Home page Planetmountain.com
Tom Ballard, discesa dal Cervino
Fotografia di Ruggero Arena
Tom Ballard, Petit Dru
Fotografia di Ruggero Arena
Tom Ballard sulla traversata degli Dei, parete nord dell'Eiger
Fotografia di Tom Ballard
Tom Ballard si gode il sole in cima alle Grandes Jorasses dopo aver salito la via Colton - Macintyre in 3 ore e 20 minuti.
Fotografia di Tom Ballard

Tom, il film e il senso dell’alpinismo per Tom Ballard

di

I film di PlayAlpinismo gratis: Tom, di Angel Esteban ed Elena Goatelli, è la storia della salita in solitaria e nello stesso inverno da parte di Tom Ballard delle sei più famose pareti Nord delle Alpi ma è anche e soprattutto il ritratto spontaneo e vero di un alpinista e di un alpinismo unici. Recensione di Vinicio Stefanello.

Ai giorni nostri è difficile pensare ad un alpinista che somigli a Tom Ballard. Lui è unico, anzi la sua storia è unica. E non solo come alpinista. Non stiamo infatti parlando solo della sua bravura e delle sue salite, che pure sono assolutamente indiscusse. Stiamo parlando di quel giovane uomo e alpinista che dal 2009 - da quando viaggia per le Alpi in furgone con il padre - vive come un vagabondo facendo quello che più gli piace: stare in montagna, scalare le montagne e preferibilmente farlo da solo. Perché lui è un uomo e un alpinista solitario, vero e per davvero.

Ma non basta. La storia di Tom è molto più profonda, viene da più lontano. Sua madre lo portava in grembo da sei mesi quando, nel 1988, ha scalato in solitaria la Nord dell’Eiger. Lei, la mamma, era Alison Hargreaves, la più grande alpinista britannica e una delle più grandi in assoluto, scomparsa nel 1995 mentre scendeva dal K2. Lui, Tom, insieme alla sorellina, è letteralmente cresciuto ai piedi delle pareti che sua madre e suo padre scalavano. A 4 anni, per esempio, era al campo base dell’Everest… Insomma, la sua è una storia speciale, di quelle che superano la fantasia. Questo ci racconta Tom il bel film di Angel Esteban ed Elena Goatelli: il “modo di essere” di un alpinista unico ed indistinguibile.

Il film ha come fil rouge il grande progetto che Tom Ballard ha realizzato nel 2015: la salita delle 6 grandi e classiche pareti Nord delle Alpi in solitaria e in unico inverno. E’ stato il primo a realizzare questo grande “viaggio”. E, giusto per dire… sua madre quelle stesse 6 Nord le aveva salite d’estate ed era la prima donna a farlo. Ma torniamo a Tom e alle sue 6 pareti in un unico inverno. Nord della Cima Grande di Lavaredo, Nord del Pizzo Badile, Nord del Cervino, Nord delle Grandes Jorasses, Nord del Petit Dru e infine la Nord dell’Eiger... è un po’ come recitare il “rosario” della storia dell’alpinismo.

Il film, e qui sta una delle intuizioni migliori dei registi, ci mostra ciò che avviene mentre sta accadendo. Una “presa diretta” che restituisce la tensione ma anche la tranquilla consapevolezza di Tom e il suo modo del tutto unico e solitario di vivere la montagna e l’alpinismo. Memorabile l’attesa del ritorno di Tom dopo la salita della via Comici - Dimai alla Grande di Lavaredo. E altrettanto significative le immagini scarne ma potenti che lo stesso Tom ha girato durante le sue salite. Un film nel film, poi, è il rapporto padre e figlio anche questa una storia nella storia. Per non parlare di quella loro casa e campo base che ormai da qualche anno è il campeggio di Campitello di Fassa. Il tutto in perfetto stile british.

“Il punto è scalare la montagna da solo senza nessuno attorno. Questo è l’importante” dice Tom nel film. E poi, riferendosi al minimo materiale che porta con sé nelle sue salite ma anche ai chiodi fabbricati dal padre perché “quelli in vendita costano troppo”, spiega: “Non è ciò che hai, è quello che fai con ciò che hai che conta”. Sì, Tom Ballard è davvero un alpinista unico, quasi fuori dal tempo. Anzi Tom è l’alpinista solitario che va oltre tutti i tempi perché questo è il suo modo di essere.

recensione di Vinicio Stefanello


GUARDA GRATIS TOM e centinaia di altri film gratis per 30 GIORNI registrandoti a questo link: PROVA GRATIS PLAYALPINISMO PER 30 GIORNI

TOM
REGIA DI Angel Esteban ed Elena Goatelli
DURATA '67


Tutte le recensioni PlayAlpinismo - GazzaPlay:
> Metanoia: l’alpinismo, l’equilibrio e il cambiamento di Jeff Lowe
> Touching the void - La morte sospesa e le storie immortali
> The Man Who Skied Down Everest, Yuichiro Miura e quella prima volta con gli sci sull'Everest
> Vincersi con e oltre l'arrampicata
> Nanga Parbat - il film sulla storia di Reinhold e Gunther Messner e sulle scelte

archivio news planetmountain:

>> 20/03/2015 Tom Ballard completa le sei nord delle Alpi in inverno ed in solitaria!
>> 15/10/2014 - Intervista a Tom Ballard, l'arrampicata nelle vene



Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni