Home page Planetmountain.com
Il film The Man Who Skied Down Everest con Yuichiro Miura, diretto da Lawrence Schiller e Bruce Nyznik, premio Oscar 1976 per il miglior documentario
Fotografia di archivio GazzaPlay - PlayAlpinismo
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

The Man Who Skied Down Everest, Yuichiro Miura e quella prima volta con gli sci sull'Everest

di

I film del canale PlayAlpinismo: The Man Who Skied Down Everest, il film Premio Oscar 1976 per il documentario che racconta l'incredibile storia di Yuichiro Miura e della prima volta che un uomo sciò sull'Everest, ci riporta ad altri tempi e ci restituisce intatta l'essenza dell'avventura ma anche di un alpinismo inteso come visione e scoperta dei propri limiti. Recensione di Vinicio Stefanello.

Lo sanno bene gli alpinisti ma anche i freerider. C’è un attimo in cui si sta sospesi tra ciò che è stato e ciò che sarà. Dopo, nulla potrà essere uguale a prima. 6 maggio 1970, un uomo è al Colle Sud dell’Everest a 8000 metri di quota. Ai piedi ha un paio di sci, sulla schiena un paracadute. Sotto di lui c’è il vuoto. Uno “scivolo” a 40/45° che punta dritto all’abisso della crepaccia terminale, pronta ad inghiottirlo per sempre. In mezzo ci sono 2400 metri di neve ma soprattutto di insidiosi lastroni di ghiaccio da cui emergono, qua e là, rocce alte come un condominio. E’ una sfida, anzi è un’idea folle: nessuno può sapere come andrà a finire.

Quell’uomo è Yuichiro Miura, ha 37 anni, è giapponese e quella è la prima volta che qualcuno tenta di sciare sull’Everest. Pensiamo a quell’istante. Yuichiro ora è lì. Dopo mesi di preparazione. Allenamenti. Sacrifici, sogni e anche incubi. E’ lì, dopo una spedizione durata quasi tre mesi e costata la vita a 6 sherpa. E’ lì e deve decidere se oltrepassare quell’asticella, quel limite che porta all’azione. Ora nessuno può aiutarlo. Ecco, forse è in quell’attimo sospeso prima del “salto” che si può intuire, se non comprendere, la pazzia e insieme la grandezza di una visione. Ed è proprio quell’attimo, ma anche e soprattutto come si è arrivati a quell’attimo, che racchiude tutta la bellezza e tutto il senso di The Man Who Skied Down Everest, il film che racconta la storia di quella prima volta con gli sci sull’Everest. Un film davvero imperdibile, firmato da Bruce Nyznik e Lawrence Schiller, che non a caso ha vinto l’Oscar come miglior documentario nel 1976.

Yuichiro Miura poi si è lanciato veramente verso quell’ignoto. Quella sua incredibile e drammatica discesa a 160 km/h è durata poco più di 2 minuti. Come un soffio lungo un’eternità che racchiude una vita. Un attimo che ha in sé, appunto, anche tutto quello che c’è stato prima e, in parte, anche quello che verrà dopo. Per questo “The Man Who Skied Down Everest” non può fare a meno di raccontare quel lento avvicinamento al momento fatale intrecciando la storia personale e la visione di Miura a quella della grande spedizione che parte da Katmandhu per raggiungere l’Everest. Quasi 300 chilometri da percorrere a piedi, 800 portatori nepalesi impegnati, 27 tonnellate di materiale da trasportare a spalle tra cui le pesanti macchine da presa che daranno vita al film. Una storia, ma anche un Nepal e un Everest, d’altri tempi. Che ci riporta ad altri tempi. Quando dell’altissima quota si sapeva poco o nulla e andare sull’Everest era “come andare sulla luna”. Lo testimonia il breve ed intenso incontro (una vera chicca del film) di Miura con Edmund Hillary, primo salitore insieme a Tenzing Norgay della montagna più alta nel 1953. Ma anche il fatto che questa avventura con gli sci anticipa di ben otto anni la prima salita senza ossigeno dell’Everest da parte di Reinhold Messner e Peter Habeler. Per non parlare poi degli sci, degli scarponi e dei materiali… quasi da preistoria.

Anche questa prospettiva storica, questa possibilità di vedere un mondo che non c’è più, rappresenta uno dei lati più interessanti del film. Come d’altra parte la tragedia dei sei sherpa morti mentre attrezzavano l’Ice Fall, anticipa e rispecchia quella che ai nostri giorni è un’attualità e un problema sempre più incombente. Ma soprattutto “The Man Who Skied Down Everest” è una grande storia che racconta - con immagini di rara bellezza - l’essenza (o forse l’ossessione) degli alpinisti e dei limiti che cercano di superare. “E’ stata una vittoria o una sconfitta?” si domanda Yuichiro Miura alla fine. La risposta naturalmente non c’è. Di sicuro però il suo cammino non si è fermato. A 80 anni, il 23 maggio 2013, ha raggiunto per la terza volta la cima dell'Everest. L’aveva già fatto nel 2003 all’età di 70 anni e poi nel 2008 a 75 anni. Come dire: il viaggio dell'uomo che sciò l'Everest non finisce mai.

di Vinicio Stefanello

Guarda gratis The Man Who Skied Down Everest e centinaia di altri film gratis per 30 giorni registrandoti a questo link: PROVA GRATIS PLAYALPINISMO PER 30 GIORNI

The Man Who Skied Down Everest su GazzaPlay - PlayAlpinismo

THE MAN WHO SKIED DOWN EVEREST
regia: Lawrence Schiller, Bruce Nyznik
protagonista: Yuichiro Miura
anno produzione: 1975
Premio Oscar 1976 per il documentario

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni