Home page Planetmountain.com
Ines Papert e Lisi Steurer durante la prima salita in giornata di Ohne Rauch stirbst du auch (8a, 500m), Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti
Fotografia di Frank Kretschmann / www.funst.de
Ines Papert e Lisi Steurer durante la prima salita in giornata di Ohne Rauch stirbst du auch (8a, 500m), Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti
Fotografia di Frank Kretschmann / www.funst.de
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Ohne Rauch stirbst du auch, Cima Grande di Lavaredo: la salita in libera di Ines Papert e Lisi Steurer

di

Il 17/08/2014 l'alpinista tedesca Ines Papert ha effettuato la prima libera in giornata di Ohne Rauch stirbst du auch (8a), una via aperta nel 2010 da Hannes Pfeifhofer e Daniel Roger sulla Cima Grande, Tre Cime di Lavaredo, Dolomiti. La seconda libera in giornata è stata effettuata il 28/08/2014 dall'austriaca Lisi Steurer.

Otto anni dopo la prima femminile della via Camillotto Pellesier sulla Cima Grande di Lavaredo (Dolomiti), quest'estate Ines Papert è tornata sulla mitica parete nord per tentare di effettuare la prima libera in giornata di un'altra difficile via di più tiri, Ohne Rauch stirbst du auch. Questa salita era stata aperta, nell'estate del 2010, dalla guida alpina altoatesina Hannes Pfeifhofer e dal suo compagno di cordata Daniel Roger sul lato sinistro della parete nord e, secondo la Papert, è caratterizzata dalla sua "linea superba e indipendente e dalle sue - quasi sempre - soste confortevoli." Pfeifhofer e Roger avevano liberato tutti i singoli tiri fino ad una difficoltà di 8a salendoli in momenti diversi, ciò significa che la prima libera in giornata era ancora da fare.

Papert si è recata nelle Dolomiti a luglio insieme alla sua abituale compagna di cordata Lisi Steurer e, a sentire i loro racconti, hanno trascorso la prima settimana concentrandosi soprattutto sulle riprese video della salita, credendo di avere davanti a loro una bellissima, calda estate. Un'idea che non sarebbe potuta essere più sbagliata: come tutti sanno le Alpi, e le Dolomiti in particolare, hanno vissuto una delle estati più piovose in assoluto, costringendo le due a tornare a casa, frustrate e a mani vuote.

A metà agosto, però, una tregua annunciata dalle previsioni del tempo ha dato loro la possibilità che stavano aspettando. Così il 17 agosto si sono trovate alla base della via. Alle 6:30 del mattino la temperatura era scesa fino -3°C; vincendo il sorteggio, è stata la Papert ad iniziare la lunga salita verso l'alto. Nonostante le dita congelate la tedesca è riuscita a salire in libera tutto il primo tiro, un "riscaldamento" non indifferente visto che è gradato 8a ed è, contemporaneamente, anche il tiro più difficile della via. Un inizio buono insomma, ma le due sapevano che il viaggio era appena iniziato, sopra di loro c'erano quasi 500 freddi metri da salire. Ed infatti è stato il freddo il motivo per cui Papert è caduta una volta dal secondo tiro, un bel 7c; si è subito fatto calare in sosta e l'ha salito rotpunkt al secondo tentativo, ma da qui in poi non ha fatto errori. Alle 17:30 le due hanno raggiunto la cengia circolare e sono scese lungo la via normale.

Il progetto però non era ancora chiuso, le due volevano tornare nei giorni successivi per dare anche alla Steurer la possibilità di salire tutta la via da capocordata, ma ancora una volta il maltempo le ha costrette a cambiare programmi. Papert è dovuta rientrare a casa, mentre la Steurer è rimasta in loco, fino al 28 agosto quando finalmente è stata premiata per la sua pazienza: insieme al suo compagno Felix Tschurtschenthaler è riuscita a salire in libera tutti i tiri, cadendo soltanto una volta dal 1° e 2° tiro prima di salire entrambi in libera.

Dopo la salita in giornata la Papert ha raccontato che a causa della difficoltà della via – senz'altro una grado importante ma allo stesso tempo non impossibile - avevano probabilmente preso sottogamba questo progetto. "La parete nord della Cima Grande di Lavaredo richiede una concentrazione totale e non si concede facilmente, a nessuno e per nessun motivo al mondo. Per salire una via come questa tutto deve essere assolutamente perfetto, ed è per questo che siamo entrambe felicissime della nostra salita."


SCHEDA: Ohne Rauch stirbst du auch, Cima Grande di Lavaredo

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni