Home page Planetmountain.com
La parete NO di Saraghrar, Hindu Kush, Pakistan, salita da Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili e Giorgi Tepnadze, settembre 2021
Fotografia di Archil Badriashvili archive
La complessa cresta di Saraghrar NO, Hindu Kush, Pakistan, salita da Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili e Giorgi Tepnadze, settembre 2021
Fotografia di Archil Badriashvili archive
Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili, Giorgi Tepnadze in cima a Saraghrar NO il 10 settembre 2021
Fotografia di Archil Badriashvili archive
La parete sud di Languta-e-Barfi, Hindu Kush, Pakistan, salita dagli alpinisti georgiani Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili e Giorgi Tepnadze nell'agosto 2021
Fotografia di Archil Badriashvili archive

Saraghrar e Languta-e-Barfi salite nell'Hindu Kush da una spedizione Georgiana

Una piccola spedizione Georgiana composta da Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili e Giorgi Tepnadze ha effettuato due interessanti salite nella valle del Rosh Gol in Pakistan: la prima salita della cima nord-ovest del Saraghrar 7.303m e la terza salita del Languta-e-Barfi 6.833m.

A fine agosto e inizio settembre 2021 gli alpinisti georgiani Archil Badriashvili, Baqar Gelashvili e Giorgi Tepnadze hanno completato due grandi salite nella valle del Rosh Gol, nell'Hindu Kush pakistano al confine con l'Afghanistan: la prima salita della parete NO e la cima NO del Saraghrar 7303m, e la terza salita del Languta-e-Barfi 6.833m.

Il Saraghrar ha diverse cime, la più alta cima NE (7340m) era stata salita per la prima volta nel 1959 da una spedizione italiana guidata da Fosco Maraini. La cima del Languta-e-Barfi invece era stata salita per la prima volta nel 1963 da una spedizione polacca, e la spedizione georgiana è stata la prima a salire la montagna da sud dopo un tentativo nel 2014 effettuato dai neozelandesi Pat Deavoll e Chris Todd.

Il forte trio di alpinisti tende a cercare obiettivi molto complessi e meno conosciuti nelle montagne più alte del mondo. Questi includono la prima salita del Larkya Main in Nepal nel 2017, Mt Shkhara in Georgia nel 2018, Pangpoches I e II in Nepal nel 2019 e Ushba e Ailama nel Caucaso nel 2020. Badriashvili ci ha inviato il seguente report.


PRIME SALITE GEORGIANE NEL HINDU KUSH
di Archil Badriashvili

Rosh Gol ospita quattro settemila, il più alto dei quali è il Saraghrar 7349m. Il nostro obiettivo era il Saraghrar NO attraverso la sua parete nordovest, conosciuta come la vetta inviolata più alta della regione. La cima NO era stata tentata da grandi spedizioni in tre precedenti occasioni, invece la sua parete nord-ovest, che abbiamo trovato fantastica, non era mai stata tentata. La regione è visitata molto raramente dopo la guerra sovietico-afgana.

Dopo la nostra spedizione al Makalu in Himalaya, Giorgi ed io abbiamo trovato le risorse sufficienti per organizzare un piccolo, flessibile viaggio verso questa destinazione estremamente affascinante. Questa volta è venuto con noi il nostro amico Baqar. Il 20 agosto abbiamo raggiunto un posto fantastico che ci è servito per il nostro campo base e la zona ci ha trattati come ospiti d’eccezione per i successivi 25 giorni.

Ci siamo acclimatati salendo in vetta al Languta-e-Barfi, chiamata localmente "la sposa dell'Hindu Kush”, una bella cima innevata alta 6.833 metri. La via ci ha dato la possibilità di scalare una grande parete in breve tempo. La parete era alta circa 1500 metri, che abbiamo salito slegati il primo giorno. Il ghiaccio era tutt'altro che perfetto, la giornata era troppo calda e dovevamo trovare un posto sicuro per la nostra tenda, cosa che siamo riusciti a fare in alto in cresta. Il secondo giorno una cresta ventosa ed innevata ha offerto una vista spettacolare su tutta la valle e ci ha portato in vetta. Dopo mezz'ora e un breve momento di gioia siamo scesi velocemente dalla vetta, passando per la stessa parete.

Il Saraghrar invece è stata una grande avventura. La salita combinava diversi tipi di terreno. Potevamo solo prevedere cosa ci sarebbe voluto per superare tutte le difficoltà su questa enorme parete inviolata. C'era quello che abbiamo soprannominato il Supercouloir NW, poi una parete di granito lunga 20 tiri, una cresta super difficile ed infine la vetta. Un'enorme quantità di energia è stata spesa per superare la parete di granito, dove abbiamo trascorso 5 giorni, abbiamo salito uno dei nostri tiri più difficili e abbiamo resistito a ogni duro bivacco. Siamo stati fortunati però e ci sentivamo ancora bene. Verso mezzogiorno del 10 settembre abbiamo salito l'ultimo tiro in vetta e ci siamo goduti l'atmosfera piacevole e impetuosa, accompagnata dai forti venti. La scelta della discesa era ovvia, giù per la stessa parete. È stato davvero intenso, ci sono voluti un giorno e mezzo e circa 35 doppie, ma ne è valsa la pena. Dopo 9 giorni siamo tornati alla base della montagna, stanchi ma consci del fatto che un'esperienza fantastica si era conclusa nel migliore dei modi.

Riepilogo delle salite:
Saraghrar NW 7303
Parete NO 2300m | 6B (grado caucasico)
ED2 | 7 bivacchi in vetta; 8 in totale.

Laguta e Barfi 6833
parete sud 1800m | 5A (grado caucasico)
TD | 60° ghiaccio 75° neve | 1 bivacco / andata e ritorno

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Ushba e Ailama, difficili vie georgiane nel Caucaso
01.10.2020
Ushba e Ailama, difficili vie georgiane nel Caucaso
Nel settembre 2020 un gruppo di alpinisti georgiani si è recato a Svaneti, nel Caucaso centrale, per aprire due nuove vie. La prima, è stata aperta da Archil Badriashvili, Giorgi Tepnadze e Levan Lashkarashvili, sulla parete sud-ovest di Ailama (4547 m), mentre la seconda supera la parete nord-ovest dell' Ushba ed è stata salita da Badriashvili e Tepnadze. Il report di Badriashvili.
Monte Shkhara in Georgia, il video della nuova via e prima invernale di Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze
08.12.2019
Monte Shkhara in Georgia, il video della nuova via e prima invernale di Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze
Il video della nuova via e prima invernale sul Monte Shkhara (5,203 m) in Georgia, effettuata nel febbraio 2018 dagli alpinisti georgiani Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze.
Larkya Main, il video della prima salita in Himalaya
05.08.2018
Larkya Main, il video della prima salita in Himalaya
Il video della prima salita di Larkya Main, montagna di 6425m salita per la prima volta nel 2017 dai georgiani Archil Badriashvili, Giorgi Tepnadze e Bakar Gelashvili.
Shkhara parete sud, nuova via e prima invernale nel Caucaso di Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze
03.04.2018
Shkhara parete sud, nuova via e prima invernale nel Caucaso di Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze
Nel febbraio 2018 gli alpinisti georgiani Archil Badriashvili e Giorgi Tepnadze hanno aperto una nuova via sul Monte Shkhara (5,203 m) in Georgia. Arrampicando in stile alpino per 8 giorni, hanno anche effettuato la prima invernale della enorme parete sud.
Larkya Main, prima via Georgiana in Himalaya
16.11.2017
Larkya Main, prima via Georgiana in Himalaya
Gli alpinisti georgiani Giorgi Tepnadze, Bakar Gelashvili e Archil Badriashvili hanno aperto una nuova via sulla parete sudest del Larkya Main 6.425m in Himalaya.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra