Home page Planetmountain.com
Tom Ballard e Daniele Nardi al Nanga Parbat in inverno
Fotografia di Daniele Nardi, Tom Ballard
Daniele Nardi al Nanga Parbat in inverno
Fotografia di Daniele Nardi, Tom Ballard
Tom Ballard al Nanga Parbat in inverno
Fotografia di Daniele Nardi, Tom Ballard
Il Nanga Parbat in inverno, fotografato dal campo base a fine dicembre 2018. Non si hanno più notizie di Daniele Nardi e Tom Ballard da domenica 24/02/2019, data in cui i due si trovavano oltre 6000 sullo Sperone Mummery.
Fotografia di Daniele Nardi, Tom Ballard

Per Daniele Nardi e Tom Ballard persi per sempre sul Nanga Parbat

di

È di poco tempo fa la notizia che sono terminate ufficialmente le ricerche sul Nanga Parbat per Daniele Nardi e Tom Ballard, di cui non si avevano più notizie da domenica 24 febbraio.

Sono trascorsi 13 giorni. E con loro se n’è andata anche la fine di ogni ragionevole speranza. L’ultimo contatto con Daniele Nardi e Tom Ballard risale a domenica 24 febbraio. "Daniele ci ha appena comunicato che sono arrivati a circa 6300 metri, forse anche qualcosa in più!" riportava quel giorno il Team di Nardi su FB, e precisava: "Sono saliti lungo un camino diverso da quello salito con Elisabeth (Revol ndr). Sono andati su leggeri, ora stanno scendendo a C4. Il meteo non è buono, c'è stata nebbia, nevischio e raffiche di vento." Poi, più nulla. Passano sia lunedì, sia martedì senza che nulla trapeli dalla montagna. Tace il satellitare. Nessun segnale dal GPS. Mercoledì 27 sul Nanga "il tempo è buono", ma l’esplorazione a vista delle possibili vie di discesa non dà esiti. Tutto è deserto ed immobile. A questo punto inizia l’allarme vero. Anche se ancora sono in molti quelli che sperano che Daniele e Tom possano riapparire all’improvviso. Su quelle immense montagne, e tanto più sul Nanga, non sarebbe la prima volta… Ma poi, giorno dopo giorno, la soluzione e il "miracolo" si sono inesorabilmente, allontanati sempre più. 

Nulla è cambiato. Nonostante l’impegno dell’ambasciatore italiano, Stefano Pontecorvo, ad Islamabad e la piena collaborazione dell’Aviazione Pakistana, uniti nel superare i divieti di volo imposti dalla recente crisi - ci mancava solo quella - tra India e Pakistan. Nonostante il generoso aiuto di Ali Sadpara che insieme ad altri due alpinisti pakistani ha subito raggiunto, via terra, il CB sul versante Diamir del Nanga Parbat. Nonostante la dedizione di Alex Txikon che, appena il meteo l’ha consentito, è stato trasportato dal K2 al Nanga, insieme al suo team e alle sue attrezzature compresi dei droni per la ricognizione aerea. Tutto è rimasto com’era, senza soluzione. Ma anche se nulla è cambiato, il loro impegno - come quello di tutti quelli che si sono adoperati per attivare i soccorsi - non è stato per nulla inutile. Ciò che importa, infatti, è che Ali Sadpara e Alex Txikon non si sono risparmiati. Non hanno esitato. Era quello che bisognava fare. E vengono i brividi a pensare che proprio loro erano i compagni di Daniele proprio qui al Nanga Parbat nell’inverno 2016. E un po’ vengono i brividi anche per quanto questa montagna incide, sia nel “bene” ma anche nel “male”, nei nostri ricordi e nella storia dell’alpinismo. Ma nulla conta ora se non che Daniele e Tom resteranno lassù per sempre.

Daniele Nardi volitivo alpinista di Sezze (Latina), Ambasciatore per i Diritti Umani nel mondo, aveva al suo attivo 5 Ottomila tra cui spicca l’accoppiata di gran classe K2 ed Everest, seguita dal Broad Peak (8.047 metri), dal Nanga Parbat (8.125 metri) e dalla cima Middle dello Shisha Pangma (8027 metri). A questi si aggiungono l’Aconcagua massima vetta del Sud America, e la nuova via aperta tra il Bhagirathi III e IV (nel Garhwal indiano in Himalaya) con Roberto Delle Monache. Ma non c’è dubbio la montagna che più ha riempito i suoi pensieri e le sue fantasie è stata sicuramente il Nanga Parbat. O meglio la salita invernale del Nanga Parbat. Basti dire che quello di quest’anno era il suo 5° tentativo di salirla nella stagione più fredda. Chi ha seguito le vicende e le storie delle salite invernali agli Ottomila sa che sono sempre imprese che vanno oltre il limite della resistenza umana. Per le temperature assolutamente glaciali. Per il meteo impossibile. Per il vento in quota. Per l’isolamento totale, anche.

Trovare la forza e la costanza per ripartire ogni anno - come Daniele Nardi ha fatto per 5 volte - sapendo esattamente ciò che ti aspetta, non è cosa normale. E’ segno sicuramente di una passione incredibile che va forse oltre anche ai parametri "normali" dell’alpinismo. Il Nanga d’inverno ma anche il mitico Sperone Mummery era qualcosa di cui Nardi non poteva, evidentemente, fare a meno. Forse ormai era diventata la sua irrinunciabile avventura. Quasi un viaggio del destino che, in quest’ultima corsa, aveva affrontato insieme a Tom Ballard, talentuoso alpinista britannico 30enne che aveva conosciuto nel 2017 partecipando alla TransLimes, una spedizione internazionale - di cui facevano parte anche Marcello Sanguineti, Kate Ballard, Gian Luca Cavalli, Cuan Coetzee, Michele Focchi e Pier Luigi Martini - che ha esplorato le valli Kondus e Kaberi nel Karakoram Pakistano. 

Tom Ballard, appunto, l’altro navigante che domenica 24 febbraio si è perso per sempre sullo Sperone Mummery. Silenzioso. Fortissimo. Pieno di un’energia inesauribile. Tom era un alpinista a cui sarebbe fin troppo facile attribuire l’aggettivo di "predestinato". La mamma, Alison Hargreaves, alpinista immensa, lo portava in grembo quando nel 1988 salì in solitaria la parete Nord dell’Eiger. Poi Alison perse la vita scendendo dopo aver raggiunto la cima dell’altro mitico colosso pachistano, il K2. Era il 1995 e Tom aveva 7 anni. Da allora molte cose sono cambiate e i più avevano assolutamente scordato quel ragazzino e forse anche la madre. Finché un giorno in Val di Fassa apparve un giovane alpinista che si divertiva a salire le pareti delle Dolomiti con uno spirito del tutto libero, così come gli suggeriva l’istinto. 

Quel ragazzo era Tom che, con il padre, aveva preso "fissa dimora" al Camping di Canazei. Presto in molti capirono che era speciale in tutti i sensi. E presto, nel 2015, arrivò anche quel tour sulle sei grandi pareti nord delle Alpi (Eiger, Cervino, Grandes Jorasses, Petit Dru, Pizzo Badile, Cima Grande di Lavaredo) in un unico inverno. Un progetto che lui chiamò Starlight and Storm e che lo fece conoscere a tutto il mondo dell'alpinismo. Lui però non cambiò per nulla. Continuò ad andare dove lo portava il cuore. Nella sua grotta in Marmolada, a sperimentare impossibili linee in dry tooling di cui divenne un indiscutibile riferimento. Oppure a scalare in giro per le Alpi da solo o in cordata. Come per le due nuove vie aperte con Marcin Tomaszewski: Dirty Harry sulla NO del Civetta nelle Dolomiti e Titanic sulla Nord dell’Eiger. Libero e indipendente com’era solito fare.

Daniele e Tom non sono più tornati da quello Sperone del Nanga Parbat. Erano due uomini che cercavano qualcosa. Inseguivano una meta, un loro immenso sogno. E lo stavano facendo assieme. Resterà il loro ricordo. Resteranno gli immensi sforzi spesi in quei loro lunghi giorni sulla montagna. Ricorderemo quella loro volontà incrollabile, tutta da rispettare. E quei sorrisi che spuntano dalle foto che ci sono arrivate dal Nanga.

di Vinicio Stefanello

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Nanga Parbat, rimandato a domani il volo per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard
07.03.2019
Nanga Parbat, rimandato a domani il volo per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard
Il team di Daniele Nardi comunica che durante la ricerca per l'alpinista italiano e Tom Ballard, Alex Txikon ha individuato due sagome sul Nanga Parbat con un telescopio piazzato al campo base. Gli elicotteri però non sono riusciti a volare al Campo Base e le operazioni sono rimandate a domani, meteo permettendo.
Nanga Parbat, nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard sulla via Kinshofer
06.03.2019
Nanga Parbat, nessuna traccia di Daniele Nardi e Tom Ballard sulla via Kinshofer
Anche questa mattina le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard sulla via Kinshofer hanno dato purtroppo esito negativo. Domani le ricerche continueranno su Nanga Parbat per i due alpinisti di cui non si hanno più notizie da domenica 24 febbraio.
Nanga Parbat, continua la ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard
05.03.2019
Nanga Parbat, continua la ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard
Anche oggi nessuna novità dal Nanga Parbat, mentre il gruppo dei soccorritori coordinato dall'alpinista basco Alex Txikon non si è risparmiato per perlustrare la montagna nella ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard di cui non si hanno più notizie da domenica 24 febbraio. Domani si continua.
Nanga Parbat: partite le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard da parte del team di Alex Txikon
04.03.2019
Nanga Parbat: partite le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard da parte del team di Alex Txikon
Continua la ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard: oggi Alex Txikon e il suo team sono stati trasportati al Nanga Parbat e subito si sono attivati per i primi sorvoli e operazioni sulla montagna. Domani, meteo permettendo, si continua.
Continuano le operazioni per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard al Nanga Parbat
03.03.2019
Continuano le operazioni per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard al Nanga Parbat
Il team di Alex Txikon con i suoi droni dovrebbe arrivare oggi al Campo base del Nanga Parbat per riprendere le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard a quasi una settimana dall'ultimo contatto dei due alpinisti impegnati nella salita invernale dello Sperone Mummery.
Nanga Parbat: per Daniele Nardi e Tom Ballard una raccolta fondi per supportare le operazioni di ricerca
02.03.2019
Nanga Parbat: per Daniele Nardi e Tom Ballard una raccolta fondi per supportare le operazioni di ricerca
Mentre il meteo avverso sul Nanga Parbat sta bloccando le operazioni di ricerca di Daniele Nardi e Tom Ballard, un gruppo di amici ha lanciato una raccolta fondi (che volentieri rilanciamo) per non lasciare nulla di intentato per trovare i due alpinisti di cui non si hanno più notizie da domenica 24 febbraio.
Nanga Parbat: ancora nessun contatto con Daniele Nardi e Tom Ballard. Anche Alex Txikon si rende disponibile per la ricerca
01.03.2019
Nanga Parbat: ancora nessun contatto con Daniele Nardi e Tom Ballard. Anche Alex Txikon si rende disponibile per la ricerca
Situazione ancora stazionaria al Nanga Parbat dove, da domenica 24 febbraio, non si hanno notizie o contatti con Daniele Nardi e Tom Ballard impegnati nella salita dello Sperone Mummery. Questa mattina - se si otterranno le autorizzazioni al volo degli elicotteri - al campo base dovrebbe arrivare l’alpinista basco Alex Txikon per effettuare delle ricerche con i droni.
Nanga Parbat: arrivati al CB gli alpinisti per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard
28.02.2019
Nanga Parbat: arrivati al CB gli alpinisti per le ricerche di Daniele Nardi e Tom Ballard
Un miglioramento del meteo ha permesso di trasportare in elicottero gli alpinisti del team di soccorso al Campo Base del Nanga Parbat. Durante un primo volo di ricognizione non si sono rilevate tracce di Daniele Nardi e Tom Ballard.
Nanga Parbat: il maltempo ostacola i soccorsi per Daniele Nardi e Tom Ballard
28.02.2019
Nanga Parbat: il maltempo ostacola i soccorsi per Daniele Nardi e Tom Ballard
È iniziata da poco una missione di salvataggio per gli alpinisti Daniele Nardi e Tom Ballard, di cui non si hanno più notizie da domenica 24 febbraio mentre erano impegnati nel loro tentativo di salita invernale al Nanga Parbat. Gli elicotteri con tre alpinisti pakistani (tra cui Ali Sadpara) che erano partiti questa mattina da Skardu sono dovuti rientrare prima di raggiungere il campo base del Nanga Parbat per via del maltempo.
Nanga Parbat, ancora nessuna notizia di Daniele Nardi e Tom Ballard
27.02.2019
Nanga Parbat, ancora nessuna notizia di Daniele Nardi e Tom Ballard
Sono ore di grande attesa e preoccupazione sul Nanga Parbat, dove Daniele Nardi e Tom Ballard stanno cercando di salire in invernale il colosso Pachistano. Non si hanno più notizie dei due alpinisti da domenica 24 febbraio, data in cui si trovavano oltre i 6000 metri sullo Sperone Mummery.
Verso l'ignoto, sul Nanga Parbat con il film di Daniele Nardi
16.03.2016
Verso l'ignoto, sul Nanga Parbat con il film di Daniele Nardi
Da sabato 19 marzo 2016 sul sito YouDoc.it sarà pubblicato in esclusiva sul web il documentario di Federico Santini che racconta 4 anni di avventure dell’alpinista Daniele Nardi al Nanga Parbat in inverno. In anteprima ecco il trailer del film Verso l'ignoto.
Daniele Nardi, il Nanga Parbat d'inverno e l'alpinismo
30.12.2015
Daniele Nardi, il Nanga Parbat d'inverno e l'alpinismo
Daniele Nardi e il suo quarto tentativo invernale al Nanga Parbat (8125 metri, Pakistan). Intervista di Valentina d'Angella.
Tom Ballard completa le sei nord delle Alpi in inverno ed in solitaria!
20.03.2015
Tom Ballard completa le sei nord delle Alpi in inverno ed in solitaria!
Con la sua salita dell'Eiger effettuata ieri, Tom Ballard ha ora completato il suo progetto Starlight and Storm che prevedeva di salire le delle sei grandi pareti nord delle Alpi in solitaria invernale in un'unica stagione: Cima Grande di Lavaredo, Pizzo Badile, Cervino, Grandes Jorasses, Petit Dru e l'Eiger.
Tom Ballard e l'Eiger - un difficile giorno d'inverno
27.03.2015
Tom Ballard e l'Eiger - un difficile giorno d'inverno
Il racconto di Tom Ballard della salita dell'Eiger con la quale ha completato il suo progetto Starlight and Storm: la salita delle sei grandi pareti nord delle Alpi in solitaria invernale in un'unica stagione. Cima Grande di Lavaredo, Pizzo Badile, Cervino, Grandes Jorasses, Petit Dru e Eiger.
Tom, il film e il senso dell’alpinismo per Tom Ballard
05.08.2016
Tom, il film e il senso dell’alpinismo per Tom Ballard
I film di PlayAlpinismo gratis: Tom, di Angel Esteban ed Elena Goatelli, è la storia della salita in solitaria e nello stesso inverno da parte di Tom Ballard delle sei più famose pareti Nord delle Alpi ma è anche e soprattutto il ritratto spontaneo e vero di un alpinista e di un alpinismo unici. Recensione di Vinicio Stefanello.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni