamo un bel paio d’ore per poter trarre un paio di comode terrazze, il che è difficile a causa della neve talmente farinosa che è quasi impossibile pressarla.

Il secondo giorno non abbiamo obiettivi particolari riguardo a dove giungere. Abbiamo una spalla 200 metri sopra di noi, la scalata è sempre insidiosa poiché la via é disseminata di blocchi instabili e lame taglienti. Il compito più difficile è invariabilmente non fare cadere nulla, assolutamente non danneggiare le corde, sopratutto perché dovevamo anche poi scendere in un qualche modo.

Il nostro materiale è composto da una corda singola da 60 metri, un cordino da recupero da 6 mm, una doppia serie di Camelot sino al #4, un #5 per gli offwidth, un po’ di dadi utilissimi, e 5 chiodi che non abbiamo usato. In più, il materiale per i tiri in dry tooling e anche per risalire a jumar, eventualmente sulla corda fissata dal leader. Questo è importante per ripulire un tiro nel quale il leader scala in artificiale, o qualora il secondo debba caricarsi il saccone sulle spalle dove tirarlo su con l’apposito cordino non è possibile.

Nel secondo tiro della seconda giornata scopriamo con molto piacere che un paio di tiri originali del pilastro Bonatti non sono crollati, la roccia arancione ed i vecchi chiodi e cunei ci riempiono di emozione.

Verso le 3 del pomeriggio giungiamo alla piccola spalla e approfittiamo delle ore di luce restanti per fissare la nostra corda sul tiro al di sopra della terrazza che sarà il nostro bivacco. Il fatto di non avere bisogno di correre ci permette di fare molta attenzione a tutte le manovre, abbiamo cibo e gas a sufficienza, ma se rompiamo una corda siamo obbligati a compiere una ritirata molto delicata.

La parete non è per nulla assestata, alcune scaglie sembrano essere su per miracolo, altri blocchi sembrano incastrati, ma in realtà basta sfiorarli perché escano di sede. Diversi tiri ci danno del filo da torcere e per passare attorno a massi e scaglie instabili facciamo ricorso a corte sezioni di scalata artificiale.

Il terzo bivacco lo facciamo sulla grande spalla superiore. Io fisso i 60 metri molto delicati della placca grigia al limite superiore della parte franata, salendo un po’ di fretta avremmo potuto continuare ed uscire il terzo giorno, ma il rischio di dover ridiscendere di notte alla spalla non ci piace per nulla, così rimandiamo all’indomani.

Nel frattempo però appare nel bollettino meteo una minaccia inattesa malgrado il cielo terso un vento abbastanza forte da Ovest ci mette un po’ di dubbi. Scendere in doppia con vento forte può essere molto complicato, soprattutto nel nostro caso. La parete è molto lavorata ed una corda si può incastrare molto facilmente se il vento la spinge dietro un ostacolo.

Il mattino seguente risaliamo velocemente la corde che avevo fissato il giorno prima e Will si incarica dell’ultimo tiro ed il tetto schifosamente instabili che lo caratterizza. Ritroviamo la roccia arancione e i tanti chiodi della via di Bonatti, presto raggiungiamo le grandi terrazze di quarzo e la via normale, da qui la vetta è a portata di mano. Siamo ben preoccupati all’idea di ripercorre tutta la salita al contrario sperando di non avere problemi; è una grande parete, rimpiangiamo il fatto di non avere portato su tutto per ridiscendere il couloir nord ben più facile. Per lo meno una gran parte delle doppie dovrebbero essere ben visibili, riattrezzate a dadi e chiodi dagli amici francesi.

Fortunatamente perdiamo quota velocemente, anche se in diversi punti non troviamo i loro ancoraggi ed dobbiamo allestirne diversi con il nostro materiale. Alcune doppie molto lunghe su placche lisce verticali ci lasciano il cuore in gola, fortunatamente però non dobbiamo tagliare nemmeno un metro dalle nostre preziose corde da 60 metri, altrimenti sarebbe stato tutto molto più difficile.

Siamo molto contenti di aver potuto salire in sicurezza questa parete ostile e di avere toccato con mano alcune delle fessure salite dal grande Walter. Grazie a Will per essere stato bravissimo e molto organizzato. È stata la nostra prima scalata assieme ed è stata indubbiamente una bellissima avventura.

Vorrei ringraziare di cuore La Sportiva e Black Diamond per il loro supporto.

di Korra Pesce

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Corrado Pesce e Will Sim ripetono il Pilastro Sud Ovest del Petit Dru
28.02.2021
Corrado Pesce e Will Sim ripetono il Pilastro Sud Ovest del Petit Dru
Gli alpinisti Corrado Korra Pesce e Will Sim hanno ripetuto Voie des Papas / Via Bonatti sul pilastro sud ovest del Petit Dru nel massiccio del Monte Bianco.


Drus Parete Ovest: apertura live di una nuova via del gruppo Gmhm
20.02.2021
Drus Parete Ovest: apertura live di una nuova via del gruppo Gmhm
Gli alpinisti francesi Thomas Auvaro, Léo Billon, Jordi Noguere e Sébastien Ratel appartenenti al Gruppo Militare di Alta Montagna di Chamonix sono attualmente impegnati nell’apertura di una nuova via sulla parete Ovest dei Drus nel massiccio del Monte Bianco. La salita viene trasmessa in live streaming.
Les Drus Triple Couloir in snowboard per Julien Herry e Laurent Bibollet
30.01.2019
Les Drus Triple Couloir in snowboard per Julien Herry e Laurent Bibollet
Gli alpinisti francesi Julien Herry e Laurent Bibollet hanno effettuato la prima discesa del cosiddetto Triple couloir sulla parete ovest di Les Drus nel massiccio del Monte Bianco. I due sono scesi in snowboard.
Aiguille du Dru, il video della discesa de La ceinture des Drus
27.04.2018
Aiguille du Dru, il video della discesa de La ceinture des Drus
Il breve video di Vivian Bruchez che il 13 aprile 2018 insieme a Jean Baptiste Charlet e Jonathan Charlet ha disceso con gli sci e snowboard una nuova linea sulla parete nord ovest dell'Aiguille du Dru nel massiccio del Monte Bianco.
La ceinture des Drus sull'Aiguille du Dru
17.04.2018
La ceinture des Drus sull'Aiguille du Dru
Sabato il 13 aprile 2018 Vivian Bruchez, Jean Baptiste Charlet e Jonathan Charlet hanno disceso in sci e snowboard una nuova linea sulla parete ovest dell'Aiguille du Dru nel massiccio del Monte Bianco
Ueli Steck, Mathieu Maynadier e Jérôme Para sulla Couloir Nord direct su Les Drus
28.03.2016
Ueli Steck, Mathieu Maynadier e Jérôme Para sulla Couloir Nord direct su Les Drus
Video alpinismo: Ueli Steck, Mathieu Maynadier e Jérôme Para e la loro ripetizione della via Couloir Nord Direct su Les Drus nel massiccio del Monte Bianco.
Le Drus, nuove frane
12.09.2011
Le Drus, nuove frane
Sabato e domenica scorsa, alcune imponenti frane hanno colpito le Drus (Monte Bianco).
08.07.2005
Nuova frana sulla parete ovest del Dru
Il 29/06, un nuovo importante crollo ha interessato la parete ovest del Petit Dru (Monte Bianco). La porzione franata è a monte del precedente terribile crollo del ’97.
Jean-Christophe Lafaille, arrampicata solitaria su alla parete ovest dei Drus
19.03.2001
Jean-Christophe Lafaille, arrampicata solitaria su alla parete ovest dei Drus
Intervista all'alpinista francese Jean-Christophe Lafaille dopo la solitaria alla parete ovest dei Drus, Monte Bianco, effettuata dal 12 al 20 febbraio 2001.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo